ANALISI TECNICA STAGIONE 1990 - FUNOANALISITECNICA F1ANALISITECNICA
Questo sito contribuisce alla audience di

ANALISI TECNICA STAGIONE 1990

La stagione 1990 è stata molto entusiasmante e si è lottato fino all'ultimo Gp tra la McLaren - Honda guidata da Ayton Senna e la Ferrari di Alain Prost. Entrambi i mondiali sono stati vinti dalla McLaren, ma il margine rispetto alla concorrenza si è ridotto di molto.
La Ferrari, in questa stagione, ottiene lo stesso numero di vittorie della McLaren e perde il mondiale Piloti e Costruttori per pochissimi punti.
La stagione a livello tecnico è stata molto interessante: in Ferrari, Barnard va via, ed arrivano come progettisti Steve Nichols e Enrique Scalbroni. Allo sviluppo dei mototi ci lavora Jean-Jacques His che in precedenza lavorava presso la Renault.

La McLaren è una versione evoluta della monoposto che ha trionfato nella stagione precedente. Pure il motore Honda è stato migliorato e potenziato. La versione 1990 ha misure di alesaggio e corsa leggermente modificate rispetto alla versione 1989 ed eroga circa 680 CV a 13.200 giri/min.







La Ferrari è azionata dal motore 036, un V12 con testata a 5 valvole per cilindro che mantiene un alesaggio di 84 e una corsa di 52,6 mm, come la versione dell'anno precedente, che arriva ad erogare una potenza superiore ai 670 CV ad un regime di 13.000 giri/min.





















La Williams schiera la FW13B, azionata dal motore Renault RS2, progettato dall'equipe di tecnici guidata da
Bernard Dudot.Questo motore è caratterizzato dalle bancate di cilindri inclinate tra loro di 67°, ha un alesaggio di 90 mm e una corsa di 54,9 mm ed eroga una potenza di 660 CV a un regime di 13.000 giri/min. A differenza del modello precedente  che impiegava due cinghie dentate, in questo caso la distribuzione è comandata mediente ingranaggi.


Il motore francese è l'unico nel circus ad impiegare molle pneumatiche per il richiamo delle valcole, ma data la progressiva corsa a regimi sempre più elevati , gli altri Costruttori (Honda, Ferrari, Ford, ecc) non tarderanno ad accorgersi dei vantaggi offerti da questa soluzione, che nel giro di poche stagioni sarà adottata da tutti.





La Benetton B190 è dotata di un motore Ford, della nuova serie HB, con un angolo tra le bancate di 75° e comando della distribuzione misto (catena più ingranaggi), sul quale ha lavorato a lungo il progettista Geoff Goddard. I cilindri sono 8, e le valvole 4 per cilindro. Questo motore ha un alesaggio di 94mm e una corsa di 63mm ed eroga una potenza di circa 650 CV, a un regime di 12.550 giri/min.



Cristiano Sponton

About Cristiano Sponton

Subscribe to this Blog via Email :

FUnoAnalisiTecnica. Powered by Blogger.