GP CANADA: Analisi Passo - Ferrari poteva competere con Mercedes? - FUNOANALISITECNICA F1ANALISITECNICA
Questo sito contribuisce alla audience di

GP CANADA: Analisi Passo - Ferrari poteva competere con Mercedes?

La gara Canadese è stata una vera e propria delusione, sia per il team Ferrari, sia per tutti i tifosi che, vedendo il passo gara di venerdì si erano illusi di poter lottare per la vittoria.

Noi, di F1ANALISITECNICA, avevamo, fin da subito, espresso i nostri dubbi, in quanto avevamo ipotizzato che i quantitativi di carburante fossero diversi (20 kg in meno per Ferrari) e che, entrambi i piloti della Mercedes, non avessero spinto al massimo. Così è stato vedendo le prestazioni in gara delle due vetture tedesche. 

La delusione principale nella gara Canadese è stata la gara di Kimi Raikkonen, non solo per l'errore compiuto al tornantino al giro 27 dopo la sosta effettuata per montare le gomme soft. Errore di guida, dovuto al fatto che il pilota finlandese è andato sul gas con molto anticipo visto che le gomme erano ancora fredde. Oltre a questo, ci potrebbe essere stato anche un problema elettronico ad incidere sull'errore di Kimi, in quanto, la Ferrari quando esce dai box, attiva la modalità di partenza  che limita il movimento della valvola a farfalla per 1 minuto/1 minuto e mezzo circa. Ciò significa che la macchina non risponde allo stesso modo rispetto ai giri precedenti al pit. Ma il pilota lo sa, e dovrebbe adattarsi.

Questo errore, costato circa sei secondi a Kimi ha causato anche un degrado anomalo degli pneumatici posteriori causato dal wheel spin, in quanto, dopo essersi girato, il pilota finlandese è rimasto con il piede sull'acceleratore facendo slittare gli pneumatici posteriori. Infatti, con questo set di gomme, il ritmo di Kimi non è stato all'altezza di quello del compagno di squadra e, in Ferrari, hanno deciso di richiamarlo ai box (forse troppo frettolosamente?) dopo soli 14 giri montando, per la parte terminale di gara, un set di gomme super soft.

La gara di Vettel invece è stata molto buona, ma condizionata dalla partenza in fondo alla griglia per i già discussi problemi elettronici delle qualifiche e per l'errore del pilota tedesco compiuto in FP3, costato 5 posizioni, per avere superato una Marussia con bandiera rossa.

LAPVETTELPASSOPASSO IDEALERAIKKONENPASSO
101:44,00001:36,000
201:21,93701:20,064
301:20,96601:19,374
401:21,36801:19,325
501:20,41301:19,288
601:20,96801:19,155
701:41,13301:21,13001:19,190
801:21,07101:19,168
901:19,97001:19,368
1001:18,64501:19,308
1101:18,48201:19,055
1201:18,61701:18,855
1301:18,83501:18,795
1401:18,61601:18,843
1501:19,49601:18,696
1601:18,57301:18,763
1701:18,59501:18,798
1801:20,88101:18,665
1901:22,33301:19,099
2001:19,33401:19,109
2101:18,69101:18,839
2201:18,54401:18,801
2301:18,46001:18,897
2401:18,52601:19,204
2501:18,12401:19,138
2601:18,97301:34,99401:19,032
2701:18,93501:30,378
2801:18,89501:18,696
2901:18,78901:18,325
3001:18,92001:18,584
3101:19,30201:18,489
3201:18,91701:18,738
3301:18,24801:18,828
3401:18,36201:18,869
3501:36,42701:19,00201:18,70101:18,916
3601:19,90501:19,222
3701:17,48101:18,608
3801:17,29901:18,474
3901:17,47201:18,421
4001:17,42801:35,18101:18,681
4101:18,61401:19,995
4201:18,60301:16,987
4301:19,49901:17,465
4401:18,23001:17,902
4501:17,82801:17,989
4601:17,95901:17,862
4701:17,67501:18,239
4801:17,77201:18,388
4901:19,00001:17,846
5001:17,89801:18,561
5101:17,79901:18,521
5201:17,72301:18,139
5301:17,95501:18,083
5401:17,54501:18,328
5501:18,01801:18,398
5601:17,49901:18,136
5701:17,81101:18,147
5801:18,11601:17,988
5901:17,10501:17,960
6001:17,49401:18,064
6101:17,67701:18,113
6201:17,58001:18,601
6301:18,06801:18,464
6401:17,78101:17,653
6501:17,71201:17,968
6601:17,80301:17,667
6701:17,98101:17,979
6801:17,58001:17,990
6901:17,57301:18,287
7001:20,29101:17,86601:17,71901:23,65201:18,062


Il primo stint di Vettel, durato appena 6 giri, è da escludere da questa analisi, in quanto, il pilota tedesco ha girato costantemente nel traffico. La Ferrari, vedendo i problemi nel superare la Williams di Massa, ai noi dotata di una ottima velocità di puntaha anticipato la sosta del pilota tedesco per riuscire a mandarlo in pista fuori dal traffico in modo che potesse girare con il suo reale passo.

Se vogliamo fare dei confronti tra i due piloti Ferrari, per capire chi dei due avesse un miglior passo, possiamo mettere a confronto soltanto due fasi di gara: dal giro 9 al 26 e dal 42 al 70.

Dal giro 9 al giro 26
Vettel cambia gomme e monta le Soft. Raikkonen è in pista con le gomme SS che sommati ai giri di qualifica avevano già 12 giri. In questa fase, il passo di gara del tedesco, escludendo il tempo perso con i sorpassi, è migliore di 240 millesimi rispetto a quello di Kimi. Una differenza di poco conto, calcolando che stava utilizzando gomme nuove di mescola Soft che si sono dimostrate molto valide in gara.

VET (Soft)RAIK (SS)GAP
01:18,72701:18,96700:00,240

Dal giro 42 al 70
Raikkonen monta un set di Super Soft, mentre Vettel sta girando da 5 giri con gomme Soft. Il passo gara del tedesco in questa fase di gara è migliore di 2 decimi rispetto a quello del finlandese, ma, escludendo i giri in cui Vettel ha perso tempo nel traffico, il passo risulta migliore di ben 342 millesimi.  


VET (S)RAI (SS)GAP
01:17,71901:18,06200:00,342

In questa ultima fase di gara, il passo della Ferrari con Vettel è migliore rispetto anche a quello di Hamilton (il consumo della Mercedes nella prima parte di gara è stato importante) di quasi mezzo secondo.


VET (S)HAM (S)
01:17,71901:18,16800:00,448

Però è utile dire che la Mercedes, ha impostato una gara con solo pit stop e non con due come fatto dalla Ferrari. Importante sottolineare che comunque il primo PIT di Vettel è stato effettuato dopo pochi giri, quindi una strategia piuttosto anomala anche per quanto riguarda la vita delle gomme nell'ultima parte di gara. Per questa differenza di strategie, tra Mercedes e Ferrari, è difficile stabilire se, Vettel, partendo in seconda fila, avrebbe potuto impensierirli. Sicuramente possiamo dirvi che la Mercedes nella prima parte di gara ha spinto molto, andando a consumare anche molto carburante. Per questo poi nella seconda parte di gara, entrambi i piloti hanno dovuto gestire anche questo problema. Se si guarda la prima parte di gara, il duo Mercedes dava costantemente 4 decimi a giro a Kimi, cosa che nella seconda parte di gara non si è più verificata ma anzi il passo Ferrari era migliore. Si può concludere, almeno per quanto riguarda il passo gara di Kimi, che la Ferrari ieri era lontana 0.25 secondi a giro dalla Mercedes (17 secondi a fine GP). Per quanto riguarda Vettel, sicuramente, vedendo il passo, poteva stare più vicino di quanto abbia fatto Raikkonen, mettendo ulteriore pressione ai due alfieri della scuderia anglo-tedesca. Dire però che poteva addirittura vincerla è un qualcosa molto ma molto difficile da affermare.

E' stata una gara molto tirata quella che si è disputata sul tracciato di Montreal, infatti, tutti i team sono arrivati al limite di consumo dei 100 kg imposti dalla Federazione.


Per capire quanto al limite fossero i team, basta analizzare l'ultimo giro della gara, dove, quasi tutti i piloti, per poter terminare la corsa hanno dovuto alzare molto il piede con una conseguenza di aumento del tempo sul giro.


HAMROSBOTRAIVETMASKVYRIC
1:19.4091:18.1481:23.193:23.6521:20.2911:18.6831:18.0481:21.656

Dall'analisi dell'ultimo giro, si evince che, i piloti che hanno dovuto risparmiare più carburante nell'ultimo giro sono stati Bottas e Raikkonen, ma anche gli altri top driver, ad esclusione di Kvyat che ha realizzato il proprio best lap proprio nell'ultimo giro. 

Cristiano Sponton

About Cristiano Sponton

Subscribe to this Blog via Email :

11 commenti

Write commenti
8 giugno 2015 19:08 delete Questo commento è stato eliminato dall'autore.
avatar
8 giugno 2015 19:11 delete Questo commento è stato eliminato dall'autore.
avatar
8 giugno 2015 19:14 delete

dall'analisi dei tempi, risulta molto chiaro che le Mercedes non sono andate affatto a spasso, E non hanno gestito la gara come affermano molti addetti ai lavori.
Questa analisi mi conferma le mie prime impressioni a caldo, che la Ferrari è molto più vicina alla Mercedes di quello che sembra dal risultato finale. insomma gli stiamo arrivando addosso.
grazie e complimenti.

Reply
avatar
8 giugno 2015 21:04 delete

Io non credo ad una sola parola che la Ferrari è più vicina di quanto sembra

Reply
avatar
8 giugno 2015 21:27 delete

vettel si ferma al giro 7, quindi altro che strategia ottimale su due soste; al giro 8 ha 44sec da hamilton; a fine gara ne avrà solo 5 in più, 49. Vero che la mercedes non ha spinto al massimo per problemi ai freni e di benzina e che vettel nel secondo stint aveva le soft e le merc le SS, ma altrettanto vero che vettel ha dovuto fare una marea di sorpassi perdendo secondi su secondi (vedi i sorpassi su alonso e hulkenberg) oltre a molta tyre life.
Io credo che in qualifica al sabato avrebbe potuto fare il miracolo di inserirsi dietro a hamilton, ieri è stato chiaro che Raikkonen non poteva essere il giusto metro di paragone delle prestazioni ferrari. Prima di rassegnarmi definitivamente, aspetterò l’Austria, possibilmente ferrari avrà un weekend pulito.

Reply
avatar
8 giugno 2015 21:40 delete

I numeri sono numeri, altrimenti finiamo a fare chiacchiere da bar da italiano medio che spopolano nel web a partire dal sito della gazzetta

Reply
avatar
8 giugno 2015 21:50 delete

Mi sembra che anche il primo pit stop di Vettel non sia stato proprio perfetto.

Reply
avatar
8 giugno 2015 22:05 delete

Certamente se Vettel fosse partito più avanti nello schieramento la gara sarebbe stata diversa, ma io ho una mia teoria che ho già espresso in altri miei commenti, ma sostanzialmente si basa sulla considerazione che probabilmente, al livello di rendimento in gara, il propulsore Ferrari sia equivalente a quello Mercedes, l'unica differenza che li contraddistingue, ormai, è il famoso over boost con il quale il Mercedes può spingere di più in alcune occasioni (ora anche per un tempo maggiore rispetto al passato), resta solo da vedere se il suo utilizzo implica o meno un maggior consumo di carburante, io sono convinto che esso, agendo solo sulla pressione di sovralimentazione, non vada ad intaccare i consumi massimi se non a bassissimo livello (non escludendo nemmeno l'ipotesi di additivazione ventilata dall'utente Ros), quindi, in teoria, su una pista come quella canadese, notoriamente molto esigente per i consumi, tale dispositivo può risultare molto utile. Nonostante questo, Vettel ha dimostrato di poter replicare validamente, ma non volendo assolutamente valutare i tempi, chiedevo a Cristiano:

Vettel con la strategia di gara che ha avuto, con tutti i sorpassi che ha dovuto effettuare e con un pit stop non proprio perfetto non avrebbe dovuto consumare di più?? Eppure a sei giri dal termine, ancora stampava i suoi best sector nel primo e nell'ultimo settore, indice sintomatico di una vettura con una maggiore motricità rispetto a quella del suo compagno di squadra.

Reply
avatar
8 giugno 2015 22:06 delete

giusto, l'avevo dimenticato, 4sec più lungo

Reply
avatar
8 giugno 2015 22:38 delete

Egregio Sig. Salvatore,
Questo sito si chiama "analisi tecnica"
In base a che cosa non crede?
Giustifichi le sue miscredenze. grazie

Reply
avatar
8 giugno 2015 23:52 delete

Buonasera a tutti, vi seguo da tanto tempo ma non ho mai pubblicato un messaggio! Innanzitutto vorrei fare i complimenti per la qualità degli articoli, sono in assoluto i migliori! Volevo dire la mia e casomai esser smentito. Per quanto mi riguarda la PU Ferrari è arrivata alla stessa potenza della PU Mercedes, quest'ultimi avvantaggiati soltanto nelle qualifiche e in alcuni momenti della gara dalla funzione boost. Cosa non da poco ma secondo me trascurabile in confronto a quanto Ferrari faccia fatica a far lavorare le gomme correttamente! A parer mio tra i 5 e i 10 secondi vengono persi in tutte le gare solo per portare gli pneumatici in temperatura ideale, cosa che la Mercedes fa fin dalla prima curva. Inoltre noto una differenza abissale nell'ingresso, percorrenza e uscita curva. La Mercedes tiene la corda molto stretta e può scaricare prima la potenza a terra senza dover agire di controsterzo. Quindi si potrebbe dedurre che la Ferrari non stia pagando in termini di potenza pura e telaistica, ma principalmente dal pacchetto sopensioni anteriori e posteriori e dall'erogazione in uscita dalle curve! È qui che la Mercedes funziona alla grande, un inserimento preciso e una trazione perfetta probabilmente ottimizzata anche a livello software, e che a parer mio non sono frutto di un'aerodinamica spinta! Dubito che in Ferrari siano dei principianti a riguardo! Per questo spero che Ferrari punti molto sulle sospensioni della propria vettura e sulla gestione delle gomme. In attesa di esser smentito, porgo distinti saluti!!!

Reply
avatar

FUnoAnalisiTecnica. Powered by Blogger.