ANALISI TECNICA GP SEPANG - FERRARI F138 - FUNOANALISITECNICA F1ANALISITECNICA
Questo sito contribuisce alla audience di

ANALISI TECNICA GP SEPANG - FERRARI F138

Nessuna novità di rilievo sulla Ferrari F138. La cosa era abbastanza prevedibile in quanto i tecnici di Maranello hanno in programma un grosse steep evolutivo per la F138 per la prossima gara che si disputerà in territorio cinese.
In mattinata Alonso ha effettuato delle prove aerodinamiche nella zona anteriore per controllare l'andamento dei flussi sull'alettone anteriore e nella zona delle prese d'aria dei freni, dove a Melbourne è stata inserita una piccola pinna per migliorare l'andamento dei flussi.


Anche Felipe Massa ha effettuato dei test aerodinamici ed ha raccolto, utilizzando un rastrello sul diffusore posteriore, dei dati che verranno analizzati per migliorare il rendimento del diffusore

.E' ormai completamente sparita la feritoia sotto il muso e sul telaio che tanto aveva fatto discutere durante l'inverno. A questo punto ipotizziamo che fosse utilizzata per raffreddare qualche componente elettronico che, ora, viene raffreddato in un altro modo.

Come ricordato, nel preview tecnico di ieri, la Ferrari per contrastare le alte temperature malese ha previsto un apertura laterale che dovrà sfogare parte delle altissime temperature che verranno a crearsi in quella zona.

Scarichi Gp Malesia - Apertura 
Anche su questo tracciato, la Ferrari ha deciso di non utilizzare il monkey seat. Questo sta a significare che la monoposto è in grado di generare parecchio carico al posteriore tanto da rendere inutile l'uso di questo piccola ala. .

Cristiano Sponton

About Cristiano Sponton

Subscribe to this Blog via Email :

10 commenti

Write commenti
Anonimo
AUTHOR
22 marzo 2013 22:27 delete

Affatto daccordo.Come si puo' credere che la Ferrari progetti una scocca con una grossa apertura inferiore,sapendo di avere futuri problemi di raffreddamento di elettronica (ma solo nei test invernali!),oppure che stravolga le doti di rigidita' della scocca stessa per eliminare imprevisti problemi di surriscaldamento (come se l'apertura non modificasse i valori di resistenza torsionale e flessionale della struttura,falsando la raccolta dati nei test privati in funzione campionato?).Cio' mi pare abbastanza improbabile.Se non ricordo male la feritoia é apparsa gia' nella prima sessione di test privati.Ci sarebbe stato il tempo sufficiente per effettuare una fresatura imprevista sulla scocca,per ovviare ai sorprendenti problemi di surriscaldamento,previa stesura di ulteriori strati di pelli di carbonio atte a rendere invariate le doti di rigidita' della scocca?Dubito.

Reply
avatar
Anonimo
AUTHOR
23 marzo 2013 08:05 delete

Anche io, pur facendo i complimenti per il sito, ho qualche riserva sulla questione dell'apertura sotto il muso. Se in inverno con temperature basse c'era bisogno di raffreddare, come mai ora con temperature roventi non ce ne è più bisogno?
A meno che la modifica alla parte finale del cofano motore non abbia migliorato così tanto la situazione "temperature" da poter eliminare quella sotto il muso...mah..

Reply
avatar
Giovanni
AUTHOR
23 marzo 2013 11:02 delete

Sotto la struttura che protegge i cilindri con l'olio dei freni, si nota un rettangolino scuro con delle viti.
Forse quello copre un condotto al quale viene applicato un imbuto che a noi sembrava una fessura.
Infatti, in questa foto http://1.bp.blogspot.com/-BDRJTWYTXwM/URptq9-ks2I/AAAAAAAAFLM/PaDqYSO4qlI/s1600/BC6SB4oCQAAl8y.jpg , la fessura sembra stia quasi sullo stesso piano della struttura che protegge i cilindri con l'olio dei freni.

Reply
avatar
kroky78
AUTHOR
23 marzo 2013 18:33 delete

Rispondo all' anonimo del primo post: la famosa feritoia di cui si parla non consiste in un canale che buca la parte inferiore della scocca con conseguente indebolimento strutturale come giustamente fatto notare, esiste una foto, questa:

http://i.imgur.com/Ox4YiMF.jpg

che dimostra che quello che sembrerebbe un tunnel scavato nel telaio, in realtà è solo un convogliatore asportabile che indirizza il flusso captato dalla corrispondente apertura sotto il musetto nel foro centrale del telaio (appena sotto i cilindri dell' olio) che tutte la monoposto hanno. Si tratta quindi di un dispositivo che si può mettere e togliere a piacimento e che non modifica in nessun modo la struttura del telaio.

Reply
avatar
Giovanni
AUTHOR
23 marzo 2013 18:47 delete

Dunque ho indovinato! :)

Reply
avatar
Anonimo
AUTHOR
23 marzo 2013 21:30 delete

Per Kroky78:niente vieta di pensare che non concependo una presa d'aria simile,l'apertura nel telaio potesse essere di dimensioni minori,con conseguente maggiore rigidita' della prima paratia (o lato terminale) della scocca.Siamo a 8cm dagli attacchi delle sospensioni...30-40 cm3 cubi di carbonio in piu' possono fare miracoli.
Comunque nel mio intervento la questione della rigidita' era secondaria,subordinata ad una piu' importante:non credo che la Ferrari abbia progettato la monoposto in ottica di un eventuale raffreddamento di qualsivoglia componente problematica.E' plausibile che sapesse in anticipo di problemi di surriscaldamento?Che senso avrebbe dal punto di vista di un progetto ottimale?Che motivo ci sarebbe di pensare ad un escamotage simile,per ottenere del raffreddamento,se meno di un mese di lavoro in piu' avrebbe permesso di eliminare l'utilita' della presa stessa?Tanto sarebbe valso non idearla da subito.

Reply
avatar
Anonimo
AUTHOR
23 marzo 2013 21:40 delete

Ancora per Kroky78:c'é poi un interessante considerazione da fare.Se il foro Ferrari fosse prettamente per uso raffreddamento,che motivo avrebbe in team di Maranello di tapparlo sulla scocca,nel momento in cui usa un musetto che non presenta la presa d'aria iniziale?Cos'é che non si deve vedere?La forma,come si sviluppa,se eventualmente é splittato o cose simili?Insomma,se il foro avesse una funzione di mero raffreddamento,non credo che sulla scocca ci troveremmo quel tappo rettangolare nero.

Reply
avatar
Anonimo
AUTHOR
23 marzo 2013 21:45 delete

Nessuno puo' dire con certezza se a Melbourne e a Sepang,rispetto ai test di Barcellona,la Ferrari abbia smontato dalla F.138 qualcosa che richiede la presenza della presa d'aria.Nei test puo' essere stato provato qualche cosa che magari esordira' in Cina o ancora piu' avanti.E che non necessariamente coincide con il DRS passivo.

Reply
avatar
kroky78
AUTHOR
23 marzo 2013 22:36 delete

@Anonimo
Non può essere assolutamente (secondo me) che siano stati prodotti due modelli differenti di telaio, uno con foro centrale maggiorato e uno più stretto, ciò implicherebbe un dispendio di risorse in progettazione folle e l' obbligo di fare due crash test completi. 30-40 cm3 di carbonio in più o in meno, come dici tu, implicano in pratica due progetti totalmente diversi a livello di rigidità strutturale, di distribuzione dei pesi nonchè di peso complessivo della macchina. E per cosa? per provare una presa d' aria che alla fine dei conti è tutt' altro che indispensabile! No, per me l' anno introdotta per fini aerodinamici, per provare a pulire lo strato limite, ma probabilmente dopo le verifiche del caso si sono accorti che dava più noie che benefici. Può darsi che quella feritoia vada a togliere una parte di flusso che altrimenti proseguirebbe verso la chiglia per essere poi indirizzato varso la zona della coca cola. Tutti abbiamo esaltato l' enorme lavoro di rastremazione delle pance e del cambio, il tutto per avere un maggiore volume d' aria che investe il diffusore. Il fatto di sottrarre parte di questo flusso sebbene poco energico per scaricarlo nell' abitacolo vanifica in parte il lavoro di compattamento. Al momento è la cosa più plausibile che mi viene in mente. Per me la storia del raffreddamento è una bufala.
Per quello che ne sappiamo noi, la feritoia potrebbe riapparire in qualche altra gara.

Reply
avatar
Anonimo
AUTHOR
26 marzo 2013 10:22 delete

quante minchiate, scusate il termine.
non lo sappiamo punto e basta. quello che mi sembra davvero strano è che a nessuno venga in mente di chiederlo ai vertici tecnici del team, anche solo per sentirsi rispondere no comment. mah....

Reply
avatar

FUnoAnalisiTecnica. Powered by Blogger.