ANALISI TECNICA GP. CINA - FERRARI F138

In casa Ferrari, durante entrambe le sessione di prove libere, disputate sul tracciato di Shangai, hanno effettuato prove comparative tra la nuova ala + turning vanes a tre elementi e la vecchia configurazione aerodinamica introdotta per la prima volta durante i test di Barcellona e utilizzata sia a Melboure che a Sepang. 
Nella vecchia soluzione sulla paratia laterale dell'ala esistevano due soffiaggi che permettevano di portare parte del flusso dalla zona esterna a quella interna dell'ala. Nella nuova versione che potette osservare dalle foto in basso, sono state introdotti due soffiaggi che portano aria nella zona inferiore modificando il modo di "lavorare" dell'ala anteriore della F138
Queste nuove aperture hanno la funzionalità di garantire il giusto flusso d'aria sotto l'ala anche a velocità elevate quando l'ala tende ad abbassarsi.  
Dalle prove comparative, effettuate da entrambi i piloti, sembra aver dato i riscontri aspettati e con questa soluzione aerodinamica la F138 era molto precisa in inserimento curva sia nei tratti lenti che i quelli veloci. 
Nuovi anche i turning vanes sotto il muso della vettura. foto nuovi turning vanes - foto turning vanes Malesia

Lavoro di micro-aerodinamica nella zona delle prese d'aria. Come potete vedere dalla foto in basso sono state modificate le pinne sia nella parte superiore che in quella inferiore per migliorare l'andamento dei flussi in questa zona della monoposto
confronto pinze freni
Cambiata anche la cover utilizzata per ricoprire l'impianto frenante

Analizzando l'interno del muso della F138 si può notare che la fessura sotto il muso non è scomparsa ma è stata solo ridotta nelle sue dimensioni. foto
Modifiche di dettaglio anche al retrotreno, dove nella giornata di domani sono attese altre modifiche.
Dal confronto fotografico in basso, tra il retrotreno della F138 vista in Malesia e quella vista in Cina si possono notare alcune novità:


cerchio giallo= è stata rimossa la cover sugli scarichi che è stata utilizzata in Malesia per migliorare il raffreddamento dei terminali.

rettangolo giallo= modifiche alla zona terminale del cofano motore che nella versione cinese è più compressa ed è presente un piccolo sfogo per evacuare il calore interno
quadrato giallo=sul fondo, davanti alle ruote posteriori è stata aggiunta un apertura sul fondo

Nella foto è evidenziata l'uscita dei terminali di scarico ancora privi della cover che è stata montata successivamente. Analizzando questa immagine, la prima impressione è che l'uscita degli scarichi sia diversa soprattutto nella curvatura dei bulbi. Però, aspetterei la giornata di domani prima di dire che sulla F138 sono stati montati dei nuovi scarichi.
Per cercare di velocizzare il flusso d'aria calda in uscita dagli scarichi, gli ingegneri hanno ridotto il diametro dei terminali di scarico. In questo modo, la velocità dei gas in uscita aumenta e di conseguenza si va ad aumentare il carico aerodinamico della monoposto al posteriore. Questo avviene in quanto a parità di flusso e pressione, più il canale di uscita è piccolo e maggiore è la velocità del flusso d'aria calda in uscita.

Per massimizzare i gas caldi in uscita dagli scarichi, diventati ormai da qualche anno fondamentali per generare carico al posteriore la Ferrari ha introdotto migliorie sul fondo della vettura e nella zona del diffusore introducendo, oltre al solito gurney flap, anche un lembo aggiuntivo.
foto @diosfenix - fondo F13
foto @diosfenix diffusore F138
Il cofano motore, nella zona dell'air scope è rimasto invariato, nonostante siti considerati "autorevoli" hanno scritto il contrario. Il cofano motore, continua a presentare due prese d'aria: una che alimenta il motore mentre l'altra va a raffreddare la zona del cambio. Per un'approfondita spiegazione della cosa, vi rimando al sito dell'amico Antonio Granato Il mistero risolto del cofano motore Ferrari

Share this

Related Posts

Previous
Next Post »