ANALISI TECNICA GP. MONACO - FERRARI F138 - FUNOANALISITECNICA F1ANALISITECNICA
Questo sito contribuisce alla audience di

ANALISI TECNICA GP. MONACO - FERRARI F138

Il circuito di Monte- Carlo necessità di un carico deportante molto elevato ed è per questa ragione che tutti i team, introdurranno delle novità aerodinamiche utili a massimizzare la deportanza.
La Ferrari ha introdotto, sulla F138, un doppio Monkey Seat specifico per questo tracciato per aumentare il carico deportante al retrotreno in modo da massimizzare la trazione in uscita dalla curve lente di questo tracciato cittadino..
Come potete vedere dal confronto fotografico, il monkey seat che verrò usato a Monaco è molto differente nella forma rispetto a quello utilizzato a Barcellona.

Sono stati apportati, inoltre, alcuni interventi di micro aerodinamica nella zona dei deviatori di flusso davanti alle fiancate in cui sono stati aggiunti dei generatori di vortice in modo da migliorare l'andamento dei flussi verso il posteriore della monoposto.
Durante le libere, non sono stati provati i deflettori a ponte che sono stati provati brevemente da Massa in Spagna.

A cosa servono i generatori di vortice? I generatori di vortici servono a mantenere stazionario il flusso sulle ali e a "rimescolare" il flusso all'interno dello strato limite con il flusso fuori dallo strato limite in modo da ri-energizzare lo strato limite. In questo modo si riescono a ritardare gli effetti di separazione del flusso(quindi lo stallo e drammatici aumenti di resistenza)
In sostanza servono a ritardare lo stallo sia delle ali che delle singole superfici di controllo. I generatori di vortici in generale aumentano un po' la resistenza perché creano i vortici, ma evitano che in certe condizioni la resistenza aumenti in modo eccessivo a causa della separazione.




Sulla F138 sono stati portati due differenti configurazioni di muso: In basso potete vedere l'ala con gli attacchi standard (disegno curvilineo) mentre in alto c'è quella studiata appositamente per questo tracciato. Durante le libere i piloti hanno testato entrambe le soluzioni e solo domani capiremo quale sceglieranno di usare per le qualifiche e la gara. 

Nuove le prese d'aria dei freni posteriori che sono diventate in questi ultimi anni dei veri e propri dispositivi aerodinamici. In questa occasione vengono usate come dei deviatori di flusso per estrarre calore dalla zona delle ruote posteriori.
Interessante notare, grazie alla foto in basso il grandissimo lavoro che ha fatto la Ferrari  al posteriore per sfruttare nel migliore dei modi i gas di scarico e il flusso d'aria proveniente dalle fiancate. Il confronto ritrae il posteriore della F138 usato in Cina confrontato con quella usata a Monaco. Il fondo è stato modificato nella zona intorno al cambio.

Sono state confermate le branchie nella parte bassa delle fiancate che sono state introdotte in Bahrein ma che sono state confermate in Spagna.


In basso l'ala anteriore e quella posteriore da alto carico utilizzata sul circuito cittadino monegasco.



Dalla comparazione in basso i nota il maggior angolo di inclinazione del mainplane che la Ferrari sta usando a Monaco rispetto al Gp. di Cina
foto @joseleteF1


Cristiano Sponton

About Cristiano Sponton

Subscribe to this Blog via Email :

13 commenti

Write commenti
Anonimo
AUTHOR
23 maggio 2013 18:19 delete

bocciate dunque alcune soluzioni viste a barcellona: deflettori a ponte sulle fiancate e scarichi più arretrati

Reply
avatar
Anonimo
AUTHOR
23 maggio 2013 18:22 delete

volevo chiede se avete i tempi dei long run di tutti i team sopratutto dei top team?-Matteo

Reply
avatar
Anonimo
AUTHOR
23 maggio 2013 18:42 delete

http://184.106.145.74/f1-championship/f1-2013/f1-2013-06/Second%20Practice%20Session%20Lap%20Times.pdf

Reply
avatar
23 maggio 2013 18:42 delete

http://184.106.145.74/f1-championship/f1-2013/f1-2013-06/Second%20Practice%20Session%20Lap%20Times.pdf

Reply
avatar
Anonimo
AUTHOR
23 maggio 2013 19:00 delete

Dove avete trovato questi PDF e sapete dirmi se c'è un sito dove avere i tempi sul giro in diretta? Grazie e buona serata! Filippo

Reply
avatar
Anonimo
AUTHOR
23 maggio 2013 20:04 delete

in diretta non saprei comunque se vuoi questi documenti vai sul sito della fia...vai sull'icona sport..sulla a destra sotto le icone che scorrono e che sono quelle in evidenza..c'è scritto f1 monaco event information- circuit data.. premi la... poi tra le varie cose che ci sono nella nuova pagina che si apre c'è un icona con scritto event e timing information schiaccia li... poi adesso nella nuova pagina che hai premi su timinf information e ti si aprono sotto due opzioni per ogni sessione : scegli quella dove c'è scritto lap times

Reply
avatar
Anonimo
AUTHOR
23 maggio 2013 20:13 delete

grazie per i tempi-Matteo

Reply
avatar
kroky78
AUTHOR
23 maggio 2013 22:54 delete

Molto interessante il dettaglio del pozzetto di scarico con lo "spicchio" aperto, si vede che il canale di scarico è aperto e comunica con l' apertura laterale che smaltisce il calore dei radiatori. Probabilmente viene sfruttata la velocità dei gas per accelerare l' aria calda espulsa e aumentare lo smaltimento. Non ho ancora visto le FP2, ma mi pare di aver capito che lo step provato da Massa in Spagna non è stato riproposto. Sarebbe preoccupante se delle modifiche così cospicue siano risultate sbagliate con pochi giri fatti sul bagnato... è anche vero che Genè durante le FP1 ha detto che a Monaco è cruciale concentrarsi sugli assetti meccanici e permettere al pilota di effettuare molti long run per acclimatarsi alla pista, quindi niente aut-in per provare pezzi nuovi di aerodinamica; anche perchè il pacchetto F138 è già il migliore del lotto. Voglio credere a questa spiegazione...

Reply
avatar
Anonimo
AUTHOR
24 maggio 2013 11:28 delete

se è vera vedremo gli aggiornamenti a montreal.

Reply
avatar
Anonimo
AUTHOR
25 maggio 2013 16:02 delete

Mah,ho l'impressione che la Ferrari inizi a ricalcare la stagione 2012 per quanto riguarda il successo degli aggiornamenti portati in pista.Un esempio?I piloni maggiorati che avrebbero dovuto garantire maggior convogliamento dell'aria nella zona a coltello,quindi maggior carico aerodinamico,sono stati clamorosamente bocciati,visto che nelle qualifiche non sono stati montati.Dico clamorosamente perche',se é vero che sono modifiche per circuiti da alto-altissimo carico,se non li usi a Montecarlo dove cavolo li porti in pista?Inoltre,quanto tempo é costato l'ideazione di tali modifiche e come potrebbe essere stato impiegato diversamente questo tempo perso?
Se poi l'intento degli altri pezzi modificati era quello di garantire maggior carico e quindi maggior prestazione assoluta,direi che il target é stato mancato clamorosamente,visto le qualifiche assai deludenti.Simone Resta in un'intervista della settimana scorsa aveva ammesso che come temperature dei pneumatici nel giro secco ora la Ferrari é a posto,evidentemente manca proprio l'impostazione della monoposto piu' votata alla prestazione assoluta,alla qualifica.Ma manca da anni!Almeno dal 2008.Questo é il piu' grande limite di Tombazis,dal mio punto di vista,per cui il tecnico greco sembra proprio incapace di uscire fuori da questo problema.
E' vero che quest'anno conta piu' la prestazione in gara che in qualifica,ma cosa succedera' dal Canada in poi?Inoltre:se da una parte é vero che una monoposto che tratta bene le gomme ti fa guadagnare punti in piu' in gara,é altrettanto vero che in certe occasioni una monoposto che si qualifica indietro ne fa perdere degli altri.Io penso che la F.138 dovrebbe essere votata un po' piu' alla velocita' assoluta e un po' meno alla conservazione dei pneumatici.Il problema é che a Maranello apparentemente non riescono a spostare di un bel niente l'ago della bilancia verso la prestazione in qualifica.
Pur avendo un'ottima monoposto,mi chiedo,se continua cosi',quanti punti perdera' in ottica mondiale la Ferrari a Montecarlo,Budapest,Valencia,Singapore?Credo non pochi.

Reply
avatar
Anonimo
AUTHOR
25 maggio 2013 16:10 delete

Intanto credo che a Montecarlo,salvo meteo,safety car (favorevoli...) strategie miracolose,problemi tecnici degli avversari,il podio sia abbastanza un miraggio,a favore invece di Rosberg,Hamilton,Vettel.
Alonso inoltre parte dalla zona sporca della pista,che di solito a Montecarlo é parecchio penalizzante.
La strategia corretta per tentare di recuperare posizioni,potrebbe essere quella di partire con gomme soft,che pero' danno uno spunto peggiore.Il problema é che se Alonso dovesse trovarsi davanti uno che fa la stessa scelta ma che degrada prima i pneumatici (esempio:Hamilton) la scelta tattica sarebbe controproducente.Ancor peggio sarebbe se dopo il primo (unico?) pit si trovasse dietro ad un pilota da mezza classifica molto piu' lento,che avesse deciso di fare uno stint molto penalizzante per chi gli si trovasse dietro.
Insomma io vedo una Ferrari che in qualifica delude,delude proporzionalmente sul lento (nei circuiti veloci credo che la F.138 sia la migliore) mentre vedo una Mercedes velocissima,che se risolve i problemi di surriscaldamento dei pneumatici posteriori....e una Red Bull in apparente netta ripresa.Almeno in qualifica,missili in confronto alla F.138

Reply
avatar
Anonimo
AUTHOR
25 maggio 2013 16:18 delete

Infine,va notato che con clima freddino chi ha la monoposto improntata piu' sul corretto consumo dei pneumatici,abbia preso una bella randellata nei denti.Ovviamente sto parlando di Lotus e Ferrari.Mi pare strano per la Ferrari,che sembrava avesse risolto i problemi di rendimento con le temperature basse.La mia impressione e che da giovedi sino alla Q3 la macchina di Alonso sia andata sempre peggio:credo sia stata sbagliata la strada del set-up,a meno che al muretto non abbiano puntato da subito,sin da giovedi,alla singola sosta in gara.
No so se la Ferrari sia troppo cauta,per quanto riguarda il puntare maggiormente allo sfruttamento dei pneumatici,so solo che non credo arrivera' mai ad eguagliare la Lotus dal punto di vista della conservazione delle gomme.E siccome la F.138 attualmente in gara credo sia mediamente piu' veloce e meno critica con i pneumatici rispetto a Red Bull (figuriamoci rispetto a Mercedes) credo che la strada da seguire sia solo una:
-piu' prestazione in qualifica
-piu' prestazione in gara a costo di una maggiore usura di pneumatici
-eventualmente un pit in piu' rispetto a Lotus,sempre,a volte anche rispetto a Red Bull,ma che importa se hai la monoposto dalle prestazioni migliori?

Reply
avatar
Anonimo
AUTHOR
26 maggio 2013 11:26 delete

cristiano sai qualcosa a proposito di un presunto test privato di mercedes a barcellona con il benestare della fia ??? ci sai dire se è vero o no ....

Reply
avatar

FUnoAnalisiTecnica. Powered by Blogger.