GP MONZA: Analisi qualifiche Mercedes con PU 3 depotenziata


Qualifiche entusiasmanti quelle che si sono disputate oggi pomeriggio sul tracciato di Monza. La Ferrari è riuscita ad ottenere le migliori qualifiche della stagione portando Raikkonen in prima fila con il secondo tempo e Vettel in seconda fila con il terzo miglior crono. Anche il distacco rimediato dal solito poleman, Lewis Hamilton è di soli 248 millesimi. 
Questa giornata di sabato era cominciata nel peggiore dei modi per la Mercedes che è stata costretta, al termine delle Prove Libre 3, a sostituire la Power Unit 3 introdotta proprio a partire da questo appuntamento. Tale PU ha dato grossissimi problemi al pilota tedesco che è stato costretto per le qualifiche a rimontare la specifica numero 2 che era stata utilizzata nell'ultimo appuntamento di Spa.

In qualifica, per evitare problemi anche sulla PU di Hamilton, in casa Mercedes, hanno pensato bene di effettuare le qualifiche con una mappatura depotenziata per  evitare qualsiasi tipo di rischio. Nel momento in cui scriviamo, in Mercedes, non hanno ancora deciso quale specifica di Power Unit utilizzeranno sulla vettura di Lewis nella giornata di domani. Ricordiamo che, gli anglo tedeschi, potrebbero decidere di utilizzare anche sulla monoposto del campione del mondo la specifica 2 senza incorrere in nessuna penalizzazione. 

Oltre a questo importante fattore che ha fatto avvicinare di molto la Ferrari ai rivali della Mercedes, analizzando i best sector, ci si rende conto di come il giro che è valso la pole ad Hamilton non sia stato proprio perfetto e poteva essere migliorato di 127 millesimi. Hamilton è stato tra i pochi piloti che nella Q3 non è riuscito a migliorare, anche se per qualche centesimo di secondo,  il tempo realizzato nella Q2

La Ferrari ha sorpreso un po' tutti oggi. Nessuno si aspettava una Rossa così vicina alle Mercedes. Rispetto a ieri la Ferrari è molto migliorata a livello di performance ma, la Mercedes, per via dei problemi è leggermente calata ed è per questo che i distacchi sono così contenuti. 
Vettel in questa sessione di qualifica non è stato perfetto, infatti, analizzando i best sector poteva piazzarsi in prima fila e sopravanzare il compagno di squadra di 80 millesimi. Il pilota tedesco della Ferrari, come Hamilton, non ha migliorato in Q3 il tempo messo a segno durante la Q2 (più lento di circa 1 decimo). Quasi perfetto, invece, il giro di Raikkonen che gli è valso la prima fila. Il margine di guadagno del pilota finlandese è di soli 44 millesimi. 
Perfetto, invece, il giro di Rosberg che con una Power Unit "vecchia" con molti chilometri sul groppone non poteva fare molto di meglio.

Domani sarà fondamentale la partenza. Se la Ferrari riuscirà a scavalcare la Mercedes durante le prime fasi di gara per gli anglo-tedeschi sarà molto dura portarsi a casa la coppa del vincitore in questo GP di Monza. 

DRIVERS1S2S3IDEAL TIMETIMEDIFF
HAMILTON26,97328,46727,81683,25683,3830,127
RAIKKONEN27,01428,56428,00983,58783,6310,044
VETTEL27,06728,47427,96683,50783,6850,178
ROSBERG27,06328,67427,96683,70383,7030

Share this

Related Posts

Previous
Next Post »