Il fenomeno del clipping


Nell’anno della rivoluzione del regolamento tecnico, anche nella seconda metà della stagione, le novità continuano a fioccare. A Spa Francorchamps, per la prima volta dall’inizio dell’anno, si è parlato del fenomeno del clipping.
Come sapete, da regolamento tecnico, la power unit può usare la potenza del motore elettrico MGU-K solo per un determinato tempo ogni giro, anzi per essere precisi possono essere spesi solo 4 MJ di energia ogni tornata. Considerando che la potenza massima che il regolamento concede per il MGU-K è di 120 kW (160CV), possiamo stimare che l’utilizzo, a massima potenza, del motore elettrico sia di circa 33 secondi al giro. Ogni scuderia ha diverse tarature elettroniche per distribuire questi 4 MJ o 33s nei momenti migliori.
Fino all’ultima gara si è potuto comunque usare abbastanza liberamente il MGU-K poiché il tempo in cui si poteva usare il motore elettrico, senza rischiare di far pattinare le gomme (quindi perdere il controllo o semplicemente consumare troppo le coperture) era inferiore al limite di regolamento.
Nell’ultimo Gran Premio del Belgio, a Spa Francorchamps invece, nel circuito più lungo del mondiale, con molti tratti a velocità sostenuta, questi 33s non bastavano, così alla fine del lungo rettilineo del Kemmel avveniva il fenomeno del clipping, cioè l’elettronica decideva di tagliare la potenza del motore elettrico MGU-K per non usare tutta l’energia disponibile per quel giro in quel punto e poterla usare anche nel resto del circuito, ottimizzando il tempo.
Insomma negli ultimi metri del rettilineo, nonostante il pilota rimanesse ancora con il piede sull’acceleratore, il motore elettrico smetteva di erogare potenza per preservare energia. Se non fosse stato per questo fenomeno, si sarebbero potute toccare punte di velocità ancora più alte di quelle registrate.
Tuttavia, nonostante il clipping e la cilindrata del motore diminuita rispetto alla scorsa stagione, la speed trap ha registrato nelle prove del venerdì la velocità di 332 km/h, un comunque valore superiore ai 320 km/h dell’anno precedente (sono stati utilizzati i dati del FP3 poiché entrambi gli anni in condizioni di asciutto).
Il clipping potrebbe essere uno dei motivi per il quale la differenza delle velocità di punta tra Mercedes e le altre power unit non era alta come nelle altre piste.
Nonostante la pista di Monza sia molto più corta di quella belga, i lunghi rettilinei brianzoli potrebbero far ripresentare questo fenomeno denunciato per la prima volta dalla Red Bull lo scorso week end.

Questo nuovo regolamento tecnico continua a regalarci novità.
di Niccolò Bertipaglia

Share this

Related Posts

Previous
Next Post »