IMPORTANTI MODIFICHE SULLA F2012 IN VISTA DEL GP DI SINGAPORE - FUNOANALISITECNICA F1ANALISITECNICA
Questo sito contribuisce alla audience di

IMPORTANTI MODIFICHE SULLA F2012 IN VISTA DEL GP DI SINGAPORE



La Ferrari, durante i test di Magny Cours, ha collaudato diversi componenti aerodinamici che saranno utilizzati fin dalle prove libere sulla F2012.
A Singapore, la monoposto di Maranello, si presenterà con l'ennesima evoluzione dell'ala anteriore. Nel periodo estivo gli aerodinamici della Ferrari avevano concentrato tantissime risorse di tempo per sviluppare l'ala ma i riscontri non erano stati buoni. Durante la pausa estiva a Maranello hanno scoperto i motivi, infatti, a partire dal Gp del Belgio l'ala anteriore ha iniziato a funzionare come si aspettavano gli aerodinamici.



Al posteriore la Ferrari ha collaudato un'ala posteriore molto simile a quella utilizzata a Monaco però prima di nessuna soffiatura a forma di V. Questa ala è stata usata abbinata ad un "monkey seat" leggermente rialzato rispetto a quello utilizzato sulle altre piste da alto carico deportante.
Questa configurazione da alto carico è stata utilizzata abbinata ad un alettone privo degli upper wings come quello che è stato utilizzato a Spa e Monza.
Questa particolare configurazione aerodinamica ha permesso di usare un assetto rake (vedi foto test) molto più accentuato rispetto al solito in modo da recuperare carico all'anteriore avvicinando il più possibile l'ala al suolo.

Questo è un modo per bilanciare il più possibile la vettura in quanto al posteriore verrà introdotto un nuovo fondo piatto abbinato ad un nuovo diffusore che dovrà sfruttare nel migliore dei modi l'effetto degli scarichi massimizzando il più possibile il carico aerodinamico al posteriore, che sarà utilissimo su un tracciato come Singapore.
Oltre a questi importanti sviluppi, sulla F2012, saranno montati dei nuovi pezzi (non si sa ancora in che zona della monoposto) che sono stati spediti a Singapore in questi giorni e verranno collaudati in pista durante le prove libere del venerdì. Se daranno dei responsi positivi nelle prove libere, saranno utilizzati anche durante le qualifiche e la gara di domenica.

P.S Per comprendere nel migliore dei modi i benefici dell'assetto picchiato/rake vi consiglio di rileggere questo vecchio post I SEGRETI DELL'ASSETTO PICCHIATO


Cristiano Sponton

About Cristiano Sponton

Subscribe to this Blog via Email :

18 commenti

Write commenti
Anonimo
AUTHOR
19 settembre 2012 18:01 delete

Il problema piu' grosso a Singapore per la Ferrari credo che sara' dato dal fatto che piovera' abbastanza probabilmente.Dopo Spa,potrebbe esserci l'ennesimo gp in cui nelle libere si provera' poco o comunque in condizioni non indicative per la messa alla prova dei nuovi pezzi introdotti.Insomma,é stato perso troppo tempo a luglio,non é detto che ora ci sia il tempo necessario per recuperare.E,diversamente da quanto é parso dalle libere a Spa e dalle qualifiche a Monza,non credo che la F.2012 sia la vettura migliore,almeno su circuiti a percorrenza media o mediolenta.Perlomeno non credo sia una monoposto sufficientemente veloce per permettere ad Alonso di conservare abbastanza agevolmente il vantaggio accumulato

Reply
avatar
19 settembre 2012 19:01 delete

I tecnici della Ferrari sono convinti che, grazie al grosso step di modifiche che porteranno, potranno lottare sia per la pole che per la gara. Insomma, si sentono fortissimi su questo tracciato.

Reply
avatar
19 settembre 2012 19:17 delete

ho appena controllato il meteo http://www.ilmeteo.it/meteo-sport#formula1 e non è prevista nemmeno una goccia di pioggia per questo fine settimana

Reply
avatar
gedeone182
AUTHOR
19 settembre 2012 20:16 delete

Ho sentito dire che in Mclaren da qualche gara a questa parte sia stata fatta una modifica inerente il serbatoio del carburante, forse distribuendo il peso in maniera particolare, ciò potrebbe essere confermato dai problemi detti di "pescaggio" per Button a Monza, ne sai nulla a proposito e in Ferrari si accennano a modifiche in quella zona?
Saluti.

Reply
avatar
Anonimo
AUTHOR
19 settembre 2012 20:27 delete

il sito ufficiale di f1 da pioggia ! e anche meteo.it, cmq con la pioggia la ferrari sarebbe favorita dato il suo assetto posteriore molto morbido rispetto agli altri

Reply
avatar
19 settembre 2012 20:27 delete

Anch'io ho letto di questa cosa. Però ricordiamoci che la distribuzione dei pesi è fissata per regolamento e non è possibile variarla. Il regolamento tecnico 2011 e 2012 (probabilmente anche 2013) fissa la distribuzione dei pesi delle monoposto in un valore tra il 45,5 e il 46,5% della massa sull'asse anteriore e il rimanente al posteriore. Quindi se l McLaren, tramite questa modifica, ha cambiato la distribuzione dei pesi può aver cambiato al massimo del 1%.
Spero di essermi spiegato

Reply
avatar
19 settembre 2012 20:29 delete

io ho controllato il sito www,meteo.it a questo link http://www.ilmeteo.it/meteo-sport?refresh_ce
e non è prevista pioggia.
Il sito della F1 è dal 2008 che continua a mettere pioggia in tutto il fine settimana del Gp di Singapore ma credo, non sia mai venuta una goccia durante prove, qualifiche e gara

Reply
avatar
Brian
AUTHOR
19 settembre 2012 20:36 delete

Salve a tutti! :D Sono nuovo di questo blog, anche se seguo la Formula1 da anni immemori...

Volevo chiedere: Ma chi dice che la Ferrari abbia un assetto posteriore più morbido rispetto agli altri? E soprattutto, perchè?
Io so che soprattutto come anteriore viaggia molto rigida, la prova è l'ottimo warming up degli pneumatici, ma anche questo non implica che il posteriore sia più morbido del dovuto...

Reply
avatar
Anonimo
AUTHOR
19 settembre 2012 21:42 delete

cristiano, io avevo gia' notato che a monza la ferrari aveva un assetto piu' rake di inizio stagione, ti volevo chiedere perchè proprio ora cercano di andare in questa direzione diciamo andando a riusare il rake del 2011, non lo potevano fare da inizio stagione ? era legato al fatto che non riuscivano ad usare gli scarichi ?
-Francesco-

Reply
avatar
19 settembre 2012 21:46 delete

Durante i test di inizio stagione la Ferrari ha provato ad usare un rake molto estremo ma poi ha dovuto fare marcia indietro in quanto non riusciva a sfruttare nel migliore dei modi i gas caldi in uscita dagli scarichi per generare carico. Ora sembra che gli scarichi e il fondo/diffusore funzionino molto bene e quindi stnno cercando di riproporre l'assetto picchiato.

Reply
avatar
Maxleon
AUTHOR
20 settembre 2012 00:20 delete

@ Brian

Riguardo alle cattive concezioni riguardo all'assetto soft della sospensione Ferrari, credo che la colpa sia stata la mia, perchè invece di parlare solo del corpo ammortizzatore vero e proprio, ho parlato sempre di sospensioni in senso generale.

Per derimere questo inghippo dovrei far riferimento a troppi particolari, ma spero di essere in grado di spiegarmi con poche parole, riassumendo quello che ha scritto l'ing. Mazzola su blogf1, dove in un articolo parlava appunto di questo.

La sospensione delle F1 è costituita da diversi elementi che sono tutti funzionali alle diverse tipologie di tracciati e consentono una regolazione di assetto specifica, senza entrare troppo nei particolari, in linea di massima si può affermare che le regolazioni principali riguardano gli assetti verticali, dove si sceglie la rigidità della vettura sulle forze verticali ed i moti a rollio, che regolano quelli trasversali, naturalmente quello a cui mi riferivo io sono esclusivamente gli elementi che regolano la flessibilità verticale, dove si può agire anche modificando solo il terzo elemento ammortizzante, per cui è inesatto parlare di assetto più morbido al posteriore e di questo faccio ammenda.

Ritornando a quello che dice Brian, lo reputo assolutamente esatto, soprattutto per il fatto che effettivamente la Ferrari sembra aver risolto il problema del warming up all'anteriore, utilizzando un assetto un pò più rigido, però devo anche far rilevare che l'ottimo warming up dei pneumatici, potrebbe anche derivare da altri fattori, come, ad esempio lo stesso telaio, oppure una diversa ripartizione dei pesi (nel rispetto di quanto previsto dal regolamento).

In ogni caso, quello che scrive Cristiano mi sembra assolutamente ineccepibile, ma, purtroppo, la conferma la avremo solo a Singapore, dove se rivedremo quella benedetta ala anteriore, senza gli upper wing, allora si potrà effettivamente dire che le sue (ma anche mie) supposizioni sono esatte, per il resto, almeno per ora dobbiamo solo accontentarci di ipotesi.

Piuttosto, ho riletto l’articolo postato da Cristiano sull’assetto rake ed ho scoperto che l’altezza dell’alettone anteriore, anche se è imposto dal regolamento, è calcolato sul piano di riferimento costituito dalla parallela al suolo costruita dal punto più basso della vettura, quindi dovrebbe essere (correggetemi se sbaglio) la parallela al suolo costruita sul “coltello” ed in questo modo, (se ho capito bene) ipoteticamente, fra due vetture che hanno il “coltello” alla stessa altezza, la vettura che ha il retrotreno più alto per forza di cose dovrebbe avere anche l’ala anteriore più bassa, ed ecco forse spiegato il motivo di un’ala così scarica all’anteriore, il resto lo dovrebbero fare i materiali flessibili.

Un grazie a Cristiano per aver rispolverato qull’articolo

Reply
avatar
Anonimo
AUTHOR
20 settembre 2012 10:55 delete

L'ipotesi che hai fatto sull'assetto rake e sulla vicinanza dell'ala anteriore al suolo é corretto.E una semplice questione geometrica.Si puo' paragonare ad un'altalena.Rimanendo uguale l'altezza del coltello (il fulcro dell'altalena),sollevando uno dei due estremi,l'altro si abbassa.Proprio perche' (per me inspiegabilmente,viste tutte le opportunita' tecnologiche che si hanno per misurare una distanza dal suolo....) la FIA ha scelto INSPIEGABILMENTE di misurare l'altezza dell'ala dal piano di riferimento e non dal suolo stesso.Ma essendo la distanza del piano di riferimento rispetto al suolo variabile,o comunque non essendo il piano di riferimento parallelo al suolo......A volte penso che chi stila il regolamento lo faccia in 5 minuti.Il fine settimana.Quando ha un attimo di tempo.....

Reply
avatar
Anonimo
AUTHOR
20 settembre 2012 11:05 delete

Ma la distribuzione dei pesi deve avere le percentuali indicate sia a serbatoio pieno che a serbatoio vuoto?Se si,il baricentro della massa di carburante deve essere molto prossimo al baricentro della vettura,per non creare scartamenti eccessivi al variare del peso (cosa che dovrebbe comunque essere automatica per non modificare il comportamento della vettura in corsa,con piccole eccezioni (ad esempio a serbatoi vuoti corrisponde quasi sempre,in gara,una pista piu' gommata).Se no,invece,la Mclaren potrebbe averci lavorato sopra per garantirsi dei vantaggi.
Pero' non bisogna sottovalutare una possibilita':chi lo dice che la Mclaren invece di modificare il serbatoio per variare la distribuzione dei pesi non abbia semplicemente fatto la modifica per abbassare il baricentro della massa del carburante?Cio' mica incide sulla distribuzione dei pesi,ma sulle prestazioni eccome se incide!Dov'erano le batterie del Kers prima dell'eventuale modifica?E dove sono ora?E' stata allungata o allargata la scocca e nessuno lo sa?

Reply
avatar
Anonimo
AUTHOR
20 settembre 2012 11:10 delete

Ho scritto il primo post:io ci andrei calmo sul fatto che la Ferrari sarebbe favorita in caso di pioggia.La pioggia é un terno al lotto,soprattutto su questi circuiti.Se poi teniamo conto che la gara si svolge di notte,con i riflettori......Chi si salva dai riflessi delle luci sulla visiera piena di goccioline?La Ferrari piu' degli altri ha bisogno di provare le novita',anche in funzione dei prossimi gp.Se trova 3 giorni di bagnato....Inoltre:meglio avere la 2a o 3a vettura come potenziale,ed arrivare 2° o 3° con Alonso sull'asciutto,che avere la vettura che si adatta meglio al bagnato,dominare una parte di gara e poi doversi ritirare per un fuoripista o perdere il gp per una safety car.....molto piu' probabile sull'umido....

Reply
avatar
Brian
AUTHOR
20 settembre 2012 14:05 delete

Ohi Maxleon...anche tu qui!:) In effetti, guardando altri articoli, noto che sei di casa..!!

Si, ne abbiamo parlato tanto in altre sedi di questo aspetto della vettura...e l'unica cosa che non mi convinceva appieno era il discorso riguardo al rake concomitante all'ammortizzatore, infatti, fiutando lo stesso argomento, cercavo dei chiarimenti..:D

Riguardo all'alettone anteriore, mm secondo me la versione senza upper flap non è opportuna per Singapore. Forse l'hanno usata a Magny-Cours per comparare i dati, o chissà, per svilupparne una per circuiti più veloci, tipo Suzuka...ma vedremo questo fine settimana!sono d'accordo sul discorso rake, se la Ferrari dovesse avere un rake più pronunciato sarebbe qualcosa di soltanto positivo perchè significa la vettura avrebbe trovato un carico aerodinamico invidiabile...

E comunque faccio a te e Cristiano i complimenti per le complete disamine tecniche!

Reply
avatar
20 settembre 2012 14:08 delete

Fate i complimenti anche ad Antonio Granato che sta collaborando con me da qualche giorno per alzare il livello qualitativo del blog. Io lo ringrazio pubblicamente del prezioso aiuto che mi sta dando.

Reply
avatar
Anonimo
AUTHOR
20 settembre 2012 14:20 delete

la Ferrari sta investendo molto sullo sviluppo dell'ala anteriore ed è chiaro che sarà il passaggio chiave per il mondiale, visti i miglioramenti a catena che innescherebbe sulla deportanza. però è ora di metterla il pista, altrimenti si rimane sempre fermi al palo con lo sviluppo. Simone

Reply
avatar
Maxleon
AUTHOR
20 settembre 2012 22:22 delete

Vedendo le prime immagini, sembra che abbia avuto ragione Brian sull'alettone anteriore, ma credo che sia tutta una questione di bilanciamento.

Leggevo su autosprint che il fondo ed il diffusore nuovi sono attesi solo per domani e se non si può avere un carico aerodinamico maggiore al posteriore è ovvio che si deve bilanciare utilizzando un'ala con maggior carico all'anteriore, intanto hanno assemblato la vettura con quello che avevano. Ma a parte questo, bisognerebbe essere a conoscenza del responso che hanno dato i test di Magny Cours, perchè potrebbe anche darsi che quella configurazione all'anteriore non sia stata sufficiente a dare il carico aerodinamico necessario.

Credo che sarà fondamentale avere una sessione di prove asciutte per calibrare al meglio le nuove soluzioni.

Reply
avatar

FUnoAnalisiTecnica. Powered by Blogger.