Analisi Gp.Singapore: Analisi dell'ing. Benzing - FUNOANALISITECNICA F1ANALISITECNICA
Questo sito contribuisce alla audience di

Analisi Gp.Singapore: Analisi dell'ing. Benzing

Come ogni martedì, è possibile leggere, grazie alla collaborazione di questo blog con quello di Benny Casadei Lucchi, l'analisi del Gp di Singapore curata dall'Ing. Benzing.

L’intera analisi del G. P. di Singapore è condizionata, anzi, fortemente condizionata dal ruolo giocato dalle gomme, in termini eccessivi di sofficità, tanto da considerare che è venuto il momento di chiedere alla Fia-Tv la proibizione, in futuro, dei salti di categoria, come in questo caso, da “super-soft” a “medium”. È sempre tecnica, si dirà. Sì, ma entro limiti accettabili, mentre in questo caso, in una distesa oceanica di riccioli di burro nero, emblema di una civiltà dello spreco, si è andati troppo oltre. Rinfacciatelo all’ineffabile “duo” Ecclestone-Hembery, che guarda solo al “thrilling”, al ribaltone e allo spettacolo da baraccone, con corsa sui carboni accesi. Così, un noto ingegnere di un “top-team”, amico di vecchia data, mi ha assicurato, via e-mail, che la ricerca delle configurazioni e degli assetti è stata “roba da esaurimento nervoso”. Gli ingegneri della Rbr si sono trovati con pneumatici perfettamente adatti alle sofisticate geometrie delle loro sospensioni, dopo molti segreti a loro evidentemente svelati (incontro monzese Newey-Horner-Hembery sul tema 2014), dopo una prima metà di stagione disastrosa per Milton Keynes. Gli ingegneri della Ferrari hanno preso un grande rischio (fortunatamente a lieto fine), con la precipitosa decisione di far compiere il secondo “pit-stop” ad Alonso dopo soli 25 giri, sfruttando un intervento di una “Safety Car” alquanto precoce. Idem per gli ingegneri della Fintalotus, pronti all’azzardo, con un Raikkonen nella disperazione. Gli ingegneri della British-Mercedes, invece, attenti a non commettere imprudenze, hanno perso pragmaticamente la battaglia, per rispettare le percorrenze in “medium”, secondo i loro limiti. E vi pare che si possa correre un gran premio in tali condizioni, sapendo della negatività delle tre soste e ritrovandosi in ambito di favoritismi, contro quella equità nella competizione da un secolo vigente, con un Vettel che ha battuto Alonso per cinque secondi a Monza e per oltre mezzo minuto – una enormità – in questa inaccettabile contesa [continua].

Cristiano Sponton

About Cristiano Sponton

Subscribe to this Blog via Email :

5 commenti

Write commenti
Anonimo
AUTHOR
24 settembre 2013 22:35 delete

Buonasera a tutti..scusate se faccio un commento che non riguarda l articolo ma non saprei dove lasciarlo..ho letto un po in giro in vari siti ke ci sono certe preoccupazioni a riguardo del motore turbo della ferrari..in cosa consisterebbe il problema??ma si tratta di voci fondate??perche sarebbe un dramma se gia adesso ci fossero problemi..scusate ancora ma sono un po preoccupato. matteo

Reply
avatar
Anonimo
AUTHOR
25 settembre 2013 09:06 delete

Si vocifera che il motore ferrari non arrivi a un valore di peso minimo imposto dalla fia;cio' potrebbe comportare,da quanto ho letto su altri siti, un problema nella distribuzione dei pesi che comportebbe un equilibrio non perfetto della vettura.Sinceramente,da profano,non capisco tutta questa preoccupazione per 3 motivi: 1) il peso del motore,penso,possa essere aumentato fino a raggiungere il peso minimo imposto utilizzando materiali piu' pesanti; 2) il fatto che il motore ferrari sia fin da subito leggero potrebbe rappresentare un vantaggio poiche' i motori renault e merccedes potrebbero,ripeto potrebbero,essere piu' pesanti rispetto all unita' ferrari di qualche chilo e sappiamo come in f1 i chili in piu' si pagano in termini cronometrici,basta vedere il lavoro che si fa sulle vernici; 3) Non penso che in ferrari siano cosi' "polli" da commettere elementari errori di valutazione.Spero di esser stato chiaro e se qualcuno ha informazioni piu' dettagliate lo invito a condividerle.Michele

Reply
avatar
kroky78
AUTHOR
25 settembre 2013 22:12 delete

Non capisco nemmeno io i motivi di tutto questo allarme : se il motore è sottopeso faranno la coppa dell’ olio in ghisa, così rientrano nella norma e abbassano il baricentro. Nel frattempo, se l’ avete notato, l’ ing. Benzing ci ha svelato i motivi dello strano svolgimento del mondiale 2013. In F1 non vince il migliore, ma il più paraculo (scusate il francesismo). Non che sia del tutto sorpreso, ma una conferma così autorevole e definitiva e stata piuttosto traumatica. E pensare che c’ è gente che passa le ore a spulciare fotografie per trovare le modifiche più microscopiche e si arrovella per capire perché certe modifiche funzionano o no…. Cristiano tu che ne pensi?

Reply
avatar
26 settembre 2013 13:33 delete

kRONKY io credo che la Pirelli ci abbia privato di un mondiale spettacolare. Trovo sia incomprensibile un cambio di regole in corso di stagione. Concordo con Benzing e credo che la Ferrari abbia perso il mondiale dominando a Barcellona. Siamo passati da Maggio a Settembre: + 40 di Alonso su Vettel a Barcellona ad un -33 di Vettel su Alonso a Singapore. la Red Bull, in termini di novità, non ha portato niente di così strabiliante per avere un incremento prestazionale del genere. La cosa è semplice da capire e l'unico responsabile si chiama Pirelli

Reply
avatar
Anonimo
AUTHOR
29 settembre 2013 10:31 delete

Ing Benzing, e' chiaro che la red bull abbia il traction control( legale o no)...era chiaro gia' dal Canada come riusciva a spalancare il gas in uscita dal tornantino e dare decine di metri a tutti...e' stato poi perfezionato gara dopo gara.
Pur che bravo che sia Vettel, ed e' tutto da dimostrare con una vettura normale, non puo' fare cose e dare distacchi come sta facendo

Reply
avatar

FUnoAnalisiTecnica. Powered by Blogger.