ASPETTANDO MONZA: LOTUS E 21 A PASSO LUNGO - FUNOANALISITECNICA F1ANALISITECNICA
Questo sito contribuisce alla audience di

ASPETTANDO MONZA: LOTUS E 21 A PASSO LUNGO

In casa Lotus per cercare di migliorare la competitività della E21 sulle piste veloci da basso carico puntano molto sulla vettura a passo lungo che doveva essere portata al debutto da Grosjean sul circuito di Spa ma che per problemi di affidabilità è stata posticipata al Gp di Monza.
Il passo della E21 verrà allungato di circa 10 cm spostando in avanti l'asse anteriore. Questa importante novità ha comportato in casa Lotus una modifica alla sospensione anteriore e un rifacimento del muso che ha determinato il  rifacimento del crash test previsto dalla FIA.
La domanda sorge spontanea: perché hanno fatto una modifica così importante?
Di questo ne abbiamo già parlato in un post di due settimane fa che potete rileggere al seguente link: www.f1analisitecnica.com/2013/08/la-lotus-allunga-il-passo-quali-sono-i.html
Riassumendo si può tranquillamente dire che i principali benefici della Lotus E21 a passo lungo saranno i seguenti:
- allungando il passo, inclinando verso l'avantreno la sospensione anteriore, si va a modificare la distribuzione dei pesi spostandola verso il retrotreno. Modifica che potrebbe comportare un beneficio soprattutto in trazione;
- ci potrebbe essere un miglioramento dell'andamento dei flussi all'avantreno della vettura con un incremento generale di carico aerodinamico complessivo. Tale modifica migliora, sicuramente, il comportamento della vettura sulle curve veloci.

Vediamo se questo modifiche riporteranno la Lotus E21 a lottare per le posizioni di vertice.

Cristiano Sponton

About Cristiano Sponton

Subscribe to this Blog via Email :

4 commenti

Write commenti
Anonimo
AUTHOR
3 settembre 2013 17:40 delete

Vado a spanne,non ricordo perfettamente,ma non dovrebbe esserci una tolleranza dell'1% sulla distribuzione dei pesi di una monoposto?Ricordo male?10 cm di spostamento in avanti dell'asse anteriore non influisce oltre l'1%?

Reply
avatar
3 settembre 2013 17:54 delete

Nel 2013, il peso minimo è pari a 642 Kg (640 Kg nel 2012) e viene calcolato a secco, ossia senza carburante a bordo. Ne consegue una minima variazione della distribuzione dei pesi imposta dalla FIA: non meno di 292 Kg all'anteriore (291 Kg nel 2012), non meno di 343 Kg al posteriore (342 Kg nel 2012).
Sommando i valori minimi si ottiene 635kg, quindi si possono effettuare aggiustamenti per solo 7kg che in percentuale rappresenta 1,09%

Reply
avatar
Anonimo
AUTHOR
3 settembre 2013 21:29 delete

"a secco" ma se qualcuno sposta liquidi ?intendo dire , se poni il serbatoio in modo che bilanci il peso a favore ? o come hanno fatto in Rb , se sposti considerevoli quantità di refrigerante in avanti ?
Davide
in proposito avrei una interessante idea..

Reply
avatar
Anonimo
AUTHOR
4 settembre 2013 11:14 delete

Infatti anch'io trovo assurdo che la ripartizione dei pesi venga calcolata a secco.Le monoposto forse corrono "a secco"?Ok che probabilmente si voleva (ma non si capisce il perche') vincolare strutturalmente forme e tipologia di monoposto,ma una monoposto gia' al limite della ripartizione con un baricentro del pieno benzina discretamente lontano dal baricentro della monoposto a secco,fa oltrepassare alla grande lo stesso limite imposto.Boh...La FIA (e i suoi consulenti....) inventano spesso delle sciocchezze assurde,salvo poi lasciare buchi,spesso volutamente,colossali.E' il caso degli scarichi:chissa' perche' non é stata deliberata da subito la norma per farli arrivare oltre il limite posteriore del diffusore.Faceva comodo a tecnici e a qualche "consulente"?Magari anche si,ma possibile che nessun funzionario FIA (a partire da Todt...) sapesse che con gli scarichi posti all'estremo posteriore della monoposto,la loro importanza sarebbe stata pari al 2 di bastoni?

Reply
avatar

FUnoAnalisiTecnica. Powered by Blogger.