ANALISI TECNICA GP. CANADA - FERRARI F138 - FUNOANALISITECNICA F1ANALISITECNICA
Questo sito contribuisce alla audience di

ANALISI TECNICA GP. CANADA - FERRARI F138

Tantissime novità aerodinamiche sulla F138 viste durante le prove libere 1 del Gp di Montreal. I due piloti visto i tantissimi pezzi da collaudare hanno diversificato il lavoro ed hanno provato due configurazioni aerodinamiche diverse:

  • Felipe Massa ha utilizzato i nuovi scarichi più lunghi che vanno a soffiare molto vicino alle ruote posteriori. Durante le prove libere sono stati testati i flap a ponte sulle fiancate che erano già stati collaudati da Massa sul circuito di Barcellona. I flap a ponte  hanno la funzione di indirizzare i flussi in direzione dell'area degli scarichi per energizzare ulteriormente i gas roventi che vengono sfruttati per generare la minigonna termica tra la ruota posteriore e il canale esterno del diffusore.
  • Fernando Alonso ha utilizzato la F138 dotata di scarichi e deflettori davanti alle fiancate in configurazione standard.
Entrambi i piloti hanno utilizzato i nuovi supporti dell'ala anteriore che hanno una forma più rettilinea e sono stati studiati appositamente per questo circuito.
foto @techF1LES -alto scarichi standard - basso nuovi scarichi 



Entrambi i piloti hanno testato la nuova ala anteriore che presenta due interessantissimi soffiaggi nel profilo principale.I due flap superiori sono a bassa incidenza, sintomo che quest'ala è stata studiata appositamente per questo circuito.

Dalle immagini Tv, questa ala è sembrata avere una flessibilità programmata in modo da farla abbassare all'aumentare della velocità.
Questa nuova ala anteriore è dotata di tantissime soffiature che hanno la funzionalità di garantire la giusta portata d'aria sotto al profilo anche alle alte velocità, quando l'ala, sottoposta al carico , tende a schiacciarsi verso la pista. Se non ci fossero queste soffiature l'ala potrebbe entrare in stallo comportando un aumento di drag/resistenza all'avanzamento.
Nuova ala
Ala standard
E' stato collaudato, da entrambi i piloti un nuovo muso: uno classico con una punta sottile e uno con una sorta di gobba. Ancora non si sa, quale delle due configurazioni aerodinamiche verrà scelta per le qualifiche e la gara. Dalle foto in alto, potete notare che è stato spostata la posizione delle telecamere: prima erano sul profilo neutro dell'ala anteriore mentre ora sono state arretrate ee sono state collocate dopo i piloncini di sostegno. Stessa scelta è stata fatta dai rivali della Red Bull che hanno privilegiato l'efficienza aerodinamica a discapito della ricerca del carico.

Modificati anche i turning vanes sotto il muso che sono tornati ad avere due palette, invece delle tre che erano state introdotte sulla F138 al Gp di Cina

Nuove le prese d'aria dei freni che sono state studiate appositamente per la pista canadese.
Si nota chiaramente che l'obiettivo dei tecnici di Maranello è quello di migliorare il raffreddamento in quanto il cestello è più aperto nella zona del disco ed è stata aggiunta una presa d'aria /cerchio verde).

Collegamento permanente dell'immagine integrata

Sono stati apportati dei cambiamenti anche i generatori di vortice davanti alle fiancate che sono cambiati rispetto alla scorsa gara. La funzionalità di questi piccoli profili aerodinamici è quella di portare sotto al fondo della vettura la vena fluida che lambisce la parte superiore e migliorare l'andamento del flusso d'aria verso il diffusore.
generatori di vortice Ferrari F138 di Alonso - Gp. Canada
Generatori di vortice - Ferrari F138
Tutti i nuovi aggiornamenti sono stati confermati sulla monoposto di Fernando Alonso mentre Massa ha utilizzato una configurazione mista: scarichi standard e nuova aerodinamica anteriroe.


Cristiano Sponton

About Cristiano Sponton

Subscribe to this Blog via Email :

18 commenti

Write commenti
SF
AUTHOR
7 giugno 2013 22:30 delete

a dire la verità a me sembra che il muso "a pellicano" sia stato provato. infatti la foto n 2 (quella di alonso con l'ala nuova) mostra proprio il muso inedito. tra l'altro, se non sbaglio, tutti i musetti con la protuberanza sono abbinati con l'ala nuova, cioè tutti presentano la versione più recente dell'ala anteriore, e dunque deve per forza essere stato montato quando la vettura girava

Reply
avatar
SF
AUTHOR
7 giugno 2013 22:34 delete

inoltre vorrei far notare anche che la nuova soluzione all'anteriore prevede anche una diversa collocazione delle telecamere, che ora sono poco davanti le sospensioni, mentre nella vecchia configurazione queste erano posizionate tra i piloni di sostegno dell'ala

Reply
avatar
Anonimo
AUTHOR
7 giugno 2013 22:54 delete

Non solo,fra i 2 nuovi musi che contemplano la zona rettilinea dei supporti dell'ala,c'é un'ulteriore differenza,come si puo' notare dalle foto 1-2-3:
il muso stile Renault Re 29 ha i supporti dell'ala anteriore sagomati al posteriore (in un certo senso contrari rispetto al muso adottato fino a Montecarlo) mentre quello con la punta piu' sottile,ha i supporti rettilinei posteriormente.

Reply
avatar
7 giugno 2013 23:31 delete

Eh sì, non avevo notato quel dettaglio! ;)

Reply
avatar
kroky78
AUTHOR
8 giugno 2013 14:06 delete

Anche i turning vanes sono cambiati rispetto a qulli visti ultimamente, sono tornati ad un unica soffiatura.

Reply
avatar
Anonimo
AUTHOR
8 giugno 2013 22:20 delete

Da quelle poche immagini e foto che ho visto delle qualifiche,risulterebbe:

-Entrambi i piloti con il nuovo muso a pellicano e la nuova ala anteriore
-Massa con i vecchi deviatori di flusso,Alonso con quelli nuovi,a ponte
-Massa con i vecchi scarichi,Alonso con i nuovi.

Nelle qualifiche,come a Montecarlo,del resto,si é visto che chi tratta meglio i pneumatici (Lotus e Ferrari) ha avuto problemi di performance.Sono curioso di vedere Red Bull e Mercedes in gara,con l'asciutto,pur con soli 22°C.La Red Bull in particolare scaldava i pneumatici in mezzo giro.In gara li brucera' in 15?Forse Ferrari ha un assetto piu' da asciutto rispetto a i due team di cui sopra.Diversamente la gara non sara' una passeggiata,nemmeno con l'asciutto.
Per Massa....che sia in rampa di lancio Koba??

Reply
avatar
Anonimo
AUTHOR
8 giugno 2013 22:44 delete

Magari domani Alonso vincera' dando 30 secondi a tutti,ma inizio a trovare veramente stucchevole questa Ferrari,pur con i miglioramenti che ha avuto nelle prestazioni in gara (su asciutto).Mi pare che si stanno nuovamente cronicizzando i mali che si trascinano oramai almeno da meta' campionato 2008:problemi di prestazione in qualifica,sul giro secco e in gara,con temperature basse.
Non puo' essere un caso che gira e volta il problema sia sempre quello.E non puo' dipendere nemmeno da errori progettuali (nel senso di risultanze non volute).Secondo me tutto questo dipende da precise scelte filosofiche del responsabile tecnico Tombazis,che ha una visione troppo conservativa sullo sfruttamento dei pneumatici,che in situazioni di gp con gravi problematiche di usura (Barcellona) manda la Ferrari a nozze,mentre nella stragrande maggioranza dei gp é una palla al piede.
Da notare che,se non erro,Tombazis é capo progetto proprio dal 2008,da quando esiste questo problema,mentre l'anno precedente,quello del mondiale di Kimi,Tombazis era si progettista,ma sotto la supervisione e le direttive di Costa,che era il responsabile della creatura F.2007

Reply
avatar
Anonimo
AUTHOR
9 giugno 2013 23:38 delete

Prestazioni veramente deludenti della Ferrari in gara.Una delle due migliori monoposto (qualcuno pomposamente la definisce la migliore...) dovrebbe permettere qualcosa di piu' che 3 posizioni recuperate da Alonso (con Bottas era scontato) e 8 a Massa.
Col pieno,a pista fredda,con le supersoft e per almeno mezzo secondo stint,la F138 é stata meno che mediocre.
Alonso non riusciva a tenere il ritmo delle Mercedes e di Webber e non per una strategia diversificata,ma per mancanza di prestazione.La rossa era veramente inguardabile all'uscita del tornantino,dove si beccava una vita,in trazione,da tutti e alla curva 2.Bene nell'unica curva veloce del circuito e nel passaggio sui cordoli della chicane prima dell'arrivo.
O i nuovi particolari funzionano poco o nulla (ad iniziare dagli scarichi) oppure ai box hanno cannato totalmente set up,visto che rispetto a Barcellona la F138 ha perso parecchio da Red Bull e Mercedes.
La prestazione é migliorata durante la gara solo per il calo del carico carburante,le temperature in pista e il presumibile maggior consumo dei pneumatici Mercedes rispetto a Ferrari,della serie:la rossa é meno veloce ma piu' costante.
A Maranello dovrebbero riflettere che nel confronto fra monoposto prestazionali (Red Bull-Mercedes) e conservative sui pneumatici (Ferrari-Lotus) il punteggio di vittorie sta sul 4-3:qual'é la scelta progettuale piu' conveniente?Perche' la Ferrari é sempre cosi' passiva nella variazione delle geometrie sospensive?

Reply
avatar
Anonimo
AUTHOR
10 giugno 2013 10:16 delete

Alonso andava piano all'inizio per motivi strategici. grande Ferrari in gara. il problema è che la Red Bull è stata superlativa. sono veramente fenomenali.
A silverstone su pista asciutta comunque vince Alonso, il problema sarà l'umido.

Reply
avatar
Anonimo
AUTHOR
10 giugno 2013 10:23 delete

dimenticavo, l'unico difetto grosso che ho visto ieri sulla macchina è la trazione. lì la Red Bull va il doppio

Reply
avatar
Anonimo
AUTHOR
10 giugno 2013 11:04 delete

Alonso andava piano per motivi strategici?E che motivo strategico ci sarebbe nell'andar piano a parita' di strategia,anzi facendo pit prima di Vettel??

Reply
avatar
Anonimo
AUTHOR
10 giugno 2013 11:13 delete

A mio parere il mondiale Ferrari é finito.Non per via del distacco,assolutamente recuperabile,ma per l'impossibilita' di raggiungere le prestazioni di Red Bull e credo (fra qualche mese) pure di Mercedes.
Secondo me Ferrari ha sbagliato a non seguire la configurazione rake che da anni contraddistingue Red Bull,scelta pure da Mercedes.Sarebbe bello capire perche' Ferrari l'ha disdegnata.Se é vero che piu' aria passa sotto la vettura (ma io non capisco perche' nessuno tenti la difficile strada del non farne passare proprio...) piu' la vettura é prestazionale dal punto di vista del carico,allora la strada Ferrari é sbagliata.E PLAFONATA.
Red Bull e Mercedes dovrebbero essere piu' lenti sul dritto rispetto a Ferrari,per via dell'"effetto piastrone" del fondo,invece in Canada la Red Bull pagava solo 4 Km/h,mentre la Mercedes era alla pari:trattasi di implementazione di SUPER DRS?O di nuove specifiche di superfici a deformabilita' programmata?Oppure in realta' pur avendo il fondo piu' parallelo al terreno la Ferrari ha maggiore drag nelle ali e/o é rimasto il problema della resistenza dei radiatori?
Se Red Bull e Mercedes hanno risolto il problema del surriscaldamento dei pneumatici e hanno ottimizzato il sigillamento della maggior portata del diffusore,a Maranello il mondiale 2014 se lo sogneranno ancora di notte...

Reply
avatar
Anonimo
AUTHOR
10 giugno 2013 11:23 delete

E per fortuna che Fry nei test invernali aveva detto che nel 2013 la Ferrari avrebbe portato meno novita' durante i gp,ma piu' migliorative delle performance della monoposto!
La Red Bull porta un quinto di modifiche (visibili) rispetto a Ferrari,ma 5 volte piu' efficaci a far volare la monoposto.
Gli anglo-austriaci sanno meglio dove focalizzare l'attenzione e intervenire,sicuramente sono piu' avanti con l'utilizzo della galleria,del cfd e del simulatore.E si vede.
In Canada le modifiche alla Red Bull sembravano di dettaglio,ma hanno reso la vettura imprendibile.Ma sono state veramente le modifiche visibili a dare questo step evolutivo impressionante?Nel rapporto che oramai la Rb9 esprime tra carico generato e velocita' di punta,penso che ci siano di mezzo o un super DRS ben nascosto o superfici a deformabilita' programmata che non si limitano miseramente all'ala anteriore.Altrimenti il tutto non si spiega molto.
La Ferrari é ancora che combatte con l'impossibilita' di sfruttare subito e al massimo i pneumatici.Puo' darsi che cio' dipenda dalla minor efficienza del diffusore non rake,ma se Mercedes aveva problemi di surriscaldamento gomme dettati da geometrie sospensive e scarichi che soffiavano con poca precisione e sembrerebbe averli risolti con delle modifiche,com'é che in Ferrari non si riesce a risolvere il problema lavorando sugli stessi elementi?
Sarebbe ora che si lavorasse per partire dalla prima fila.E il fatto che non si riesca a modificare il comportamento della monoposto,getta molte ombre sull'operato e sulle capacita' del pool di tecnici di Maranello.

Reply
avatar
Anonimo
AUTHOR
10 giugno 2013 14:23 delete

Una domanda, semplicissima, la F2013 ( come anche la F2012), perché ha una trazione in uscita alquanto deficitaria. La monoposto è veloce sui rettilinei, e va alla grande nei curvoni in appoggio, ma perché così poca trazione?
Eppure i problemi di carico in buona parte sono stati risolti, o sbaglio?

Reply
avatar
Anonimo
AUTHOR
10 giugno 2013 15:58 delete

Non credo che i problemi di trazione dipendano dal carico generato.Il tornantino a Montreal non si fa certo ad una velocita' che permetta alle ali (e in una certa percentuale al diffusore) di generare parecchie decine di Kg di deportanza.Secondo me il deficit in trazione dipende soprattutto da altri motivi:

1) Geometrie delle sospensioni poco esasperate.Poco racing e molto conservative.Non permettono di utilizzare al 100% le capacita' di aderenza e trazione dei pneumatici.
2) Diversamente da quanto si dice:sistema di soffiaggio scarichi affatto evoluto.Se sono questi i risultati della nuova configurazione con i soffiaggi piu' vicini alle ruote posteriori,siamo messi male.E' vero che il diffusore a basse velocita' crea poca deportanza,ma va anche detto che un motore a manetta,in accelerazione,oltre che a fornire una (teorica) ottima minigonna termica al diffusore stesso,dovrebbe fornire direttamente alti livelli di deportanza.Evidentemente Red Bull e pure Mercedes,hanno lavorato meglio.Usualmente si dice che gli scarichi a rampa funzionano meglio in uscita curva rispetto ai sidepods.E siccome Red Bull ha le rampe (e un sofisticato sistema di canalizzazione per ovviare ai limiti degli scarichi a rampa...)
3) Che ne sappiamo della gestione elettronica della combustione motore,in rilascio e pure in accelerazione?Sicuramente anche in questo campo c'é chi é piu' in avanti e furbo degli altri.La Mercedes a Montecarlo RAGLIAVA che era una meraviglia.Ma i motori non dovrebbero o bruciare con 8 cilindri o essere in puro e semplice rilascio?
Inoltre:com'é messo il motore Ferrari,anche e soprattutto in considerazione degli assurdi scarichi (in senso termodinamico) attuali per quanto riguarda valori assoluti e distribuzione della coppia nell'arco dei giri?Mi sa che anche qui non é propriamente il migliore.

Reply
avatar
Anonimo
AUTHOR
11 giugno 2013 10:29 delete

questi commenti sono frutto della frustrazione a caldo dopo la gara.
se la Red Bull dimostra questo vantaggio anche a Silverston su pista asciutta allora inio a preoccuparmi, ma non ora.
il problema trazione c'è, come c'è quello delle qualifiche. i motivi sono tanti ed è materia da ingegneri di pista, non possiamo certo essere noi a sapere come e dove intervenire.

Reply
avatar
Anonimo
AUTHOR
11 giugno 2013 10:40 delete

Quindi stai suggerendo di non frequentare il forum,non discutere,lasciare che il bel sito di Sponton sia composto unicamente solo da foto?Perche' anche lui,seguendo il tuo ragionamento, non é un ingegnere Red Bull e Ferrari e potrebbe dire cose non corrette.
Non solo,discorso valido soprattutto per i tecnici di Maranello,se le loro idee,i loro giudizi,le loro valutazioni fossero sempre corrette ed esatte,di certo il mondiale piloti non mancherebbe alla Ferrari dal lontano 2007 (per grazia ricevuta,altrimenti dal ben piu' lontano 2004).Quindi:se possono errare loro,sotto cospicua retribuzione,perche' non possiamo farlo noi,gratuitamente?

Reply
avatar
Anonimo
AUTHOR
11 giugno 2013 13:18 delete

anche meno dai

Reply
avatar

FUnoAnalisiTecnica. Powered by Blogger.