ANALISI TECNICA MELBOURNE - FERRARI F138 - FUNOANALISITECNICA F1ANALISITECNICA
Questo sito contribuisce alla audience di

ANALISI TECNICA MELBOURNE - FERRARI F138

Come si può notare dalla foto in basso (Foto Melbourne -Giovedì), la F138 era dotata della vecchia ala anteriore e solo domani, durante le prove libere scopriremo quale soluzione intenderà usare la Ferrari su questo circuito.
La nuova ala, introdotta negli ultimi due giorni a Barcellona, differisce dalla soluzione precedente in vari punti: Osservandola lateralmente è facile notare che sono scomparse le quattro soffiature e, per ora, ne è presente una soltanto che ha lo scopo di portare parte del flusso dall'esterno dell'ala verso l'interno. I flap principali ora hanno un disegno "arricciato" (freccia blu) ed è cambiato completamente il disegno dei flap a sbalzo (frecce gialle). E' comparsa anche una piccola pinna, evidenziata con freccia verde e viola che è molto simile a quella introdotta da Newey sulla Red Bull RB9


Foto Test 3-4 Barcellona - Confronto laterale

E' stato confermato il piccolo profilo sul muso anche se sembra leggermente cambiato come forma e soprattutto come dimensione. Questo profilo aerodinamico ha un duplice scopo: rispettare le misure minime, imposte dal regolamento tecnico ,del muso e migliorare l'andamento dei flussi all'avantreno.

Sembra essere stata confermato il disegno dell'ala posteriore visto fin dalla presentazione sulla F138.
La configurazione aerodinamica dell'ala posteriore della Ferrari è molto interessante anche se in pochi, per ora, ne hanno parlato.Oltre alle feritoie orizzontali nel bordo di entrate (provate sia a cinque che a sei) che erano già stata provate durante le prove libere del Gp del Giappone ed alle frange nella parte inferiore (scuola Toyota) sono presenti tre soffiature verticali sulla parte terminale delle paratie stesse. Questa soluzione dovrebbe migliorare il funzionamento del dispositivo DRS migliorando, inoltre  l'efficienza dell'ala posteriore. Una soluzione molto simile a questa era stata introdotta sulla Minardi del 2005  progettata da Gabriele Tredozi.

Dalle foto del posteriore della F138, si vede chiaramente il tunnel che la Ferrari ha creato sotto gli scarichi per portare parte dell'aria che scorre lungo le fiancate nella zona centrale del diffusore dove viene utilizzato lo starting hole come un vero e proprio "doppio diffusore" aumentando il carico aerodinamico al posteriore.

Confermato il nuovo sistema di scarico e carrozzeria provato a Barcellona negli ultimi giorni di test: la parte terminale delle fiancate è più bassa ed il soffiaggio è diretto verso i canali laterali del diffusore. La carrozzeria è più bassa e sono state inserite due gobbe per riuscire a  coprire la meccanica della monoposto.
Per massimizzare il nuovo sistema di scarico è stato introdotto un nuovo fondo che presenta alcune novità: ora esiste soltanto un lembo di fronte alle ruote posteriori mentre nella versione precedente erano due; è stata introdotta una piccola pinna che si collega al diffusore.

Sulla Ferrari, è stato confermato il nuovo diffusore provato a Barcellona nell'ultima giornata di test (vedi foto)

Con i cerchi si mettono in risalto le principali differenze tra la versione nuova e quella vecchia del diffusore.
I cambiamenti sono minimi tra le due configurazioni:
- in quello in alto la parte terminale è più arrotondata e il gurney flap sfrutta l'intera lunghezza del diffusore;
- le due paratie verticali all'interno del diffusore sono di forma diversa soprattutto nella zona in cui si intersecano con il profilo orizzontale.

Alto la nuova versione. In basso quella vecchia
Lavoro di micro-aerodinamica nella zona delle prese d'aria. Come potete vedere dalla foto in basso è stata inserita una piccola pinna che ha una chiara funzione aerodinamica cioè quella di migliorare l'andamento dei flussi d'aria in una zona particolarmente delicata della monoposto.
Interessanti le novità presenti nella scocca della Ferrari. Analizzando le foto in basse, scattate nella giornata di Giovedì a Melbourne è scomparsa la grande feritoia sul telaio della Ferrari F138.
Anche il muso ha subito parecchie modifiche nella parte inferiore. Ora non è presente una sola feritoia ma è possibile vedere la presenza di due feritoie di grandezze diverse.
Per capire e comprendere il funzionamento di questo/i fori potete leggere i seguenti post:
Qui in basso potete vedere la configurazione della scocca e del muso utilizzata ai test di Barcellona e Jerez.
Configurazione utilizzata test Jerez e Barcellona
Leggere modifiche anche al cofano motore che è diverso rispetto a quello utilizzato durante i test. Nella parte terminale è leggermente più voluminoso. I tecnici di Maranello hanno pensato di trascurare, su questo Gp inaugurale, l'efficienza aerodinamica  e privilegiare l'affidabilità globale della monoposto. 








Cristiano Sponton

About Cristiano Sponton

Subscribe to this Blog via Email :

3 commenti

Write commenti
Lorenzo
AUTHOR
14 marzo 2013 19:38 delete

Grazie per queste primizie XD

Reply
avatar
kroky78
AUTHOR
14 marzo 2013 22:58 delete

Ho due perplessità: il nuovo cofano motore è molto ingombrante nella parte terminale e vanifica un' po il magnifico lavoro di miniaturizzazione del retrotreno fatto sulla F138. Può essere che i problemi di surriscaldamento patiti durante i test di Jerez abbiano consigliato una configurazione meno critica dal punto di vista dello smaltimento termico? Per quanto riguarda la scocca, a questo punto i telai sono prodotti differiscono uno dall' altro, uno ha la canalizzazione interna e l' altro no -non mi pare di vedere coperchi avvitati nella foto- Quindi hanno dovuto fare due prove complete di crash test?

Reply
avatar
Anonimo
AUTHOR
15 marzo 2013 11:17 delete

dopo le libere mi pare che nella prestazione la Ferrai si sia avvicinata alla Red Bull. inizio incoraggiante...

Reply
avatar

FUnoAnalisiTecnica. Powered by Blogger.