TURBO F-DUCT AL POSTERIORE PER MERCEDES,MCLAREN E RED BULL - FUNOANALISITECNICA F1ANALISITECNICA
Questo sito contribuisce alla audience di

TURBO F-DUCT AL POSTERIORE PER MERCEDES,MCLAREN E RED BULL

L'ala posteriore della Mercedes ha fatto discutere parecchio nel corso dei test invernali e a quanto pare alcune squadre concorrenti avevano chiesto alla FIA una verifica della regolarità dei concetti introdotti da Ross Brawn e soci. Alcuni sostenevano che questo tipo di soluzione, che canalizza i flussi d'aria del profilo inferiore dell'ala verso il profilo superiore, potesse essere assimilato al concetto di F-duct, ma la FIA ha dichiarato perfettamente legale questo tipo di sistema.

Durante le prove libere di questa mattina, questo particolare F-Duct posteriore "passivo" è stato usato non solo dalla Mercedes ma anche da McLaren e Red Bull.
Questo  particolare F-Duct (manda in stallo l'ala posteriore) si attiva quando entra in funzione il DRS e permette un incremento di velocità massima di circa 5 Km/h che vanno a sommarsi all'incremento di 12 Km/h dovuti all'ala mobile posteriore.
Questo sistema potrebbe diventare determinante durante le qualificazioni in quanto, come ben passiamo, il DRS si può usare liberamente mentre in gara si può usare soltanto in due tratti della pista se il distacco da quello che ti precede è inferiore ad 1 s. 
Sicuramente in breve tempo sarà "copiato" dalle altre scuderia, Ferrari in primis, in quanto non dovrebbe essere difficile da mettere a punto in quanto è semplicemente un condotto passivo che manda in stallo l'ala posteriore quando il DRS è abilitato.


.



Cristiano Sponton

About Cristiano Sponton

Subscribe to this Blog via Email :

13 commenti

Write commenti
angelo84
AUTHOR
16 marzo 2012 15:56 delete

invece sembra che la ferrari l abbia già provato

Reply
avatar
Anonimo
AUTHOR
16 marzo 2012 23:04 delete

la situazione scarichi soffiati com'è? l'aggiornamento alla centralina unica ha prodotto qualche effetto?

Reply
avatar
djbill
AUTHOR
17 marzo 2012 02:08 delete

Io nn ho ancora ben capito dove si trova il nuovo f-duct, il vecchio era un tantino più visibile..

Reply
avatar
djbill
AUTHOR
17 marzo 2012 02:09 delete

Io nn ho ancora ben capito dove si trova il nuovo f-duct, il vecchio era un tantino più visibile..

Reply
avatar
kroky78
AUTHOR
17 marzo 2012 18:02 delete

Già, sarebbe interessante vedere foto dettagliate dell' ala per cercare di capire. Oggi l' ingegner Bruno diceva che a Monza il sistema potrebbe valere 4 decimi, mica bruscolini...

Reply
avatar
Michele
AUTHOR
17 marzo 2012 21:54 delete

Allora, il sistema si trova nascondo dal piccolo profilo alare mobile dell'ala posteriore. Quando si attiva il DRS si aprono 2 fori laterali collocati subito dopo il punto di corda del profilo principale. Essendo quella una zona ad alta pressione, l'aria entra nei 2 fori e passa nel profilo inferiore e da qui in quei 2 canali collocati nello sfogo centrale del cofano motore, fino ad arrivare all'ala anteriore. Questo F-Duct infatti serve a stallare l'ala anteriore in concomitanza dell'attivazione del DRS, così da avere sia maggior velocità in curva sia più stabilità della monoposto.

Reply
avatar
F1WEB.it
AUTHOR
18 marzo 2012 03:23 delete

Non sono convinto che a Monza questo sistema valga così tanti decimi. Nel 2010 c'era l'idea che gli f-duct potessero dare grossi benefici proprio a Monza invece loi sul campo si scoprì che non era così perché a Monza la deportanza è già bassissima e non hai molto da tagliare, per cui il sistema f-duct diventava anche controproducente. Chiedere ad Hamilton:
http://www.f1web.it/?p=6949

Reply
avatar
kroky78
AUTHOR
18 marzo 2012 20:42 delete

Capisco ancora meno, tutte le indiscrezioni fin qui dicono che l' ala anteriore stalla con l' aria pescata dalla feritoia sul musetto, addirittura dicono che i flussi vengono distribuiti opportunamente nella parte anteriore o posteriore dei flap a seconda dell' angolo di imbardata (a seconda di dove sta curvando la macchina). Mentre il "classico" f-duct posteriore è a se stante e funziona con l' aria pescata in quella zona e convogliata dietro l' alettone posteriore. Tu dici che l' aria è canalizzata dall' ala dietro attraverso un dedalo di tubi fino all' alettone davanti??? Mi sembra improbabile. Potresti linkare la tua fonte? Sono molto curioso!

Reply
avatar
Francesco
AUTHOR
19 marzo 2012 08:35 delete

Cristiano Sponton, quali pensi che siano le parti dove la ferrari deve recuperare dalla mclaren /rb ?

Reply
avatar
19 marzo 2012 09:00 delete

Per me si deve lavorare per migliorare la velocità massima, migliorare la trazione e il comportamento nelle curve lente e cercare di ottimizzare il sistema di scarico. Però Melbourne f poco testo come pista. Voglio aspettare Malesia e vedere il comportamento della F2012 sulle curve veloci

Reply
avatar
kroky78
AUTHOR
19 marzo 2012 12:29 delete

Mmmmh! Può anche essere, sicuramente è molto più credibile questa spiegazione che la simulazione sul presunto funzionamento del W-duct che gira in rete, quella sembra proprio fantascienza. Ebbravo Ross...!

Reply
avatar
angelo84
AUTHOR
19 marzo 2012 14:18 delete

be cmq sia non mi sembra eclatante questa soluzione e vincente visto la figuraccia fatta in gara in mercedes come nel 2011 distruggono le gomme alla velocità della luce

Reply
avatar
Samtrepid
AUTHOR
19 marzo 2012 15:37 delete

Certo, ma tieni conto che non una sola volta hanno potuto sfruttare l'f-duct in gara, almeno con Schumacher. E' una soluzione che dà un discreto vantaggio, soprattutto in qualifica quando l'uso del drs è libero. Se in gara non lo possono utilizzare, è una monoposto nella media.

Reply
avatar

FUnoAnalisiTecnica. Powered by Blogger.