ANALISI TECNICA LOTUS E21 - FUNOANALISITECNICA F1ANALISITECNICA
Questo sito contribuisce alla audience di

ANALISI TECNICA LOTUS E21

Finalmente, la stagione 2013 di Formula 1 è entrata nel vivo, con la presentazione della Lotus E21 progetta dal equipe diretta da James Allison. Questa monoposto non presenta nessuna novità tecnica eclatante ma, sicuramente, subirà moltissimi cambiamenti aerodinamici già durante il primo test invernale.

L'alettone anteriore è lo stesso che montava la E20 così come quello posteriore. La sospensione anteriore, a differenza di quello che si mormorava durante l'inverno, è rimasta di tipo push rod mentre è stata conservata la pull rod al posteriore che è stata uno dei punti di forza della "vecchia" monoposto. 

Il muso è molto simile a quello della sorella E20 ed è ancora dotato del "bruttissimo" scalino anche se la FIA aveva concesso ai progettisti di coprirlo con una sorta di coperchio. Non è detto che, quando la vettura scenderà in pista, non venga usato il "coperchio" anche per migliorare l'aerodinamica della monoposto. 
Le fiancate sono abbastanza contenute e gli aerodinamici hanno scelto di usare dei deviatori di flusso molto simili concettualmente a quelli usati dalla McLaren nella scorsa stagione. Tali deviatori di flusso hanno lo scopo di "pettinare" nel migliore dei modi il flusso d'aria in quella zona per indirizzarlo nel migliore dei modo possibile verso il retrotreno della monoposto per massimizzare il carico aerodinamico. La E21, dalle prime foto, sembra avere una zona a Coca Cola molto rastremata con un posteriore molto pulito.


Il cofano motore è molto affusolato con una prese d'aria sull'air box molto contenuta. Sulla monoposto della presentazione  ci sono delle piccole "orecchiette" che avranno lo scopo di portare aria nella zona dell'alettone posteriore per  farlo stallare  a certe velocità della monoposto o a certi livelli di pressione dell'aria. Tale sistema è conosciuto come DRS Passivo che, a differenza di quanti pseudo specialisti dicono, è possibile usarlo in qualsiasi zona del tracciato a differenza del DRS che, a partire da questa stagione, sarà possibile usarlo, sia in qualifica che in gara, solo in alcuni punti del tracciato.
La zona più interessata di questa monoposto sono gli scarichi che sono stati "copiati" dalla soluzione usata nel finale di stagione sulla Red Bull RB8. Questa soluzione è la migliore per sfruttare i gas caldi in uscita dagli scarichi per generare carico aerodinamico al posteriore. Nella zona degli scarichi è presente anche un tunnel che ha lo scopo di portare un flusso maggiore d'aria nella zona centrale del diffusore dove viene usato lo starting hole per generare carico.






Cristiano Sponton

About Cristiano Sponton

Subscribe to this Blog via Email :

6 commenti

Write commenti
FazzoMetal
AUTHOR
28 gennaio 2013 22:40 delete

Molto interessante questo DRS passivo. Quali altre scuderie dovrebbero implementarlo?

Reply
avatar
Anonimo
AUTHOR
28 gennaio 2013 23:08 delete

credo che chi non porterà il DRS passivo, quest'anno possa avere delle grosse carenze in qualifica dato che l'uso totale del sistema DRS è stato vietato in qualifica, escluso uno o due punti prestabiliti sul tracciato. Sopratutto sui tracciati medio veloci.

Reply
avatar
FazzoMetal
AUTHOR
29 gennaio 2013 07:48 delete

Capisco. Ed il regolamente tecnico regolamente in qualche maniera superfici aerodinamiche fisse della vettura che abbiano come scopo lo stallo delle ali superata una certa velocità di soglia?

Reply
avatar
Anonimo
AUTHOR
29 gennaio 2013 14:25 delete

Comunque se si guarda all'evoluzione degli scarichi ad effetto Coanda, tornando indietro di una anno alla preentazione della F2012 non è che gli Acer duct fossero un'idea così sbagliata, probabilmente si doveva semplicemente ottimizzare la posizione e la lunghezza dei terminali di scarico all'interno dei condotti stessi per ottenere buoni risultati da quella soluzione...

Reply
avatar
kroky78
AUTHOR
29 gennaio 2013 14:38 delete

Uno dei maggiori punti di forza della E20, dicono che siano state le sospensioni dotate di ammortizzatori rotanti, che permettevano uno sfruttamento e una durata superiore dei pneumatici rispetto alla concorrenza, soprattutto nella prima parte della stagione. Sarebbe interessante sapere se sono stati conservati anche quest' anno (penso proprio di sì) e sapere come fuzionano e che vantaggio danno rispetto alle soluzioni tradizionali.

Reply
avatar
kroky78
AUTHOR
29 gennaio 2013 15:20 delete

Riguardo alle prese laterali del Ddrs passivo, in rete ci sono sia immagini dove ci sono, che altre dove compare la sola presa dell' airbox. In questo stesso post ci sono i due tipi. Sono andato a rivedermi le immagini della presentazione live e in quel caso c' era solo la presa dinamica del motore. O alla presentazione ufficiale non comparivano per non svelare subito tutte le armi, oppure le foto che mostrano le prese laterali sono solo delle ricostruzioni al computer, basate sulla E20, destinate a rimanere tali. Cristiano cosa ne pensi?

Reply
avatar

FUnoAnalisiTecnica. Powered by Blogger.