LA FESSURA SULLA FERRARI F138 HA ANCHE UNA FUNZIONE AERODINAMICA - FUNOANALISITECNICA F1ANALISITECNICA
Questo sito contribuisce alla audience di

LA FESSURA SULLA FERRARI F138 HA ANCHE UNA FUNZIONE AERODINAMICA

La Ferrari F138 nella giornata di venerdì dei test invernali di Jerez, ha introdotto sulla monoposto una particolarissima feritoia sotto il muso (vedi foto in basso) che non era mai stata provata nei giorni prima da Felipe Massa.



Sul web, in questi giorni, è stato mostrato il telaio della F138 ai box con il musetto smontato. Analizzando le foto è possible notare che  esiste un foro sul telaio della Ferrari F138. 
Attraverso l'elaborazione grafica che vedete in basso si è riusciti a capire che la feritoia vista venerdì è collocata sul musetto della F138 e quindi è possibile, decidere a priori, se andare ad alimentare il "buco" nel telaio, utilizzando o no il muso dotato della presa d'aria.

Per ora, l'unica spiegazione possibile sul funzionamento di  questa particolare feritoia sotto il muso potrebbe essere il seguente:

- raffreddare l'abitacolo e nello stesso momento andare a pulire lo strato limite del flusso d'aria in quella zona permettendo al muso di essere qualche centimetro più alto. Nella zona sotto il muso, dove la Ferrari ha applicato la feritoia, si potrebbe creare un forte blocco dei flussi che viene evitato grazie a questa soluzione.
Questa soluzione non è nuova in Formula 1 in quanto la Red Bull ha utilizzato questo tipo di feritoia per almeno due stagioni.

Il regolamento permette questo tipo di soluzione?
L'art. 3.7.3 dice che non si possono realizzare fori nella parte anteriore se non servono a raffreddare l'abitacolo.
Non è detto, che i tecnici della Ferrari, come spiegato sopra, non abbiano realizzato questa feritoia per un duplice scopo: raffreddamento e aerodinamico.

Aspetteremo, con ansia, i test di Barcellona per fare chiarezza sulla cosa.


Cristiano Sponton

About Cristiano Sponton

Subscribe to this Blog via Email :

9 commenti

Write commenti
kroky78
AUTHOR
12 febbraio 2013 20:35 delete

Come pensavo il telaio è stato studiato in fase di progetto per ospitare la presa d' aria (anche se l' immagine non è chiarissima). Per l' aerazione dell' abitacolo le dimensioni sono abnormi, di solito si tratta di una piccola presa ellittica sulla punta del muso. Questa presa secondo me ha chiari scopi aerodinamici e penso e spero che sia qualcosa di più sofisticato della pulizia dello strato limite. A proposito, da quello che so io, lo strato limite è un fenomeno che si innesca a velocità prossime a quella del suono e che riguarda nello specifico i cacciabombardieri: a quelle velocità, attorno alla fusoliera si forma uno strato di aria ferma, dello spessore di circa 5 cm. Siccome questo cuscino di aria stagnante ridurrebbe l' efficienza delle prese che alimentano la turbina e quindi la spinta disponibile, le prese d' aria vengono separate dalla fusoliera di circa 5-10 cm. Alle velocità della F1 lo strato limite vero e proprio non dovrebbe formarsi, o perlomeno avere uno spessore trascurabile. Il bloccaggio di cui si parla dovrebbe dipendere eventualmente dalla particolare forma del muso e dalle complesse interazioni tra flussi e aerodinamica anteriore. é anche vero che la spiegazione sul funzionamento della feritoia l' ha data un ingegnere che bazzica in F1...

Reply
avatar
12 febbraio 2013 20:41 delete

Leggiti questo che ti spiega benissimo che cos'è lo strato limite
http://www.f1analisitecnica.com/2011/06/aerodinamica-che-cose-lo-strato-limite.html

Reply
avatar
kroky78
AUTHOR
12 febbraio 2013 21:55 delete

Bell' articolone, molto interessante ed esaustivo. Nelle odierne monoposto, aerodinamicamente così esasperate nulla è trascurabile, nemmeno lo strato limite, per sottile che sia. C' è sempre da imparare!

Reply
avatar
Anonimo
AUTHOR
13 febbraio 2013 17:49 delete

C'è qualche rischio ad esempio multe o squalifiche qualora si rivelasse irregolare?

Reply
avatar
Ale
AUTHOR
13 febbraio 2013 22:52 delete

Lo strato limite è la vita o la morte di qualsiasi cosa che deve volare o stare attaccatto per terra...
Senza la comprensione di cosa è e come funzina è praticamente impossibile capire il funzionamento di qualsiasi profilo aerodinamico....
Comunque per pulire lo strato limite cosa si intende?...tenerlo sottile?...evitare separazione?..o renderlo energico?

Reply
avatar
Anonimo
AUTHOR
14 febbraio 2013 14:18 delete

Per "pulire lo strato limite" credo che intendano rienergizzare il flusso evitando che passi da laminare a turbolento.

Reply
avatar
kroky78
AUTHOR
14 febbraio 2013 18:58 delete

Penso che nel caso della feritoia Ferrari "pulire lo strato limite" voglia dire assorbirlo nella presa stessa scaricandolo all' interno dell' abitacolo, in maniera che il resto del muso e quindi della macchina sia lambito da flussi puliti ed energici. L' articolo che mi ha suggerito Sponton spiega chiaramente il fenomeno e gli accorgimenti che si adottano per eliminare o ridurre il problema

Reply
avatar
Anonimo
AUTHOR
17 febbraio 2013 18:16 delete

il foro sul muso ha probabilmente il compito di sottrarre lo strato limite all'incirca nel punto di passaggio da flusso laminare a flusso turbolento. quando l'aria colpisce il muso, lo strato limite che si genera perderà energia divenendo turbolento. il foro assorbe questo strato limite ormai "esausto" e permette che nella parte bassa della vettura arrivi esclusivamente aria non perturbata e dunque energicamente "fresca". Probabilmente il flusso perturbato, se non fosse risucchiato dal foro, creerebbe disturbi al flusso pulito che arriva da sotto il muso che non ha colpito il muso stesso e dunque non è perturbato ed è energeticamente utile.

Reply
avatar
Anonimo
AUTHOR
20 febbraio 2013 13:09 delete

Buongiorno a tutti,
Volevo fare una domanda a Cristiano, riguardo la fessura sul fondo del muso della F138:
non potrebbe essere utilizzata anche per realizzare il sistema di stallo per l'alettone posteriore ? A quanto ho capito (spero bene) le soluzioni impiegate dagli altri utilizzano la velocità per attivare la funzione di stallo (superata una certa velocità la pressione dell'aria si incanala verso dei fori che fanno andare in stallo l'alettone). Nel caso della F138 potrebbe essere che essendo posizionato vicino al meccanismo dello sterzo si possa ipotizzare che un sistema permetta il flusso dell'aria solo quando le route sono dritte (quindi in rettilineo) a prescindere dalla velocità ? In questo modo si avrebbe un gran vantaggio rispetto alle altre soluzioni !! (Spero di non aver volato troppo con la fantasia)

Reply
avatar

FUnoAnalisiTecnica. Powered by Blogger.