Gp Austin: Ferrari con modifiche all'ala posteriore e alla sospensione - FUNOANALISITECNICA F1ANALISITECNICA
Questo sito contribuisce alla audience di

Gp Austin: Ferrari con modifiche all'ala posteriore e alla sospensione

Grosso lavoro, durante le prove libere per la Ferrari, che sta lavorando in previsione 2015 ma, nonostante questo, ha collaudato in pista qualche componente aerodinamico nuovo,
Il lavoro di raccolta dati, in previsione della prossima stagione è stato fatto da Kimi Raikkonen visto che, nella prossima stagione, Fernando Alonso non vestirà più di rosso. Sul profilo neutro del profilo principale dell'ala anteriore  è stato collocato, nuovamente, il tubo di pitot per raccogliere dati in vista del prossimo anno in quanto, per regolamento tecnico, cambieranno nuovamente le forme dei musi.
Davanti al cockpit è stato collocato un'apposita struttura per sostenere una serie di sensori installati sulla parte sinistra della vettura.

Anche al posteriore, sul fondo, sono stati collocati degli appositi sensori, sempre per raccogliere dati che potranno essere utili nella progettazione della prossima monoposto. 


Al posteriore sono state provate due nuove versioni di ala che rispetto alle precedenti gare presentano novità nella deriva verticale nella zona chiamata dei tecnici Wing Lets che ora, nella parte terminale, ha un disegno ortogonale mentre in precedenza aveva una forma che andava a formare un angolo acuto.
Questa modifica, in teoria, dovrebbe migliorare la deportanza generata dall'ala in quanto va a ridurre i vortici di estremità che riducono la spinta verticale verso il basso ed incrementano la resistenza all'avanzamento.
Modificata,inoltre, la forma e la dimensione delle cinque soffiature collocate nella parte alta della deriva verticale. Oltre a queste novità è possibile notare (cerchi rossi) che nella deriva verticale sono state realizzate due piccole feritoie che vanno ad energizzare il flusso d'aria sotto il profilo principale prelevandolo dall'esterno. .
ala posteriore Ferrari Gp Usa


Oltre alle differenze analizzate sopra, i due piloti hanno utilizzato due ali che si differenziavano nella zona del flap mobile e nella forme e dimensione dell'attuatore del sistema DRS. Attendiamo l'analisi dei dati raccolti per vedere quale versione gli ingegneri installeranno sulla F14T su entrambe le vetture. 
Ala 1 Gp Usa 
ala 2 Gp Usa  
Un bravo a Giorgio Piola che ha notato una modifica alla sospensione posteriore, dove, come potete osservare dal confronto in basso, è stato modificato il punto di attacco del braccio superiore. Nella precedente versione era completamente rettilineo mentre ora presenta una forma tendente verso l'alto. Questa modifica, se funzionante, dovrebbe garantire alla F14T una migliore trazione e dovrebbe aiutare i piloti a scaricare più dolcemente a terra la coppia del motore turbocompresso.



Cristiano Sponton

About Cristiano Sponton

Subscribe to this Blog via Email :

8 commenti

Write commenti
Anonimo
AUTHOR
31 ottobre 2014 21:32 delete

Su omnicorse si parla anche di nuova sospensione posteriore.Dalla foto effettivamente almeno il braccio posteriore sembra avere una forma diversa,come se fosse stata variata l'altezza dell'attacco al mozzo.Comunque sia,personalmente reputo incredibile come una componente non soddisfante certi requisiti venga modificata sostanzialmente a novembre,praticamente 8 mesi dopo l'inizio del mondiale.
Alla Ferrari non si erano accorti che la geometria della sospensione non era ottimale per il rendimento della F14T (errore gravissimo) oppure lo sapevano ed hanno atteso vari mesi per porvi rimedio (errore gravissimo)???

Reply
avatar
Anonimo
AUTHOR
31 ottobre 2014 21:42 delete

volevo sapere se tenevate informazione su questa sospensione.
Per anonimo non c'è stato sviluppo perchè non c'è stato un capo (allinso dopo 3-4 gare pensava al 2015) che si e messo dientro a sviluppare.
Secondo me si può chiedere perchè non si sia pensato di portare alcuni sviluppi di alettoni anteriori e musi in virtù dell'anno prossimo- Wendur

Reply
avatar
Fabio
AUTHOR
31 ottobre 2014 22:00 delete

pare confermato anche l'attacco a collo di cigno, ispirato all'Audi R15 il quale sembra garantire una maggiore efficienza aerodinamica

Reply
avatar
Anonimo
AUTHOR
31 ottobre 2014 22:18 delete

Scusa ma a cosa ti stai riferendo che non capisco?Alla forma del braccio della sospensione posteriore?O al monopilone dell'ala posteriore?

Reply
avatar
Anonimo
AUTHOR
31 ottobre 2014 22:21 delete

In relazione alla prova di visibilita' fatta da Raikkonen,é previsto un inasprimento delle norme che regolano il crash test della scocca?Perche' a vedere la maschera in alluminio utilizzata,oltre che a prefigurare un muso 2015 piu' alto (possibile?Gia' quello della F14T é parecchio alto...non é che sia una maniera per sviare le attenzioni?) ne sembra indicare uno anche piu' largo.

Reply
avatar
Anonimo
AUTHOR
31 ottobre 2014 22:24 delete

Aggiungo che guardando bene le foto,dubito che la prova riguardasse un test di visibilita'.La parte a cavallo della scocca sembra quasi un sostegno della centralina posizionata sulla parete verticale.Ma che senso avrebbe fare una prova di visibilita' servendosi di una centralina di rilevamento?

Reply
avatar
Fabio
AUTHOR
31 ottobre 2014 22:27 delete

ciao, mi riferisco all'attacco del monopilone zona comando drs

Reply
avatar
Fabio
AUTHOR
1 novembre 2014 14:07 delete

e se fosse un sistema per rilevare la deformazione del telaio dato dal cinematismo limitato della pull anteriore?

Reply
avatar

FUnoAnalisiTecnica. Powered by Blogger.