GP CANADA: Configurazione aerodinamica scelta dai TOP TEAM - FUNOANALISITECNICA F1ANALISITECNICA
Questo sito contribuisce alla audience di

GP CANADA: Configurazione aerodinamica scelta dai TOP TEAM

Andiamo, attraverso questo veloce post, ad analizzare la configurazione aerodinamica che hanno scelto i top team per le qualifiche e la gara di domani.

Mercedes

In casa Mercedes durante le libere non sono state fatte prove comparative e sulla W06 sono state utilizzate tutte le novità tecniche analizzate nella giornata di giovedì (per maggiori informazioni cliccate qui).


Oltre a questo, è importante sottolineare che per questa gara, verranno utilizzati dei cestelli dei freni molto aperti, per avere una miglior dissipazione del calore generata dalle molte staccate presenti su questo atipico tracciato cittadino. 
foto Omnicorse

Ferrari

Dopo alcune prove comparative, effettuate nelle prime prove libere, entrambi i piloti hanno utilizzato la nuova specifica di ala anteriore che prevede degli aggiornamenti sulla forma, la pozione e la lunghezza della pinna collocata sugli upper flap. Nella versione portata in Canada questa pinna è posizionata diversamente (posizione più interna), ha una lunghezza maggiore ed è molto più incurvata verso l'esterno rispetto a quella che era stata utilizzata in Spagna (per maggiori informazioni cliccate qui).
OctanePhoto

Rispetto alla giornata di ieri (venerdì), caratterizzata da temperature molto più fresche di quelle registrate durante le qualifiche, la Ferrari ha deciso, per privilegiare l'affidabilità, a discapito della pulizia dei flussi al posteriore, di utilizzare il cofano motore con apertura maggiorata che avevamo già visto al GP di Monaco. 


Red Bull

Dopo le prove comparative di venerdì mattina è stata utilizzata su entrambe le vetture l'ala anteriore introdotta in Cina e poi rivista, con l'aggiunta di una bandella supplementare, sugli endplate. Utilizzati inoltre, i turning vanes a tre elementi che erano stati portati, per la prima volta in pista, in questo fine settimana (clicca qui per approfondire). Su entrambe le monoposto, fin dalla giornata di giovedì, è stato scelto di non utilizzare i mozzi soffianti che, invece, continuano ad essere usati, sia da Ferrari che da McLaren. 

E' stata utilizzata la nuova carrozzeria posteriore, caratterizzata dalla forma delle pance molto scavata e con delle particolari bombature nella zona centrale del cofano motore.  
foto Octane

Williams

La FW37 vista in pista, non presentava nessuna novità aerodinamica. E' giusto segnalare che, a differenza degli altri team, precedentemente analizzati, è l'unica ad avere utilizzato il Monkey Seat al posteriore. Questo particolare profilo aerodinamico (clicca qui per approfondire) è stato cambiato rispetto a quello utilizzato nel Principato in quanto, quello visto in pista, era composto da un solo elemento, rispetto a due usato nella scorsa gara. 
foto AMuS

Cristiano Sponton

About Cristiano Sponton

Subscribe to this Blog via Email :

7 commenti

Write commenti
7 giugno 2015 10:36 delete Questo commento è stato eliminato dall'autore.
avatar
7 giugno 2015 10:38 delete Questo commento è stato eliminato dall'autore.
avatar
7 giugno 2015 10:40 delete

IL BOOST Mercedes per i ferraristi è veramente avvilente, il salto avanti di FI e Lotus rispetto alla Sauber e in avvicinamento alla Ferrari è troppo evidente, azzarderei che solo la Williams dei clienti Merc ce l aveva già, essendo l unica che non ha fatto il passo avanti rispetto a Ferrari, anche se però c è da dire che è mancato vettel che forse poteva essere un metro di paragone migliore di kimi.
Della Pu Evo Ferrari, sono rimasto sorpreso che le velocità in fondo ai rettilinei che si vedevano negli onboard di Kimi e Vettel nelle FP2 erano più alte (anche 4-5km/h in più in fondo ai due rettilinei del secondo settore) di quelle che ho visto ieri in qualifica sugli onboard di kimi, mentre i mercedes replicavano proprio quelle stesse velocità pari pari; questo mi ha lasciato un po’ perplesso, o la Ferrari ha caricato le ali o il cofano motore più aperto genera molto più drag, però una cosa è certa, come dice il PJ la Ferrari il BOOST in qualifica non ce l ha, visto che le velocità di punta di settore e di speed trap dei piloti con PU mercedes si impennano di brutto in qualifica. Il Canada essendo circuito di potenza ha chiarito ormai che il distacco in qualifica è in gran parte di motore e questo spiega perché in gara il gap si azzera quasi totalmente. Non voglio nemmeno tirare in ballo la variabile gomme che non si scaldano in qualifica, visto che kimi il tempo ieri lo faceva al primo giro lanciato.
Veramente avvilente, ormai in gara la PU è ad alto livello, a maggior ragione dopo l evoluzione, ma in qualifica si devono dare una mossa, è assurdo il divario con mercedes. Direi quasi ridicolo. A dimostrazione che non si recupera tutto da un anno all altro in F1 e ci vuole il tempo che ci vuole. Speriamo che Kimi abbia un passo gara decente stasera.

Reply
avatar
7 giugno 2015 15:34 delete

Per me il discorso potenza su questi motori non ha senso, se guardiamo i long run nelle FP2 ci rendiamo conto che le Ferrari erano di oltre un secondo più veloci delle Mercedes ed un tale distacco non si può giustificare solo con 10/20 kg di carburante in meno, a mio avviso i tecnici Ferrari hanno lavorato tantissimo sull'efficienza, io non credo che le Mercedes nelle simulazioni non potessero spingere di più, chiaramente ne sono in grado, ma devono pur fare i conti con i consumi e se in qualifica è possibile spingere di più perchè non c'è il limite dei 100 kg di benzina in gara questo non è possibile farlo, almeno non lo si può fare sempre, quindi il ritmo deve essere costante ed è probabile che su questo aspetto abbiano lavorato gli uomini in rosso.

Riguardo al boost, certo che ormai è lampante che lo hanno anche i team clienti ma se il discorso che ho fatto su è valido per la casa madre, a maggior ragione deve esserlo anche per i team clienti, il problema,sarebbe solo la qualifica, ma siamo onesti: a che scopo forzare se per quest'anno, sicuramente non saremo in grado comunque di contrastare la Mercedes??

C'è poi un ultimo discorso da fare: la Mercedes, con la questione delle deroghe concesse per questioni di affidabilità è riuscita comunque a portare un motore evoluto in Canada, questo perchè finora le deroghe erano concesse avendo come metro di misura la potenza massima erogabile, in altre parole se il motore non veniva sfruttato al massimo per questioni di affidabilità la FIA le deroghe le concedeva ugualmente, ora, invece, con l'ultimo chiarimento, ogni scuderia che vuole apportare dei cambiamenti, deve documentare tale necessità. Detto questo in Ferrari, a questo punto non conviene più indugiare, molto meglio introdurre le modifiche ed eventualmente, in caso di rottura, procedere alle modifiche strutturali in nome dell'affidabilità.

Reply
avatar
7 giugno 2015 19:19 delete

scusa Leonardo se ho capito bene la portata dei 100 kg/h in qualifica non deve essere rispettata?

Reply
avatar
7 giugno 2015 23:21 delete

No hai capito male, non mi riferivo ai 100 kg per ora, ma ai 100 kg complessivi per la gara.

Reply
avatar
9 giugno 2015 10:39 delete

Buongiorno,
magari scrivo una corbelleria ma, per quanto riguarda le modifiche apportate all'ala anteriore della Ferrari, confrontando le foto della Spagna con quelle del Cananda, mi sembra abbastanza evidente come sia stata modificata la forma e leggermente anche la dimensione, leggermente inferiore nella versione EVO dell'upper flap.
Ciò lo ho dedotto dalla forma del sostegno del flap che, pur essendo ancorato nello stesso punto in cui era ancorato in precedenza, ha ora una forma "a gradino"(prima era divergente verso l'esterno, ma rettilinea) verso gli endplate dell'ala anteriore, indice di una misura leggermente inferiore dell'oggetto sostenuto (l'upper flap, appunto). Questo indica, probabilmente, la volontà di:
a. ripulire i flussi di centro vettura da tutte le turbolenze ed i conseguenti aumenti di pressione generati dall'avanzamento della vettura;
b. ridurre leggermente il drag dell'ala a favore di una maggiore penetrazione aerodinamica;
c. volontà di cercare, in un circuito di motore, velocità di punta più elevate a parità di carico aerodinamico.

Avete creato un sito veramente molto appassionante per i malati di tecnica dell'automobilismo sportivo come me.

Ciao.

Reply
avatar

FUnoAnalisiTecnica. Powered by Blogger.