Antonini ci spiega i motivi della silenziosità del V6 Ferrari - FUNOANALISITECNICA F1ANALISITECNICA
Questo sito contribuisce alla audience di

Antonini ci spiega i motivi della silenziosità del V6 Ferrari

Molto interessante la notizia riportata quest'oggi sul sito web di Autosprint e firmata dal grande esperto Alberto Antonini il quale ha ha cercato di spiegare la particolare silenziosità del motore Ferrari durante la fase di scalata.
 Nelle scalate di marcia, il motore deve salire di giri per aiutare l’inserimento del rapporto inferiore. A ogni cambiata, chiamata dal pilota con la levetta dietro il volante, l’elettronica invia un impulso che dà la caratteristica sgasata.
In questa stagione, in cui i consumi sono diventati fondamentali, questo incremento di giri in fase di scalata comporta un incremento di consumo del combustibile. Per ovviare a questo problema gli ingegneri di Maranello hanno ideato un sistema in cui è il KERS (MGU-K) a provocare questo innalzamento di giri e non il motore endotermico. Questa soluzione, come avrete intuito, comporta un minor spreco di benzina ma l'elettronica deve funzionare alla perfezione perché ciò avvenga. In Ferrari hanno ideato questo particolare sistema perché hanno problemi con i consumi? A Melbourne lo sapremo...


Cristiano Sponton

About Cristiano Sponton

Subscribe to this Blog via Email :

14 commenti

Write commenti
10 marzo 2014 15:22 delete

Se hanno ideato la soluzione KERS per risparmiare carburante merito a loro , il fatto è che nessuno sa con precisione i consumi su di un GP 'vero' e non simulato nei test ..di ogni squadra ,quindi ogni soluzione può essere valida .. .

Reply
avatar
10 marzo 2014 15:32 delete

Marmorini no Antonini! Comunque articolo interessante!

Reply
avatar
Anonimo
AUTHOR
10 marzo 2014 16:46 delete

Antonini è il giornalista che ne ha scritto su Autosprint, Marmorini il motorista Ferrari

Reply
avatar
Anonimo
AUTHOR
10 marzo 2014 16:53 delete

moooolto interessante. con queste PU si possono fare davvero un sacco di cose interessanti. consumare meno può dare enormi vantaggi nella seconda parte di gara. ovviamente con questo sistema la Ferrari avrà un pò meno tempo per l'utilizzo del kers in accelerazione. insomma ogni soluzione ha dei pro e dei contro

Reply
avatar
Anonimo
AUTHOR
10 marzo 2014 17:25 delete

Si puo anche cambiare regolazione ed usarlo solo x sviluppare potenza a seconda delle necessita. Cosi possono cambiare strategia durante la gara.

Reply
avatar
maxleon
AUTHOR
11 marzo 2014 00:15 delete

A dire il vero, voci di corridoio dicono che la Ferrari, invece, avrebbe problemi di eccessivo consumo, io non so se ho visto male, ma a me non sembra proprio che la Ferrari soffra di eccessivo consumo, a meno che nei commenti live non ci sia stata qualche enorme discrepanza, Alonso il 28 avrebbe fatto ben 62 giri senza rifornire, il che vuol dire ben al di sopra dei 57 previsti in Bahrain.

Sinceramente non so da dove vengano fuori certe panzane, prima il fatto che i motori Mercedes abbiano una caterba di cavalli in più al Ferrari, poi questa storia dei consumi, ma da dove le tirano fuori certe cose??? In non credo che ci siano dei dati ufficiali sugli effettivi cavalli o sul consumo, quindi certe voci sono solo illazioni, se poi per qualcuno il record di velocità raggiunto dalla Ferrari deve necessariamente ricondursi ad un assetto più scarico a sua volta ricercato per questioni di consumo, bhe, allora credo che sia meglio che cambino sport.

Poi, riguardo alla questione della “doppietta elettrica”, credo che sia un ulteriore elemento che va ad avvalorare la tesi che al contrario la Ferrari sia molto parsimoniosa nei consumi, visto che questa va ad aggiungersi al sistema “cut off”, anzi a mio parere lo integra, detto in altre parole: visto che si taglia l’iniezione in fase di rilascio dell’acceleratore, non ce ne sarebbe per la “doppietta”, quindi la si va a prendere laddove è possibile…. sulla MGU-K.

Reply
avatar
maxleon
AUTHOR
11 marzo 2014 00:19 delete

Io non so, come abbiano fatto in Ferrari a realizzare un retrotreno ancora più snello di quello dello scorso anno, ma di certo devono aver ricercato in modo maniacale di miniaturizzare ancora la trasmissione, se a questo ci aggiungiamo il sistema di raffreddamento a "radiatori ridotti" ed il fatto che il turbo non è rivestito, ci rendiamo conto di quanto avrebbe risparmiato in peso la Ferrari?????

Quindi mi chiedo, non è che sono in grado di essere anche al di sotto dei 100 kg per il carburante???

Reply
avatar
11 marzo 2014 13:07 delete

@maxleon i giornalisti parlano con gli addetti ai lavori in pista, per cui è chiaro che possono reperire molte più informazioni di noi, seduti dietro una scrivania a leggere siti web. Non la prendere come un'accusa, è solo una mia costatazione.
Detto questo, non ti ricordo in quale intervista l'ho letto, ma sono stati gli stessi Rosberg e Domenicali a dire rispettivamente che la Mercedes non riesce a completare un GP mantenendo queste prestazioni e la Ferrari ha utilizzato un assetto scarico per limitare i consumi.
E' una F1 molto più complessa dove l'elettronica e i carburanti (se li sono scordati tutti che anche su questo fronte si possono avere boost prestazionali) la si aggiungeranno all'aerodinamica e le gomme

Reply
avatar
Ros_Zeta
AUTHOR
11 marzo 2014 13:13 delete

Io penso che questa modalità di funzionamento del cambio sia solo una parte della gestione integrata della PU atta a migliorare l'efficienza complessiva. Ricordate che quest'anno, e nei successivi, vincerà la PU (non solo il motore termico) più efficiente non quello più potente (poi se è anche potente sicuramente non guasta). Tornando al particolare della debraiata elettroassistita, bisogna considerare il momento in cui capita: alla fine di un rettilineo o comunque successivamente a tratti dove l'energia accumulata è stata spesa, in parte o in toto, dalla MGU-K. Quindi da dove proviene l'energia utilizzata per questa funzione? E' quì la genialata tipica degli ingegneri italiani, il momnto della debraiata è anche il momento in cui il turbo gira a menu di 10000 giri così come il motore (regime di utilizzo libero dell'energia dell'ERS), quindi l'energia prodotta dall'ERS potrà essere dirottata direttamente al motore dell'MGU-K per supportare questa funzione senza passare dalle batterie. Semplicemente energia risparmiata quindi maggiore efficienza della PU! Probabilmente questa energia è persa dalle PU concorrenti!

Reply
avatar
maxleon
AUTHOR
11 marzo 2014 16:11 delete

@ Emanuele Bianconi

Io non mi riferisco alle dichiarazioni, quelle lasciano il tempo che trovano, ognuno alla fine può dire quello che vuole, ma dopo le prime gare le aggiustano come vogliono, io mi riferisco ai dati di fatto, ed obiettivamente quelli sono pochi, non prendo nemmeno in considerazione i tempi, quelli nei test sono relativi, quello di cui ci si può fidare sono solo il numero di giri percorsi ed un pochino i tempi dei ong run e quelli ci dicono che la Ferrari in Bahrain ha fatto 62 giri consecutivi che non sono male per una macchina che soffre di consumi elevati, in pratica la Ferrari potrebbe aumentare il downforce (basta aumentare l'inclinazione dei profili) e scendere di 10 km/h senza risentirne, si vede che non hanno bisogno di downforce e le chiacchiere che la F14 T sia assetata di carburante sono solo panzane.

Reply
avatar
Anonimo
AUTHOR
11 marzo 2014 17:18 delete

maxleon ma tu sei sicuro di questi 62 giri della ferrari il secondo giorno ?? perchè amus nel suo articolo sul passo di gara provato dai vari team in barhein mette quello di fernando fatto al settimo giorno sulL' .1'.42''. mi sembra strano che non abbia usato la simulazione gara del secondo giorno

Reply
avatar
maxleon
AUTHOR
11 marzo 2014 22:16 delete

@ anonimo ore 17:18

Questi i commenti dal live di blogf1:


• 12:34 - Ricciardo segna finalmente un giro veloce in 1:39.155 e si porta in sesta posizione. In pista ora anche Gutierrez, Vergne, Massa, Hamilton, Perez e Alonso
• 12:28 - Bandiera verde! Daniel Ricciardo è il primo a tornare in azione sul circuito del Bahrain
• 12:14 - Bandiera Rossa! C'è un problema per la Lotus di Maldonado, ferma alla curva 4
• 12:12 - Dopo un giro lento, torna ai box Alonso lasciando Gutierrez, Bianchi, Maldonado e Ericsson girare in pista
• 12:07 - Finalmente un po' di attività in pista. Maldonado segna un miglioramento cronometrico in 1:41.613. Alonso scende ora in pista, così come Jules Bianchi
• 11:38 - Esattamente come ieri, nessuno scende in pista. 30 minuti per la pausa pranzo sarebbero davvero pochi...
• 11:32 - Semaforo verde: la pitlane viene riaperta e la sessione può riprendere
• 11:27 - Secondo quanto riporta Tobias Gruner di AMuS, l'aggiornamento Software della Renault avrebbe causato un grosso guaio al motore della Toro Rosso ieri. Questa mattina, Vergne ha realizzato 27 giri
• 11:12 - In attesa che la sessione riprenda, ecco un interessante spunto di discussione. La FIA ha fatto slittare la data entro la quale dovrà prendere una decisione sui due nuovi team da far correre nel 2015 e, intanto, la Caterham è in bilico. Tutti i dettagli in questo articolo
• 11:02 - Massa, Vergne, Gutierrez e Maldonado sono sul tracciato e prendono ora bandiera a scacchi.La sessione va in pausa per i prossimi 30 minuti
• 10:55 - Ancora un miglioramento per la Marussia di Bianchi: 1:38.198
• 10:54 - A pochi minuti dalla pausa pranzo, questi sono i giri finora effettuati
Hamilton (Mercedes) 61
Alonso (Ferrari) 45
Omissis

Quindi Alonso dopo il giro 45 ne ha fatto un altro lento, per cui avrebbe iniziato la simulazione al giro 47.
13:22 - Quando mancano due ore al termine delle prove odierne, questa la situazione dei giri effettuati pilota per pilota
Hamilton (Mercedes) 80
Alonso (Ferrari) 75
Questa la situazione alle 13:22, quindi 28 giri all’attivo, ma il pit sto è avvenuto solo dopo altri due giri, i l’ho seguito su f1-direct, ma blogf1 lo ha riportato in ritardo:
13:54 - Anche in Ferrari sono in piena simulazione di gara. Mentre Alonso rientra ai box, i meccanici hanno provato a scattare e prepararsi all'ultimo momento, simulando un improvviso pit durante la corsa.

Fernando ha poi proseguito per altri 30 giri fino alla bandiera rossa della Caterham:
14:43 - Ancora una bandiera rossa in pista! Il problema pare arrivi dalla Caterham di Ericsson
Non c’è il numero di giri effettuato, ma basta guardare l’orario, in ogni caso se ricordo bene erano 108 giri in totale (+1 per il rientro), fino al termine del turno Alonso ha effettuato un altro run senza stop, fino alla cifra complessiva di 122 tornate, tutti ad un ritmo costante sull’ 1:36 basso, ma aveva veramente poco tempo.

Credo che non ci siano più dubbi, a meno di clamorosi errori nel live.

Reply
avatar
Anonimo
AUTHOR
12 marzo 2014 15:20 delete

ERS La Mgu-H e la Mgu-K, assieme a tutti i componenti dell’ERS, giocherano un ruolo determinante nelle nuove Power Unit. In Australia, la Mgu-K potrà recuperare idealmente fino a 1.071 kJ per giro, mentre la Mgu-H dovrebbe garantire fino a 1.721 KJ per un totale di 3.162 KJ per ciascuna tornata. Il guadagno dovrebbe valere in gara 2”08 al giro (con un aumento di 12 km/h di velocità massima). In qualifica il margine salirà a oltre 3”5 e varrà circa 20 km/h di velocità massima, visto che lo stato di carica della batteria non sarà limitante.


Reply
avatar
Anonimo
AUTHOR
14 marzo 2014 22:48 delete

Questo era il famoso cut-off! Si poteva anche evidenziare meglio :)

Reply
avatar

FUnoAnalisiTecnica. Powered by Blogger.