ANALISI TECNICA GP MALESIA - LOTUS E21 - FUNOANALISITECNICA F1ANALISITECNICA
Questo sito contribuisce alla audience di

ANALISI TECNICA GP MALESIA - LOTUS E21

Nonostante questa lunga trasferta oltreoceano, i top team non sono rimasti inoperosi e sono riusciti a portare sul tracciato malese alcune modifiche alle proprie vetture.
Una delle squadre più attive è stata senza dubbio la Lotus che in questa giornata di prove libere ha provato alcune novità aerodinamica e una modifica agli scarichi. Ora i tecnici analizzeranno dettagliatamente tutti i dati e poi decideranno quali pezzi utilizzare anche nella giornata di domani.
Andiamo ad analizzare dettagliatamente  le modifiche viste sulla Lotus:
Sidepod
Sono state apportate alcune modifiche al sidepod situato prima delle prese d'aria situate sulle fiancate della monoposto. Come potete vedere dalla rappresentazione grafica in basso, è stata aggiunta una piccola appendice verticale svergolata verso l'avantreno (rettangolo giallo) ed è stata aggiunta sul lembo esterno del fondo una piccola appendice dotata di soffiatura. Questi sono interventi di micro aerodinamica ed hanno la funzionalità di migliorare l'andamento dei flussi verso il posteriore della vettura. Questa è un'area molto delicata in quanto il flusso arriva molto perturbato a causa del rotolamento degli pneumatici anteriori.

Elaborazione grafica nuova soluzione


Vecchio sidepod

 Rampe scarichi
Ormai, come sappiamo, lo sfruttamento dei gas caldi in uscita dagli scarichi è diventato fondamentale in questi ultimi anni. La Lotus, per migliorare la propria soluzione, ha provato sul tracciato malese una nuova rampa di scarico che sembra aver dato buoni risultati.
Come potete vedere dall'immagine in basso ora la rampa scende molto più velocemente rispetto a prima ed è  anche leggermente più corta. Infatti, basta osservare la pinna verticale sul fondo, utilizzata per  migliorare l'indirizzamento dei gas caldi verso la parte esterna del diffusore, per capire che gli scarichi sono stati accorciati e quindi allontanati dalla ruota posteriore. E' stato cambiato, anche, il materiale usato nella zona degli scarichi. Ora, come potete vedere dalle foto è molto più lucido e molto probabilmente sarà stato realizzato con un materiale che resiste in miglior modo alle alte temperature (1000°C)

soluzione utilizzata a Melbourne
Si possono notare anche delle modifiche al tunnel sotto gli scarichi che viene utilizzato per portare, parte del flusso d'aria proveniente dalle fiancate, verso la parte centrale del diffusore. Con questa configurazione di scarico il tunnel è diventato più alto e corto. Ricordiamo che, il tunnel, viene sfruttato per garantire un buon carico aerodinamico anche quando il pilota è il rilascio di acceleratore e quindi i gas caldi in uscita dai terminali non sono sufficienti a garantire un buon carico.
confronto scarichi
Per sfruttare nel migliore dei modi la nuova conformazione degli scarichi è stata modificato anche il diffusore posteriore che ora presente un gurney flap che si stende per tutta la lunghezza dell'estrattore


 Si sono viste, infine, modifiche alla piastra laterale dell'ala posteriore che ora presenta anche un flap aggiuntivo per massimizzare il carico deportante


Cristiano Sponton

About Cristiano Sponton

Subscribe to this Blog via Email :

3 commenti

Write commenti
Anonimo
AUTHOR
22 marzo 2013 14:30 delete

ecco adesso gli scarichi sono proprio identici alla Red Bull

Reply
avatar
Anonimo
AUTHOR
22 marzo 2013 16:35 delete

cristiano volevo chiederti .. ma la red bull secondo te in termini di prestazioni pura è la più forte... perchè stavo sentendo che lei degrada le gomme cosi velocemente perchè genera molto carico aerodinamico

Reply
avatar
kroky78
AUTHOR
23 marzo 2013 19:17 delete

Gli scarichi Lotus quest' anno hanno avuto la stessa evoluzione che l' anno passato hanno avuto quelli Red Bull. Prima più allungati verso il posteriore e meno digradanti, con la feritoia più lunga e poi accorciati e resi più scoscesi durante la trasferta orientale. Ciò secondo me sta a significare che per sfruttare al massimo le proprietà "soffianti" dei motori Renault gli scarichi devono essere a rampa e con quella specifica configurazione. é un po' strana quindi la scelta della Williams di accantonare la rampa prediligendo il sistema a bulbo usato sia in Australia che durante le qualifiche di oggi. Forse entra in gioco la preferenza dei piloti tra avere una macchina più stabile e prevedibile in staccata ed inserimento, piuttosto che in percorrenza ed uscita curva. Ho osservato attentamente le Lotus e ho visto che gli scarichi evoluti li ha solo Raikkonen.

Reply
avatar

FUnoAnalisiTecnica. Powered by Blogger.