Analisi long run Rosberg Day 1 Test Jerez - FUNOANALISITECNICA F1ANALISITECNICA
Questo sito contribuisce alla audience di

Analisi long run Rosberg Day 1 Test Jerez

Oggi abbiamo analizzato dettagliatamente il lavoro fatto da Rosberg durante la prima giornata di test a Jerez
La Mercedes fin da subito, ha dimostrato di essere una vettura solida, molto affidabile e anche veloce. La cosa non stupisce in quanto la base di partenza su cui è stata sviluppata la W06 Hybrid era ottima. Unica cosa da migliorare, rispetto al 2014 è l'affidabilità in quanto, in alcune occasione, la vettura anglo-tedesca ha sofferto di problematiche che hanno appiedato i piloti. Emblematico il Gp del Canada (entrambi i piloti con problemi) e il Gp deciso di Abu Dhabi (Rsoberg). In entrambe le occasioni la causa principale di queste anomalie è dovuta ad un anomalo surriscaldamento della batteria che l'ha mandata in "protezione" mandando in tilt la centralina che gestisce  il  Brake By Wire.

Per cercare di limitare questi problemi e stressare il più possibile la meccanica, entrambi i piloti della scuderia anglo-tedesca, hanno fatto tantissimi giri. In quattro giorni di test sono riusciti a compiere un chilometraggio di 2284 Km pari a ben sette Gp e mezzo. Qualche piccolo problema di affidabilità c'è stato ma, nonostante questo, i giri fatti sono stati tantissimi. 

Ecco un resoconto del chilometraggio effettuato a Jerez, suddiviso tra i vari team 

1. Mercedes W06 F1 Hybrid 516 giri (2.284 km)
2. Sauber C34 Ferrari 382 giri (1.691 km)
3. Toro Rosso STR10 Renault 353 giri (1.563 km)
4. Ferrari SF15-T 349 giri (1.545 km)
5. Williams FW37 Mercedes 278 giri (1.230 km)
6. Lotus E23 Hybrid Mercedes 190 giri (841 km)
7. Red Bull RB11 Renault 166 giri (735 km)
8. McLaren MP4/30 Honda 79 giri (349 km)

Andiamo ora ad analizzare, nello specifico, il lavoro fatto da Nico Rosberg durante la prima sessione di test. Sarebbe stato molto interessante analizzare anche il lavoro datto durante il giorno 3 e 4 ma, purtroppo, non abbiamo nessun dato a disposizione. 

Considerazioni iniziali

  • Pista molto green essendo stato il primo giorno di prove;
  • Vettura nuova nonostante la base rimanga quella dominante della W05;
  • Dai dati in mio possesso mi sono ricavato alcuni dati fondamentali come:
    • Consumo carburante al giro = 1,66 Kg/lap
    • Fuel load effect 0,07s/giro
    • 10 Kg di benzina equivalgono a circa 4 decimi al giro

Analisi Stint Rosberg
Visto i giri fatti dal pilota tedesco, in un primo momento immaginavamo che, avesse provato, fin dal primo giorno, una vera e propria simulazione di gara. Per il tracciato di Jerez che misura 4428m i giri da percorrere per simulare il chilometraggio di una gara sono 69.
Così invece non è stato. 

Guardate i tempi di attacco di ciascuno stint fatti sempre con coperture diverse.

  • 1m24,6 STINT 1 con GOMME MEDIE NUOVE;
  • 1m24,6 STINT 1 con GOMME MEDIE NUOVE;
  • 1m24,9 STINT 3 con GOMME WINTER HARD NUOVE

Da questo si può tranquillamente dedurre che abbia iniziato tutti gli stint con lo stesso quantitativo di benzina in quanto i tempi di “attacco” sono molto simili
Non si nota nessun miglioramento dovuto al calo di benzina nel serbatoio dall'inizio di uno stint all'altro. 
Questo fa pensare che, gli ingegneri anglo-tedeschi abbiano voluto simulate la prima parte di gara con un quantitativo di benzina molto alto.

Analizzando gli stint si può anche notare che il tempo di attacco fatto con le gomme medie è il migliore ma con questa mescola il degrado (cosa normale) è più alto rispetto agli altri compound. E’ riuscito a fare 27 giri con un passo medio di 1m26basso.

Il confronto interessante è tra Hard e Winter hard. Si nota analizzando il passo che le winter hard, lavorando ad una temperatura di esercizio più bassa rispetto alle Hard, accusano meno degrado derivato, molto probabilmente, da un minor graining. 

Le Hard, sono invece più durature, infatti, il pilota tedesco è riuscito a fare uno stint di ben 40 giri con un passo di 1m25,6 .
Lo stint con le Winter Hard è durato 33 giri con un passo migliore (1m25,3) rispetto alle Hard e alle medie.

Confrontando questi dati con la Ferrari e con il lavoro fatto da Vettel nella seconda giornata di test, immaginiamo che il pilota tedesco Mercedes abbia girato con tantissima benzina con molta probabilità vicino ai 100 Kg. Il tedesco Ferrari, analizzando i tempi e la durata degli stint, si presume  abbia girato con non più di 30 Kg di carburante

E' per questo che, secondo noi, il gap tra Ferrari e Mercedes è ancora piuttosto elevato e lo stimiamo intorno agli 8 decimi - 1 s.







Cristiano Sponton

About Cristiano Sponton

Subscribe to this Blog via Email :

17 commenti

Write commenti
6 febbraio 2015 11:52 delete

Credo che su una pista “corta” come quella di Jerez, l’impatto sui consumi sia molto inferiore ai 4 decimi ogni 10 kg di benzina, mediamente si potrebbe attestare intorno ai 3,3 decimi ogni 10 kg e forse meno e questo su 100 kg si tradurrebbe in circa 5,5 secondi tra macchina a pieno carico e macchina scarica di carburante, mentre se prendiamo come valore 4 decimi ogni 10 kg. di benzina arriviamo a 6,7 secondi che mi sembrano irreali su una pista dal giro complessivo pari ad 1:15.

Volendo fare un esempio pratico reale su un GP effettivamente disputato lo scorso anno, prenderò a riferimento il GP di Spagna sul un tempo da qualifica con gomme medie di circa 1:27/1:28, poi in gara tale valore è salito a circa 1:32/1:33 con una differenza di circa 5 secondi. Ora su una pista ancora più corta tale valore deve essere certamente inferiore.

Visti i tempi ed il numero di giri per ogni run fatti registrare da Vettel, direi che il valore di 30 kg. di benzina possa essere credibile, per cui rimarrebbero 70 kg per giungere ai 100 che non arrivano a 4 secondi di differenza, per cui seguendo il ragionamento fatto da Cristiano se aggiungiamo 4 secondi al tempo di Vettel arriviamo al valore di 1:25 (approssimato per eccesso) con un gap non superiore ai 6 decimi.

Non me ne voglia Cristiano, ma prendo questi calcoli solo come un esercizio mentale e matematico, perché a mio avviso è perfettamente inutile scervellarci per capire dove è la Mercedes e se e quanto vi sia ancora un gap da colmare, dai test questo a noi poveri mortali, non è concesso capirlo, ma non credo sia concesso ad alcuno, nemmeno ad ogni singola scuderia, nessuno può sapere il lavoro svolto dagli altri ed i soli tempi non aiutano per niente, anzi confondono ancora di più le idee.

Reply
avatar
6 febbraio 2015 12:06 delete

Cioè quindi a Maranello hanno lavorato tutto l'inverno e non solo
Migliorato aereodinamica meccanica e PU in modo sostanziale,per ritrovarsi in gara con lo stesso identico distacco che c'era tra le due vetture a Melbourne nel 2014..
Ma non scherziamo per favore
Sarebbe da suicidio sportivo
Siete uno dei siti italiani dove la tecnica delle monoposto viene analizzata in modo egregio
Però ho notato troppo scetticismo intorno alle prove e ai tempi della SF15-T in quel di Jerez.
Io al contrario dopo i test sono fiducioso,sospensione anteriore e nuova PU hanno fatto un salto avanti mostruoso
Ma sopratutto la trazione
Sul bagnato i tempi di attacco di Vettel erano 3 secondi migliori a quelli di Sauber e Toro Rosso..
Comunque le mie sono semplici considerazioni da semplice tifoso
Un saluto

Reply
avatar
6 febbraio 2015 13:39 delete

l'esercizio mentale non credo sia stato compreso e questo lo reputo una mia colpa. Volevo far capire a chi legge il lavoro fatto da Rosberg nel primo giorno di test: fare long run con gomme diverse con lo stesso quantitativo di benzina e non fare una vera e propria simulazione gara.
Per quanto riguarda il distacco dalla Ferrari rispetto a Mercedes sono solo supposizioni. Direi che se realmente fosse 8 decimi il gap i tifosi della Rossa dovrebbero essere molto soddisfatti.
Lo scorso anno il gap, soprattutto in configurazione gara, era abbondandentemente sopra un secondo al giro.
Distacco che incrementava tra qualifica e gara in quanto in configurazione race la Rossa non riusciva a disporre della potenza massima per più giri ravvicinati. Causa principale MGU-H.
In Ferarri stanno lavorando ottimamente e stanno, piano piano, colmando il grossissimo divario.
Noi di solito siamo molto cauti nell'analizzare le cose e non abbiamo interesse a creare facili aspettative. Non dobbiamo mica vendere copie di giornali.
Per me sarebbe un vero e proprio miracolo vedere una Ferrari vincente già nel 2015 ma mi aspetto vederla lottare per le posizione di vertice e magari ottenere con qualche colpo di fortuna qualche vittoria.

Reply
avatar
6 febbraio 2015 15:13 delete

Esattamente quello che penso anche io, ma purtroppo per noi appassionati, ogni dato carpito a questa nuova F1 completamente criptica ed avara di comunicazioni tecniche, vale oro e siamo disposti a tutto pur di farci un'idea, ma non per voler smontare tutti, ma ogni calcolo è perfettamente inutile nei test Vettel può aver girato con 30 kg di benzina ed aver cercato comunque il tempo, come Rosberg può aver girato con il pieno ma andando ugualmente a velocità di crociera solo per testare qualcosa che non non abbiamo nemmeno idea di cosa possa essere.

L'unico dato certo è che la Ferrari ha fatto un notevole passo avanti della Mercedes non ne abbiamo idea.

Reply
avatar
6 febbraio 2015 16:03 delete

Scusami Cristiano, stavo leggendo sul sito f1grandprix le dichiarazioni di Giancarlo Minardi, il quale afferma che la mercedes a Jerez abbia girato con il motore 2014, per risolvere del tutto i guai che li avevano afflitti durante la scorsa stagione, e che porteranno la PU 2015 solo nei prossimi test a Barcellona. Ne sai qualcosa in più???
Grazie

Reply
avatar
6 febbraio 2015 16:35 delete

Personalmente non ne so molto, ma mi sembra alquanto improbabile, la Mercedes non può imporsi anche ai suoi team clienti che hanno diritto a testare in anteprima il prodotto che acquistano.

Reply
avatar
6 febbraio 2015 17:32 delete

Quoto Leonardo: quella di Minardi mi sembra una sparata gigantesca. Vorrebbe dire che o Mercedes ha dato da provare il motore 2015 a tutti i team clienti (quindi il motore è pronto dato che non hanno avuto grossi problemi) e invece ha secondo me "perso tempo" a fare delle prove ancora con quello 2014. Oppure dato che sicuramente la Lotus aveva montato un motore Mercedes (si sentiva la differenza di suono) hanno dato da provare il nuovo motore solo alla scuderia di Enstone, o come ultima ipotesi in ordine di (scarsa) probabilità tutte le scuderie fornite da Mercedes hanno dovuto sviluppare una macchina provvisoria per montare il motore 2014 e successivamente porteranno la macchina definitiva. Mi sembrano tutte ipotesi assurde in quanto non credo che le scuderie abbiano voglia di sviluppare versioni provvisorie delle vetture, il suono è oggettivamente cambiato dall'anno scorso come anche gli ingombri e le esigenze di raffreddamento. Quest'ultime hanno permesso una rastemazione maggiore della Coca-Cola e una riduzione delle prese d'aria sulle fiancate più piccole (per il motore termico) e del l'eliminazione da parte di Mercedes delle aperture laterali sull'airscope (per la parte elettrica). Al contrario sono più che convinto che quello visto fino ad ora non sia il motore definitivo ma ovviamente prima (e anche dopo grazie al cambio regolamentare) dell'inizio del campionato verrà perfezionato.
A.C.

Reply
avatar
Andrea
AUTHOR
6 febbraio 2015 17:47 delete

D'accordo con te, anche perchè a meno che non si siano fatti stint di 60-70 giri non possiamo sapere quanta benzina si imbarca. Ad esempio la Ferrari potrebbe essersi fermata avendo ancora benzina. Lo stesso vale per Mercedes.

Reply
avatar
6 febbraio 2015 17:51 delete

anche a me è sembrata una cosa campata in aria, anche se Minardi non mi sembra proprio uno spara balle. Comunque grazie per le risposte

Reply
avatar
6 febbraio 2015 20:04 delete

Certo è strano, perchè Minardi, almeno finora, non ha mai detto caxxate, per questo ci vado con i piedi di piombo, in ogni caso, non mi sembra fattibile la cosa, in primo luogo perchè i team clienti devono avere in anteprima le specifiche per progettare la scocca e poi hanno il sacrosanto diritto di avere quello per cui pagano.

L'ipotesi che Mercedes avesse il motore 2014 e gli altri team quello 2015 non regge, perchè si sarebbe notata una differenza sostanziale a favore di Williams e Lotus, ma poi gli ingombri, le prese d'aria sono diversi non mi sembra fattibile la cosa.

Reply
avatar
7 febbraio 2015 00:33 delete

Ecco cosa scrive l'ing. Benzing:

"La Mercedes verosimilmente non ha presentato un motore evoluto; le stesse dichiarazioni del direttore tecnico Paddy Lowe, hanno chiarito che il motore 2015 è ancora in fase di definizione: garantirebbe incrementi di potenza di 50-60 cavalli, ma con rischi sull’affidabilità, che andranno attentamente valutati. Le prove con lunghi “run” sono state compiute da entrambi i contendenti. E non si dica che quelli della falange motorizzata Mercedes si siano nascosti o che siano andati a passeggio. Basti l’accenno al fatto che Hamilton, quando è stato impegnato nel miglioramento dei tempi, ha compiuto anche un pauroso testa-a-coda, nel tratto più rapido, a riprova dell’impegno."

Quindi molto probabilmente la Mercedes non ha ancora introdotto il propulsore nella sua completezza, ma solo nelle forme esterne.

Reply
avatar
7 febbraio 2015 00:46 delete Questo commento è stato eliminato dall'autore.
avatar
8 febbraio 2015 10:17 delete

A mio avviso la Mercedes ha un grosso handicap, quello di dover fornire i propri propulsori a ben tre scuderie e non si può permettere di fare errori, l'aumento di cavalli preannunciato, probabilmente è legato all'aumento della pressione di sovralimentazione e ciò potrebbe causare noie di surriscaldamento, è cosa nota che aumentando la sola pressione dell'aria e rimanendo invariata quella della benzina, aumenta in modo proporzionale la temperatura di esercizio nella camera di scoppio, non a caso in passato, con i vecchi turbo, si era soliti "ingrassare" la miscela per raffreddare un po in più la testata, ma ora non è più possibile per ovvi motivi, la possibilità materiale, di farlo, evidentemente c'è, ma nei test non possono procedere prima ai test prestazionali, sarebbe controproducente per i team clienti che hanno la necessità di fare prove, per cui hanno proceduto prima a dei test di durata (come a mio avviso sarebbe d'obbligo per tutti) e poi man mano procederanno a testare fino a quanto possono spingersi con le prestazioni.

Reply
avatar
10 febbraio 2015 15:34 delete

Sembra che Aldo Costa abbia smentito che abbiano usato PU 2014, ma era anche logico, quindi forse non mi ero sbagliato quando dicevo che probabilmente la Mercedes deve andarci con i piedi di piombo a testare la nuova PU per consentire ai propri team clienti di testare anche i loro telai. Probabilmente proveranno a incrementare per gradi, per verificare fino a quanto possono spingersi.

Reply
avatar
10 febbraio 2015 16:17 delete

ho letto anche io oggi le dichiarazioni di Costa, e la penso esattamente come te. Sarà curioso da capire, a questo punto, se in Australia avranno usato tutti e 32 i gettoni.
saluti

Reply
avatar
10 febbraio 2015 23:59 delete

Io non so cosa dice il regolamento su questo punto, però credo che le PU debbano essere fornite ai team clienti prima dell'inizio del campionato e che tutti abbiano diritto di migliorare le proprie unità sulla base delle modifiche apportate dal costruttore.

Sotto questo punto di vista, il tutto si tradurrebbe in un superlavoro alla Factory, perchè per ogni modifica apportata, si dovrebbe intervenire anche sui motori rimanenti a tutte le scuderie clienti un dispendio enorme per la Mercedes che fornisce altri 3 team.

Chissà come si sono organizzati!

Reply
avatar

FUnoAnalisiTecnica. Powered by Blogger.