IL SEGRETO DELLA RED BULL SONO I VASI COMUNICANTI - ENNESIMA VERGOGNA DELLA FIA

Iniziano a trapelare le prime indiscrezioni sulle famose "scintille" che abbiamo visto sulla Red Bull sia nello scorso Gp di India che durante le prove libere di questa mattina ad Abu Dhabi.
La Red Bull non dispone, come ipotizzato, di un correttore di assetto. Si ipotizzava che sul terzo elemento della sospensione anteriore ci fosse un collegamento idraulico con la pompa dei freni che avrebbe permesso quanto i piloti frenavano di controllare il beccheggio dell'anteriore.

Allora di cosa si tratta?

Il motore Renault, pur essendo in regime di congelamento è uno dei motori più evoluti del Circus anche perché in questi anni la Renault ha avuto la possibilità, su autorizzazione della Fia, di poterlo modificare più di una volta. Nonostante questo, il motore francese, continua ad essere molto fragile. Nella fragilità del motore sta la forza dei tecnici della Red Bull in quanto con la scusa di salvaguardare il propulsore hanno introdotto sulla vettura degli accorgimenti che migliorano anche le prestazioni e non solo l'affidabilità.
 Vi ricordate l famosa questione degli scarichi soffiati nati per i problemi di affidabilità del motore? Qui siamo più o meno sulla stessa barca. 
La Fia ha permesso alla Red Bull di sfruttare il principio dei vasi comunicanti per poter spostare i liquidi (acqua e olio) da un serbatoio ad un altro. 
Il principio dei vasi comunicanti è quel principio fisico, scoperto da Stevino, secondo il quale un liquido contenuto in due o più contenitori comunicanti tra loro, in presenza di gravità, raggiunge lo stesso livello dando vita ad un'unica superficie equipotenziale.
L'acqua, come tutti i liquidi, non ha una forma propria ma assume la forma del recipiente che la contiene. Per questo motivo, se si versa un liquido in vasi tra loro in comunicazione, anche se di forma diversa (purché di diametro non molto piccolo per evitare che intervengano altri fenomeni fisici come la capillarità), esso si dispone allo stesso livello in ognuno dei contenitori stessi.


Il tutto avviene tramite appositi comandi azionati manualmente dai piloti e può essere fatto sia durante le prove che durante le varie fasi della gara. Con la scusa dei problemi di affidabilità, i piloti, riescono a spostare più verso l'avantreno o al retrotreno vari kg di liquidi per avere sempre la monoposto bilanciata. Tutto questo avviene rispettando i limiti di bilanciamento tra avantreno e retrotreno imposti dal Regolamento tecnico. 
Tutto questo, secondo la Federazione è regolare.
Fin qui, potrebbero sorgere alcuni dubbi, ma ci si potrebbe mettere "una pietra sopra".
La scandalo, secondo me, c'è quando un altro team, accortosi di questo sistema della Red Bull, chiede spiegazioni per poter disporre la propria vettura di un sistema analogo. 
La risposta della FIA è vergognosa e nega l'utilizzo di tale sistema in quanto il motore in questione non ha nessun problema di affidabilità e il regolamento tecnico impedisce di usare del liquido come zavorra. 
Per ora questo è uno scoop che riesco a darvi ma tra qualche giorno uscirà tutto pubblicamente e non so cosa potrà succedere. 



37 Responses to "IL SEGRETO DELLA RED BULL SONO I VASI COMUNICANTI - ENNESIMA VERGOGNA DELLA FIA"

  1. Se è vero, è una cosa vergognosa!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lasciando da perte opinioni "tecniche" personali e frustrazioni varie. Accorgimenti sulla distribuzione dei pesi sono ammessi per tutti. Solo in pochi pero' hanno idee geniali per poterli attuare senza deviare in alcun modo dal regolamento. Amilcare A. M.

      Elimina
    2. Ti sta sfuggendo che Cristiano ha sottolineato come la FIA abbia negato questo tipo di soluzione per chi non abbia problemi di affidabilita' motoristica.Della serie:puo' andare piu' veloce solo chi ha problemi di motore.In F.1 a quanto pare conviene rompere (o far finta di rompere) motori.Una volta chi rompeva non arrivava ed erano cavoli prettamente suoi.Ribadisco:se tutto quanto scritto é vero,la F.1 é una comica.

      Elimina
  2. Sinceramente non capisco quale sarebbe la motivazione per la quale la Fia avrebbe accettato che Red Bull (o Renault?) si doti di vari serbatoi per i contenuti dei liquidi in funzione dell'affidabilita.Mica stiamo parlando di centrifugazione o quant'altro,un serbatoio é un serbatoio e lo si pone dove svolge meglio la sua funzione in rapporto alla prestazione.Se la Red Bull avesse avuto problemi di affidabilita' dovuti ai serbatoi (ma questo avrebbe dovuto spiegarlo ai tecnici delle altre squadre...) non avrebbe dovuto fare altro che spostare la posizione degli stessi.Se é un'idea Red Bull e non Renault,Lotus,Williams,qualcuno potrebbe spiegare a FIA che gli alti team con la stessa motorizzazione evidentemente non hanno bisogno di soluzioni simili per ottenere l'affidabilita' ricercata?
    Ma quale sarebbe poi questo problema di affidabilita' Red Bull,si puo' sapere?E come farebbe Red Bull a dimostrare a FIA che i problemi di affidabilita' sono stati risolti proprio grazie a tale escamotage?
    Cristiano,ma sei sicuro di questa notizia?E' certo che a giorni scoppiera' il bubbone,piuttosto che invece la notizia non trapeli affatto?La fonte é affidabile?

    Comunque sia,se é vero,la storia che FIA avrebbe dato l'OK a tale soluzione,negandola ad altri team perche' (solo a loro) permetterebbe prestazioni migliori,é una vera chicca,la barzelletta dell'anno.
    Se é vera la notizia,decidete voi se chimarli deficienti assoluti o venduti totali.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La notizia è affidabilissima e nel circus la conoscono tutti ma non è ancora stata scritta da nessuno e di questo non so darvi una spiegazione. Anche la Lotus utilizza una cosa simile. A Silvertone sulla Lotus scoprono 6 paratie con 6 pompe della benzina indipendenti che vengono azionate a seconda del livello di carburante. i commissari non hanno ancora capito come funziona il sistema, se è azionato dal pilota o se si aziona automaticamente con le paratie mobili.

      Elimina
    2. Con questo si sottointende che il serbatoio Lotus sarebbe diviso da 5 paratie verticali,poste perpendicolarmente al senso di marcia della vettura,in modo da poter scegliere quale semi-serbatoio prosciugare prima,per variare la distribuzione dei pesi,a seconda di come il pilota sentirebbe in quel momento il comportamento della monoposto in pista?Ma qui siamo fuori di testa (loro,non tu....)!6 pompe della benzina (ma non dovevano contenere i costi?
      :-D )???Ma perche' no il Kers che aziona le ruote anteriori?Un paio di cilindri di riserva (che porterebbero il motore a 3000 cc) casomai si avvicinasse la rottura di una valvola o di un pistone,sai ho problemi di affidabilita'......un diffusore piu' lungo e inclinato ben oltre il semiasse....ho problemi di trazione.....dei pneumatici piu' larghi...mi manca aderenza....

      Elimina
    3. Fra l'altro io all'inizio non capivo la notizia,pensavo:ma che se ne fanno di un serbatoio olio o di un serbatoio acqua di compensazione (ammesso che ci sia) supplementare,se poi lo spostamento dei liquidi é irreversibile?Mica ci saranno serbatoi sollevabili, o pompe?Anche perche' si parlava di olio e acqua,non benzina....Certo che se poi si aggiunge la parolina magica "paratia" riguardante il serbatoio,cambia tutto.Credo che 6 pompe benzina servano se il sistema é acerbo e se non si conosce bene le reazione della monoposto.Mentre se il simulatore simula benissimo e si conoscono a memoria le regolazioni,credo bastino appunto dei vasi comunicanti a rendere i comparti non stagni e una pompa della benzina sola.
      Mi sfugge pero' per quale motivo la compartizione del serbatoio (stagna intendo,non per ridurre i problemi di scuotimenti ed inerzie) dovrebbe alleggerire le unita' Renault da problemi di affidabilita'.FORSE CIO' SFUGGE PURE ALLA FIA......

      Elimina
    4. Dettaglio non irrilevante,che spiega come operi attualmente FIA in F.1:
      "i commissari non hanno ancora capito come funziona il sistema, se è azionato dal pilota o se si aziona automaticamente con le paratie mobili."
      Non capiscono e non vietano?Questi sono degli usurpatori della professione e dovrebbero esserci delle dimissioni in massa.
      Fra l'altro tali paratie modificando la distribuzione delle masse,modificano anche il set up della vettura.La modificazione del set up della vettura ha effetti sull'aerodinamica.Dunque le paratie mobili hanno anche un indiretto effetto aerodinamico,ergo sono dispositivi aerodinamici.Il regolamento parla chiaro:non sono ammessi (a parte il DRS) dispositivi aerodinamici mobili atti a dare vantaggi aerodinamici.
      A parte altri limiti regolamentari che sicuramente ci sono,questo sistema é sicuramente irregolare solo per quanto espresso sopra.Non ci sono problemi di affidabilita' che tengano (potevano trovarsene uno regolare,nel caso) e la FIA é composta da un branco di incompetenti e collusi.

      Elimina
    5. Ma alla FIA,siccome sembra che non abbiano capito come funzioni il "metodo Lotus",sono sicuri almeno di aver capito come non funzioni?
      Ovvero:non é che le 6 pompe benzina invece che servire ad alimentare il motore,servano a trasferire la benzina da un comparto all'altro?Voglio dire:la FIA puo' garantire (eheheheheheh) che le pompe in questione non siano bidirezionali?

      Elimina
    6. tecnicamente le pompe dovrebbero servire per alimentare il surge tank, un serbatoio di piccole dimensioni tra il serbatoio normale e il motore, serve per alimentare il motore con continuità anche se sottoposto a forti accelerazioni (oltre all'utilizzo delle paratie).
      Evidentemente in Lotus/Red Bull sfruttano una modifica ad un sistema che hanno tutti o quasi

      Elimina
  3. Ragazzi questa è una cosa gravissima!!! Ma siamo davvero sicuri dell'ufficialità di tale notizia?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A quanto pare anche la Red Bull sembra che denunci altre scuderie:
      http://www.formula1news.info/la-fia-accoglie-la-denuncia-della-red-bull-sui-freni-illegali/

      Elimina
  4. Il secondo commento pone l'accento al posto giusto.
    E' vero che i motori possono avere problemi dovuti ai componenti con i quali lavorano e quindi essere diversi da una scuderia all'altra, ma perché allora questa cosa non dovrebbe essere applicata anche alla Lotus o la Caterham.
    E poi è un problema del motorista se con lo sviluppo bloccato non riesce a rendere un motore affidabile, le regole vengono definite con largo anticipo.
    Questo era finalmente un campionato equilibrato con tre scuderie in lotta per i titoli.
    Casostrano ora è nuovamente un monopolio dove da una gara all'altra McLaren e Ferrari prendono distacchi importanti. Non mi venite a dire che la modifica al retrotreno della RB ti da questo vantaggio, perché appena implementata stavano cmq dietro.

    RispondiElimina
  5. Maledetti zozzoni e antisportivi!!!!
    Come dicevo in altro post... Formula sponsor... Chi più paga, più vince!!!
    Stefano.

    RispondiElimina
  6. Se la notizia non è stata pubblicata dai mezzi di comunicazione significa che gli è stato imposto. L'intenzione è di svolgere qualifiche e gara senza recriminazioni affrontando il problema a partire da lunedì.

    RispondiElimina
  7. Pero' io sinceramente non credo che questo sia il vero segreto di Red Bull,a meno che tale sistema non vada ad agire anche su terzo elemento e via dicendo.E' vero che il sistema delle paratie puo' trasferire masse importanti (soprattutto da un terzo o meta' gara in poi) variando la distribuzione dei pesi e in minima parte l'altezza da terra,ma secondo me dobbiamo concentrarci su una cosa in particolare:lo strisciare della zona a coltello a terra.
    Quando é accaduto ieri a Webber?Mi pare che i piloti fossero impegnati a girare piuttosto forte in quel momento,potrei sbagliarmi,ma credo che la situazione fosse proprio questa.Girare forte significa non essere in pista con il pieno.Semmai a mezzo carico o anche meno.La domanda cruciale,esattamente come per il gp d'India,é questa:com'é possibile che una monoposto strisci sull'asfalto con circa meta' pieno o meno,mentre non abbia nessun problema a inizio gara o a pieno carico,quando dovrebbe strisciare a terra ben di piu?Cio' non puo' essere spiegato con,ad esempio,il trasferimento di 50 o anche 100 Kg di benzina piu' in avanti nel serabatoio,perche' se le sospensioni fossero cosi' cedevoli cio' significherebbe che la Rb8 dovrebbe avere evidenti variazioni di assetto tra le curve lente e i rettilinei (dove gravano sul corpo vettura parecchie centinaia di Kg di forza) e comunque l'effetto in rettilineo dovrebbe essere maggiore a pieno carico.
    Ieri la Red Bull ha parlato di problemi al sistema di raffreddamento del Kers,che nulla possono centrare con lo strisciamento (non vogliamo mica pensare che mezzo litro di liquidi sulla zona a coltello la faccia flettere?).Come spiegazione non é stata data nemmeno una simile a quella addotta per il problema avuto da Vettel.Allora?Probabile che per Vettel in India abbiano mentito,altrimenti per Webber avrebbero dovuto dare la stessa spiegazione (e sarebbe comunque strano:2 problemi avuti in una settimana,zero in 7 mesi....).
    D'altro canto,se per ieri non hanno parlato di rottura di un cavetto,di problemi alle sospensioni (spiegazione piu' logica) é evidente che c'é una spiegazione al scintillio che loro non vogliono dare.
    Ancor piu' non vogliono spiegare perche' la loro vettura a pieno carico non strisci e a carico parziale si.
    Basterebbe solo questa situazione a mandare in fibrillazione la FIA,visto che questo curioso comportamento della Rb8 non é spiegabile tramite le regolazioni effettuabili secondo l'attuale regolamento.Invece la FIA dorme,russando...

    RispondiElimina
  8. In tal caso il discorso è ancora più grave. Fai correre dei team potenzialmente irregolari e poi al termine della gara non li penalizzi, vedi Monaco.
    Non mi interessa scagliarmi su un solo team, ma mi chiedo McLaren e Ferrari spendono tantissimi soldi nello sviluppo, perché devono perdere i loro investimenti (e sponsor) perché arriva il furbo della situazione?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forse perche' li pagano a giro,in nero???

      Elimina
    2. Perche' le lotte sul filo del regolamento,fra i team,sono molto piu' all'acqua di rose rispetto a venti e passa anni fa?Perche' sono rarissimi i reclami?Chi perde,perde veramente?In caso di perdita dovuta a un mezzo poco lecito anche solo sospettato,il team danneggiato dovrebbe essere furibondo,qua invece sono sempre tutti contenti.Ci sono trattative sottobanco tra FIA e team?La FIA "premia" chi sta al gioco e non rompe il giocattolo?Se considerate strano quello avvenuto nel gp di Brasile del 2007,con la "strana" partenza di Hamilton mai spiegata dal punto di vista del problema tecnico,da nessuno,secondo me siete sulla buona strada.C'é stato una specie di gentleman agreement fra FIA,Ferrari e Mclaren,per risarcire,lontano da occhi indiscreti,il team di Maranello dalla spy story?Questo metodo,per motivi a noi sconosciuti (ma mica tanto:trattasi di $) si sta ripetendo?

      Elimina
  9. Mi viene da pensare a Monza ed slle comunicazioni dal box red bull quando Vettel ha accostato a destra...
    Gli urlarono di spegnere immediatamente il motore per non danneggiarlo...
    Avranno avuto qualche problema con il sistema ancora in sperimentazione invece che con il famoso alternatore?!?
    E nelle stagioni passate? Come hanno fatto a vincere mondiali con il kers che non ha mai funzionato?!?
    Stefano.

    RispondiElimina
  10. Durante le libere 3 questa mattina, Vettel ha perso praticamente tutta la sessione. Si vedevano i meccanici armeggiare sull' anteriore nella zona delle pinze freno e sui due serbatoi collocati nella parte anteriore del telaio, tra i braccetti delle sospensioni. E possibile che la Red Bull sia stata costretta ad abbandonare il sistema dei vasi comunicanti e che abbia quindi dovuto smontare e modificare tutto il circuito?

    RispondiElimina
  11. Da non tecnico vedo più probabile che la pista è così "piatta" che il sistema non da lo stesso vantaggio che su altri tracciati.
    E poi c'è il discorso che sono le McLaren che hanno volato, probabilmente per un migliore utilizzo delle gomme.

    RispondiElimina
  12. Secondo i commentatori Rai la RedBull monterebbe effettivamente un terzo elemento ammortizzante anteriore dotato di regolazione idraulica (quello della foto in alto), ma solo durante le prove libere per definire più in fretta e con maggior precisione l' assetto definitivo per le qualifiche e gara. Non si tratterebbe quindi di un correttore collegato alla pompa dei freni, ma di un elemento regolabile agendo su un circuito idraulico probabilmente durante le soste ai box. Lo stesso principio la RedBull lo utilizza per definire l' altezza al posteriore, quando durante le libere monta dei tiranti posteriori estendibili tramite una vite. Una volta deliberato l' assetto i componenti regolabili vengono sostituiti dai corrispondenti fissi. Nessun riferimento invece al sistema dei vasi comunicanti

    RispondiElimina
  13. Hamilton in Spagna è stato retrocesso all'ultima posizione perchè non ha terminato il giro di rientro ai box...
    Che cosa succederà adesso a Vettel?!?!? Scommetto niente o al masso 5 posizioni di penalità, per ora aspettiamo che il signor Charlie rientri dalla sua cena...
    Che barzelletta sta F1!!!!

    RispondiElimina
  14. retrocesso in ultima fila

    cmq a me sembra strano

    RispondiElimina
  15. Un pó di giustizia esiste!
    Da quanto dicono aveva a bordo solo 850ml di carburante, insufficiente per le verifiche di routine post-qualifica.
    Il mondiale si farà ancora più interessante... Tutte mosse politiche secondo me... Si sta alzando un polverone troppo grande su questa F1...
    Speriamo bene per la gara di Nando.

    RispondiElimina
  16. Non ha funzionato il sistema per spostare la benzina !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Attenzione, la Lotus è quella che usa le paratie per la benzina.
      La RedBull no (per quello che ne sappiamo...).

      Elimina
  17. http://184.106.145.74/fia-f1/f1-2012/f1-2012-18/Formula%201%20Abu%20Dhabi%20Grand%20Prix%202012%20DocumentNumber-41.pdf

    RispondiElimina
  18. http://184.106.145.74/fia-f1/f1-2012/f1-2012-18/Formula%201%20Abu%20Dhabi%20Grand%20Prix%202012%20DocumentNumber-39.pdf
    Questo è il comunicato della quantità di carburante a bordo durante le verifiche.

    RispondiElimina
  19. Nemmeno farlo a posta,ieri tramite la Lotus di Raikkonen c'é stata la conferma ai dubbi che circolano attorno a certe possibilita' di settaggio (chiamiamolo cosi') delle vetture motorizzate Renault.
    Avete visto quanto strisciava la Lotus del finlandese nell'ultimo tentativo in Q3?Impressionante,sembrava di essere tornati ai primi anni 90.Diranno che cio' é possibile grazie all'asfalto perfettamente piatto e liscio della pista di Abu Dhabi.Si si......ma vorrei capire come ci spiegheranno che caricando quei 150 Kg e passa di di benzina necessari alla gara la vettura non si abbassera' ulteriormente di almeno 1.5-2mm,strisciando ancora di piu' nelle prime fasi del gp (limando la zona di riferimento).Non solo,in frenata un minimo di trasferimento di carico in piu' sull'anteriore,dovuto al pieno,ci sarebbe,il che dovrebbe mettere ancora piu' a contatto con l'asfalto la zona a coltello della vettura.
    Se nelle faci iniziali del gp la Lotus non fara' affatto scintille (e io francamente me lo aspetto) o se non ne fara' di piu' che in qualifica,ci sara' qualcosa che sicuramente non tornera,che dovra' essere spiegato agli appassionati.O dalla Lotus,oppure dalla FIA.

    RispondiElimina
  20. Si, ti diranno che la parte di fondo che toccava si è consumata tutta in qualifica e quindi non toccava più... : )

    RispondiElimina
  21. A questo punto della vicenda è un dato di fatto, le vetture sono tutte molto simili, se si andasse a vedere la differenza per gli accorgimenti "classici" il gap fra migliore e peggiore vettura (tralasciamo dal confronto HRT e Marussia) sarebbe molto lieve malgrado differenti concezioni di scarichi ecc. tuttavia il divario fra RedBull, in particolare, e gli altri è importante e ciò si ricava da varie furbate.
    Le chiamo furbate, in quanto, violano lo spirito dei regolamenti e il buon senso di un appassionato, tuttavia, non si riesce a definire fino in fondo se siano illegali o no, e qui la federazione ne ha colpa, in un senso o nell'altro, se si deve limitare che i limiti siano certi, altrimenti meglio liberalizzare.
    Attenzione il giocattolo si può rompere.

    RispondiElimina
  22. Non ho mai visto la vettura di Raikkonen fare scintille oggi,nemmeno al via.Qualche sparuto scintillio dalla Lotus di Grosjean.Sarebbero opportune delle spiegazioni.Magari richieste da FIA a Lotus.Non ha senso che una vettura a serbatoio vuoto strisci abbondantemente a terra e con il pieno non faccia niente di simile.Non esiste.Non a senso a parita' di assetto,ovviamente.

    RispondiElimina
  23. come vorrei che fosse la ferrari a destare tutti questi sospetti... - Simone

    RispondiElimina
  24. Fry, avrebbe avanzato l’ipotesi che sulla monoposto ideata da Newey ci fossero più serbatoi che comunicano fra di loro con l’intento di spostare appunto il peso dove più serve.

    La risposta della FIA è stata lapidaria in quanto secondo gli organi competenti una vettura di F1 può possedere quanti contenitori si vuole, a patto che non vi sia una comunicazione tra di essi. Ovvero se la Red Bull ha diversi serbatoi per i fluidi poco importa, la cosa fondamentale sempre riprendendo quanto espresso dalla federazione è che qualora si prelevi liquido da uno di essi, bisogna poi rimetterne l’intero contenuto nello stesso.

    RispondiElimina
  25. Tutto tace... nessuna rivelazione, ovviamente questa è una bufala

    RispondiElimina

Visualizzazioni totali