ANALISI TECNICA GP.GERMANIA - FERRARI F138 - FUNOANALISITECNICA F1ANALISITECNICA
Questo sito contribuisce alla audience di

ANALISI TECNICA GP.GERMANIA - FERRARI F138

Prove comparative effettuate durante la giornata odierna in casa Ferrari per riuscire a comprendere nel migliore dei modi l'aerodinamica della F138 in quanto gli ultimi sviluppi portati in pista non hanno migliorato la vettura ma l'hanno resa molto squilibrata.

Per fare questo era stata montata sulla vettura di Alonso una griglia di sensori a valle della ruota sinistra che non è stata usata visti i problemi elettronici accusati dal pilota spagnolo durante la prima  sessione di libere.
Sono state testate, come anticipato nella preview tecnica di ieri due ali anteriori diverse nella forma delle derive verticali poste sotto l'ala stessa.

Image

Usati, sotto il muso della vettura i turning vanes a tre elementi che la Ferrari aveva utilizzato per la prima volta in questa stagione al Gp della Cina.

Usata per l'intera sessione di libere l'ala posteriore molto simile a quella già vista a Monaco, dotata di 5 soffiatura nella parte alta della paratia laterale, abbinata al monkey seat (per aumentare carico deportante). E' stata rimossa la feritoia che era apparsa a Silverstone sulla parte inferiore dell'ala posteriore.
Image
Image

Prove comparative anche nella zona posteriore in quanto i piloti hanno collaudato sulla F138 due versioni di scarico: scarichi lunghi sulla vettura di Alonso dove i gas soffiano molto vicino alla ruota posteriore ed una più corta con Massa dove i gas caldi vengono indirizzati, grazie all'effetto Coanda, sul fondo della vettura.
 Nella notte, gli ingegneri analizzeranno i dati raccolti per scegliere la miglior configurazione aerodinamica per migliorare la competitività della F138.







Cristiano Sponton

About Cristiano Sponton

Subscribe to this Blog via Email :

6 commenti

Write commenti
SF
AUTHOR
6 luglio 2013 13:02 delete

riguardo alla conformazione degli scarichi, mi sono chiesto il perchè del dietrofront della ferrari. la mia ipotesi è che gli scarichi lunghi consentono di indirizzare i gas di scarico in maniera più precisa, ma comportano anche un flusso meno energizzato; in pratica si creano un po' gli effetti degli scarichi a rampa. quelli più corti, invece, fanno l'opposto: meno precisi ma più efficienti.

a silverstone si era evidenziato un eccessivo sovrasterzo, che io avevo considerato effetto di aggiornamenti all'anteriore non bilanciati da quelli al posteriore, o meglio soluzioni all'anteriore più efficienti di quelle al posteriore. a questo punto, visto il ragionamento fatto sopra, mi viene da pensare che gli scarichi lunghi avevano sbilanciato la vettura e l'avevano resa troppo nervosa. così si spiega anche la poca trazione che ha la vettura in questo momento, di certo non paragonabile a quella di inizio anno. così i tecnici hanno deciso di tornare alla vecchia soluzione. o è corretto?

l'unica cosa che non mi torna è come mai quelli lunghi abbiano funzionato in canada, dove è richiesta grande trazione e quindi maggior carico posteriore

Reply
avatar
Anonimo
AUTHOR
7 luglio 2013 16:49 delete

Vedo la Ferrari in altissimo mare.O fanno un lavorone prima dell'Ungheria o il mondiale,ancora una volta,é bello che andato.La F.138 é mediocre oramai in tutto.Non solo in qualifica (anche col caldo...) ma anche e soprattutto in gara.Ieri ed oggi é andata male con un certo caldo (anche se per me in Q3 era meglio provare a prendere la 4a posizione con le soft) figuriamoci a Spa,Austin e company,magari con gomme dure e 15°C.
Non credo alla lettura secondo la quale Alonso nel primo stint é andato male per via di un treno gomme usato e/o difettoso.Semmai,in condizioni mai verificate in precedenza nel week end,ovvero caldo e auto a pieno carico,la F.138 non ha sufficiente grip con le medie.L'auto é andata bene nella fascia mediana della gara,esattamente come tendeva fare la monoposto della passata stagione.Nell'ultimo stint,con gomme soft nuove Alonso ha dimostrato che a parte i primi 2-3 giri in bomba,la Lotus (Raikkonen aveva soft usate) conserva meglio tali coperture e in proporzione va di piu'.Dopo 6 giri dal GPV di Fernando,Kimi ha girato a soli 3 decimi,quando Alonso iniziava gia' da un po' a remare.Cio' indica che eventuali modifiche alle sospensioni posteriori,per rendere piu' aggressiva la vettura in qualifica,renderebbero la vettura troppo violenta coi pneumatici soft,in condizioni di caldo.Perche' la F.138 E' UNA MONOPOSTO PLAFONATA!Senza nuove soluzioni che diano maggior carico,nemmeno modifiche meccaniche sono possibili (forse per questo non le fanno...).Siccome esistono le previsioni meteo,perche' non portare ai gp 2 soluzioni sospensive diverse,scegliendo quale utlizzare a seconda delle temperature previste?A Silvestone e Montreal forse sarebbe servita una meccanica che ricercasse piu' grip.Mentre oggi serviva solo piu' carico.

Reply
avatar
Anonimo
AUTHOR
7 luglio 2013 18:59 delete

Forse è ora che in Ferrari prendano dei tecnici validi e preparati!
Non è possibile che ogni anno si ritrovano a rincorrere i bibitari & co.
Spero si diano una svegliata durante queste 3 settimane di pausa...

Reply
avatar
Anonimo
AUTHOR
8 luglio 2013 09:44 delete

Adesso é chiaro come il sole che il problema della attendibilita' della galleria del vento di Maranello é stata una scusa!Magari costruita ad arte proprio da chi aveva la responsabilita' dei grossolani errori in fase di sviluppo aerodinamico.Anche se ci fosse stata una correlazione non perfetta tra galleria e pista,cio' non spiega la routine del(non) sviluppo della Ferrari.La vettura 2012 era nata "deficiente" non per problemi di galleria ma per una progettazione veramente elementare rispetto agli avversari (target troppo terra-terra).Gli sviluppi estivi erano stati ridicoli.Quest'anno con miglioramenti piu' ambiziosi del progetto,la base era ottima,ma gli sviluppi (casualmente dello stesso periodo dell'anno) fanno pena e sono addirittura controproducenti.Ma non dovevano provenire dalla galleria super moderna ed affidabile della Toyota?E' chiaro che sia chi da le direttive di sviluppo,sia chi studia e verifica in galleria,é responsabile di una debacle clamorosa (fosse almeno la prima).Una volta si diceva chi sbaglia paga.Ora a Maranello nessuno controlla,ha una supervisione delle cose,dei consiglieri che ne sanno,Domenicali dorme perche' Montezemolo dorme ed entrambi di cose tecniche sanno meno di zero.Gli raccontano quella dell'orso e loro ci credono.La struttura F1 di Ferrari sembra una entita' para statale.E' ora che qualcuno debba dire bye-bye

Reply
avatar
Anonimo
AUTHOR
8 luglio 2013 10:00 delete

Cristiano,perche' alcuni post scompaiono?Li censuri tu?Ne ho postato uno sulla "scusa" oramai evidente della mancanza di correlazione fra la galleria di Maranello e la pista,quando quest'anno utlizzando la galleria di Colonia capitano le stesse cose (tecnici incapaci...)l'ho visto pubblicato,poi sono rientrato nel sito e non l'ho visto piu'.
Domenicali trovando una scusa nuova,si é giustificando per le prestazioni scarse tirando fuori la storia delle temperature "variabili" (solo per la Ferrari?).Domenica in pista c'erano 42 gradi,esattamente quelli che servivano alla rossa.Ecco,appunto,per quello andava cosi' forte...Si sapeva da una settiaman che domenica ci sarebbe stato piu' caldo che sabato e loro non sapevano nulla?A Maranello tengono piloti mediocri (1) tecnici incapaci,dirigenti incompetenti e viceversa fanno di tutto per allontanare i tifosi,accampando scuse che non hanno senso e dicendo sempre le stesse cose da 5 anni.

Reply
avatar
kroky78
AUTHOR
8 luglio 2013 14:15 delete

Ciao Cristiano, volevo chiederti maggiori notizie (se le hai) riguardanti l' instabilità generata dal nuovo pacchetto aerodinamico e dai nuovi scarichi. In particolare mi chiedevo se gli scarichi lunghi sono stati accantonati perchè non funzionano e non permettono significativi incrementi di prestazione, oppure se c'è la possibilità che funzionino troppo bene, comportando un incremento tale di carico al posteriore da non riuscire ad essere bilanciato da un analogo incremento all' anteriore. Ho letto un' intervista del dopo gara dove Alonso diceva che dopo le ultime comparazioni fatte in Germania, la Ferrari ha capito quali sono le aree critiche su cui intervenire e che ora ritiene i test di Silverstone utili in tal senso, in quanto potranno essere provate parti nuove sulle monpopsto. Mi auguro vivamente che abbiano capito, ma la sensazione di deja vu col 2012 è molto forte...

Reply
avatar

FUnoAnalisiTecnica. Powered by Blogger.