Red Bull, Mercedes e Ferrari: confronto posteriore con termocamera - FUNOANALISITECNICA F1ANALISITECNICA
Questo sito contribuisce alla audience di

Red Bull, Mercedes e Ferrari: confronto posteriore con termocamera


Come abbiamo raccontato, la Ferrari aveva portato in Canada una carrozzeria posteriore con delle fiancate riviste nella parte posteriore. Lo scopo era quello di migliorare l'efficienza aerodinamica. Purtroppo non è stato usato a causa delle alte temperature che non permettevano il giusto raffreddamento alle componenti della Power Unit.
Interessante il confronto posteriore fatto con la termocamera sulla Red Bull, Mercedes e Ferrari.
Si può notare come Ferrari e Mercedes sfoghino dal posteriore molta più aria calda rispetto a quanto fatto dalla Red Bull.

Questa cosa potrebbe essere spiegata in due modi completamente opposti:

1. Ferrari e Mercedes cercano di realizzare una sorta di beam wing termico allungando il campo di bassa pressione in modo da massimizzare l'estrazione d'aria dal diffusore;

2. potrebbe anche essere il contrario della 1....Il campo di depressione del fondo aiuta l'estrazione d'aria calda delle pance. I questo modo viene massimizzata l'estrazione d'aria calda migliorando il raffreddamento delle componenti interne della Power Unit. Consente, inoltre, di  diminuire le dimensioni dei radiatori stessi.

Purtroppo, almeno per ora, è per noi impossibile stabilire quali delle due ipotesi sia quella vera. Stiamo comunque analizzando il tutto al CFD per cercare di fare chiarezza sulla questione.
 

Cristiano Sponton

About Cristiano Sponton

Subscribe to this Blog via Email :

21 commenti

Write commenti
13 giugno 2014 10:00 delete

non mi ritengo un esperto quanto Voi...ma potrebbe benissimo essere che l'aria calda venga estratta molto piu' velocemente da REDBULL e pertanto le termocamere,anziche rilevare il calore all'interno delle fiancate...nno lo vedano perche' si combina subito molto piu' velocemtne con aria fredda che scorre ai lati delle pance della stessa carrozzeria o in qualche modo vengaVELOCIZZATO nell'uscita rispetto alle ferrari e bristish mercedes

Reply
avatar
13 giugno 2014 13:01 delete

Una curiosità....che software utilizzate per le simulazioni CFD? Io mi sto cimentando nell'utilizzo di Autodesk FlowDesign, con modelli 3d di vetture presi da internet, e sto capendo veramente tanto su come funziona una F1 (ho 15 anni, non sono ancora capace di crearmi i modelli 3D da solo).

Reply
avatar
Ale
AUTHOR
13 giugno 2014 17:57 delete

Con tutto il rispetto ma se hai 15 anni lasciali stare i CFD....richiedono conoscenze molto avanzate....non sono giochini colorati come possono sembrare.....un conto è ottener una soluzione..un altro paio di maniche è ottenere la soluzione giusta....

Reply
avatar
13 giugno 2014 20:41 delete

Io per le simulazioni CFD uso il software Star ccm+ v9, un software molto semlice abbastanza intuitivo, ma chiaramente richiede un pò di conoscenze.
Quando io avevo 15 anni non avendo un pc usavo carta penna e testa per capire tante cose e scrivere equazioni sul funzionamento di una macchina di F1.
Il mio consiglio se vuoi imparare, è quello di giocare con tutti i software che puoi...impari ad avere dimestichezza con i programmi, l'inglese, e anche a capire qualcosa.
In futuro avrai sempre tempo per imparare meglio ed usare dei software più complessi e precisi, se adesso è un divertimento divertiti, non devi trovare la soluzione giusta, non sei membro di un Team
ma solo arrivare a capire qualcosa, avrai sempre tempo in futuro per capire meglio.

Reply
avatar
13 giugno 2014 21:08 delete

Appunto, il mio unico scopo è smanettare per capirci qualcosa, poi per le "cose serie" c'è tempo :D

Reply
avatar
Frenk
AUTHOR
13 giugno 2014 23:06 delete

Si chiama "progresso" ,ben vengano i ragazzi di buona volntá,e vanno incoraggiati.

Reply
avatar
Ale
AUTHOR
14 giugno 2014 01:18 delete

No, si chiama fare senza capire....è inutile farsi abbindolare dai bei colori di questi software se poi non si capisce cosa fa e come il software opera.....
Prenditi piuttosto un bel libro di termo-fluidodinamica computazionale e da li inizi e vai avanti.....

Reply
avatar
14 giugno 2014 04:23 delete Questo commento è stato eliminato dall'autore.
avatar
14 giugno 2014 04:45 delete

potresti usare SolidWorks anche per fare un po' di modellazione 3D: ci sono dei tutorial ed e' abbastanza intuitivo.
Io ho utilizzato Fluent per questo tipo di applicazioni, ma si tratta di un programma piuttosto complesso e lo terrei in considerazione per un secondo momento.

in merito all'articolo, vorrei invece farvi notare:

1) l'immagine termografica non rivela la temperatura dell'aria.
2) non si conoscono le tarature dei colori con cui e' impostata la termocamera nelle singole foto.

Ad ogni modo, le due ipotesi sono molto interessanti, ma come fate a verificare al CFD?

Reply
avatar
14 giugno 2014 12:13 delete

Ciao, anche io ho 15 anni e mi piacerebbe molto imparare molto su questo argomento, costruisco da più di un anno modelli con un programma 3D abbastanza facile e in futuro mi piacerebbe modellare con programmi 3D un pò più seri e magari scoprire qualcosa sull'aerodinamica di queste monoposto!

Reply
avatar
Ale
AUTHOR
14 giugno 2014 12:24 delete

E in più usano anche mappature non lineari per appunto impedire i confronti diretti.....

Reply
avatar
14 giugno 2014 13:18 delete

Eh però se la termo-camera è la stessa ed esterna...è uguale per tutti la mappatura...

Reply
avatar
14 giugno 2014 13:32 delete

che a 15 anni sarà come leggere topolino....

Reply
avatar
14 giugno 2014 14:30 delete

Ma chi dice che sia veramente una immagine di una termocamera e non photoshoppata?

Reply
avatar
wendur
AUTHOR
14 giugno 2014 15:17 delete

ciao a tutti è la prima volto che scrivo in questo sito è vi volevo far vedere una foto della ferrari dove si vedono le vene fluide tramite la vernice (non ricordo il nome preciso).
https : // pbs.twimg.com/media/BpgqzvCIUAAFZs9.jpg:large.
Se sono riuscito a capire bene il flusso (dico cosi perché non sono un ingegnere di aerodinamica),
il flusso da sopra alla fiancata parte scende dal lato (penso lo scopo era per energizzare il flusso che sta al di sotto e che va poi al diffusore) ma in realtà fa si che blocchi invece il flusso e crea una zona di ristagno dell'area (si nota nella parte più vicina alla fiancata, che poi va a ripercuotersi su una parte del diffusore e forse per ciò che va in stallo il diffusore a certe velocità soprattutto a basse velocità dove il flusso a una velocità molto bassa.
In fatti nella nuova carrozzeria in quella zona è più bassa proprio per aumentare la velocità del fluido.

lo posto qui questo commento anche se non centra con l'articolo ma volevo sapere un parere della redazione, se ho sbagliato qualcosa chiedo gia scusa ma come già detto sono solo un appassionato di f1

Reply
avatar
Ale
AUTHOR
14 giugno 2014 20:36 delete

Qualche cosa di generale può leggerlo....chiaro che poi per entrare nelle equazioni di governo e algoritmi risolutivi sono richieste conoscenza di analisi non proprio banali....
Però è sicuramente meglio che lavorare con i CFD senza avere alba di cosa ci sia dietro....

Reply
avatar
Ale
AUTHOR
14 giugno 2014 20:37 delete

Sicuro sia uguale per tutti la mappatura?....basta solo che si autoadatti al campo di temperatura che vede e tutto perde di senso....

Reply
avatar
15 giugno 2014 15:35 delete

vai avanti milos, comincia a masticare software, così impari anche a sare bene il computer, e nel frattempo fai come dice federico, carta e penna, aiutandoti con il consiglio anche di Ale ..
io ho iniziando smattendando con un vecchio pc quando avevo 12-13 anni, ora dopo quasi 20 anni tutto quello che so fare (fotografia, astronomia, informatica.. ) l'ho imparato da solo, pratica+studio !

Reply
avatar
16 giugno 2014 01:20 delete

Beh in ogni caso...bisogna anche vedere se quell'immagine è presa a vettura ferma o in moto...se è una simulazione di partenza...è ovvio che vedremo temperature più alte...se invece l'auto viaggiava regolarmente...probabilmente le temperature sono più basse....diciamo che non sarà sicuramente una immagine perfetta...ma forse qualche significato lo si può trarre.

Reply
avatar
16 giugno 2014 22:18 delete

Se osserviamo la parte destra con la parte sinistra, sembra che La Red Bull abbia uguali temperature, mentre Mercedes e Ferrari, no.
Può cambiare qualche cosa secondo voi a livello aerodinamico, o di efficienza della power unit?

Reply
avatar
Anonimo
AUTHOR
18 giugno 2014 12:50 delete

Sono un assoluto profano, ma osservando le tre fotografie mi par di capire che non siano state scattate nel medesimo istante (relativo, s'intende) e, almeno per la ferrari, nemmeno nel medesimo punto. Potrebbe darsi che il differente "livello" di accelerazione (in termini temporali) giustifichi, almeno in parte, le differenze?

Reply
avatar

FUnoAnalisiTecnica. Powered by Blogger.