ANALISI TECNICA FERRARI F2012 - GP.ABU DHABI

La Ferrari si è presentata sul circuito di Abu Dhabi portando parecchie novità tecniche  che sono state usate in qualifica e in gara soltanto da Alonso. Le modifiche aerodinamiche hanno rispettato in pieno i dati riscontrati in galleria del vento incrementando i punti aerodinamici di carico della vettura. L'unica modifica che non ha rispettato in pieno i dati della galleria del vento di Colonia è stata l'ala posteriore che dovrà essere corretta durante le due settimane di pausa prima del Gp di Austin.

ALA ANTERIORE
La Ferrari ha portato su questo tracciato 4 configurazioni diverse di ala anteriore dotate di differenti paratie laterali e di soffiaggio (portano flusso d'aria dall'esterno verso l'interno) per cercare di aumentare il carico deportante. Vista la quantità di ali portate in pista dalla Ferrari si può capire che il principale problema della F2012 è il carico all'anteriore e per bilanciare la vettura sono costretti a non sfruttare tutto il carico che la monoposto genera al posteriore.







Ala anteriore utilizzata da Alonso



Confronto fotofragico tra l'ala utilizzata da Alonso in India e quella utilizzata ad Abu Dhabi

TURNING VANES

I piloti hanno utilizzato due diverse versioni di "turning vanes". Questi particolari aerodinamici sono quei particolari deviatori di flusso, di color nero carbonio, collocati sotto il muso che hanno lo scopo di incanalare il maggior flusso possibile sul fondo della vettura per massimizzare il carico aerodinamico al retrotreno.
Massa ha utilizzato quelli standard mentre Alonso ha utilizzato quelli di nuovo disegno ce presentano una forma sdoppiata e più incurvata nella parte inferiore.

Turning Vanes Massa

Turning Vanes Alonso


ALA POSTERIORELa Ferrari ha usato un’ala posteriore di nuovo disegno per sfruttare nel migliore dei modi il sistema DRS che fino a questo punto della stagione è stato uno dei punti deboli della F2012.
La nuova ala non sarà dotata di nessun dispositivo Super DRS ma dovrebbe garantire minor resistenza all'avanzamento quando il DRS è attivato. Quest'ala è un misto tra quella usata a Spa e quella usata a Suzuka. Sulle paratie laterali sono presenti delle soffiature curvilinee e le frange in prossimità del diffusore sono più arrotondate.


Al posteriore, per cercare di aumentare il carico deportante, è stato introdotto sulla F2012 un nuovo "Monkey Seat" a due livelli.


Novità anche nella zona degli scarichi. Sotto il terminale di scarico (vedi foto in basso) sembra esserci un tunnel che potrebbe avere un doppio scopo:  energizzare ulteriormente l'aria calda in uscita da essi e andare ad alimentare il nuovo diffusore introdotto in India che presenta un doppio canale aggiuntivo per portare il flusso d'aria dalla parte inferiore dell'estrattore alla parte superiore. Tutto questo per aumentare il carico aerodinamico della monoposto nella zona posteriore.Ricordiamo che il regolamento tecnico, nei 150 mm del crash test posteriore, non pone vincoli regolamentari alle appendici aerodinamiche.



Leggere novità anche nel soffiaggio degli scarichi. L'inclinazione dello scarico rispetto allo scorso Gp disputato in India sembra leggermente diversa (vedi foto)






Share this

Related Posts

Previous
Next Post »