NOVITA' TECNICHE - GP. MELBOURNE - FUNOANALISITECNICA F1ANALISITECNICA
FUNOAnalisitecnica fa parte del network di

NOVITA' TECNICHE - GP. MELBOURNE

RED BULL
Dopo la versione B degli scarichi portata a Barcellona, quelli della Red Bull hanno modificato sia la zona degli scarichi, ora simili a quelli della McLaren, sia la zona davanti alle ruote posteriori. Venerdì durante le prove libere è stato testato un taglio orizzontale sul fondo, in prossimità dello ruote posteriori, con tanto di invito nel bordo di entrata per dirigere parte del flusso nella zona inferiore dei canali laterali. Tale soluzione non è stata usata durante le qualifiche di Sabato ed è stata sostituita con una zona concava chiusa sempre dotata di nolder verticale che serve a gestire positivamente i vortici in questa zona.



MERCEDES
La Mercedes è stata studiata per portare il maggior flusso d'aria nella zona centrale dove è presente il doppio diffusore. Concentrati in questa zona ci sono sia il flusso d'aria calda che proviene dagli scarichi sia il flusso forzato che arriva dalle due prese d'aria presenti sul cofano motore.
La zona della Mercedes su cui si sono concentrati i tecnici avversari è stata l'ala posteriore dotata di un interessantissimo F-Duct passivo.
La FIA in un primo momento l'ha ritenuto regolare ma poi per evitare spiacevoli ricordi da parte di Red Bull e Lotus si è presa qualche giorno di tempo per analizzare con calma questa soluzione tecnica e deciderà soltanto Venerdì mattina prima delle libere se continuare a ritenerla una soluzione regolare.
La mia impressione è che questa soluzione non mandi in stallo l'ala posteriore come scrivono in molti, ma  per me lo stallo avviene proprio sul diffusore posteriore, e non con la serie di tubi che portano i flussi all’anteriore. Il carico aerodinamico sul diffusore dipende dai vortici che possono essere “staccati” dai suoi bordi laterali, quindi se si potesse ricreare una condizione fisica analoga, si potrebbero creare dei vortici che non vanno a creare resistenza all’avanzamento ma più “semplicemente” a far deviare il flusso sopra il profilo estrattore ad alta velocità creando meno deportanza quando il DRS è attivato.

FERRARI
La scuderia di Maranello ha introdotto delle modifiche di dettaglio sulla F2012, consistenti in tre nolder applicati sulla paratia esterna dell’ala posteriore (vedi foto), ed in un diverso posizionamento delle telecamere, adesso collocate non più sul profilo principale dell’ala anteriore tra i due piloni di sostegno, ma ai lati del muso.




Cristiano Sponton

About Cristiano Sponton

Subscribe to this Blog via Email :
Powered by Blogger.