GP BAHRAIN: Analisi strategia Ferrari Vs Mercedes - FUNOANALISITECNICA F1ANALISITECNICA
Questo sito contribuisce alla audience di

GP BAHRAIN: Analisi strategia Ferrari Vs Mercedes

Il GP del Bahrain ha fatto molto discutere tra gli appassionati di Formula 1 in quanto, soprattutto i tifosi Ferrari, vedendo il passo di Raikkonen nel finale di gara speravano in una vittoria del finlandese sprecata per una possibile errata strategia del muretto di Maranello. 

Noi di F1Analisitecnica non la pensiamo affatto così, in quanto, anche analizzando i dati nel post gara è difficile, se non impossibile, stabilire se, con una seconda sosta anticipata il finlandese avesse potuto attaccare il campione del mondo della Mercedes. 

Il passo gara dimostrato da Lewis Hamilton è stato veramente ottimo, costante sia con le gomme soft, utilizzate nei primi due stint che con le medie usate nell'ultimo tratto di gara. Il degrado degli pneumatici, grazie anche alle temperature della pista non troppo elevate, è stato in linea con quello della Ferrari. Non si è visto nessun tipo di decadimento, nè con il compound più morbido e nemmeno con quello più duro. Solo nel finale, a causa di problemi all'impianto frenante, la Mercedes ha dovuto rallentare il proprio passo e con molta probabilità, se la gara fosse durata qualche giro in più, la vittoria poteva essere messa in discussione visto la rimonta feroce di Raikkonen. I problemi all'impianto frenante in casa Mercedes saranno analizzati con molta cura dagli ingegneri in quanto potrebbero essere anche causati dalle innovazioni tecniche portate all'avantreno nel Gp della Cina per cercare di migliorare l'utilizzo degli pneumatici soprattutto con le alte temperature. La nuova ala anteriore va a creare dei vortici  controrotanti per cercare di sigillare l'ala con il suolo e generare quindi più downforce e questo potrebbe aver impedito il giusto raffreddamento dell'impianto frenante. Ricordiamo, comunque, che la Mercedes non è nuova a questi problemi. Nella scorsa stagione, entrambe le vetture hanno accusato dei problemi, molto più gravi rispetto a quelli visti domenica scorsa in Bahrein, nel Gp del Canada e in quello di Abu Dhabi (vettura di Rosberg).
Il circuito del Bahrein ha una caratteristica in comune con quello del Canada e di Abu Dhani: le cariche e scariche sono meno frequenti ma molto più decise e prolungate, questo comporta maggiore surriscaldamento per le batterie. Le batterie elettriche, in particolare quelle al litio, hanno un range di temperatura di funzionamento tra circa 0 e 50 gradi centigradi, dato per scontato che sottozero una formula 1 non corre, rimane il problema del limite di temperatura superiore oltre il quale la batteria non può andare.
Ogni qual volta che si usa una batteria, in carica o in scarica, questa si scalda, e se va oltre una certa temperatura diventa non solo inutilizzabile ma anzi a pericolo esplosione.
Quindi riassumendo, con condizioni di temperatura particolari, in una pista che sollecita molto la componente elettrica con le batterie che si caricano molto velocemente nelle forti decelerazioni e si scaricano quasi completamente nei lunghi rettilinei, il raffreddamento del sistema elettrico, e delle batterie in particolare, è stato messo a dura prova. In caso di surriscaldamento la batteria si dice entra in protezione, cioè non vuole essere più usata, né in ricarica né in scarica fino a quando non torna ad una temperatura di sicurezza.

Quando Rosberg e Hamilton  ha accusato il problema, la vettura è sembrata essere molto sbilanciata in fase di frenata.Questo potrebbe essere a causa proprio della batteria che dopo essere entrata in protezione, non vuole essere più ricaricata così la centralina del Brake By Wire, che si occupa di dividere la coppia frenante tra i freni tradizionali e il generatore elettrico, va in crisi non potendo più contare sull'aiuto del MGU-K.



LAPHAMILTONRAIKKONENVETTEL
101:41,39001:42,89601:42,217
201:38,95501:39,88201:39,607
301:39,25701:39,85201:39,450
401:39,60201:42,27701:39,730
501:40,08101:40,26201:40,205
601:40,00601:40,05601:40,235
701:40,15601:40,19601:40,306
801:40,15901:40,59201:42,357
901:40,44701:41,33101:42,499
1001:40,30701:41,06601:41,138
1101:40,36801:41,17201:40,844
1201:41,36301:41,19201:41,099
1301:40,78101:41,26801:44,11801:40,679
1401:41,12301:41,14801:58,328
1501:43,87701:40,20001:40,97301:38,201
1601:59,67001:40,89801:39,661
1701:38,14501:44,16401:40,81101:38,917
1801:39,06101:59,47701:38,793
1901:39,28401:38,40301:39,310
2001:39,39401:38,68801:39,203
2101:38,81901:39,19301:39,286
2201:39,02301:39,01301:39,349
2301:39,08501:38,98601:39,605
2401:39,16101:39,01701:39,385
2501:38,91901:39,10101:40,435
2601:39,18501:39,17101:39,469
2701:39,40801:39,39801:39,808
2801:39,35601:39,38901:39,981
2901:39,45301:39,60601:40,143
3001:39,53301:39,73301:40,027
3101:39,45101:39,99501:40,302
3201:39,55101:39,56501:43,02701:39,522
3301:42,21701:39,17701:39,50901:58,751
3401:58,79101:39,45001:37,547
3501:38,21701:39,63201:38,013
3601:38,24201:39,88401:43,492
3701:37,90601:39,59102:06,735
3801:37,85701:39,66501:36,624
3901:39,00901:40,68401:37,362
4001:39,29101:44,50001:39,41301:37,562
4101:39,11901:57,78501:38,065
4201:38,92101:36,31101:38,452
4301:38,83701:36,62001:38,372
4401:38,59201:36,83201:38,968
4501:38,59601:36,72201:38,752
4601:38,53301:36,78501:38,917
4701:38,35901:37,54101:39,469
4801:38,50501:37,59001:39,289
4901:38,18701:37,52401:39,507
5001:38,07501:37,68301:39,225
5101:38,58501:37,31601:39,471
5201:38,91801:37,69501:39,503
5301:38,92801:37,72001:39,537
5401:38,71601:38,22801:39,743
5501:38,65401:39,18101:39,699
5601:39,53701:38,76601:39,756
5701:40,84701:38,71401:38,01501:37,53301:39,95201:38,911

Con il senno di poi, ma è troppo facile dirlo, due giorni dopo il termine della gara, il muretto Ferrari, visto il miglior passo di Raikkonen nei confronti di Vettel poteva dare un pit order al giro 9-10 (vedi grafico in basso) per fare in modo che il pilota finlandese scavalcasse il tedesco e si potesse mettere all'inseguimento di Rosberg. Il passo gara di Raikkonen in questo fine settimana era nettamente migliore rispetto a quello del compagno di squadra che ha sofferto, per tutta la gara, di alcuni problemi di bilanciamento della SF15-T soprattutto nelle fasi di frenata. I piloti Ferrari, in questa fase di gara, giravano su un ritmo di 41basso ma dopo il pit stop di Vettel, Raikkonen con pista libera è riuscito a migliorare il proprio basso di circa 3 decimi a dimostrazione che il compagno di team lo stava rallentando. In questa fase di gara, vedendo il passo, Raikkonen ha perso circa 1,5 s. Sono molto pochi ma vedendo il distacco contenuto che abbiamo avuto a fine gara potevano essere molto importanti per mettere ulteriore pressione ad Hamilton.  



Un'altra fase di gara che poteva essere gestita meglio dagli strateghi Ferrari è la parte finale del secondo stint di Raikkonen quando stava girando con le gomme medie. Hamilton dopo il pit stop, effettuato al giro 33, aveva montato un treno di gomme medie nuove mentre Raikkonen stava girando ormai da 19 giri. Forse, vedendo il passo di Raikkonen con le gomme soft, e visto il degrado abbastanza contenuto di questo compound che si è avuto nelle ultime fasi di gara con pista molto gommata, la Ferrari poteva richiamare il finlandese con qualche giro di anticipo e precisamente al giro 37 o al 38 quando aveva ancora del vantaggio rispetto al pilota inglese. Invece, la Ferrari ha atteso forse un po troppo e Kimi è stato richiamato al giro 40 quando Hamilton lo aveva già scavalcato in pista.  


Con gomme soft nuove il passo di Raikkonen è stato ottimo tanto da permettergli di recuperare 20 s in 17 giri terminando con un gap di soli 3s nei confronti di Hamilton. 

Con molta probabilità con il pit order nel primo stint e con una seconda sosta leggermente anticipata, Raikkonen avrebbe potuto arrivare negli scarichi di Hamilton e avrebbe potuto mettere ulteriore pressione e magari tentare l'attacco visto anche i problemi all'impianto frenante del pilota inglese. 

In ogni caso è troppo facile analizzare le strategie a "bocce ferme" ed è per questo che crediamo che la strategia Ferrari non si può ritenere errata. 


Cristiano Sponton

About Cristiano Sponton

Subscribe to this Blog via Email :

5 commenti

Write commenti
Ale92
AUTHOR
21 aprile 2015 11:23 delete

Concordo con l'analisi dell'articolo, soprattutto con l'ultima frase. In ogni caso credo che la grande gara di raikkonen sia stata favorita, almeno in minima parte, anche dalla strategia di vettel che ha messo sotto pressione il muretto mercedes per buona parte della gara obbligando i due davanti ad assecondare la strategia del tedesco

Reply
avatar
21 aprile 2015 11:54 delete

Dopo la prima sosta Kimi si è trovato nella condizione ideale di totale assenza di traffico e ha potuto gestire gomme e ritmo alla sua maniera esaltando l' ottimo bilanciamento della macchina. Fina

Reply
avatar
21 aprile 2015 17:39 delete

Concordo su tutta l'analisi meno che sull'ultima frase. Gli errori sono errori, e se ne sono accorti anche nella regia televisiva - a bocce in movimento - che Raikkonen doveva rientrare. Fosse rientrato 3 giri prima avrebbe vinto, visto anche i problemi che stava patendo Hamilton sul finale.

Comprendo la scelta della nuova gestione sportiva di "lavare i panni sporchi in casa" e tenere un profilo molto riservato, per evitare le polemiche del passato, ma occhio a non scadere nel buonismo. E' chiaro a tutti che servono rinforzi nel campo della strategia.

Reply
avatar
21 aprile 2015 17:52 delete

Aggiungo che il fatto che Raikkonen sia finito secondo (e non terzo) non sminuisce l'errore del muretto. Indipendentemente dal fatto che almeno teoricamente, facendo fermare Kimi 3 giri prima, Kimi sarebbe davanti ad Hamilton, bisogna considerare cosa sarebbe successo se Rosberg fosse andato più forte e Kimi non ce l'avesse fatta a passarlo.

Reply
avatar
23 aprile 2015 15:56 delete

A prescindere da quanto l'errore Ferrari fosse evitabile, emergono anche dopo questo gran premio le difficoltà della Mercedes quando é sotto pressione. Se in Malesia a sbagliare era stato il muretto, qui in Bahrain é stato Rosberg a cedere e a commettere un errore madornale. Non così oculata la scelta di ricordare via radio al tedesco quanto Raikkonen si stesse avvicinando giro dopo giro (passando cosí dal "don't talk to me to the corners" di Hamilton al "don't tell me the gap anymore" di Rosberg...)

Reply
avatar

FUnoAnalisiTecnica. Powered by Blogger.