GP SOCHI: Analisi qualifiche e passo gara - FUNOANALISITECNICA F1ANALISITECNICA
Questo sito contribuisce alla audience di

GP SOCHI: Analisi qualifiche e passo gara

foto AMuS
E' un fine settimana molto particolare quello che stiamo vivendo a Sochi, in quanto, i team ,hanno dovuto affrontare le qualifiche avendo percorso pochissimi giri durante le tre sessioni di prove libere. In FP1 la pista era al limite della praticabilità a causa di una perdita sul tracciato di gasolio che a sua volta è stato ripulito utilizzando gli idranti. Le FP2 sono state caratterizzate dalla pioggia e quindi i piloti hanno effettuato pochissimi passaggi. Le FP3, si sono concluse con largo anticipo a causa dell'incidente di Sainz, per fortuna, senza conseguenze per il pilota spagnolo a cui auguriamo una pronta guarigione sperando di vederlo il prima possibile in pista sulla propria Toro Rosso. 

Per i motivi sopracitati, i team si sono presentati alle qualifiche con pochissimi dati per riuscire a sistemare nel miglior modo possibile il setup della vettura e per sfruttare nel migliore dei modi le gomme super soft che, su questa pista, stanno dando problemi a diversi squadre. 

Le qualifiche sono state dominate dalla Mercedes che ha messo i propri due piloti in prima fila, con Rosberg che sembra  aver trovato un bilanciamento migliore della propria W06 Hybrid, rispetto al compagno Lewis Hamilton. Per riuscire a sfruttare nel migliore dei modi le gomme super soft, il team anglo-tedesco, ha pre riscaldato i cestelli dei freni in modo da portare più rapidamente nella giusta finestra d funzionamento il compound extra soft della Pirelli. 

Buone le prestazioni offerte dalla Williams che, almeno con Bottas, ha dimostrato di essere particolarmente competitiva si questo tracciato. Nella gara di domani sarà interessante la lotta per il podio che vedrà il pilota finlandese lottare con i due alfieri della Ferrari. In condizione da qualifica la Williams è sembrata avere circa 1 decimo di vantaggio sulla vettura di Maranello ma, in gara, i ruoli potrebbero ribaltarsi, in quanto, la SF15-T sul passo non è messa affatto male.

Prestazione sotto tono per la Ferrari, in quanto, alla vigilia, si pensava di vedere la SF15-T molto più vicina alla W06 Hybrid. La cosa che più preoccupa è il distacco rimediato dagli anglo-tedeschi più che il quarto e quinto posto ottenuto in griglia. Il distacco rimediato da Vettel nei confronti di Rosberg è di 0,146 s al chilometro che è in linea con quello che la SF15-T aveva rimediato nelle qualifiche del Gp di Budapest. A Suzuka, tracciato non congeniale per le caratteristiche della Ferrari il distacco era di 0,114 s a chilometro. 
Entrambi i piloti della Rossa hanno faticato a mandare in temperatura e questo si è tradotto in sottosterzo in inserimento curva e una trazione non ottimale, che porta generalmente a slittamento e perdita di aderenza. Ricordiamo che la mescola super soft opera al meglio in una finestra di temperatura compresa tra gli 85°C e i 110 °C

Nei circa 30 minuti disponibili durante le FP3, i team, visto i pochi giri fatti ieri si sono concentrati ad effettuare alcuni long run per capire il comportamento delle gomme e della vettura con un quantitativo di carburante elevato. 

Come possiamo osservare dalla tabella in basso, il passo migliore visto in mattinata è stato quello di Bottas ma, vedendo i tempi, siamo abbastanza certi che abbia girato con diversi chili di carburante in meno di tutti gli altri. Ricordiamo che, anche a Suzuka, la Williams aveva provato con molta meno benzina durante le libere ed infatti, durante la gara, non è mai riuscita ad infastidire nè la Mercedes nè la Ferrari. 

Sul passo la scuderia di Maranello sembra essere più competitiva rispetto a quello che avevamo visto durante la gara di Suzuka.
A parità di gomma soft, il passo dimostrato da Sebastian Vettel è stato in linea con quello di Rosberg, mentre Hamilton è sembrato essere leggermente più lento dei due piloti tedeschi. Dopo il GP di Aurtsia i quantitativi di benzina utilizzati durante le prove libere da Ferrari e Mercedes sono abbastanza similari (80% del carburante utilizzato per la gara) e questo potrebbe far ben sperare tutti i tifosi della Rossa per la gara di domani. Sarà fondamentale scavalcare la Williams di Bottas allo start per poter mettere un po' di pressione alla Mercedes che resta, in ogni caso, la super favorita per la gara di domani.

Raikkonen, a differenza del compagno di team, ha simulato il passo gara utilizzando le gomme super soft girando con un passo medio migliore rispetto a Vettel e Rosberg di circa 3 decimi. Visto i pochi giri fatti non è possibile stabilire il degrado di questa tipologia di mescola su questo tracciato, anche se, non sembra essere molto elevato.

Red Bull non molto competitiva su questo tracciato. Kvyat non è riuscito ad entrare nella top team, mentre, Ricciardo ha ottenuto il decimo tempo. Sul passo gara, le prestazioni non sono state molto positive, in quanto, il pilota australiano, con pneumatici SS, ha girato con un passo superiore, rispetto a Raikkonen, di ben 8 decimi. La gara di domani sarà una corsa in difesa cercando di portare a casa qualche punto ma difficilmente vedremo le RB11 in lotta per le posizione che contano.



RICVETROSRAIALOHULHAMBOT
103,997103,756103,826103,566105,574104,794104,612102,880
103,890102,769103,689102,297105,247104,971103,384101,786
104,356103,220103,506103,601104,553104,879102,872100,884
104,636104,127103,227103,917105,141104,233103,750100,617
104,104104,272103,735102,727104,091103,521101,802
104,248103,861103,873100,733
103,347102,686104,155
104,202
PASSO 104,083103,527103,597103,222105,129104,400103,628101,450
GOMMESSSSSSSSSS
GIRI77554856

Cristiano Sponton

About Cristiano Sponton

Subscribe to this Blog via Email :

5 commenti

Write commenti
10 ottobre 2015 19:22 delete

Concordo in toto, Ho notato che Raikkonene il giro migliore lo ha fatto nel secondo passaggio con lo stesso set di gomme, quello di non riuscire a mandare in temperatura le gomme è un problema che in Ferrari non hanno mai del tutto risolto, Vettel riesce sempre un po a compensare, ma Kimi durante le qualifiche è un po in difficoltà, infatti nel suo secondo tentativo ha commesso un piccolo errore, tanto è vero che non è riuscito a migliorare nemmeno il suo tempo della Q2, per cui credo che il distacco dalla Williams non sia poi così rilevante.

Riguardando le prove libere di stamane, credo che in Ferrari non abbiano potuto nemmeno provare il setup da qualifica; a differenza della Williams che ha fatto la prima parte di FP3 con un quantitativo più scarso di carburante, forse alla ricerca del setup da qualifica, la Ferrari ha invece ricercato il miglior setup per la gara, ma poi quando avrebbero dovuto cercare il tempo c’è stato l’incidente di Sainz. Sotto questo punto di vista, riguardando il giro di Massa credo che abbia sfruttato un po troppo le gomme nel suo primo giro lanciato, nel secondo unvece ha trovato traffico e nel terzo non aveva ne tempo ne gomme.

Bottas, invece, nei suoi due tentativi ha fatto dei tempi molto simili fra loro, ma sempre al primo passaggio: 1:37.912 ed 1:37.967, per cui credo che in gara la Ferrari possa esprimersi molto meglio, anche guardando le velocità alla speed trap la Williams è tornata al top con 334 km/h contro i 326 di Kimi, ma dubito molto che tale scelta possa essere pagante in gara.

Reply
avatar
11 ottobre 2015 08:20 delete

Vero, speriamo in una bella gara ora :)

Reply
avatar
11 ottobre 2015 08:21 delete Questo commento è stato eliminato dall'autore.
avatar
11 ottobre 2015 08:21 delete Questo commento è stato eliminato dall'autore.
avatar
12 ottobre 2015 22:37 delete

il divario mercedes ferrari si puo' quantificare con le velocità (durante le qualifiche) sul traguardo , in uscita da curva lenta e pura trazione.

i 2-4 km mostrano il divario a parità di velocità di punta...
il pacchetto mercedes, motore, meccanica, areodinamica...è ankora migliore....di un 1-3 % minimo....

la ferrari in tali condizioni si difende solo...se temperature alte della pista+ gomme morbide+ e piste da assetto morbido....(cittadini)....

altrimenti dove o assetto deve essere rigido a causa di presenza di curvoni veloci o dove le temperature sono basse o odove le gomme sono dure ( solitamente dove ci sono curvoni veloci)... la ferrari ha ancora gap

6 N. ROSBERG 175.6
44 L. HAMILTON 174.7
7 K. RAIKKONEN 173.9
77 V. BOTTAS 172.7
26 D. KVYAT 172.4
5 S. VETTEL 172.0
11 S. PEREZ 171.9
19 F. MASSA 171.9
3 D. RICCIARDO 171.5
12 F. NASR 171.2
33 M. VERSTAPPEN 171.2

Reply
avatar

FUnoAnalisiTecnica. Powered by Blogger.