FERRARI 150°ITALIA - FUNOANALISITECNICA F1ANALISITECNICA
Questo sito contribuisce alla audience di

FERRARI 150°ITALIA

A Barcellona, finalmente, la Ferrari ha svelato per la prima volta la monoposto che contenderà alla Red Bull il Campionato del Mondo 2011. Come preannunciato alla presentazione di fine gennaio la Ferrari ha subito tantissime modifiche a livello aerodinamico per cercare di recuperare quel carico posteriore perso con l'abolizione dei doppi diffusori.

Completamente nuovo il musetto della vettura. Soprattutto di profilo si notano i montanti dell'ala  davvero lunghi rispetto a quelli di forma arcuata che si erano visti alla presentazione della monoposto. Svolgono la funzione aerodinamica di incanalare il flusso dell’aria sotto la vettura per far lavorare il diffusore nel migliore dei modi in modo da aumentare il carico aerodinamico al retrotreno.

Nuova è anche l'ala anteriore. Dalla foto potete vedere il confronto tra la precedente ala utilizzata nei test e quella introdotta questa settimana.





Gli scarichi in stile Red Bull e Toro Rosso sono, sicuramente, tra le modifiche più interessati e prestazionali che la Ferrari ha introdotto in questo importante aggiornamento pre Camionato.Gli scarichi sono sempre posizionati in basso ma si trovano annegati nel fondo della scocca, più precisamente nella zona laterale vicino alle ruote, invece che ai lati del cambio. La loro collocazione è possibile grazie allo sfruttamento di una piega del regolamento tecnico, e incanala i gas di scarico verso il diffusore, anch’esso modificato. Gli scarichi sono di forma piatta e non soffiano più al centro ma ai lati, con i canali laterali parzialmente tagliati come sulla Red Bull.



La parte piatta de fondo scalinato ai lati delle fiancate ora presenta due sezioni rivolte in alto, per migliorare i flusso verso la zona posteriore.

Sul corpo vettura è rimasto invariato solo il cofano motore. Sono state apportate modifiche nella parte iniziale delle fiancate, con bocca ovale (era rettangolare) e scasso inferiore molto secco e profondo.Di norma i tecnici preferiscono iniziare con bocche più grandi per non avere problemi di raffreddamento.



Nuova anche l’ala posteriore con una larga soffiatura nel profilo inferiore.I l profilo in basso è stato rivisto anche per far lavorare al meglio l’alettone mobile, azionato da una elettrovalvola tramite un comando; che adesso e del tipo a leva e posto sul volante.

Cristiano Sponton

About Cristiano Sponton

Subscribe to this Blog via Email :

3 commenti

Write commenti
14 marzo 2011 13:48 delete

finalmente qualcuno che le mostra come si deve!
grazie, preciso e puntuale come sempre!

Reply
avatar
luca
AUTHOR
14 marzo 2011 15:54 delete

la decisione della ferrari di non estremizzare lo schema pull rod al posteriore della f150° per facilitare le operazioni dei meccanici in quella zona ha dato, secondo me, un bel vantaggio alla RB7 in termini di pulizia del flusso nella zona coca-cola e di generazione di carico al posteriore.
considerando le limitazioni apportate dal regolamento con l'eliminazione del diffusore duoble-decker e l'atteggiamento progettistico avvenieristico che red-bull sta assumendo negli ultimi anni secondo me un po' di spregiudicatezza in più non guasterebbe per arginare l'ondata tecnologica di newey & co.
F12000 docet.

Reply
avatar
csponton
AUTHOR
14 marzo 2011 17:21 delete

Il sistema sospensivo usato dalla Ferrari e' semplicemente strepitoso. Sono riusciti a ricavare gli stessi benefici della pull rod non complicando le operazioni di modifica da parte dei meccanici. La Red bull e' riuscita a pulire molto il retrotreno perche' ha allungato il passo. Infatti se osservi il passo e' molto più lungo rispetto alla Ferrari. Secondo me la Red bull nasconde qualche segreto sul fondo... Come ho spiegato nell'articolo riservato agli aggiornamenti RedBull.tu che dici?

Reply
avatar

FUnoAnalisiTecnica. Powered by Blogger.