ANALISI TECNICA RED BULL RB8 - GP. INDIA - FUNOANALISITECNICA F1ANALISITECNICA
Questo sito contribuisce alla audience di

ANALISI TECNICA RED BULL RB8 - GP. INDIA

La Red Bull è ormai da qualche gara che è la migliore monoposto del circus. Questo non ha fatto adagiare sugli allori gli ingegneri diretti da Newey, in quanto, anche in questa trasferta indiana sono state introdotte sulla monoposto delle interessanti novità che hanno garantito un ulteriore incremento prestazionale.
C'è stata l'ennesima evoluzione al sistema di scarico che era già stata modificata "pesantemente" durante la trasferta coreana. Se confrontate la 
foto con quelle del Gp di Corea potete notare che la gobba dei terminali di scarico è stata aumentata per incrementare maggiormente l'effetto Coanda ed il tunnel inferiore, che porta aria fresca nella zona centrale del diffusore, è stato leggermente anticipato.



Per migliorare il bilanciamento della monoposto, durante le prove libere di questa mattina, è stato montato un monkey seat sul profilo inferiore dell'alettone posteriore (vedi foto in basso). I tecnici hanno deciso di penalizzare la resistenza all'avanzamento (riducendo velocità massima) per avere più carico deportante nella zona posteriore.


Questa mattina. prima delle prove libere. è arrivato direttamente dalla fabbrica di Milton Keynes un muso completamente nuovo dotato di una gobba nella parte inferiore. Questo tipo di ala riprende il concetto introdotto da Lotus e Williams. Questa ala è stata provata da entrambi i piloti ma, purtroppo, non avendo trovato immagini adeguate, non so se  stata utilizzata anche in qualifica.




Cristiano Sponton

About Cristiano Sponton

Subscribe to this Blog via Email :

30 commenti

Write commenti
Anonimo
AUTHOR
28 ottobre 2012 14:45 delete

Delle scintille viste (e poi magicamente scomparse) in gara ne vogliamo parlare??
E di quel particolare meccanico installato nella sospensione anteriore "beccato" dall'operatore Rai mentre veniva installato sulla lattina? Ne vogliamo parlare??
Speriamo che la Ferrari porti importanti novitá la prossima settimana perchè anche Alonso non è dio sceso in terra, ce la mette sempre più di tuttaa i miracoli non li puó certo fare.
Stefano.

Reply
avatar
Anonimo
AUTHOR
28 ottobre 2012 16:34 delete

Interessante la testimonianza dell'ing Bruno.Un tubo idraulico non puo' essere scambiato per un cavo elettrico o un tirante...Chissa' a cosa serve,qualcuno direttamente interessato fara' le dovute indagini?Io la parte della trasmissione rai sulla griglia non l'ho vista,cosa ha fatto notare Bruno?Cosa si é visto?Qualcosa montato sull'abitacolo?O un componente utilizzato solo per pochi attimi e poi rimosso?C'é qualche cosa di inspiegabile nel comportamento della Rb8:
perche' soprattutto i primi 5-10 giri riesce a dare piu' di un secondo al giro agli avversari,come se potesse utilizzare qualche congegno capace di dare vantaggi clamorosi?
Voglio dire:se fosse solo una questione dovuta al maggior carico aerodinamico generato,tale differenza di prestazioni dovrebbe durare piu' o meno per tutta la gara.Invece dopo una decina di giri le prestazioni diventano piu' terrestri,piu' simili a quelle degli avversari.Si dira':perche' a Vettel dopo 10 giri non serve tirare piu',ma questa é una spiegazione per nulla convincente,visto che Webber ad un certo punto eccome se aveva la necessita' di tirare,ma girava nei tempi di Alonso e prima di essere superato si é salvato grazie alla presenza della doppiata Marussia.
Se fosse il carico a dare la superiorita' dimostrata nei primi giri,Webber sarebbe andato a passeggio anche al 40° giro,tenendosi dietro Alonso,invece.....
D'altro canto é improbabile pensare che le prestazioni della Rb8 siano migliorate durante la gara meno di quelle degli avversari per via di maggiori problemi a preservare i pneumatici,lo ha dimostrato Vettel e,poi,da quando in qua una vettura che genera piu' carico deteriora prima i pneumatici?
Non so,é come se a inizio gara la Red Bull utilizzasse un assetto diverso rispetto a quello che poi utilizza dal 10 giro circa in poi.Possibile?E' questo che da cosi' tanta differenza alla partenza,tanto che non esiste nessun avversario capace di sfruttare il DRS dal secondo giro in poi per tentare di superarle (e guarda caso,la Red Bull vola proprio nei frangenti in cui potrebbe essere in difficolta' se gli avversari si trovassero a meno di 1 secondo).Serve a questo il presunto congegno visto e ipotizzato da Bruno?
Il fatto poi le prestazioni Red Bull tendano ad avvicinarsi a quelle piu' umane degli avversari potrebbe dipendere da varie situazioni:
-il set up dello start,atto a sfruttare e scaldare prima degli avversari i pneumatici,sarebbe deleterio per gli stessi se utilizzato per tutta la gara
-ci potrebbe essere solo una regolazione on-off.La on,della partenza,per via del peso diverso della monoposto,sarebbe inutilizzabile per il resto della gara.
Per assurdo,se ci fosse una regolazione che permettesse a Red Bull di girare piu' bassa in qualifica e con serbatoi vuoti (alzando la vettura con il pieno) tale regolazione dovrebbe permettere alla Rb8 di andare piu' forte in tali occasioni,non appunto a inizio gara,dove si troverebbe in condizioni simili agli avversari.Va specificato pero',che una regolazione modalita' "start" potrebbe liberare all'inizio dal compromesso per la qualifica.Red Bull all'inzio potrebbe girare piu' alta degli avversari,permettendo un molleggio piu' morbido (alias maggiore aderenza),mentre gli avversari costretti a girare a inizio gara a pelo di asfalto (per essere competitivi in qualifica) dovrebbero ricorrere ad un assetto inchiodato, piu' problematico per la guida e l'aderenza,per evitare spanciamenti.
Facciamo inoltre un'ipotesi fantascientifica?E se la presunta regolazione servisse a variare il camber all'anteriore,per avere maggior aderenza da subito,stressando di molto i pneumatici?

Reply
avatar
Anonimo
AUTHOR
28 ottobre 2012 16:35 delete

Infine:basandomi sull'audio RAI,peraltro mai libero da commenti (a volte inutili...) mi pare di aver sentito in staccata il motore Red Bull fare un evidentissimo rumore.Ratava ad altissima frequenza,come se ci fosse una mappatura che fa un taglio dei cilindri molto particolare.Il bello é che non mi pare di aver sentito lo stesso rumore sulla Renault di Raikkonen e Grosjean.....Di sicuro non c'era su Mercedes e Ferrari....

Reply
avatar
28 ottobre 2012 16:36 delete

Domanda sulle scintille, ma tanto se ne parlerà. Io sono sospettoso però è anche giusto fermarsi a ragionare sulle cose. Se è stato un cedimento fisso, che so, di 5mm, e la parte di fondo piatto si è abrasa in mezzo giro, è normale che le scintille poi siano sparite.
Purtroppo il particolare meccanico non l'ho visto, sto solo cercando di ragionare a mente fredda.

Reply
avatar
28 ottobre 2012 17:03 delete

Ciao Sergio!!
La tua analisi è molto interessante, però è anche vero, qualora ci fosse un cedimento questa continuerebbe a raschiare sull'asfalto perché appunto ha ceduto! Oppure, se un'elemento si rompe e rimane per buona parte attaccato al resto della struttura, oscillerebbe, specialmente sui cordoli! In questi casi si potranno avere delle scintille iniziali per poi sparire una volta abrasa, ma che ritornano a ogni sbalzo della vettura!! Il fatto è che sono sparite completamente!!!!

Reply
avatar
Anonimo
AUTHOR
28 ottobre 2012 17:16 delete

Il particolare fatto vedere dai commentatori rai è una sorta di pistoncino secondo loro idraulico installato in fretta e furia dai meccanici red bull che tra l'altro erano 3 o 4 tutti intorno alla macchina come per nascondere qualcosa che a detta dell'ing. Bruno servirebbe a regolare l'altezza da terra della vettura e in particolare dovrebbe essere il pistoncino centrale delle sospensioni anteriori.
Giudicate voi se trovate qualche video su youtube...
Resta sempre il fatto che la macchina di Vettel ha vistosamente toccato a terra per qualche kilometro... Il fondo scalinato in legno si sarà consumato??
Per ora nessuno ne parla...
Stefano.

Reply
avatar
28 ottobre 2012 18:02 delete

Eh nessuno ne parlerà... Come sempre d'altronde!!!
Non riesco a spiegarmi come da una gara a all'altra, la Reb Bull, riesca a dare 7-8 decimi a tutti, mentre prima di Singapore era costantemente da 3-5 posizione!! Mentre tutte le altre squadre, dove lavorano fior fiori di ingegneri, fanno fatiche disumane per riuscire a guadagnare 1 o 2 decimi!!

Reply
avatar
kroky78
AUTHOR
28 ottobre 2012 19:19 delete

Le immagini mostrate dalla Rai hanno ripreso i meccanici intenti a montare il terzo ammortizzatore anteriore Red Bull. L' elemento era dotato di uno strano stelo laterale che sembrava molto l' attacco di una tubazione idraulica. L' ipotesi dell' ing. Bruno è che il terzo ammortizzatore possa essere irrigidito/ammorbidito agendo sulla pressione dell' olio contenuto nell' ammortizzatore. Se ciò fosse vero, sarebbero permesse tutte le variazioni di assetto che descrivevi nel tuo post. Lo strisciare del coltello di Vettel sull' asfalto sarebbe spiegabile con un momentaneo problema di pressione idraulica su questo terzo ammortizzatore.

Reply
avatar
Anonimo
AUTHOR
29 ottobre 2012 09:50 delete

è triste leggere continuamente tutte queste insinuazioni sulla scorrettezza della Red Bull. dimostrano una scarsa spostività e fiducia verso chi le regole deve farle rispettare. a questo punto mi chiedo perchè si continui a seguire il campionato se si pensa che ci siano degli inganni.
da parte mia faccio i complimenti ai nostri fantastici avversari, che in questi anni ci battono perchè sono più bravi.
la Red Bull sta facendo qualcosa di grande nella storia di questo sport, batterli vuol dire essere ancora più grandi. - Simone

Reply
avatar
29 ottobre 2012 10:17 delete

Ciao, Letal.
Per questo ho parlato di "cedimento fisso", intendendo uno sgancio di 5mm ma che non va oltre nemmeno oscillando.
Comunque stamattina su omnicorse.it ho visto l'immagine dello splitter presa all'uscita dal parco chiuso, e ho letto il commento di Giorgio Piola.
Tutto ok.

Reply
avatar
Anonimo
AUTHOR
29 ottobre 2012 11:26 delete

A me invece la spiegazione data da Piola non convince affatto:che diametro puo' avere un cavetto di titanio,che si sarebbe rotto,atto a dare maggiore rigidita' in flessione alla zona a coltello?Improbabile che sia oltre i 2mm.Se tale cavetto,dal peso irrisorio,si fosse rotto,é possibile che avesse appunto un peso/carico applicato tale da generare scintille cosi evidenti?Lo ritengo improbabile:sarebbe piu' facile che a 250-300 Km/h, visto il peso irrisorio e comunque una pur sempre esistente resistenza all'aria,si posizionasse tendnzialmente parallelamente al suolo.Non solo,lo scintillio si vedeva soprattutto alla massima velocita',piu' che in frenata:vogliamo veramente credere che la Red Bull viaggi costantemente con la zona a coltello a 2-3mm da terra,tale che l'inserimento accidentale di un cavetto tra coltello e suolo genererebbe lo scintillio?Improbabile!Con le sconnessioni della pista,i salti sui cordoli,una distanza tale genererebbe quasi sempre,non occasionalmente,lo scintillio,soprattutto a pieno carico (visto che l'altezza da terra non si puo' modificare...).A meno che non esista appunto un correttore di assetto tale da permettere alla Rb8 di avere una vicinanza al suolo che gli altri si sognano.
Per tutto questo reputo improbabile che sia stato il cavetto a generare scntille e che cio' sia stato dovuto ad un temporaneo abbassamento della vettura.In Corea il "festone" di erba sintetica portato a spasso da Hamilton in rettilineo rimaneva sospeso in aria e pensiamo che un cavetto di pochi mm abbia il peso necessario a strisciare violentemente contro il suolo?
Per quanto riguarda il terzo elemento della sospensione in questione,per togliere il dubbio basterebbe mandare i delegati FIA a controllare la macchina,preferibilmente a sorpresa,sulla griglia di partenza:se il terzo elemento possiede una flangetta o una filettatura atta a connessioni idrauliche (o elettriche...) la squalifica é automatica ed immediata,visto che ogni elemento sospensivo deve essere un pezzo a se stante,funzionante indipendentemente da altri.
Il pezzo in questione lo hanno smontato,controllato?Se no,quando hanno intenzione di farlo,sempre dopo,come il fondo a Montecarlo?
Io ho la netta impressione che FIA controlli poco o niente e solo su esplicita richiesta dei concorrenti,che si faccia prendere per i fondelli,perche' incompetente in materia e che nella F.1 attuale,proprio per l'incompetenza/inerzia/mancanza di inflessibilita' della federazione,sia possibile utilizzare soluzioni illegali che rendono le vetture piu' veloci.Ovviamente anche che il team piu' bravo a portare soluzioni illegali in pista,incomprensibili a FIA e spesso anche agli avversari,sia la Red Bull,che se ne avvantaggia poi in gara.

Reply
avatar
Anonimo
AUTHOR
29 ottobre 2012 11:47 delete

Io invece direi che é triste e poco sportivo che team adottino (come sempre fatto da Red Bull) soluzioni che vanno contro lo spirito del regolamento.E' triste che FIA non sanzioni tali interpretazioni (sarebbe nella sua discrezione,se uno che interpreta furbescamente il regolamento venisse sanzionato duramente,non ci sarebbero piu' interpretazioni furbesche e al massimo ci sarebbero richieste di chiarimenti alla FIA prima di adottare le
soluzioni,che la FIA ovviamente dovrebbe respingere perche il team non stava preparando qualcosa che la federazione contemplava all'atto della stesura del regolamento).
E' triste che,ad esempio,il fondo Red Bull a Montecarlo sia stato giudicato irregolare,ma che allo stesso tempo il team non sia stato punito (chi ha steso il regolamento sulle penalita' da adottare,un italiano?Cosi' si incentiva i team a fare i furbi,a provarci,tanto poi non solo non vengono puniti,ma non ci rimettono nemmeno i punti furbescamente guadagnati...).E' triste che dei meccanici Red Bull siano stati trovati a bazzicare in una zona proibita (e non puniti).E' triste che tali meccanici non puniti siano stati pizzicati a variare delle regolazioni sulle vetture in parco chiuso (evidentemente lo hanno fatto dall'Australia fino al Canada almeno) facendo ottenere alle Rb8 prestazioni e punteggi che altrimenti non sarebbero state in grado di raggiungere.E' triste che tali punteggi ottenuti illegalmente non siano stati "sequestrati" al team,autorizzando implicitamente una forma di "banditismo",ma permessa solo a Red Bull evidentemente.E' triste che la scelta di modificare l'assetto delle monoposto non sia stata duramente vietata e punita,come a dire:"Fatelo pure,basta che non vi fate vedere e beccare".Ad esempio utilizzando un correttore di assetto implementato nella vettura?

Reply
avatar
29 ottobre 2012 12:31 delete

A sostegno della tua tesi il fondo doveva toccare a inizio gara ( pieno carburante ) e non a fine a serbatoi "vuoti".
Dalle immagini viste in tv si vede chiaramente che a toccare è il fondo.
Non dimentichiamo che la FIA in Canada li ha scoperti mentre variavano l'altezza da terra tra qualifiche e gara !
Cristiano, tu ti sei fatto una idea ?

Reply
avatar
29 ottobre 2012 15:34 delete

Non difendo, però mi piace ragionare sulle cose con calma (solo dopo aver fatto evaporare un po' di testosterone, lo ammetto).
La tua risposta all'anonimo delle 11:26 non sostiene la sua tesi perché lui non ha parlato di fondo che doveva toccare il suolo a inizio gara, ma solo dello spessore e della leggerezza del cavetto di titanio.
Ho la gara registrata. Oggi pomeriggio forse riesco a darci un occhio. A toccare è l'angolo (dx mi pare) del punto terminale anteriore della scocca, non tutto il fondo. A causa dell'assetto picchiato della RB8? A causa del correttore di assetto idraulico che sull'anteriore ha ceduto e poi è stato ricorretto (come: manualmente?)?
In ogni caso, è vero, cose poche pulite ce ne sono state in passato e molto più sospette di questa. Dico solo che un cavetto può in effetti incastrarsi sotto la scocca e bruciarsi con l'attrito. Fare paragoni con l'erba sintetica della Corea, in un altro punto della monoposto, non incastrato e di altre dimensioni, mi pare del tutto privo di senso.

Reply
avatar
Anonimo
AUTHOR
29 ottobre 2012 15:44 delete

Da bandire a vita!
E meno male che quella cacca secca di Horner disse che loro le gare le vincono in pista e non con ordini di scuderia!
Vi giuro più lo vedo inquadrato in tv e più mi da l'impressione del viscido sporcogiochista!
E' proprio vero! la formula 1 da tale si sta trasformando in formula sponsor! ormai in qualsiasi sport c'è un giro grande di soldi, c'è irregolarità simil calcio italiano!
La seguo solo per la passione per i motori e il tifo Ferrarista, altrimenti non la guarderei nemmeno se mi pagassero!
Stefano.

Reply
avatar
Anonimo
AUTHOR
29 ottobre 2012 17:08 delete

Per Sergio:

ripeto,a mio parere nessuna monoposto "normale" puo' permettersi di avere una zona a coltello cosi' bassa da far incastrare un cavetto di esigue dimensioni e far scintillare la vettura.E non credo nemmeno che un cavetto possa inarcuare verso l'alto il coltello in maniera tale che poi rompendosi lo faccia sfiorare il suolo.
Supponendo anche che la zona a coltello si trovasse al minimo a 10 mm dal suolo prima della rottura,esagerando a 4mm dopo la rottura,tale da far strisciare il cavetto per terra (rendiamoci conto che per dare una spiegazione congrua all' "innocenza" della Red Bull stiamo configurando una concatenazione impressionante di eventi pro Red Bull) a quanto avrebbe dovuto trovarsi distante dal suolo alla partenza?8,7,6 mm???Chi é che puo' permettersi attulmente,senza l'uso di correttori,un assetto cosi basso con il pieno,senza usurare per strisciamento il fondo,ne tantomeno rischiando la squalifica per eccessiva usura dello stesso?
Nessuno puo' credere che prima della rottura del cavetto la zona a coltello si trovasse a 15-20 mm da terra o piu' e dopo a 3-4mm.

Reply
avatar
Giovanni
AUTHOR
29 ottobre 2012 18:29 delete

La FIA non ha le palle di stravolgere un campionato pur di far rispettare le regole, se li sgamavano a metà campionato sarebbe andata diversamente.

Reply
avatar
29 ottobre 2012 18:43 delete

Su questo sono d'accordo: "a quanto avrebbe dovuto trovarsi distante dal suolo alla partenza?8,7,6 mm???Chi é che puo' permettersi attulmente,senza l'uso di correttori,un assetto cosi basso con il pieno,senza usurare per strisciamento il fondo,ne tantomeno rischiando la squalifica per eccessiva usura dello stesso?"

La spiegazione del detrito in rapporto alla fine delle scintille ci può essere e in effetti il tutto rimane sospetto se ragioniamo sulle altezze da terra col pieno di carburante. Quello che voglio dire è che il fondo di Montecarlo è stato molto più grave di questo scintillio; lì c'era una magagna verificata. Se non è successo nulla per quello, questo mi pare un bruscolino.
Però un pensiero su un'indagine della FIA non è completamente sbagliato, anche se le verifiche in parco chiuso per me hanno già chiuso la partita.

Reply
avatar
Anonimo
AUTHOR
29 ottobre 2012 21:31 delete

Formula sponsor...
Stefano.

Reply
avatar
Anonimo
AUTHOR
30 ottobre 2012 10:21 delete

Non dimentichiamo quello che è successo a Briatore e Piquet junior...
Questi continuano a fare i loro porci comodi e nessuno prende provvedimenti... È una cosa inaudita! E sopratutto le altre squadre non chiedono delucidazioni in merito!!!
Mi viene da pensare che i campionati vengono decisi a tavolino...
Spero tanto non sia così!
Stefano.

Reply
avatar
Anonimo
AUTHOR
30 ottobre 2012 14:22 delete

gary anderson la pensa come me (lui ovviamente conosce meglio i vari dettagli, ma il concetto è quello):
http://www.blogf1.it/2012/10/30/gary-anderson-spiega-levoluzione-della-rb8/
- Simone

Reply
avatar
kroky78
AUTHOR
30 ottobre 2012 18:09 delete

La spiegazione di Anderson è molto interessante, soprattutto per ciò che riguarda la funzione stabilizzatrice che avrebbero i condotti annegati nelle pance rispetto alle variazioni di pressione che avvengono sotto l' estrattore e causate delle veriazioni di assetto e di altezza da terra della macchina. In pratica se la macchina tende a spanciare, il repentino abbassamento del fondo crea un immediato aumento dell' effetto suolo e conseguentemente un aumento della depressione sotto la macchina. Questa risucchierebbe aria ad alta pressione dalle pance, che iniettata attraverso dei fori passanti sotto lo scivolo compenserebbe il picco di carico aerodinamico a tutto vantaggio della stabilità del carico. Che io sappia l' unico foro passante tra parte superiore ed inferiore del fondo è rappresentato dal foro di avviamento del motore. Non dovrebbero essercene altri perchè vietati dal regolamento, se non erro. Già si sapeva che questo rivestisse anche una funzione aerodinamica e questa potrebbe essere la spiegazione corretta. D' altronde la sua sezione di passaggio è relativamente contenuta ma sufficiente a garantire il livellamento delle pressioni, considerando anche che se fosse più grande potrebbe creare degli scompensi ed annullare parzialmente la funzione dello scivolo estrattore. Se questa spiegazione è corretta, anche la Ferrari utilizza lo stesso principio con il suo foro di avviamento. Come è stato evidenziato proprio in questo blog, il foro è visibile da certi angoli di visuale anche dalla parte superiore del fondo:

http://www.f1analisitecnica.com/2012/09/f1-ferrari-nuove-soluzioni-al-diffusore.html

Ciò implica che può prelevare parte dell' aria che scorre nella zona della "Coca-Cola" e soffiarla sotto lo scivolo in particolari condizioni. A differenza della Red Bull però quest' aria è libera e non canalizzata, una versione più rudimentale dello stesso principio, e probabilmente l' efficacia del sistema è leggermente inferiore.

Reply
avatar
Armando
AUTHOR
31 ottobre 2012 08:31 delete

Non si trovano foto o video del particolare che fa tanto discutere(terzo elemento)?
Come sempre il migliore Cristiano!!

Reply
avatar
Armando
AUTHOR
31 ottobre 2012 08:42 delete

Vi riporto questo commento trovato in rete:
allora lo scoop ve lo dò io, terzo ammortizzatore con collegamento idraulico con la pompa dei freni. quanto i piloti frenano la pompa manda olio alle pinze ma anche al terzo ammortizzatore procurando un estensione è un irrigidemento dello stesso che causa una notevole resistenza al beccheggio dell’anteriore (il quale sarebbe nocivo in una vettura con asseto picchiato) oltre ad evitare un qualsiasi bloccaggio delle ruote in frenata dato la notevole pressione procurata dal trasferimento di peso sull’asse in fase di frenata che nn viene di fatto assorbito dalla sospensione ,in oltre la vettura rimane “piatta” quindi in condizzioni aereodinamici favorevoli per l’immediata accellerazine! e fin qui sicuro di quello che dico, poi( è qui è una mia ipotesi)credo si usi una valvola con apposita taratura posizzionata tra la pompa dei freni e il terzo ammortizzatore che provvede a scaricare questultimo (in modo del tutto meccanico basandosi sul numero di frenate durante la gara) facendo in modo che l’altezza da terra della vettura rimani tale anche a fine gara quando cè poco carburante nel serbatoio !! spero siate sodisfatti.

CHE NE PENSATE?

Reply
avatar
Anonimo
AUTHOR
31 ottobre 2012 09:56 delete

penso sia un'ipotesi fra le mille che si sentono quando si parla di Red Bull. il sistema è illegale quindi sono certo che non potrebbe superare le verifiche, percui reputo sia pura fantasia. - Simone

Reply
avatar
Anonimo
AUTHOR
31 ottobre 2012 10:14 delete

Non potrebbe superare le verifiche se le verifiche venissero fatte.Perche' ho il dubbio che le verifiche Fia siano abbastanza all'acqua di rose:motori piombati,cambi idem,cosi' come centraline poi verificate (ma si riesce veramente a controllare completamente il software?),regolarita' (spesso a scoppio ritardato) di fondi e diffusori,misure delle ali e delle componenti della carrozzeria,rigidita' delle ali (controllata da schifo,a mio parere...) ma siamo infine sicuri che i delegati tecnici FIA si spingano a controllare le singole parti di una sospensione o di un sistema frenante?Si vedono ancora "annegare" nei pozzetti delle scocche,o farsi smontare tutti i componenti che ad esempio si trovano davanti ai piedi dei piloti?Io ho qualche dubbio,nel senso che,diversamente da anni fa,non noto tutta questa attivita' e ho come il sospetto che i controlli delle parti piu' difficili da esaminare sia eventualmente dettato da richieste di chiarimenti o reclami da parte degli avversari.Ma se gli avversari non sanno,volenti o nolenti e non richiedono chiarimenti o non reclamano......

Reply
avatar
Anonimo
AUTHOR
31 ottobre 2012 12:08 delete

scusa ma cosa la segui a fare la forumula uno se per te è una competizione fraudolenta? questo mi sembra il solitto complottismo e pensar male tipico degli italiani. le cose o si sanno o si sta zitti. facile tirare il sasso nello stagno... - Simone

Reply
avatar
Anonimo
AUTHOR
31 ottobre 2012 14:20 delete

Hai notizie che la Fia smonti ed ispezioni pezzo per pezzo una F.1?Ti risulta che controlli ogni singola tavola di disegno dei pezzi e la confronti con cio' che é montato su una vettura?
Visto che dai per scontato che la FIA faccia tutto il possibile,a tua memoria,la zona a coltello della Ferrari a geometria variabile comandata da attuatore é stata scoperta autonomamente da FIA o solo grazie ad una richiesta di chiarimento/reclamo da parte degli avversari?Il terzo pedale della Mclaren?La richiesta di nuovi test sulla flessibilita' delle ali,é stata una scelta autonoma di FIA o dettata perlomeno da sospetti di qualche team rivale di chi fletteva meglio?E i fondi flessibili?I motori oltre i 18000 giri di cui c'erano prove fonometriche e verso i quali FIA non ha mai mosso un dito?
Gran parte dei piu' recenti divieti o revisioni di regolamento,sono dovute a precedenti richieste di chiarimenti o reclami,senza le quali tutte le soluzioni adottate dai team contestati sarebbero ancora montate e contro le quali la FIA non avrebbe mosso alcuna obiezione.Semplicemente perche' FIA negli ultimi anni é sonnecchiosa,incompetente,incapace di valutare certe finezze tecnico-tecnologiche e pure in malafede,visto che se ritieni che un sistema non vada considerato regolamentare devi vietarlo e penalizzare in maniera retroattiva i punteggi ottenuti da chi a utilizzato tali sistemi.
FIA ama i metodi omertosi.Vogliamo fare un esempio?
Se questo inverno Lotus e Ferrari invece di chiedere un chiarimento tecnico sul correttore di assetto in frenata,fossero stati ermetici,non facendo trapelare alcunche dei loro studi,se avessero applicato tale correttore di assetto sulle monoposto,avrebbero potuto utilizzarlo con enormi vantaggi,fin quando un avversario,mosso dal dubbio,non avesse richiesto un chiarimento tecnico o una verifica alla Federazione.Fosse accaduto dopo 2,5 o 8 gp,visto come si sta comportando ultimamente FIA,considerando tale accorgimento non regolamentare,avrebbe chiesto una modifica delle monoposto SENZA penalizzare in alcun modo i risultati ottenuti fino a quel momento dai team.
Piu' un sistema é sofisticato e "mimetizzato" nel senso che é difficile comprenderne il funzionamento,piu' FIA dipende nella sua competenza dagli aiuti esterni dei team che sospettano qualche furbata.Ma se,ad esempio,il sistema escogitato in questione sta lontano da possibili foto da scattare e rimane visionabile (quando riescono a vederlo....) dai tecnici delegati,campa cavallo......
La FIA con la non retroattivita' delle decisioni regolamentari sta incoraggiando la furbizia e la malafede,checche' se ne dica.Attualmente il non rispetto del regolamento é piu' vantaggioso che svantaggioso.Nessuno oserebbe niente se rischiasse sonore bastonate.Red Bull quest'anno non avrebbe fatto la furba ne con i fori sul fondo ne tantomeno con le mappature di alimentazione.Quanti punti avrebbe in classifica in meno,ora,senza furbate?
Qui non é questione di essere complottisti,ma di accettare o meno situazioni torbide,perlomeno singolari o incoerenti,senza fare la minima piega.Va bene cosi'?Se vi piace il business,si.Ma non chiamatelo sport,per favore.

Reply
avatar
Anonimo
AUTHOR
31 ottobre 2012 15:29 delete

Sono pienamente daccordo con te!
Ribadisco che chi segue la Formula 1 lo fa per passione sia motoristica che aerodinamica, quindi è normale che continuiamo a guardarla nonostante sta gente fa certe zozzate!
Ribadisco che secondo me lasciano passare certi sistemi per evitare la supremazia di un solo team sugli altri, vedrete che questo sistema "varia assetto" lo bandiranno prima della fine del campionato per far tornare in lizza Alonso o meglio lo lasceranno utilizzare anche alla Ferrari, così il campionato in corso resterà interessante fino all'ultima gara...
I regolamenti vengono stravolti anche per questi motivi... quest'anno vinci tu, l'anno prossimo vince lui e tra 2 anni vince l'altro...
Non dimentichiamo gli anni passati con Schumacher in scuderia Ferrari... quanta gente ha smesso di guardare la F1 perchè Schumy partiva in pole, si permetteva il lusso anche di alcuni fuori pista e rischiava di doppiare anche il secondo e vinceva sistematicamente quasi ogni gara.
Era diventato troppo monotono ccome sport...

Reply
avatar
31 ottobre 2012 16:43 delete

Basta ricordarsi della BAR con il doppio serbatoio...possibile che i delegati FIA facendo i controlli sulla macchina non si fossero mai accorti che la BAR aveva 2 serbatoi???
è stata necessaria la spiata di alcuni tecnici licenziati dalla stessa BAR perchè la federazione se ne accorgesse...questo spiega tutto
o vogliamo parlare del Massdumper della Reanult?

Reply
avatar

FUnoAnalisiTecnica. Powered by Blogger.