QUESTIONE GOMME: ORA INTERVIENE LA FIA - FUNOANALISITECNICA F1ANALISITECNICA
Questo sito contribuisce alla audience di

QUESTIONE GOMME: ORA INTERVIENE LA FIA

Molto probabilmente, il cambio di gomme che avverrà in Canada, sarà molto meno radicale di quanto previsto, in quanto, la FIA è intervenuta dicendo che le modifiche saranno consentite solo per motivi di sicurezza.
Fonti molto attendibili, riportano che, la FIA si è detta molto disponibile nell'accettare cambiamenti volti ad eliminare il problema di delaminazione degli pneumatici posteriori ma non sarà disposta a tollerare ulteriori modifiche sugli pneumatici volte a ridurre il numero di pit stop o a diminuire il degrado .
Quindi sarà impossibile, per la Pirelli, ritornare alle specifiche di gomme della scorsa stagione, come qualcuno aveva ipotizzato in questi ultimi giorni. 
La FIA, nel non volere questo cambiamento, sta, semplicemente, cercando di far rispettare l'articolo 12.6.3 del regolamento tecnico che afferma:
"Le specifiche degli pneumatici saranno determinati dalla FIA non oltre l'1 settembre (entro 1 settembre 2012 sono state decise le mescole per il 2013). Una volta determinati i tipi di mescola, le specifiche degli pneumatici non possono essere modificati durante la stagione senza l'accordo di tutte le squadre che disputano il campionato del mondo".
Esiste, comunque, una clausola al regolamento che dice che se, il fornitore degli pneumatici o i delegati tecnici della FIA, considera inadatte le gomme, queste si possono modificare senza l'accordo di tutti i team.
In questo caso, la FIA, non crede che l'attuale alto degrado delle gomme, possa  far dichiarare a qualcuno che il prodotto portato dalla Pirelli sia inadeguato.

Una fonte FIA ha ​​dichiarato ad Autosport:

"Le discussioni tra la FIA e Pirelli sono in corso per quanto riguarda i guasti ai pneumatici e stiamo discutendo per apportare modifiche in modo da  evitare che accada di nuovo. Con Pirelli non abbiamo mai affrontato la questione degrado e nemmeno l'alto numero di pitstop.».
Vi riporto, per intero, l'articolo 12 del regolamento tecnico 2013 che regolamenta le specifiche degli pneumatici:





Art. 12.6 Specification of tyres :

12.6.1 An intermediate tyre is one which has been designed for use on a wet or damp track.

All intermediate tyres must, when new, have a contact area which does not exceed 280cm²

when fitted to the front of the car and 440cm² when fitted to the rear. Contact areas will be

measured over any square section of the tyre which is normal to and symmetrical about the

tyre centre line and which measures 200mm x 200mm when fitted to the front of the car and

250mm x 250mm when fitted to the rear. For the purposes of establishing conformity, void

areas which are less than 2.5mm in depth will be deemed to be contact areas.


12.6.2 A wet-weather tyre is one which has been designed for use on a wet track.

All wet-weather tyres must, when new, have a contact area which does not exceed 240cm²

when fitted to the front of the car and 375cm² when fitted to the rear. Contact areas will be

measured over any square section of the tyre which is normal to and symmetrical about the

tyre centre line and which measures 200mm x 200mm when fitted to the front of the car and

250mm x 250mm when fitted to the rear. For the purposes of establishing conformity, void

areas which are less than 5.0mm in depth will be deemed to be contact areas.


12.6.3 Tyre specifications will be determined by the FIA no later than 1 September of the previous

season. Once determined in this way, the specification of the tyres will not be changed during

the Championship season without the agreement of all competing teams.







Cristiano Sponton

About Cristiano Sponton

Subscribe to this Blog via Email :

18 commenti

Write commenti
kroky78
AUTHOR
18 maggio 2013 14:41 delete

Quindi, nella sostanza, sarà permesso di cambiare la carcassa passando dall' acciao al kevlar, per diminuire il rischio di scollamento del battistrada da surriscaldamento, ma le mescole resteranno quelle attuali?

Reply
avatar
Anonimo
AUTHOR
18 maggio 2013 16:03 delete

da quello che ho letto anche in altri articoli ho capito che la Pirelli potrà solo modificare le gomme per non far avvenire più le foratura o delaminazioni.
Quindi io penso che non possono fare quello che dici visto che dovrebbero cambiare tutta la struttura della mescola. Matteo

Reply
avatar
gedeone182
AUTHOR
18 maggio 2013 16:31 delete

Io non conosco cosa vuole o vorrebbe fare Pirelli o quello che altri vorrebbero che sia fatto, tuttavia, credo che il solo sostituire l'acciaio con il kevlar a parità di tutto il resto è sufficiente a sconvolgere la gestione degli pneumatici fin qui vista, dato che solo questo andrebbe a modificare e di molto la fase di warm-up del pneumatico che per essere riottimizzata necessita di interventi alle geometrie delle sospensioni che poi a cascata stravolgerebbero tutto il resto.
Personalmente sono molto contrariato da questa vicenda, cosa che ho già palesato direttamente sia a Sky, in quanto cliente, che a Pirelli.

Reply
avatar
Maxleon
AUTHOR
19 maggio 2013 01:48 delete

Assolutamente, non credo che Pirelli possa cambiare l'acciaio con il kevlar, perchè essendo materiali diversi, avrebbero anche un diverso approccio sulla pista modificando anche i parametri di durata e consumo, cosa che la FIA non vuole, a meno che non riescano a mantenere inalterati i valori tecnici di deformazione e non credo sia immediatamente possibile, poi vi è anche un'altra questione tecnica, che riguarda il peso degli pneumatici, il kevlar è molto più leggero dell'acciaio, motivo per cui quest'anno è stato aumentato anche il peso minimo delle monoposto, quindi cambiare l'acciaio con il kevlar, vorrebbe dire utilizzare un nuovo pneumatico, non eliminare la disfunzione e per giunta il peso recuperato dove andrebbe utilizzato?????

Reply
avatar
20 maggio 2013 00:44 delete

Dal punto di vista sportivo sono perfettamente d'accordo che cambiare le regole in corsa non sia bello e corretto soprattutto per chi ha progettato macchine che funzionano perfettamente con le specifiche date. Resta la mia enorme perplessità su gomme che perdono 3 secondi da un giro all'altro, vedere f1 costrette a ritmi anche di 15" al giro più lenti in gara rispetto alle qualifiche o gran premi il cui 80% del tempi è passato a parlar di gomme.
Quindi è meglio correggere se su può certe distorsioni o essere coerenti fino in fondo?

Reply
avatar
Anonimo
AUTHOR
20 maggio 2013 09:15 delete

scusa Fabio ma che gare ti guardi?
dove vedi 15" piu lenti?
in spagna la durata del gp 2013 e stata piu o meno la stessa che nel gp 2012
dai non diciamo cavolate

Reply
avatar
Anonimo
AUTHOR
20 maggio 2013 11:31 delete

a questo punto le dichiarazioni di Hambery sembrano quelle di un completo idiota che non si è mai letto il regolamento:
le cose che ha detto come torniamo al kevlar, facciamo meno pit stopo, sono semplicemente vietate dal regolamento.
complimenti simpatico mattacchione!
al bar ci manca un giullare, passa ogni tanto

Reply
avatar
Anonimo
AUTHOR
21 maggio 2013 14:46 delete

be però è vero che rispetto alla gara del 2010 è durata 4 minuti in meno rispetto al 2011.. contache in quella gara ci sono stati si 3 pit stop in più ma comunque vettel ha tirata dall'inizio alla fine con lewis dietro.. c'è anche da dire che comunque alonso ha rallentato un poì nel primo terzo di gran premio...

Reply
avatar
Anonimo
AUTHOR
21 maggio 2013 15:50 delete

Esco un attimo fuori luogo ma sapete cosa porta la ferrari per monaco? porta quello che ha portato a Barcellona ?-Matteo

Reply
avatar
21 maggio 2013 17:29 delete

porterà componenti aerodinamici per aumentare la deportanza. Ala anteriore e posteriore con relativo monkey seat da collocare sul profilo inferiore dell'ala posteriore. Vediamos e verranno riproposti i deflettori a ponte sulle fiancate e la nuova carrozzeria posteriore dotata di scarichi diversi rispetto a quelli usati a Barcellona. Ci saranno delle probabili modifiche alle pinze dei freni sia anteriori che posteriori.

Reply
avatar
Maxleon
AUTHOR
21 maggio 2013 18:00 delete

Ritornando alle gomme, sarei curioso di sapere se la Pirelli ha dato le caratteristiche delle gomme che arriveranno in Canada, in linea di massima credo che dovrebbero solo fare delle modifiche di dettaglio, per assicurare che non si verifichino più delaminazioni, non credo che possano portare delle modifiche strutturali dopo la strigliata della FIA, anche perchè se ci fosse stata qualche modifica alla struttura, credo che avrebbero dovuto già informare i team e fornire le nuove specifiche in scala per adeguare la simulazione, ora anche volendo sarebbe troppo tardi.

Reply
avatar
Anonimo
AUTHOR
21 maggio 2013 18:14 delete

nessuno ha più detto niente, nessuno ha più chiesto niente. sembra che se ne sia parlato per due giorni al solo scopo di fare della sterile polemica, ma del dettaglio tecnico annunciato dalla Pirelli, che è il succo della questione, non gliene importa nulla a nessuno.

Reply
avatar
21 maggio 2013 22:14 delete

forse ho estremizzato, ma vediamo i numeri: tra la pole di rosberg e il giro più veloce di Perez ci sono stati 6" ma il ritmo medio in gara è stato abbondantemente più lento della pole di 8-10". Ricordo che nel 2009 la pole fu sullo stesso tempo di quella attuale e il giro più veloce di 2" più lento... È vero allora si sorpassa a meno, ma anche vedere i piloti guidare sulle uova non è un bello spettacolo. Io concepisco la f1 come performance, ricerca, tecnologia. Ma è un modo di vedere, forse sono anche cavolate...

Reply
avatar
SF
AUTHOR
21 maggio 2013 22:44 delete

Il paragone con il 2009 non si può fare, perchè allora c'erano ancora i rifornimenti in gara, quindi le vetture in gara erano più leggere delle attuali e i piloti avevano la possibilità di fare stint brevi e veloci. Inoltre da allora sono cambiate moltissime cose e soprattutto le monoposto si sono evolute a tal punto che hanno circa l'80 % di downforce in più. Detto questo, concordo che è un vero scempio vedere i piloti risparmiarsi e non poter spingere mai al massimo

Reply
avatar
21 maggio 2013 22:52 delete

È proprio questo il discorso, vedere macchine spettacolose limitate dal deflagrarsi delle gomme è triste. Vedere i circuiti a fine gara pieni di detriti non è una bella immagine. Sentire i box radio dire di pelare nelle curve in appoggio toglie il gusto allo sport dove le prestazioni e il coraggio dei piloti dovrebbero essere la componente principale

Reply
avatar
Anonimo
AUTHOR
22 maggio 2013 10:26 delete

in f1 si spinge al massimo solo in prova e in gara si cerca di gestire il compromesso tra velocità e durata. è sempre stato così, state facendo discorsi astrusi, per sentito dire, magari da giornalisti incompetenti.
leggetevi l'intervista a Raikkonen, lo dice lui che è un pilota che le cose non sono diverse dagli altri anni.

Reply
avatar
Anonimo
AUTHOR
22 maggio 2013 11:59 delete

ma sopratutto nella q3 giravano con un quantitativo di carburante pari a quello che serviva per affrontare il primo stint di gara

Reply
avatar
23 maggio 2013 00:53 delete

Ok prendo atto del fatto che a molti di noi piacciono queste gomme e questo modo di fare f1. A me non molto: preferirei molta più libertà x dare spazio alla fantasia dei progettisti e molta più tecnica e ricerca. Senza essere in balia di ecclestone che vuole che le gomme durino meno di metà gara con il risultato di avere pneumatici ridicoli su vetture di 800cv. Se questi sono discorsi astrusi mi spiace, rimane il fatto che questa non è la f1 che vorrei io

Reply
avatar

FUnoAnalisiTecnica. Powered by Blogger.