Ferrari F138: Quante modifiche sull'ala posteriore - FUNOANALISITECNICA F1ANALISITECNICA
Questo sito contribuisce alla audience di

Ferrari F138: Quante modifiche sull'ala posteriore

L'ala Ferrari sembra molto modificata rispetto a quella vista in Belgio, durante le prove libere sulla monoposto di Massa a Spa.


L'ala presenta un mainplane molto ridotto, con una curvatura mediana e una corda molto ridotta.
Sulla parte alta della della paratia laterale è presente una sola soffiatura mentre sull'ala vista in Belgio le soffiature erano sue. E' ricomparsa la feritoia nella parte bassa dell'ala per incrementare il massaggio d'aria dalla parte esterna verso l'interno dell'ala.
Ad occhio nudo, ma per sicurezza dovrei fare dei confronti più approfonditi, la paratia verticale sembra essere di dimensioni minori rispetto alle precedenti ali che sono state usate in questa stagione

Cristiano Sponton

About Cristiano Sponton

Subscribe to this Blog via Email :

6 commenti

Write commenti
Anonimo
AUTHOR
6 settembre 2013 13:17 delete

e non ci sono più i generatori di vortice che portava da inizio stagione

Reply
avatar
Anonimo
AUTHOR
6 settembre 2013 21:04 delete

Alla luce dei fatti visti nella seconda sessione di prove libere, la Ferrari di Alonso ha preso
dalla RedBull di Vettel 8 decimi in simulazione di qualifica...un enormità! Impensabile colmare un gap prestazionale in un solo giorno, quindi due sono le cose che mi vengono in mente:
Alonso sa che ormai non c’è più nulla da fare vista la morsa schiacciante delle RedBull,oppure si sono nascoste moltissimo le Ferrari.
Cristiano qual'è il tuo parere a riguardo?

Reply
avatar
Anonimo
AUTHOR
7 settembre 2013 10:01 delete

Beh mi sembra innegabile che la differenza tra rb e ferrari sia dovuta,per gran parte, alle mappature motore;basta guardare gli intermedi nel t3 per vedere come la rb, tra ascari e parabalica, guadagni mezzo secondo sulla ferrari che in questo campo e' indietro anni luce.Un altra cosa che non mi spiego e' come mai in ferrari,per ovviare ai problemi in trazione e per limitare i danni in qualifica,non abbia mai provato ad usare rapporti piu' corti;a tal proposito ho pensato che si preferisse una maggiore velocita' in rettilineo per permettere ai piloti di superare in gara ma,guardando gli onboard delle vetture di vertice,ho notato come non solo mercedes ma anche in lotus abbiano optato per rapporti piu' corti e quindi un' eventuale scelta di rapporti piu' corti da parte della ferrari sarebbe vantaggiosa sia in trazione che in qualifica e allo stesso tempo non tanto svantaggiosa in gara.

Reply
avatar
Anonimo
AUTHOR
7 settembre 2013 13:00 delete

Sei sicuro? Ti ricordi che a SPA la lotus andava continuamente a limitatore e non riusciva a passare nessuno nemmeno col drs?

Reply
avatar
Anonimo
AUTHOR
7 settembre 2013 13:36 delete

Si ricordo,a tal proposito durante la telecronaca ad una specifica domanda di vanzini gene' rispose che una scelta di rapporti corti porta grandi vantaggi in qualifica a discapito della gara in cui tale scelta rende piu' difficoltosi si sorpassi.Ora sarebbe bello sapere quanto,in termini di lap-time, i rapporti corti facciano la differenza rispetto ad un settaggio piu' tradizionale poiche se i vantaggi fossero tangibili si potrebbero utilizzare in modo tale da partire piu avanti e mettere sotto "vera" pressione i bibitari senza trovarsi dopo 5 giri ad oltre 5 secondi.

Reply
avatar
Anonimo
AUTHOR
7 settembre 2013 15:50 delete

La Ferrari porta tutte le novita' eccetto quella che servirebbe veramente:gli scarichi a rampa (provarli con Massa in qualche gp,no eh...).
I primi 3 qualificati a Monza li montano.
I primi 5 tempi nel 3° settore sono stati fatti dai piloti le cui monoposto li adottano,con svariati motori (della serie le mappature non c'entrano un fico secco) :Vettel,Hulkenberg (incredibile),Ricciardo,Webber,Vergne.
Alla parabolica un soffiaggio eccelso da un vantaggio incredibile e magari pure alla uscita dell'Ascari.

Reply
avatar

FUnoAnalisiTecnica. Powered by Blogger.