Il segreto della Red Bull secondo Alberto Antonini: le mappature ed il piede di Vettel - FUNOANALISITECNICA F1ANALISITECNICA
Questo sito contribuisce alla audience di

Il segreto della Red Bull secondo Alberto Antonini: le mappature ed il piede di Vettel

Alberto Antonini, noto giornalista di Autosprint e voce di SkySportF1Hd, ha cercato di dare una spiegazione alla super prestazione di Vettel a Singapore escludendo categoricamente la presenza di una sorta di traction control sulla RB9.
Il suono del motore Renault sulla monoposto di Vettel, come potete ascoltare in vari video presenti sulla rete, fa uno strano rumore soprattutto in percorrenza di curva, come se i cilindri non funzionassero tutti. Se fosse una sorta di TC il rumore sarebbe più evidente in uscita di curva e non a centro curva.
Il merito di questo sta nel piede di Vettel che a centro curva riesce ad aprire di poco la farfalla dell'acceleratore per alimentare il diffusore con i gas di scarico ed assicurare alla propria monoposto un elevato carico al posteriore. Webber, a quanto di dice, non riesce a fare questo a causa del suo stile di guida che è decisamente diverso rispetto a quello del tedesco. Vettel frena molto forte, a centro curva ha una velocità inferiore agli altri e quindi riesce ad accelerare quel tanto che serve per stabilizzare la monoposto grazie al soffiaggio degli scarichi sul diffusore.
Questo sistema, sulla Red Bull  talmente efficiente che voci all'interno del paddock dicono che hanno recuperato per intero i varori di carico della stagione 2011 in cui gli scarichi soffiati erano liberi.

Cristiano Sponton

About Cristiano Sponton

Subscribe to this Blog via Email :

22 commenti

Write commenti
Anonimo
AUTHOR
1 ottobre 2013 00:10 delete

... e come si spiegano le continue richieste dal muretto di andare più piano per "non consumare le gomme" quando abbiamo visto tutti che ha cambiato 3 volte le gomme contro le 2 di Alonso che di certo non ha finito la con le gomme in tela.

Reply
avatar
Anonimo
AUTHOR
1 ottobre 2013 12:00 delete

Antonini.....le solite ca@@te!!!

Reply
avatar
Anonimo
AUTHOR
1 ottobre 2013 12:29 delete

Se fosse cosi' un pilota esperto come Webber non saprebbe adattare il proprio stile di guida e prendersi 2.5 secondi al giro facendo la figura del pirla rispetto al " novellino"( in termini di eta' e di gp) Vettel?
La verita' e' che dal 2010, quando ci furono i contrasti tra i 2 piloti lo staff tecnico della rb( su indicazione del management) non da' la stessa macchina ai 2 piloti privilegiando Seb, sia per una questione di immagine( Vettel pilota di filiera Rb e giovane) sia per evitare conflitti tra i 2.
Comunque non me la danno a bere, Seb per fare quello che fa ha bisogno di un controllo della trazione, mentre tutti litigano con il sovrasterzo lui va che e' una bellezza......

Reply
avatar
andrew
AUTHOR
1 ottobre 2013 12:52 delete

Daltro canto è anche impossibile che i tecnici RB abbiamo installato un sistema di traction control canonico,
visto che è vietato dalle regole, ma è lampante che esista un sistema che controlla l'erogazione della potenza.
Quindi la domanda è come potrebbe essere stato realizzato? Riducendo meccanicamente la sezione dei tubi di scarico?

Reply
avatar
Simone
AUTHOR
1 ottobre 2013 13:15 delete

Ma nulla di così complicato, è un sistema che è stato anche approvato dalla FIA, i motori Renault possono tagliare l'alimentazione a 4 degli 8 cilindri: http://www.formula1news.info/whiting-giudica-ok-il-taglio-dei-cilindri-dei-motori-renault/
Quindi viene da se che se un motore a 8 cilindri sviluppa una certa potenza con 4 questa potenza è decisamente inferiore, 1+1 fa sempre 2, se questo taglio avviene in accelerazione non si hanno problemi di sbandamenti, consumo eccessivo di gomme e sovrasterzo di potenza, quindi si può guidare molto più puliti e guadagnare 2,5 secondi al giro!

Reply
avatar
Simone
AUTHOR
1 ottobre 2013 13:23 delete

E sopratutto sentire il motore che rantola come lo stesso Antonini ha detto, cosa ancora più strana che questo rumore strano lo fà solo il Renault di Vettel. Sarà anche un grande pilota, però dovrà dimostrarlo guidando anche altre vetture, Senna era un fenomeno su tutte le monoposto che ha guidato, ma anche Schumacher, Prost, Alonso, Mansell, lui per il momento ha una vittoria su di una toro rosso scaturita comunque in circostanze fortuite, anche Panis vinse un gp di monaco con una macchina palesemente inferiore alle altre. Quindi io non credo che Vettel riesca ad aprire il gas 50 m prima degli altri, compreso chi ha la sua stessa vettura, gli altri non sono pivelli, li c'è qualcosa di altro che interviene......

Reply
avatar
Anonimo
AUTHOR
1 ottobre 2013 13:41 delete

Qualcuno può spiegarmi in che modo il kers viene caricato. In modo automatico o il pilota decida quando farlo ?

Reply
avatar
Anonimo
AUTHOR
1 ottobre 2013 14:46 delete

Non ci crede nessuno che un pilota in un anno,se non di piu',non riesca a modificare il suo stile di guida,tirando la frenata,arrivando alla corda meno veloce,per poter accelerare a meta' curva.Non stiamo mica parlando di intuizioni dei geni della fisica,si tratta solo di frenare di piu' e piu' tardi.Non ci credo che uno ci rinunci perche' preferisce pelare il freno per entrare piu' forte.
Se sai che i gas di scarico migliorano la tua prestazione,sai anche che frenando meno ed entrando piu' forte le tue prestazioni saranno meno buone.Ergo,chi te lo fa fare di non cambiare?
Da quando in qua poi,un motore con l'acceleratore parzialmente aperto,fa un rumore strano,come se non tutti i cilindri fossero alimentati?Non mi risulta che accelerare poco faccia funzionare anomalamente un motore,come se non fosse equilibrato o ben carburato.Con cio' voglio dire che se anche Red Bull avesse trovato uno stratagemma per migliorare la trazione,senza per forza andare a 6 o 4 ciclindri,non per questo bisogna affermare (prendendosi le proprie responsabilita'...) che un motore V8 F.1 ad acceleratore parzializzato emette una rumorosita' di scarico che non fa pensare ad un suo grande rendimento...

Reply
avatar
Anonimo
AUTHOR
1 ottobre 2013 14:54 delete

Cristiano,che ne pensi del post di Simone delle 13.15?Si fa riferimento al taglio di 4 cilindri del motore Renault nel 2011,secondo FIA regolamentare (e non si capisce perche' mai far girare a vuoto 4 cilindri dovrebbe essere regolamentare,come a dire che,volendo,nel 2011 si poteva costruire motori 2.4 con 4 cilindri in linea...).
Si parla del 2011 appunto,quando il soffiaggio degli scarichi era permesso,salvo a SIlverstone dove la Ferrari domino'.Ti chiedo,la norma FIA che permette il taglio a 4 cilindri é ancora in vigore o é stata annullata?Sarebbe assurdo che nel regime di limitazione del soffiaggio degli scarichi attuale,la norma fosse ancora valida.
Simone,secondo me sbagli e spero di essere smentito da Cristiano.La norma riguardava il 2011.Non il 2012 e 2013.Se invece hai ragione,sarebbe assurdo,ridicolo,incomprensibile (e non perche' tu avresti ragione...)

Reply
avatar
Anonimo
AUTHOR
1 ottobre 2013 14:55 delete

Ovviamente intendevo dire che spero di NON essere smentito da Cristiano....

Reply
avatar
Anonimo
AUTHOR
1 ottobre 2013 15:52 delete

ma è chiaro da tempo Kers come Traction Control
L'analisi effettuata al simulatore, ovviamente, conferma la presenza di qualche dispositivo (non per forza illegale) che permetta di arrivare a quel gap.

Volevo provare a specificare meglio il mio pensiero

La mia è solo un'analisi dettata dalla curiosità tecnica e l'ammirazione di questi "mostri" tenici (non solo Newey, sono in tanti).

Io penso che:

1- Il traction control sia gestito dal Kers secondo le modalità che esponevo al commento 71 dell'articolo http://www.omnicorse.it/magazine/31101/f1-minardi-quello-strano-rumore-del-motore-di-vettel

2- Ma il Kers per regolamento ha una quantità massima di energia che può accumulare massimo di 400 kJ erogabili con una potenza massima di 60 kW (pari a circa 80 cavalli) per la durata di 6,66 secondi, quindi bisogna trovare il modo di gestire l'energia in eccesso.

4- Ma il regolamento non prevede nel dettaglio quando debba essere caricato e quando scaricato, ma solo il limite massimo di energia.

5- Secondo la mia ipotesi le batterie si caricano durante le fasi di frenata, quindi si scaricano tramite le celle di Peltier e le resistenze (stile phon) che, secondo me, sono inserite tra gli scarichi e il tunnel sotto di essi (guarda caso la superficie disponibile è significativa così che in accellerazione, ben prima del famoso punto di accellerazione di 50m prima degli altri,l'aria fresca che entra dalla coca cola delle fiancate si surriscalda tramite la pompa di calore costituita dalle celle di Peltier che raffredda gli scarichi(così che anche le fiancate possono essere più strette ed aderenti,guarda caso proprio come sulla RB) ed eventualmente ulteriormente surriscaldata da resistenze (stile phon) poste alla fine dei tunnel raggiunge lo "start hole" con un flusso altamente energizzato proprio nel momento opportuno laddove le altre monoposto per effetto dinamico delle sospensioni in frenata sfiorando il suolo con il fondo piatto causano un distacco della vena fluida causando uno "stallo" del diffusore.

6- Quindi in accellerazione, 50 metri prima degli altri e in uscita di curva le batterie saranno di nuovo parzialmente scariche e potranno essere ricaricate utilizzando il kers in modalità traction control fino al raggiungimento dei fatidici 400 kJ.

E' sempre la somma che fa il totale, ma se la somma si fa anche con i numeri negativi vedrete che tutto torna in maniera perfettamente legale anche se border line (come nello sile di Newey).

La mia analisi tiene conto delle problematiche patite dalla RB in passato circa l'utilizzo del Kers, con l'alternatore standard Magneti Marelli per Renault, con la trasmissione che dovrebbe ormai essere assolutamente affidabile e che invece ha stranamente palesato nell'ultimo periodo una debolezza strutturale assolutamente imprevista.
Peraltro, l'utilizzo del traction control unito alla gestione dinamica del flusso energizzato sopradescritto dovrebbe permettere maggiore libertà negli assetti e quindi anche rake estremi (guarda caso come nella RB)

Solo questo,secondo me, giustifica il gap.

Che ne dite?

Questo post l'ho copiato da omnicorse da Rosario.

Mammara

Reply
avatar
Anonimo
AUTHOR
1 ottobre 2013 18:16 delete

Ma quindi usare il kers in uscita dalle curve in modalita TC significherebbe farlo funzionare al contrario giusto??cmq è un ipotesi piu ke plausibile..negli ultimi 2 anni webber pativa sempre problemi al kers e vettel mai..puo essere ke usavano la RB di mark come vettura laboratorio per mettere a punto il sistema..ma se cosi fosse la vedo problematica la cosa nel senso che potrebbero sfruttarla anke il prossimo anno o no??e visto il tempo ke hanno impiegato per mettere a punto il sistema tanti auguri..chiaramente spero di essere contraddetto XD

Reply
avatar
Simone
AUTHOR
1 ottobre 2013 21:01 delete

Il kers non é mica collegato alle ruote posteriori! Il kers é accoppiato direttamente all'albero motore, quando si frena funziona come una dinamo che ricarica le batterie, l'unico effetto che ha é che quando é in funzione modifica l'effetto del freno motore!

Reply
avatar
Simone
AUTHOR
1 ottobre 2013 21:01 delete Questo commento è stato eliminato dall'autore.
avatar
gedeone182
AUTHOR
2 ottobre 2013 19:24 delete

Mammara credo voglia dire che il kers lavora come tc, in quanto, verrebbero ricaricate le batterie del kers in accelerazione e non in frenata come avviene in altri team e questo sottrarrebbe energia al motore migliorando l'aderenza delle ruote motrici nelle uscite delle curve.
Tuttavia per poter ricaricare le batterie devono essere prima scaricate e si utilizzerebbe delle resistenze elettriche che per di più scaldando l'aria ne ingrandirebbe il volume migliorando la resa dell'estrattore, ma il tempo di attivazione non dovrebbe essere di soli 6,6 secondi a giro e come vengono conteggiati gli inneschi delle resistenze ?
Cristiano aiutaci tu.

Reply
avatar
Anonimo
AUTHOR
2 ottobre 2013 22:08 delete

credo che se mai ci fosse un congegno del genere , si sarebbe visto da tempo ,,inoltre sarebbe molto voluminoso e costoso , non mi pare si sia visto nulla di tutto ciò....
inoltre , no credo che delle spirali possano produrre davvero una temperatura tale da modificare un soffiaggio , viste le velocità in cui scorre l'aria all'interno della pancia stessa !!!

Reply
avatar
Frenk
AUTHOR
2 ottobre 2013 22:34 delete

Non leggo più autosprint.
Titoloni e poi solo fuffa,si migliora o si peggiora,e sono due strade distinte.
Saluti.

Reply
avatar
Frenk
AUTHOR
2 ottobre 2013 22:38 delete Questo commento è stato eliminato dall'autore.
avatar
3 ottobre 2013 13:37 delete

qualcuno sta pensando la vostra stessa cosa....Tratto da Racecarengineering
http://img9.imageshack.us/img9/5975/50np.jpg

Reply
avatar
Anonimo
AUTHOR
3 ottobre 2013 16:04 delete

guarda , a me pare più probabile che usino il kers e l'alternatore in modalità on-off ,solo all'uscita dalle curve , come quando metti la dinamo sulla bicicletta ,inserendolo solo in alcuni brevi momenti , resta da verificare se tale on-off è legale o meno..!!

Reply
avatar
Anonimo
AUTHOR
3 ottobre 2013 17:40 delete

ancora più facile sarebbe invertire la polarità del kers in alcuni tratti , e farlo attivare in resistenza all'albero motore , come una sorta di freno motore elettrico , probabilmente in alcuni circuiti sarebbe più redditizio ,di quanto lo sia in fase propulsiva pura.... Davide

Reply
avatar
Anonimo
AUTHOR
22 ottobre 2013 16:13 delete

La formula 1di oggi ê troppo complessa, ci sono troppe regole, troppi limiti, il Drake è la che che si rivolta nella tomba.

Reply
avatar

FUnoAnalisiTecnica. Powered by Blogger.