Secondo AMuS Mercedes e Red Bull in Germania senza il sistema FRIC - FUNOANALISITECNICA F1ANALISITECNICA
Questo sito contribuisce alla audience di

Secondo AMuS Mercedes e Red Bull in Germania senza il sistema FRIC

Il FRIC (front and rear interactive control) è come ben sappiamo un sistema idraulico che riesce a riprodurre un effetto analogo alle sospensioni attive che la Federazione ha dichiarato illegali 20 anni fa.

Questo sistema essendo puramente idraulico era stato sempre considerato legale dalla FIA fino a questa settimana, quando, Charlie Whiting, ha comunicato a tutti i team che a partire dal Gp di Germania la Federazione lo avrebbe considerato illegale in quanto non rispetta l'articolo 3.15 del regolamento tecnico.
Da quello che dici Automotorundsport, Mercedes e Red Bull, per evitare possibili proteste da parte dei team rivali,  sarebbero intenzionata a non usare tale dispositivo a partire dal Gp di Germania.
Per la Mercedes girare senza FRIC non sarebbe una novità in quanto, durante i test invernali, hanno fatto parecchi Km senza l'utilizzo di questa tecnologia. 
Sarà interessante capire se, con la proibizione di questa tecnologia, ci sarà un livellamento delle prestazioni, anche se, personalmente, non mi aspetto uno stravolgimento in pista delle prestazioni delle vetture nonostante Mercedes e Red Bull abbiamo un sistema FRIC molto più evoluto rispetto agli altri team.

Cristiano Sponton

About Cristiano Sponton

Subscribe to this Blog via Email :

39 commenti

Write commenti
Anonimo
AUTHOR
10 luglio 2014 15:27 delete

Amus...ing...
Se Mercedes e Red Bull lo tolgono é perche' hanno la coda di paglia,o comunque hanno sviluppato il sistema in una maniera (piu' sofisticata e secondo diversi principi...) che gli avversari non hanno fatto e nemmeno si sono sognati di fare.
Probabilmente FIA sa (addormentata?collusa?incompetente?) e ha deciso di intervenire.Avrebbe fatto molta piu' bella figura a vietarlo attorno al 2010.Ma si sa,la federazione é totalmente inadeguata,volontariamente o meno che sia.

Reply
avatar
Fabio
AUTHOR
10 luglio 2014 16:50 delete Questo commento è stato eliminato dall'autore.
avatar
Fabio
AUTHOR
10 luglio 2014 16:58 delete

Ciao a tutti,
siamo di fronte all’ennesima pagliacciata FIA. Giudicano illegale un sistema che allora avevano approvato.
Solo per ragioni di spettacolo nient’altro, nella speranza di livellare le prestazioni. Perché allora cara FIA non toglie il congelamento sulle PU??? Allora si che sarebbe una mossa giustificata, ma cosi si toglierebbe il vantaggio della Mercedes e regolamento fatto ad personam (più volte la casa di Stoccarda si è lamentata che senza vittorie si sarebbe ritirata).
Il togliere il FRIC non porterà gran che il vantaggio è aerodinamico-telaistico ( e in effetti la Mercedes e RBR sono le migliori) e soprattutto di IBRIDO ( vantaggio Mercedes)
Lo diciamo da diverso tempo la differenza la fa l’Ibrido….. e la ferrari cosa fa??? Oltre a non spendere un centesimo per questa tecnologia , licenzia anche un signor motorista ( Marmorini) che magari ha eseguito gli ordini o i target dati dai più alti esponenti.
Chissà che scuse si inventeranno il prossimo anno…

Reply
avatar
10 luglio 2014 18:50 delete

Scelta esclusivamente politica, le gare sono pressoche' scontate( per la vittoria), pertanto serviva qualcosa per renderle piu avvincenti per incentivare gli ascolti.
Sono proprio curioso di vedere come l'abolizione del FRIC rimescolarera' le carte...

Reply
avatar
10 luglio 2014 19:57 delete

per me invece livellerà, mercedes e redbull che viaggiano di rake e allo stesso tempo hanno trazione e non consumano troppo le gomme ...hanno trovato il bilanciamento prfetto con tsle FRIC

Reply
avatar
10 luglio 2014 20:17 delete

Concordo........sbaglio o sono già un paio di stagioni che si parla di un FRIC della Mercedes molto più evoluto degli altri? Secondo me in queste due stagioni i tedeschi hanno investito tantissimo sullo sviluppo di un sistema FRIC estremo, che garantisca un bilanciamento della vettura perfetto (e ci sono riusciti alla grande). Ricordiamoci che i motorizzati Mercedes prendono 2 secondi al giro se non di più dalla "casa madre", e a parità di motore al giorno d'oggi 2 secondi di sola aerodinamica mi sembrano tanti.
Sono curioso di vedere come andrà il GP di Germania. E scommetterei su un weekend diversissimo dagli altri...

Reply
avatar
Anonimo
AUTHOR
10 luglio 2014 21:10 delete

prevedo più problemi per Hamilton ,un noto mangia gomme, che per Rosberg.....la FIA cerca di livellare i piloti Mercedes dopo che Rosberg ha perso 25 punti a Silvestrone?

Reply
avatar
maxleon
AUTHOR
11 luglio 2014 01:05 delete

Non ricordo dove l’ho letto, ma il divieto sarebbe scaturito da un utilizzo non proprio legale del sistema da parte di un paio di scuderie, in pratica il sistema da queste utilizzato, permetterebbe finanche di variare l’altezza da terra e sotto questo punto di vista ci sarebbe una chiara violazione dell’art. 3.15 del regolamento sportivo, quindi mi pare ovvio che se c’è stata una segnalazione (sembrerebbe da parte di Ferrari Mclaren e Caterham)la Federazione non poteva non intervenire immediatamente e lo ha fatto in maniera salomonica, ponendo tutti sullo stesso piano (niente fric per nessuno).

Reply
avatar
Anonimo
AUTHOR
11 luglio 2014 01:07 delete

Ma allora è ufficiale? Marmorini è stato cacciato???

Reply
avatar
Anonimo
AUTHOR
11 luglio 2014 09:05 delete

Se lo hanno tolto con questa facilità (Mercedes), significa solo che il sistema non è cosi fondamentale per le prestazioni come la federazione crede.

Reply
avatar
Nicola Mora
AUTHOR
11 luglio 2014 10:45 delete

Ricordo ancora il GP di Silverstone del 2011. Vittoria della Ferrari che senza l'effetto degli scarichi soffiati era la più forte del lotto. Tutto tornò come prima alla gara successiva con un clamoroso dietrofront... Questa situazione mi sembra molto, molto (troppo) simile...

Reply
avatar
Mario
AUTHOR
11 luglio 2014 13:40 delete

ciao Fabio
oh sentito dire che in ferrari sarebbero in arrivo dal team mercedes
3 ingegneri motori per l'ibrido è dal team RB 3 ingegneri per l'aerodynamica
se e vero vuol dire che mattiacci sta provando di creare una rivolutione,
fry e tombazis forse anche loro via.
speriamo bene

Reply
avatar
Frenk
AUTHOR
11 luglio 2014 19:00 delete

...oppure perché la Fia ha sgamato chi é andato "oltre".

Reply
avatar
Anonimo
AUTHOR
11 luglio 2014 21:14 delete

ma che coda di paglia se non era vietato?

Reply
avatar
kroky78
AUTHOR
11 luglio 2014 23:06 delete

Ciao maxleon, ma nemmeno questa è una novità. L' ing. Tredozi rilasciò un' intervista lo scorso anno (riportata anche da F1Analisitecnica) in cui diceva chiaramente che il sistema FRIC permette a certe vetture (all' epoca parlava specificamente della Red Bull, in relazione alla questione dello splitter deformabile) di variare l' assetto al variare della velocità, quindi un assetto più picchiato alle basse velocità, per incrementare il carico aerodinamico, e via via più piatto al crescere della velocità, per diminuire il drag. Non solo, molto probabilmente il sistema era utilizzato da Red Bull già nel 2012, ed il famoso sfregamento dello splitter della macchina di Vettel durante il gp di Corea sarebbe imputabile ad una perdita di pressione di questo sistema idraulico. Ergo per gli addetti ai lavori non è affatto una novità. Sembra proprio un caso di "giustizia ad orologeria" fatto per cercare di ridare una parvenza di interesse alla stagione 2014.

Reply
avatar
maxleon
AUTHOR
11 luglio 2014 23:54 delete

Si che ricordo la questione, ne parlammo anche molto fra di noi se non erro, ma io non la vedo come te, non parlerei di giustizia ad orologeria, ma come al solito di aggiramento delle regole, in fin dei conti è probabile che la Federazione non avesse elementi sufficienti per decretare l'irregolarità del sistema, di per se molto complesso e che solo ora abbia avuto delle informazioni specifiche al riguardo.

Da quello che ho capito il FRIC non è stato vietato, è stato solo segnalato ai vari team che un suo uso particolare può essere considerato illegale, per cui la Mercedes ha deciso di non utilizzarlo per niente per evitare proteste da parte di altri team, il che la dice lunga sulla sua effettiva funzione a fini aerodinamici in barba a tutte le presunzioni.

L’impatto in termini di prestazione che tale decisione può avere non lo sappiamo, ne do credito alle parole di Lauda che minimizza la questione, certo non mi aspettavo che dicesse il contrario, ma se la Mercedes può permettersi di avere un margine enorme sulla concorrenza, lo stesso non può dire la Red Bull, che, guarda caso, è ancora fra le dirette concorrenti della Ferrari per il secondo posto nel titolo costruttori insieme alla Williams che pure potrebbe essere penalizzata da questa decisione.

Una cosa mi sembra strana, si sente parlare di tre tecnici dalla Mercedes verso la Ferrari e guarda caso spunta la polemica su questa questione, che sia già in atto una vera e propria fuga di informazioni? Tra l’altro la protesta si dice venga dalla Ferrari, dalla Mclaren e dalla Caterham, ciò giustificherebbe il tardivo intervento della FIA proprio in questo momento.

Reply
avatar
wendur
AUTHOR
12 luglio 2014 12:55 delete

da quello che so marmorini sembra fuori e poi il prossimo a rischiare sia pat fry per quanto riguarda gli arrivi sono 3 tre dalla mercedes e tre dalla red bull

Reply
avatar
kroky78
AUTHOR
12 luglio 2014 17:41 delete

Omnicorse riporta delle dichiarazioni di Newey, secondo cui il maggior nocumento dall' abolizione del Fric -che dovrebbe valere 2/3 decimi al giro- sarebbe a carico della Williams, che sarebbe addirittura riuscita a mettere a punto un sistema contrattivo/passivo sull' asse anteriore, tale da rendere la macchina insensibile, o quasi, ai passaggi sui cordoli, altre che della Mercedes. Però anche la Red Bull dovrebbe essere dotata di un sistema molto performante (non per niente lo scorso anno c' è stato il polverone delle gomme con carcassa in acciaio...). Sul dubbio che si tratti di giustizia a orologeria o di semplice ignoranza protratta per tre anni non so cosa sia peggio; in fin dei conti i delegati Fia hanno facoltà di smontare le macchine pezzo per pezzo e di fare tutte analisi del caso. A meno che le evoluzioni più estreme del sistema siano roba recente e allora si spiega che si siano svegliati adesso. Non credo al fatto che tecnici Mercedes che, forse, potrebbero approdare in Ferrari si siano messi a divulgare segreti industriali, la Spy Story è ancora recente.

Reply
avatar
Anonimo
AUTHOR
12 luglio 2014 19:14 delete

I correttori di assetto erano e sono vietati in F1.E cos'é Il FRIC se non altro che un correttore di assetto,visto che consente di controllare e correlare il comportamento della vettura fra anteriore e posteriore?

Reply
avatar
Anonimo
AUTHOR
12 luglio 2014 19:30 delete

Maxleon,ma come fai ancora a credere che la FIA "non avesse elementi sufficienti per decretare l'irregolarita' del sistema"???
Il FRIC connette idraulicamente anteriore e posteriore della vettura,per controllare l'assetto della stessa.Di che elementi credi avrebbe avuto bisogno la FIA per comprendere il tutto?Bastava dare un'occhiata ai tubi ad alta pressione che passano dal posteriore all'anteriore attraverso pance e scocca!Bastava ascoltare le parole degli ingegneri che chiedevano ai delegati se la soluzione dal loro pensata fosse utilizzabile:"Vorremmo connettere idraulicamente l'asse posteriore con quello anteriore".La FIA sapeva benissimo e se n'é fregata altamente,come se ne sono fregati i team che non hanno implementato il sistema per primi (agevolazioni regolamentari in cambio?Oppure soldi?).
Secondo te,a cosa serve connettere idraulicamente le sospensioni posteriori con quelle anteriori,se non ad ottenere un controllo che senza la connessione non é possibile?E cos'é un controllo,se non un correttore di assetto?
Ti risulta che la F1 nel regolamento contempli l'utilizzo dei correttori di assetto?No!E allora perche' cavolo la FIA ha ammesso in pista questa soluzione palesemente irregolare?
Di piu',facendo un escursus a soluzioni bloccate sul nascere dalla stessa federazione:perche' invece la FIA in passato avrebbe dato parere negativo alla soluzione studiata in particolare da Lotus e Ferrari per ridurre l'affondamento dell'anteriore in frenata?Per Renault nel 2009,Mercedes dal 2010,Red Bull e Williams ultimamente,non riuscivano (da buoni collusi) a trovare prove che il sistema fosse irregolare,mentre per Lotus e Ferrari,mi pare nel 2013 si???
Perche' il correttore dei primi ha potuto correre in pista,mentre quello dei secondi no,dal momento che non conta come venga implementato sulla vettura,ma che sia un correttore a tutti gli effetti e basta?

Reply
avatar
maxleon
AUTHOR
12 luglio 2014 20:35 delete

Resta il fatto che la FIA non ha detto che il FRIC sarebbe stato considerato automaticamente illegale, (ufficialmente dal 2015 sarebbe stato messo al bando per una questione di costi) ma ha semplicemente ribadito ai team che per taluni aspetti esso potrebbe essere considerato illegale; ora mi sembra evidente che quei "taluni aspetti" sono a conoscenza di tutti e se non hanno raggiunto l'unanimità nell'accettarli vuol dire che qualcuno tira acqua al suo mulino e guarda caso la scuderia che per prima ha risposto è stata proprio la Mercedes.

Per quanto riguarda la FIA, credo che come per le deroghe concesse negli anni scorsi ai motorizzati Renault, anche quet'anno avesse le mani legate, perchè se ne aveva decretato la legittimità in passato, ora non poteva, di punto in bianco dire che non lo erano più, è evidente che sono venuti a galla ulteriori elementi di valutazione sulla base dei quali il sistema può essere considerato illegale.

Reply
avatar
kroky78
AUTHOR
12 luglio 2014 21:17 delete

L' articolo 3.15 del regolamento tecnico parla di "influenze sull' aerodinamica" non di influenze sull' assetto. L' equivoco, altrimenti detto zona grigia è tutto qui. Finchè i team sono riusciti a far passare che il Fric fosse solo un sistema, totalmente passivo, per migliorare l' handling della vettura, quindi migliorare la dinamica generale a tutto vantaggio della trazione e guidabilità nessuno ha avuto niente da obiettare, anche perchè il regolamento vieta solo i sistemi attivi che eventualmente assolvono a tale funzione. Solo adesso si sono accorti che le variazioni di assetto (o le non variazioni) influiscono più o meno pesantemente anche sul bilanciamento aerodinamico, soprattutto se dispongo di un sistema che aumenta l' angolo di rake al diminuire della velocità...

Reply
avatar
Anonimo
AUTHOR
12 luglio 2014 21:44 delete

Kroky,il fatto che la FIA individui nel FRIC,ovvero in un sistema sospensivo integrale idraulico,qualcosa di passivo,dipende unicamente dal fatto che la federazione ha in una manica di tecnici e delegati incapaci.
Se il FRIC fosse un sistema passivo e influenzante l'aerodinamica e non l'assetto,come farebbe a permettere un controllo di assetto diverso e migliore rispetto ai tradizionale lavoro delle sospensioni,separate sui loro assi di competenza?
Non facciamoci abbindolare dai burocrati incapaci della FIA,please:le sospensioni tradizionali,separate fra assi nel loro funzionamento,solo parzialmente capaci di limitare beccheggio e rollio sono definibili come "SISTEMA TOTALMENTE PASSIVO".Tutto cio' che migliora nel suo funzionamento un sistema base definito passivo,non puo' che essere perlomeno meno passivo del sistema base,ergo attivo.Se non fosse attivo,non potrebbe opporsi discretamente alle forze che il sistema passivo non riesce a governare in maniera soddisfacente.
Nessun terzo elemento,barra di torsione,antirollio,ammortizzatore rotante montato sul singolo asse potra' mai avere un rendimento migliore di un FRIC,anche il piu' rudimentale.Volendo poi cercare il pelo nell'uovo,anche il singolo elemento elastico é definibile attivo,cosi' come una sospensione a bilancere a rapporto variabile.O vogliamo pensare che nell'automobilismo e nella F.1 in particolare si utilizzino delle molle con costante elastica=0 o tendente all'infinito?

Reply
avatar
kroky78
AUTHOR
12 luglio 2014 22:27 delete

Non sono d' accordo, le mitiche sospensioni attive della Williams del '92 sfruttavano degli attuatori elettroidraulici, controllati elettronicamente da un sistema estremamente evoluto per l' epoca: le reti neurali. La Fia, abolendo le sospensioni attive di fatto abolì il controllo elettronico delle stesse. Il Fric è un sistema di interconnessioni idrauliche che, per quanto complesso, è realizzato con componenti idraulici controllati meccanicamente, quindi ci saranno una miriade di valvole, valvole unidirezionali, pressostati, strozzatori, limitatori di pressione e chi più ne ha più ne metta a TARATURA FISSA, non modificabile il gara ne dal pilota, ne tantomeno dai box (dato che la telemetria bidirezionale è vietata da un secolo). Tale sistema corrisponde perfettamente, io credo, ad un sistema di controllo passivo, altrimenti sarebbero illegali anche gli ammortizzatori... Ed infatti, ripeto, finchè si è creduto che il sistema intervenisse unicamente sulla dinamica del veicolo, migliorandola, nessuno ha obiettato. Probabilmente questi sistemi sono oggi talmente evoluti da migliorare notevolmente l' efficienza aerodinamica lavorando sull' assetto meccanico, tanto che la prima ne beneficia più del secondo. Allora ecco spuntare il famigerato articolo 3.15 " Aerodynamic influence"

Reply
avatar
maxleon
AUTHOR
13 luglio 2014 00:33 delete

Credo che offendere i tecnici della FIA non serva assolutamente a nulla, di fatto la Federazione ha approvato il sistema FRIC considerandolo DA SEMPRE un sistema passivo, quindi è perfettamente inutile prendersela con i tecnici, in linea di massima sono quindi daccordo con kroky78, un sistema passivo è ammesso, che poi questo si comporti come se fosse controllato elettronicamente è un altro discorso, in ogni caso credo che si sta dando per certo delle cose che non lo sono affatto, si parte dal presupposto che tutti siano stati ligi al regolamento e non abbiano "barato", cosa che io non credo sia avvenuta, ogni scuderia ha i suoi segreti e non tutti sono legali al 100%, di fatto la FIA si è mossa ed io credo che qualcuno la abbia spinto a farlo.

In altre parole la/e scuderia/e x;y;z hanno segnalato alla FIA che il sistema così come utilizzato da alcuni era illegale per un ben precisato motivo; la FIA vaglia e decreta che se effettivamente quel motivo esiste, allora il sistema è illegale. La FIA salomonicamente avvisa tutti e dice:

Guardate che il FRIC se usato in questo modo è illegale, però se volete continuare ad usarlo basta che siete tutti daccordo a farlo, ma evidentemente non c'è stata l'unanimità quindi il FRIC non si userà.

Reply
avatar
Anonimo
AUTHOR
13 luglio 2014 09:05 delete

Vittoria fatta con il motore del buono a nulla Luca Marmorini

Reply
avatar
Anonimo
AUTHOR
13 luglio 2014 12:16 delete

Max,dare ai tecnici FIA l'appellativo di "incapaci" non é offendere,piu' semplicemente prendere atto.Kroky,intanto é tutto da dimostrare che il FRIC abbia una sola taratura.Come si puo' cambiare la taratura di un ammortizzatore idraulico dalla guida (esempio:ammortizzatore di una mountain bike) cosi' lo si puo' fare per un circuito di controllo.Se qualcuno lo fa e la FIA non lo trova (come non ha trovato tanti altri accorgimenti ultimamente) il team lo usa a suo piacimento.Chi ti dice poi che il sistema non si autoregoli in base al carico di benzina imbarcato?O in base alla velocita',come si diceva gia' l'anno scorso?Che sistema passivo dei miei stivali sarebbe,in questi 3 casi?
Ma anche ammesso che il sistema avesse una sola taratura (pero' modificabile da circuito a circuito,da FP a FP...gia' qui si potrebbe parlare di controllo attivo) tu sei troppo convinto che un sistema puramente idraulico non possa comportarsi diversamente a seconda delle situazioni e delle sollecitazioni a cui é sottoposto (grandezza delle forze applicate in relazione e non all'unita' di tempo).Dove sta scritto che un sistema idraulico evolutissimo non possa farlo?Ti fai troppo condizionare dalla presenza o meno delle elettrovalvole,per cui:presenza elettrovalvole=sistema attivo,assenza delle stesse=sistema passivo.
Se Il FRIC fosse un sistema passivo,come potrebbe dare una risposta congrua e soddisfacente ai vari scenari di sollecitazione a cui una F.1 é sottoposta.Probabilmente non sarebbe in grado di soddisfare i tecnici,di essere efficiente in tutte le situazioni che si presentano in pista,in alcuni comportamenti della vettura si avvicinerebbe molto al rendimento di una monoposto che é priva del FRIC.Soprattutto non staremo a parlare di FRIC evoluti:da quando un sistema viene definito evoluto se non soddisfa tutte richieste per il quale é stato concepito e implementato in una vettura?E da quando un sistema a taratura fissa puo' essere cosi' elastico da avere una risposta soddisfacente per n scenari di sollecitazione?
A prescindere da tutto quello che ho scritto sin'ora,una F.1 tradizionale sarebbe settata in maniera che l'asse posteriore abbia delle sue prerogative specifiche,cosi' come quello anteriore.Fra gli assi non ci sarebbe nessuna forma di controllo,di,per cosi' dire,scambio di informazioni,per cui il loro funzionamento sarebbe indipendente,autonomo.Qualsiasi sistema interposto fra i due assi,tendente a limitare questo comportamento autonomo,é qualcosa che ha una attivita' propria (altrimenti l'indipendenza rimarrebbe,dal punto di vista degli assi e altrimenti la risposta del FRIC sarebbe unica,una specie di interruttore 1/0) quindi a tutti gli effetti,elettrovalvole o non elettrovalvole,é un sistema attivo.Un sofisticato sistema attivo non elettroattuato,ideato,proggettato,costruito e montato sulle monoposto da ingegneri che necessitavano di un sistema che rispondesse a piu' esigenze,non é l'elasticita' ineliminabile di un terzo elemento,che so:la scocca.
La grandissima colpa dei tecnici FIA é aver chiuso gli occhi su un sistema che modifica il naturale comportamento delle vetture,seguendo un preciso modello calcolato dagli ingegneri,implementato in un sistema idraulico (ammesso che non ci sia qualche parte elettrica abilmente celata).Che il sistema attivo (come si fa a dire che qualcosa che risponde sofisticatamente a delle sollecitazioni é passivo?Mi fai l'esempio degli ammortizzatori?Ma é un elemento molto piu' rozzo) sia attivato da un programma informatico,da delle elettrovalvole o da un sofisticatissimo sistema idraulico,alla fine cosa cambia?E o non é pur sempre un sistema che soddisfa delle esigenze molto complesse,modulando e differenziando le risposte?

Reply
avatar
maxleon
AUTHOR
13 luglio 2014 13:48 delete

Perdonami, ma quando si da dell'incapace a qualcuno si parte dal presupposto che chi critica debba avere una conoscenza in materia superiore a chi viene criticato, altrimenti il giudizio dato vale meno di zero, per cui io continuo a credere che i tecnici FIA non siano tanto incapaci, ma il discorso è tutto correlato al regolamento e se questo dice che sono ammessi sistemi passivi ed il FRIC è stato considerato tale i tecncici non DEVONO andare a cercare il cavillo, ma solo adempiere alle richieste che fa la Federazione, se questa dice di smontare una vettura loro lo devono fare e controllare, ma se questa richiesta non c'è, allora noi osservatori possiamo scagliarci contro di loro ma non ha senso.

Per il resto, è inutile arrovellarsi sul fatto cse il sistema sia attivo o passivo, il problema non sembra essere quello e Kroky lo ha scritto chiaramente, si fa espresso riferimento all'art. 3.15, quindi è una questione aerodinamica.

Reply
avatar
Anonimo
AUTHOR
13 luglio 2014 16:05 delete

E' proprio per questo che li reputo incapaci.Come fa qualcosa di passivo ad influire sul comportamento dinamico di una monoposto.E' chiaro che,invece,é qualcosa di attivo.Non bisogna soffermarsi sulla spiegazione:attivo=sistema che il pilota o un software mettono in funzione al momento opportuno.Ma andare oltre,ovvero:attivo=qualche cosa che svolge un'attivita',che agisce.E il FRIC agisce,eccome se agisce!
Siccome non é una componente fondamentale di una F.1,siccome la sua mancanza non inficia il funzionamento di una monoposto,i delegati dovevano vietarlo a prescindere.Ma é tanto difficile da capire?
Se il regolamento ha uno suo filo conduttore,un suo principio ispiratore,i delegati FIA dovrebbero essere preposti a difendere e far rispettare si o no questo principio?E se uno dei principi ispiratori del regolamento é quello di limitare la velocita' in curva e in generale delle F.1 (altrimenti perche' vietare gli scarichi soffiati,i double decker,l'elettronica massiva,i t.c.,le scalate multiple programmate,i fondi alari,le ali a deformazione programmata ecc. ecc.?) mi spieghi perche' cavolo poi i delegati tecnici dovrebbero andare (e vanno) nella direzione opposta,dando l'O.K. al FRIC che avvantaggia le prestazioni di parecchio proprio in curva,ma anche in rettilineo riducendo la resistenza d'avanzamento?
Non solo:ci si lamenta da anni di scarso spettacolo nella F.1,di prestazioni troppo differenti tra top team e piccole-medie scuderie e mi vai a dare l'Ok ad un sistema che favorisce di molto chi ha denari da spendere,chi ha enormi uffici di ricerca e sviluppo,chi ha possibilita' di sofisticati (e correlati) sistemi di simulazione e banchi prova?
Dai,non prendiamoci per i fondelli.I tecnici in discussione,i delegati FIA per la precisione,non sono incapaci,sono piu' che incapaci.E se non ti piace la parola "incapaci" puoi sostituirla a tua scelta con il termine "complici".
Se avessero agito come dico io (sono loro che decidono,un no certo e sicuro all'inizio della questione,come avrebbe potuto essere ribaltato dai team che proponevano la soluzione?) sarebbe stato tutto piu' chiaro,sportivo e coerente.Non é che in mancanza dell'implementazione del FRIC un mondiale di F.1 va a rotoli eh,semmai va a rotoli la credibilita' se togli il FRIC a meta' stagione.
Un no detto subito,avrebbe dato pari opportunita' a tutti.Un no ora,ha avvantaggiato chi ha avuto un FRIC piu' evoluto per anni e ora,da tolto,non li svantaggia,perche' mica vengono sottratti i punti conquistati grazie a questa soluzione.Mercedes ora,con le risorse che ha,ne fara' a meno e sviluppera' un sistema tradizionale,modificando le sospensioni probabilmente,senza patire problemi di budget,i team minori saranno cornuti e mazziati:oltre a spendere soldi per un dispositivo che non ha mai eguagliato quello dei top team,ora non avranno questi stessi soldi per sviluppare diversamente la monoposto.
Ma ti sei mai chiesto perche' queste situazioni,queste soluzioni tecniche,queste furbate,appaiono approvate in F1 per poi scomparire,mentre tutto cio' non succede mai nei rally,nel Wec,in Gp2 o in altre categorie?Io credo che sarebbe anche ora che tu ti ponessi questa domanda,siccome difendi gli agenti FIA a priori.
Non é che i delegati tecnici FIA che operano in F.1 a rotazione si occupano anche delle altre categorie menzionate,non c'é una turnazione.
Quelli della F.1 sono li e rimangono sempre li,in F1,per anni (vedasi Bauer o Whiting).Che ci sia magari una correlazione fra casini regolamentari e la scarsa serieta' o incompetenza di tali delegati?Io dico:ASSOLUTAMENTE SI!
I

Reply
avatar
queruccio
AUTHOR
13 luglio 2014 17:54 delete

ma..premetto che non sono un esperto di meccanica, dato che sono un gestionale:P
quello che ho imparato seguendo la formula 1, per quel che potevo imparare, è che un sistema è considerato attivo, se c'è un controllo diretto da parte di qualcuno (pilota, meccanici, o cervello elettronico che sia)..
ad esempio il traction control è considerato attivo in quanto se il sensore rileva un pattinamento, allora ne corregge la trazione, altrimenti non fa niente..idem l'ala mobile, è il pilota che lo attiva, altrimenti non si apre..
pertanto se i meccanici riescono a far attivare un marchingegno in maniera automatica (ad esempio l's-duct se non sbaglio si chiamava così), non è "reato" perchè nessuno ha fatto niente, ma ha fatto tutto il "vento".
questo sistema idraulico fric, deve evidentemente funzionare così..date delle condizioni al contorno, (un certo beccheggio, o un certo rollio) i meccanici hanno permesso a priori, dopo miriadi di simulazioni (e soldi a non finire data la complessità del sistema) che il sistema si comportasse in una maniera tale da stabilizzare la pianta della vettura (un pò come la sospensione cardanica no?:O) in tutte le condizioni.
Ora..finchè la FIA ha creduto che questo serviva per mantenere stabile l'assetto meccanico della macchina (in particolare per il beccheggio, perchè all'inizio era utilizzato solo per quello, se non vado errato) allora, era come avere un super sistema sospensivo (quindi passivo, ma in ogni caso mobile, perchè i fluidi della vettura all'interno si muovono credo) in grado di stabilizzare meccanicamente la vettura..Successivamente, quando hanno cominciato a usarlo per stabilizzare anche il rollio nelle curve veloci quali quelle di silverstone, dove l'aerodinamica è importantissima, hanno capito che questo sistema non influenza solo la meccanica, ma anche l'aerodinamica..poi avranno detto, "ma evidentemente allora anche i primi FRIC lo facevano con il beccheggio"..e quindi non è che l'hanno vietato, ma hanno detto "ragazzi se continuate a usarlo, può venire qualcuno a far reclamo e dire che è utilizzato anche a fini aerodinamici, e io non posso che dargli ragione, per cui o vi mettete d'accordo voi, o regolatevi di conseguenza".
Pertanto sono d'accordo con quanto dicono Kroky e Maxleon.
l's-duct o f-duct passivo, che modificava l'assetto aerodinamico della macchina non era considerato illegale, perchè semplicemente non era mobile..questo invece è mobile, e non è che cambia l'assetto aerodinamico della macchina rispetto a quello su rettilineo, semplicemente lo cambia rispetto a quello che dovrebbe avere una macchina in curva normalmente. Penso sia stato questo il ragionamento della FIA. Con ciò non voglio ne giustificarli o altro, ma semplicemente immedesimarmi.. e sicuramente rimane che le magagne in ogni caso ci sono in questo sport..
per scrivere quello che ho scritto, ho preso spunto da questo articolo di blogf1, che, a mio avviso è molto preciso e interessante.
http://www.blogf1.it/2014/07/12/sospensioni-interconnesse-ecco-come-funziona-il-fric/

Reply
avatar
14 luglio 2014 10:04 delete

potrebbe il FRIC lavorare sul sistema sospensivo destro/sinistro....? questo sarebbe un altro aiuto non da poko a chi guida....
sistemi di altezze rigidità diverse a seconda se la curva è a destra o sinistra...

Reply
avatar
Anonimo
AUTHOR
14 luglio 2014 12:53 delete

E' quello che c'é scritto nel blog linkato dall'utente queruccio poco sopra.
ovvero il FRIC Mercedes interviene anche sul rollio oltre che sul beccheggio.

Reply
avatar
Anonimo
AUTHOR
15 luglio 2014 12:15 delete

Che piaccia o no,la FIA ha abolito i sistemi di controllo attivi perche' garantivano un milgioramento delle prestazioni esponenziale e troppo pericoloso in relazione alle possibilita' di incidente (leggi:velocita' di percorrenza in curva e relative condizioni a cui poteva essere sottoposto il corpo umano.Accelerazioni e tempi di risposta dei riflessi in primis.) Quando dico che la FIA é composta da commissari incapaci lo dico nel senso che i suddetti hanno ammesso un sistema affatto fondamentale per il funzionamento di una monoposto (e qui lancio l'idea:perche' non vietare tutte le novita' che non sono legate strettamente al funzionamento delle singole componenti?Il divieto non permetterebbe l'aumento delle prestazioni?E dove sta scritto che FIA debba dare l'OK al miglioramento delle prestazioni,piuttosto che non la stabilita' regolamentare?Se i team vogliono migliorare le prestazioni,che cerchino i miglioramenti nelle singole componenti gia' esistenti,o nella loro interazione,nel senso di miglior implementazione) che forse (ho scritto forse...) non ha un controllo attivo,ma sicuramente ha una funzione attiva nel miglioramento delle prestazioni.Esattamente come l'avevano il t.c. le sospensioni attive,l'elettronica che é stata a suo tempo vietata.Non é importante tanto che un sistema sia attivabile o meno dall'esterno,quanto che tale sistema,ridondante rispetto ai sistemi presistenti sulle monoposto,sia attivo nel processo di miglioramento delle prestazioni.Alla fine non conta se un sistema si attivi da solo o meno,ma se migliori le prestazioni o meno e il FRIC lo fa.La FIA mica ha vietato tutta l'elettronica,sospensioni attive comprese,perche' era attivabile dal pilota o dai box,ma perche' tali sistemi permettevano di migliorare le prestazioni.Esattamente come il FRIC.Anche il comando del cambio,elettroattuato o meno,é un controllo attivo,ma la FIA non l'ha vietato,introducendo il cambioa automatico,proprio perche' quello manuale non migliora le prestazioni.Fosse stato l'opposto il cambio manuale sarebbe stato vietato da almeno 40 anni,come gli alettoni mobili...
Per quanto riguarda la parte finale del tuo discorso,queruccio,su controllo del beccheggio e rollio,quando dici che FIA all'inizio pensava che il FRIC fosse solo un controllo di assetto e non aerodinamico...questa sarebbe la riprova dell'ignoranza dei tecnici delegati.E l'assetto della monoposto che stabilisce il posizionamento del fondo vettura rispetto al suolo.Una monoposto con distanze da terra piu' costanti e meno soggette a repentine variazioni fa lavorare meglio il diffusore posteriore e non solo.Ergo:migliora il rendimento aerodinamico.Non serve che il FRIC sia evoluto,basta averne uno che limita grezzamente l'affondamento in frenata per migliorare di molto il rendimento del fondo della vettura.Non servono ne tecnici sopraffini ne tantomeno FRIC evolutissimi per poter ribadire cio'.

Reply
avatar
Anonimo
AUTHOR
15 luglio 2014 12:15 delete

Comunque sia,credo che dal punto di vista aerodinamico sia molto piu' importante il controllo del beccheggio che quello del rollio.Al beccheggio sono collegati la variazione del centro di pressione aerodinamico,possibili effetto di pompaggio,la riduzione del rendimento del fondo vettura,del diffusore in particolare,visto che il beccheggio agisce proprio sulla sezione longitudinale della vettura,ovvero va a variare le condizioni di funzionamento ideali del fondo stesso.Il rollio invece vede sempre una porzione del fondo lavorare ad altezze compatibili con i dati di progetto e non modifica l'angolo del fondo e del diffusore rispetto al suolo in senso longitudinale.
Dal punto di vista dei trasferimenti di carico,quelli relativi al beccheggio sarebbero anche positivi in senso generale per la vettura,salvo che per la questione aerodinamica:maggior peso all'anteriore in frenata significa maggior aderenza e potere frenante,cosi' come il coricamento al posteriore,in accelerazione,garantisce maggior trazione.Questo senza considerare sistuazioni intermedie,ad esempio frenata a ruote sterzate,dove il maggior carico all'anteriore oltre un certo limite penalizza.Per quanto riguarda il rollio,invece, i traferimenti di carico danno solo svantaggi,per questo dal mio punto di vista l'utilizzo del FRIC da grossi vantaggi aerodinamici nel controllo del beccheggio ed evidenti miglioramenti nel puro assetto meccanico,ovvero miglioramento nell'aderenza e nel grip meccanico dal punto di vista del controllo del rollio.

Reply
avatar
Anonimo
AUTHOR
16 luglio 2014 17:58 delete

Ragazzi ma sull'ultimo Autosprint,errore o meno che sia,nel disegno schematico del FRIC é posizionata anche una CENTRALINA ELETTRONICA che gestirebbe l'accumulatore collegato agli attuatori presenti sulle sospensioni.
Una centralina elettronica in un sistema passivo?Dai,non prendiamoci per i fondelli!I commissari sapevano da sempre dell'esistenza della centralina e hanno fatto passare il sistema come passivo,funzionante da se stesso.A questo punto la differenza fra il FRIC e le sospensioni attive é solamente qualificabile dal punto di vista della complessita' del sistema e dalle variabili che la centralina deve controllare e attuare.
O qualcuno riesce a spiegare la differenza di "autonomia" o di "attivita'" fra la centralina del FRIC e quella delle sospensioni attive??
Di certo il sistema del FRIC é molto piu' evoluto dei martinetti idraulici che si usavano negli anni 80 nelle soste ai box (inizio' la Brabham) e che poi vennero vietati,perche' ritenuti correttori di assetto.
Martinetti no-FRIC si-sospensioni attive no.
La spiegazione di tutto cio' non la sa nemmeno la FIA.E c'é ancora chi ha il coraggio di difendere i delegati tecnici.
Su Omnicorse si pare pure di gestione del tutto da parte del GPS (quindi regolazioni individuali a seconda del circuito e del tratto di circuito in questione...).
Se vogliamo chiamare questo,giusto per prenderci in giro,controllo passivo...

Reply
avatar
kroky78
AUTHOR
16 luglio 2014 21:53 delete

Sicuramente se siamo in presenza di una centralina elettronica che gestisce il sistema, o parte di esso, si configura un sistema di controllo attivo, quindi assolutamente illegale. Sinceramente mi sembra impossibile che la Fia non si sia accorta, eventualmente, di questa centralina o che l' abbia tollerata per 3 anni. Più facilmente si tratta di un errore, anche perchè non vedo come un semplice accumulatore (quindi il serbatoio dell' olio?) debba essere gestito da una centralina...

Reply
avatar
Anonimo
AUTHOR
17 luglio 2014 13:12 delete

Dubito che sia un errore.C'é scritto che c'é una centralina e c'é pure il disegno di Piola che indica i componenti,centralina compresa.Come non vedi come la centralina possa gestire l'accumulatore?Potrebbe controllare la pressione all'interno dello stesso,la pressione delle singole uscite e l'apertura delle uscite/ingressi.Ti ricordo che (almeno secondo a quanto si dice) gli attuatori non potrebbero essere controllati da elettrovalvole o comunque controlli elettronici,ergo il comando viene dato dalla differenza di pressione.Che la centralina gestirebbe grazie proprio al suo controllo sull'accumulatore.
Praticamente per come l'ho capita io:FIA avrebbe ammesso un controllo elettronico piu' a monte rispetto a quello vietato,direttamente sugli attuatori.Sarebbe una enorme pagliacciata.
E comunque se hai letto la diatriba che ha visto postare commenti fra te,maxleon e me,ricordi anche che ho scritto che non mi sarei stupito se alla fine nel FRIC ci fosse la presenza di una centralina,visto che un sistema puramente passivo,puramente idraulico,per quel poco che ne so io,anche se sosfisticatissimo e complessissimo si potrebbe sognare i controlli che si dice siano possibili per il FRIC attuale.

Reply
avatar
kroky78
AUTHOR
17 luglio 2014 19:12 delete

La pressione dell' accumulatore e delle varie uscite, la si può controllare con delle valvole di massima pressione, meccaniche, pre-tarate e perfettamente passive. Anche la logica di intervento dei singoli attuatori può essere controllata utilizzando le pressioni dei vari rami del circuito come segnali di input e di comando. In pratica si esegue una retroazione sull' attuatore utilizzando la pressione a valle dello stesso, o una qualsiasi altra, sempre e comunque mantenendo i settaggi fissi, su ogni componente. Questo se si vuole rimanere nell' ambito del controllo passivo. Una centralina elettronica invece, potrebbe essere usata per variare le soglie di intervento dei sistemi al variare delle condizioni di esercizio, configurando un controllo attivo. Però potrebbe essere anche utilizzata -e credo proprio che sia così- solo per la telemetria del Fric, collegata a vari trasduttori di pressione, per monitorare l' efficienza del sistema in tempo reale. Quindi ok all' elettronica ma solo per effettuare le misurazioni del caso, credo che il regolamento non lo vieti.
Sul discorso della diatriba, per me non lo è, semplicemente io esprimo il mio parere, cercando di circostanziarlo come meglio posso e tu il tuo. Non è detto che io abbia ragione e tu torto. Sicuramente il confronto di idee non può che giovare a tutti.

Reply
avatar
18 luglio 2014 12:13 delete

Mi sembra che stamattina senza FRIC( almeno per quel che si e' detto) le Mercedes siano piu' al limite con le prestazioni pur essendo sempre davanti

Reply
avatar

FUnoAnalisiTecnica. Powered by Blogger.