FERRARI F2012: GLI SCARICHI RITORNERANNO A SOFFIARE ALL'ESTERNO - FUNOANALISITECNICA F1ANALISITECNICA
Questo sito contribuisce alla audience di

FERRARI F2012: GLI SCARICHI RITORNERANNO A SOFFIARE ALL'ESTERNO

La Ferrari subirà un grosso step evolutivo al Gp del Canada per migliorare i punti deboli che la monoposto ha evidenziato in questo inizio di mondiale (velocità di punta e trazione).
In Canada, oltre ad nuovo alettone anteriore e posteriore per adattare nel migliore dei modi la monoposto al velocissimo tracciato canadese verranno,inoltre, provati i terminali di scarico che soffiano all'estremità della carrozzeria, in modo che il flusso dei gas roventi sia indirizzato per l'effetto Coanda verso il bordo del diffusore. Questo era il concetto iniziale su cui era stata pensata la F2012 ma erano stati abbandonati subito in quanto si era notato un eccessivo surriscaldamento degli pneumatici posteriori.

Tale soluzione e' stata provata nel primo giorno dei test al Mugello senza riscontrare nessun tipo di problema e quindi si e' deciso di riproporli magari con qualche modifica alla carrozzeria.
Il vantaggio di questa soluzione di scarichi e' il maggior carico aerodinamico che riescono a sviluppare a discapito di qualche Cv in meno di potenza che il motore riesce ad erogare per la conformazione dei terminali.
A Montreal verranno portate le due soluzioni, quella che soffia all'esterno e quella usata nelle ultime due gara con i terminali che"sparano" sul profilo inferiore dell'alettone posteriore. Se la prima creerà problemi verra' usata quella che dato soddisfazioni negli ultimi Gp.



Alcuni lettori, giustamente, si chiederanno: "Ma in Ferrari sono impazziti ad introdurre gli scarichi esterni perdendo potenza del motore proprio in un circuito dove ci sono parecchi rettilinei?".

La risposta è No. Gli scarichi esterni, se funzionanti, garantiscono un elevato carico aerodinamico al posetriore. Avere questo ulteriore carico aggiuntivo garantisce l'utilizzo di un alettone posteriore con meno ala, riducendo il drag (resistenza all'avanzamento) e quindi aumentando di parecchio le velocità di punta. La Ferrari sta seguendo questa strada per risolvere il problema della velocità di punta e non  inrtrodurrà a breve l'F-Duct in stile Mercedes e non toccherà nemmeno la disposizione delle masse radianti.


Cristiano Sponton

About Cristiano Sponton

Subscribe to this Blog via Email :

8 commenti

Write commenti
kroky78
AUTHOR
5 giugno 2012 12:01 delete

E pensare che Alonso in conferenza stampa al Mugello disse che il layout degli scarichi non è importante e che non potevano perdere nemmeno 5 minuti per quelle considerazioni! Come no, penso che il balletto degli scarichi continuerà fino a fine anno. Sarà interessante vedere se per massimizzare le velcità porteranno anche dei radiatori coricati e magari il Drs-duct.

Reply
avatar
AleMans
AUTHOR
5 giugno 2012 20:57 delete

Beh almeno in caso non dovessero funzionare hanno già gli scarichi di riserva.

Reply
avatar
Roberto.
AUTHOR
5 giugno 2012 23:20 delete

Trovo che la disposizione delle masse radianti sia un punto fondamentale di sviluppo,nel senso che la loro resistenza è sicuramente un fattore che influenza molto l'efficenza aerodinamica.Di sicuro verrà modificata la loro collocazione nel corso della stagione,ma a fronte di molto lavoro,visto che spostarle anche di poco conduce ad una profonda rivisitazione della disposizione degli spazi e dei flussi interni.
Spero solo che il comportamento delle gomme posteriori con questa soluzione sia stato ben testato e capito,visto che quest'anno sembrano avere una finestra di lavoro ottimale decisamente ristretta e molto sensibile ad ogni variazione di temperatura ambientale e dell'asfalto.

Reply
avatar
Anonimo
AUTHOR
6 giugno 2012 12:07 delete

nella risposta si dimentica di dire che un maggior down force migliora anche la trazione, altro elemento chiave per essere veloci a montreal. - Simone

Reply
avatar
kroky78
AUTHOR
6 giugno 2012 16:21 delete

Allora penso di aver capito perchè Fry al Mugello diceva che stavano valutando l' implementazione del drs-duct ma che la sua introduzione a breve poteva "bruciare la curva di sviluppo". Secondo me intendeva che prima verranno realizzati gli up grade programmati che dovrebbero portare la Ferrari più o meno alla pari dei migliori, mentre drs-duct e nuovi radiatori verranno semmai implementati più avanti per avere ancora qualcosa in più. In pratica non vogliono calare tutti gli assi subito?

Reply
avatar
Anonimo
AUTHOR
7 giugno 2012 15:05 delete

a me sembrano tutte interpretazioni verosimili (nel senso che possono essere vere ma anche no). la Ferrari ha bisogno di down force e lo sviluppo deve guardare prima di tutto a questo. anche la storia dei radiatori sbagliati non mi convince. se li hanno lasciati così si vede che non sono un problema. - Simone

Reply
avatar
kroky78
AUTHOR
7 giugno 2012 16:50 delete

Il fatto è che per modificarli devono rivedere tutta l' installazione all' interno delle pance e le modifiche possono anche variare in maniera deleterea la distribuzione dei pesi che è fondamentale per l' ottimale sfruttamento delle gomme. Quindi prima di toccare i radiatori preferiscono ottimizzare gli scarichi come spiega Cristiano. Magari i futuri step evolutivi considereranno anche i radiatori.

Reply
avatar
8 giugno 2012 00:36 delete

http://a7.sphotos.ak.fbcdn.net/hphotos-ak-snc7/576889_10151011808847938_1593292113_n.jpg

Reply
avatar

FUnoAnalisiTecnica. Powered by Blogger.