Mercedes vs Ferrari, i fatti dietro il dominio motoristico - FUNOANALISITECNICA F1ANALISITECNICA
Questo sito contribuisce alla audience di

Mercedes vs Ferrari, i fatti dietro il dominio motoristico

Il GP austriaco è stato dominato dalle frecce d'argento, capaci di un passo gara incredibile rispetto alla Ferrari specialmente nelle prime fasi, a serbatoio carico (LEGGERE QUESTO articolo pubblicato nella giornata odierna). I progressi portati in pista dalla Ferrari in Canada alla Power Unit tramite i gettoni hanno avvicinato la Ferrari alla Mercedes (i CV delle due PU in configurazione gara sono simili), ma grazie alla evoluzione sulla mappatura BOOST (EVO) da qualifica, ci sono 12-13 giri in cui le frecce d'argento hanno ancora un vantaggio di circa 30 CV

Come sappiamo la Mercedes in Canada ha portato un motore evoluto, senza spendere gettoni, ma riuscendo a sbloccare quei 10-15 CV che per problemi di vibrazioni in alcune delle prime gare non potevano essere utilizzati.

Ma cosa abbiamo scoperto guardando i Camera Car di Ferrari e di Mercedes? Che il Team tedesco durante il GP, gioca molto con le mappature motore, passando da una meno a una (BOOST EVO) più performante. Ecco le risultanze ottenute come top speed nelle staccate critiche del circuito di Spielberg appositamente numerate:
                       FERRARI                       MERCEDES (BOOST EVO)    MERCEDES (GARA)
                       1) 301 km/h                     310 km/h                                 303 km/h
                       2) 296 km/h                     312 km/h                                 306 km/h
                       3) 297 km/h                     307 km/h                                 303 km/h
                       7) 292 km/h                     302 km/h                                 296 km/h
 

Tutti i dati sono stati estrapolati ovviamente in condizioni ideali di assenza di scie o DRS. Della Mercedes, grazie alla quantità di materiale a disposizione, è stato possibile distinguere due diverse mappature, chiamate da noi mappatura GARA, e mappatura BOOST (EVO). Della Ferrari a nostra disposizione c' è stata solo una buona parte del primo stint, quasi 10 giri, in cui il motore ha sempre girato con la stessa mappatura, a giudicare dalle velocità di punta. Confrontando le due mappature versione GARA si può vedere come Mercedes arrivi in fondo al dritto con circa 2 km/h. Ipotizzando un carico di benzina molto simile (96 kg) e un assetto piuttosto simile, la piccola differenza di velocità la si può imputare ad una più scarsa trazione della Ferrari che nei primi metri perde qualche km/h di velocità dalla Mercedes, non riuscendo poi più a recuperarla avendo una cavalleria molto simile.













Questa immagine mette a confronto le top speed di Hamilton e Vettel al primo stint di gara con le supersoft, un giro di differenza tra i due. La Mercedes in questo momento come potete vedere era sulla mappatura più performante, la BOOST (EVO) e la differenza con la Ferrari, come si può vedere anche dalle tabelle precedenti, è importante (30 CV circa). Ecco un altro motivo da aggiungere al perchè la Ferrari ha sofferto così tanto a Spielberg nelle prime fasi di gara, argomento analizzato in questo nostro articolo: Ferrari SF15-T: analisi dei problemi nelle prime fasi di gara.

Tornando alla domanda iniziale, il gap tra Mercedes e Ferrari è aumentato o meno dopo gli aggiornamenti? Anche alla luce dei progressi quasi miracolosi di Lotus e Force India? Ebbene, dopo aver analizzato anche l'onboard della gara in Bahrain (precedentemente il primo step di sviluppo di entrambi), la risposta è che è probabilmente è rimasto invariato (5 CV, quando MER non poteva sfruttare completamente la piena cavalleria della sua prima Power Unit), solo che ora gli anglo tedeschi possono usare mappature più veloci per più tempo (o km) rispetto a prima senza intaccare l'affidabilità. Mercedes ha sfruttato, sia in Canada che in Austria, la mappatura BOOST (EVO) all'inizio della corsa e per diversi giri, per distanziare subito le avversarie per poi gestire: infatti Vettel sia a Montreal che a Zeltweg nella seconda fase di gara è stato sui ritmi Mercedes. Quindi oltre ad un problema di sfruttamento della vettura da parte dei due piloti della Ferrari in configurazione di gara con serbatoio pieno (accentuazione di quei fastidiosi problemi di sottosterzo) bisogna anche aggiungere che Mercedes spesso sfrutta la mappatura BOOST (EVO) nei primissimi giri. Non hanno aiutato la Ferrari negli ultimi due GP le gomme, incredibilmente dure tanto da permettere una sola sosta. Infine particolarmente interessante è stata l'analisi comparativa di Lotus e Force India dopo l'introduzione della seconda PU, le quali adesso hanno espresso potenze simili a quelle della casa madre per una distanza maggiore rispetto a prima, spiegando così il vistoso miglioramento nonostante l'assenza di sviluppi.




In conclusione, ci troviamo di fronte a una Formula Uno tenuta in mano dalla Mercedes, capace anche di decidere la lotta in mezzo al gruppo concedendo o meno ai suoi clienti motori più o meno performanti. Potrà durare questa situazione?













 

Alfonso Di Filippo

About Alfonso Di Filippo

Subscribe to this Blog via Email :

8 commenti

Write commenti
26 giugno 2015 10:43 delete

Sul piano aerodinamico???Si potrebbe dedurre che sono sullo stesso livello??? Secondo te(voi) la ferrari, quindi, per parificare MER in gara "modalità normale" dovrebbe intervenire solo sulla trazione(meccanica o anche aerodinamica??), per la PU dovrebbe spendere i restanti 7 gettoni per riuscire a replicare il boost MER. Spero di essere stato chiaro e aspetto vostre risposte... Grazie 1000

Reply
avatar
Ros
AUTHOR
26 giugno 2015 18:51 delete

Vorrei soffermarmi sulla dichiarazione di Hamilton: “questo vantaggio deriva dal fatto che ora la power unit della Stella a tre punte può essere spinta per più tempo ad livello di potenza superiore”.
La mia domanda è: per quale motivo questa potenza extra può essere usata solo per un tempo limitato? solo motivi di affidabilità?
In tal caso il limite dovrebbe variare da circuito a circuito in funzione dello stress del propulsore e della temperatura atmosferica.
Invece si parla di un incremento dell’uso della extrapotenza di un numero fisso di Km.
Se, come penso, Mercedes avesse a disposizione piccole quantità di idrogeno conservate / prodotte potrebbe raggiungere, per brevi tratti, le pressioni di sovralimentazione immaginate (almeno 3.4 bar) pur mantenendo la portata massima del carburante nel limite dei 100kg/h.
In tal caso il limite non riguarderebbe l’affidabilità della soluzione ma la quantità di “additivo” a disposizione.

Reply
avatar
26 giugno 2015 22:04 delete

vedendo per caso i cameracar di vettel durante la gara quando era dietroa massa....si vedeva e sentiva chiaramente (rumore del motore) come negli ultimi 2-300 metri tagliassero di potenza...... e di conseguenza..... la ferrari aveva velocità di punta inferiori in fondo ai rettilinei.......mentre se guardi la velocità sul traguardo...questa è alta....come i mercedes......
credo che la ferrari lotti ancora con i consumi......mentre il mercedes sto problema nn ce l ha......
e il controllo del debitimetro possa aver influenzato i consumi.....
per mantenere potenze elevate...e non tronare in dietro diciamo ........han sacrificato i consumi.... con il problema che in alcuni punti o circuiti devono tagliare........

Reply
avatar
27 giugno 2015 09:45 delete

In tanti miei commenti avevo paventato questa ipotesi e rivolto domande specifiche a Cristiano che, però, non ha mai risposto, ora però vedo che le mie osservazioni non sono state ignorate e le mie ipotesi tutte confermate dai fatti, pertanto non mi resta che rivolgere a Cristiano un grosso:

GRAZIEEE

Reply
avatar
27 giugno 2015 18:18 delete

L'autore dell'articolo sono io, non Cristiano, e non ho mai visto i tuoi commenti :)

Reply
avatar
28 giugno 2015 02:09 delete


Mi dispiace per l'errore e chiedo umilmente venia, però devo far presente che di miei commenti (evidentemente inosservati) su questo argomento ce ne sono stati tanti devo comunque ringraziare per questo articolo che in fin dei conti sposa alla perfezione la mia teoria formulata parecchio tempo fa.

Allego gli ultimi miei due commenti:

Ferrari SF15-T: analisi dei problemi nelle prime fasi di gara

“””””
Quindi alla fine nè Ferrari nè Mercedes si sono risparmiati ed il discorso che in Mercedes hanno tirato i remi in barca nel secondo stint non regge. Molto probabilmente, a mio avviso, in Mercedes nel primo stinti di gara, complice forse anche la SC hanno usato di più l'over boost per costruire un buon margine di vantaggio sulla Ferrari, per poi ritornare ad una gestione più "normale" nel secondo stint.
“””””

“””””
GP CANADA: Analisi Passo - Ferrari poteva competere con Mercedes?

Certamente se Vettel fosse partito più avanti nello schieramento la gara sarebbe stata diversa, ma io ho una mia teoria CHE HO GIÀ ESPRESSO IN ALTRI MIEI COMMENTI, ma sostanzialmente si basa sulla considerazione che probabilmente, al livello di rendimento in gara, il propulsore Ferrari sia equivalente a quello Mercedes, l'unica differenza che li contraddistingue, ormai, è il famoso over boost con il quale il Mercedes può spingere di più in alcune occasioni (ora anche per un tempo maggiore rispetto al passato), resta solo da vedere se il suo utilizzo implica o meno un maggior consumo di carburante, io sono convinto che esso, agendo solo sulla pressione di sovralimentazione, non vada ad intaccare i consumi massimi se non a bassissimo livello (non escludendo nemmeno l'ipotesi di additivazione ventilata dall'utente Ros), quindi, in teoria, su una pista come quella canadese, notoriamente molto esigente per i consumi, tale dispositivo può risultare molto utile. Nonostante questo, Vettel ha dimostrato di poter replicare validamente, ma non volendo assolutamente valutare i tempi, chiedevo a Cristiano:

Vettel con la strategia di gara che ha avuto, con tutti i sorpassi che ha dovuto effettuare e con un pit stop non proprio perfetto non avrebbe dovuto consumare di più?? Eppure a sei giri dal termine, ancora stampava i suoi best sector nel primo e nell'ultimo settore, indice sintomatico di una vettura con una maggiore motricità rispetto a quella del suo compagno di squadra.
“”””””

Reply
avatar
30 giugno 2015 19:59 delete

Mi piacciono molto le analisi che postate,ma gentilmente volevo chiedervi come calcolate voi l'effetto peso ogni 10 kg perchè io avevo trovato giri/secondi/10 ,ma non credo sia giusto! Grazie!

Reply
avatar

FUnoAnalisiTecnica. Powered by Blogger.