Gp Austria : Analisi del Gran Premio - FUNOANALISITECNICA F1ANALISITECNICA
Questo sito contribuisce alla audience di

Gp Austria : Analisi del Gran Premio

Nico Rosberg vince il terzo Gran Premio della stagione, davanti al compagno di squadra e a Bottas, che conquista il suo primo, storico, podio.

Dopo 11 anni di assenza il circus della Formula 1 è tornato a gareggiare sul circuito denominato Red Bull Ring, e l'ha fatto con la solita egemonia Mercedes, meno prononciata del solito però.
La prima fila tutta Williams ci aveva illuso di una gara combattuta al vertice, e così è stata, almeno per metà.
La partenza era stata delle migliori per il PoleMan Massa che è riuscito subito a prendere un buon margine sul compagno di squadra e le due Mercedes dietro, Rosberg terzo ed Hamilton incredibilmente quarto dopo solo un giro.
La gara ha la sua svolta durante il primo round dei Pit Stop, quando una strategia sbagliata delle due Williams regala la prima posizione a Rosberg, davanti a Bottas ed Hamilton. Il più svantaggiato dalla strategia è il povero Massa che perde 3 posizioni e scende in quarta.
Rosberg però non riesce a fare il vuoto perché ha davanti un grande Sergio Perez che resiste con le sue gomme soft con cui è partito.
Quando Perez si ferma Rosberg allunga su Bottas ed su un disperato Hamilton alla ricerca del sorpasso, però il Tedesco incappa in un lungo alla curva 1 che gli annulla tutto lo svantaggio.
Al secondo round di pit stop Hamilton riesce a scavalcare Bottas e si mette alla caccia di Rosberg, che però non riesce più a prendere. Infatti sul traguardo arrivano uno in fila all'altro con il Tedesco che allunga a 29 le lunghezze di vantaggio su Lewis Hamilton.
Poco dopo arrivano le due Williams con Bottas che raggiunge il primo podio davanti a Felipe Massa. Quinto Fernando Alonso con una grande gara, solo decimo Kimi Raikkonen che continua con le sue difficoltà.
Sul circuito di casa faticano molto le due Red Bull, con Ricciardo solo 8° e Vettel ritirato per un ennesimo problema alla sua RB10.
Grande gara di Perez che chiude in sesta posizione, davanti ad un ottimo Magnussen.

Gianmarco Fiduci

About Gianmarco Fiduci

Subscribe to this Blog via Email :

8 commenti

Write commenti
22 giugno 2014 22:22 delete

Il motore ferrari sembra un po piu debole degli altri.... differenza tra velocità di punta massime qualiifca e gara ( qualifica meno gara) , relativa a 3 punti di misura ed entramb ii piloti di scuderia ( speed trap, finish line , primo intermedio)

MOTORE/SCUDERIA DIFF. QUALIFICA - GARA
MOTORE MERCEDES 1,98 Km/h
FORCE INDIA 1,30 Km/h
MCLAREN 1,63 Km/h
MERCEDES 2,73 Km/h
WILLIAMS 2,27 Km/h
MOTORE FERRARI 7,57 Km/h
FERRARI 8,40 Km/h
MARUSSIA 9,73 Km/h
SAUBER 4,57 Km/h
MOTORE RENAULT 2,39 Km/h
CATHERMAN 2,40 Km/h
LOTUS 2,50 Km/h
REDBULL -1,17 Km/h
TORO ROSSO 5,82 Km/h
Totale complessivo 3,65 Km/h

Reply
avatar
wendur
AUTHOR
23 giugno 2014 10:29 delete

non puoi fare un confrondo per tre motivi:
1) motivo in qualifica si gira scarichi e in gara si gira con più caburante,
2) dipende chi ha usato il drs e chi non e in quale fase della gara
3) poi dalla mappatura motore

Reply
avatar
Anonimo
AUTHOR
23 giugno 2014 11:20 delete

invece io credo che è un analisi molto interessante, infatti se ci fate caso la ferrari inquadrata da dietro in gara lampeggia molto di più la lucetta che segnala una riduzione di coppia..potrebbe essere e non so x quale ragione la ferrari abbia problemi di consumo benzina...ma non saprei dire se è x causa dei motore elettrici o proprio per il termico

Reply
avatar
Giovanni
AUTHOR
23 giugno 2014 20:22 delete

Ridurre le velocità di punta non dipende necessariamente dal ridurre i consumi, può essere anche che in gara le auto essendo più cariche dietro, sono più sbilanciate dietro e quindi hanno bisognio di più downforce d'avanti con conseguente aumento di drag e riduzione di velocità.

Reply
avatar
23 giugno 2014 20:45 delete

1) la differenza è proprio tra qualifica e gara ma è per tutte le macchine...volevo mostrare che in gara i motorizzati ferrari perdono generalmente di più di velocità di punta
2) due punti di rilevamento su tre sono con dsr...quindi puri o alterati solo dalla .e generalmente nell arco della gara con minmo sei macchine per motore e tre punti di rilevamento ...la media dovrebbe esssere piu centrata ...
3) proprio questo il punto...sembra che la mappatura ferrari in gara...sia meno potente....o perchè consumano troppo ....o perchè hanno paura di rotture...o perchè il sistema elettrico funziona poko e male specialmente all'inizio... cosi ad occhio direi che abbassano parecchio il turbo o per consumi o per paura rotture (la parte elettrica dovrebbe funzionare sempre uguale o per paura di surriscaldamento la fanno lavorare non a regime)...

Reply
avatar
Ros_Zeta
AUTHOR
24 giugno 2014 12:43 delete


Osservando le velocità massime espresse alla speedtrap in gara, Vettel 312.5 e Ricciardo 316.1 sono stati vicini alle Mercedes di Lewis Hamilton 318.3 e Nico Rosberg 310.3.

Piuttosto le velocità massime dei motorizzati Ferrari mi sono sembrate imbarazzanti:

Fernando Alonso 307.3 Kimi Raikkonen 304.4 21 Max Chilton 301.8 Jules Bianchi 295.7 Adrian Sutil 305.7 Esteban Gutiérrez 307.4

Ora, considerando che, viceversa nelle qualifiche Fernando Alonso ha raggiunto un non disprezzabile 317.3 e Kimi Raikkonen addirittura 319.2 rispetto a Lewis Hamilton 321.4 e Nico Rosberg 320.0, mi sembra di capire che il problema non sia tanto la potenza massima, quanto l’efficienza del motore e quindi del consumo.

In alternativa il problema potrebbe essere quando e come la PU Ferrari ricarica le batterie, ma in ogni caso sempre di efficienza si parla

Reply
avatar
24 giugno 2014 13:01 delete

Tutto vero quello che ho letto nei vostri commenti. Però non bisogna sottovalutare che il circuito austriaco è situato in altura (circa 700 m sopra il livello del mare). . Questo significa che la potenza comlessiva del motore dovrebbe rimanere invariata (a differenza degli aspirati) ma la turbina è molto più sollecitata per compensare la bassa pressione dell' ambiente. Quindi, nel caso di Ferrari e Renault, che sappiamo che utilizzano turbine più piccole di Mercedes, questo potrebbe aver significato il raggiungimento del limite massimo della turbina che per motivi precauzionali in gara è stato abbassato e quindi si è ridotta la potenza massima della P.U.

Reply
avatar
Anonimo
AUTHOR
24 giugno 2014 16:05 delete

Interessante il confronto tra le potenze fatto da Benzing dopo il GP sul suo nuovo blog (con tanto di diagrammi), in sostanza ne esce un lieve progresso da parte della Ferrari: http://www.formula1benzing.eu/

Reply
avatar

FUnoAnalisiTecnica. Powered by Blogger.