WILLIAMS FW35 - NON RIESCE A SFRUTTARE L'EFFETTO COANDA - FUNOANALISITECNICA F1ANALISITECNICA
Questo sito contribuisce alla audience di

WILLIAMS FW35 - NON RIESCE A SFRUTTARE L'EFFETTO COANDA

Insieme alla McLaren, la Williams è una delle monoposto che più hanno deluso in questo inizio di stagione 2013.Nella scorsa stagione la Williams disponeva di una buonissima macchina che ha permesso a Maldonado di aggiudicarsi il Gp di Barcellona. Nonostante l'ottavo posto in classifica costruttori, la Williams FW34, a livello prestazionale, era molto migliore rispetto al risultato finale ottenuto.
In questa stagione, ci si attendeva un ulteriore salto prestazionale per la monoposto FW35 progettata dall'ex progettista McLaren Mike Coughlan.
In pista la FW35 non ha dato i risultati che gli ingegneri si aspettavano dalle simulazioni in galleria del vento e nonostante dettagliate analisi, gli uomini di Groove, non hanno ancora trovato la causa di queste discrepanze tra galleria e pista
Gli ingegneri, stanno lavorando duramente sulla zona degli scarichi della FW35 in quanto, secondo loro, parte dei problemi deriva dal fatto che non riescono a sfruttare nel migliore dei modi l'effetto Coanda nella zona degli scarichi  e perciò i gas caldi in uscita dai terminali non vengono sfruttati nel migliore dei modi per generare carico aerodinamico.
Nei primi test di Barcellona la Williams ha utilizzato un sistema di scarico che è stato subito bocciato dalla FIA in quanto per indirizzare i gas caldi nella zona della monoposto più congeniale per generare carico aerodinamico veniva utilizzata una sottile striscia di carrozzeria (freccia rossa - foto in basso). Questa parte di carrozzeria veniva sfruttata come un vero e proprio deviatore di flusso.


Durante gli ultimi giorni dei test di Barcellona, prima di partire per il gp di Melbourne, la Williams ha introdotto sulla propria monoposto degli scarichi a rampa per sfruttare al massimo l'effetto Coanda. Come potete vedere dalla foto in basso, era stato creato un tunnel che sfociava nella zona centrale del diffusore dove veniva usato lo starting hole come un vero e proprio "doppio diffusore". Questo sistema di scarico garantisce il massimo dell'efficienza a farfalla aperta (uscita di curva, pieghe medio veloci). Però, questo sistema di scarico penalizza molto il flusso d'aria che va a lambire le fiancate nella zona posteriore chiamata comunemente coca-cola ed è per questo che chi utilizza questo layout ha creato un tunnel (nel caso Red Bull più tunnel) per far passare dell'aria sotto gli scarichi in modo da limitare il problema sopra citato.
Anche questo sistema di scarico non ha dato i risultati sperati in quanto la vettura era molto sbilanciata al retrotreno. Per questo gli ingegneri hanno introdotto a Melbourne un nuovo sistema di scarico, molto simile a quello dei primi test di Barcellona ma primo del deviatore di flusso che era stato "bocciato" dalla Federazione. 
Anche tale soluzione non ha convinto, nè i piloti, nè gli ingegneri in quanto la monoposto risulta molto sbilanciata nelle fasi di frenata e manca di carico aerodinamico nei curvoni veloci ad ampio raggio. 
Per capire se la vera causa di questi problemi, siano veramente gli scarichi, Coughlan aveva pensato di introdurre sulla FW35 gli scarichi usati lo scorso anno che soffiavano i gas caldi sul profilo inferiore dell'ala posteriore.
Dopo una dettagliata analisi si è deciso che, tale sistema di scarico non si può installare sulla FW35 in quanto comportava parecchie problematiche.
Nonostante queste problematiche nello sfruttamento dell'effetto Coanda nella zona degli scarichi, per cercare di migliorare le prestazioni della vettura, la Williams si presenterà al Gp di Cina con alcune migliorie aerodinamiche: nuova ala anteriore e un  nuovo diffusore.
Vedremo se saranno sufficienti per migliorare il comportamento della monoposto e garantire un salto in avanti in termini prestazionali della nuova vettura.

Cristiano Sponton

About Cristiano Sponton

Subscribe to this Blog via Email :

FUnoAnalisiTecnica. Powered by Blogger.