FERRARI F2012:MANCA CARICO AL POSTERIORE PER "COLPA"DEGLI SCARICHI - FUNOANALISITECNICA F1ANALISITECNICA
Questo sito contribuisce alla audience di

FERRARI F2012:MANCA CARICO AL POSTERIORE PER "COLPA"DEGLI SCARICHI

Il regolamento tecnico in questa stagione è cambiato e sembrava che gli scarichi,fondamentali per la prestazione assoluta fino allo scorso anno, non fossero più un elemento essenziali per le prestazioni assolute della monoposto.


Sbagliato, anzi sbagliatissimo. Fin dalla presentazione della Ferrari F2012 si era intuito dalla forma della vettura e dal posizionamento dei terminali di scarico che le scuderie puntavano molto anche in questa stagione per ottenere parte del carico aerodinamico al posteriore. LA F2012 aveva proposto nei primi giorni di test a Jerez un sistema di scarico molto avanzato, infatti, gli aveva fatti soffiare nello spazio fra la paratia laterale dell'alettone posteriore e la gomma, usando le prese dei freni posteriori come convogliatori.


I tecnici avevano deciso di farli soffiare in questa particolare area in quanto i tecnici avevano visto dei risultati molto interessanti al CFD e successivamente in galleria del vento, e pensavano di recuperare circa il 25% di carico perduto con i nuovi regolamenti.

Fin dal primo test di Jerez, il gruppo di tecnici guidata da Pat Fry, si erano accorti che qualcosa non funzionava e che la vettura non aveva abbastanza carico aerodinamico al posteriore che si traduceva in mancanza di trazione in uscita dalle curve e alto degrado,soprattutto, degli pneumatici posteriori. La prima evoluzione/modifica sugli scarichi è stata fatta abbastanza velocemente spostando qualche centimetro verso l'interno i terminali di scarico, andando a tagliare parte della carrozzeria.
Tale soluzione era molto simile a quella adottata sulla McLaren Mp4-27 che adotta come la Ferrari due voluminose protuberanze che contengono il sistema di scarico. Sono state provate varie inclinazioni e tagli sulla carrozzeria per cercare la soluzione migliore che permettesse un incremento di carico aerodinamico in quella zona. Pare che anche questa soluzione, in casa Ferrari, non abbia fornito i risultati sperati dagli ingegneri del Cavallino.
Al termine dei test di Jerez, dopo aver analizzando con attenzione i dati, i tecnici hanno deciso il cambio di rotta, e di adottare già dalla prima sessione dei test di Barcellona, una soluzione di scarico molto più convenzionale in quanto la prima versione richiedeva troppo tempo per metterla a punto. Ricordiamoci che la soluzione originale non è stata abbandonata ,ma solo accantonata e si lavorerà intensamente in galleria del vento e nei prossimi test di inizio maggio al Mugello per cercare di farla funzionare nel migliore dei modi anche in pista.

Quindi la Ferrari ha adottato una soluzione di scarichi ispirata chiaramente a quella della Red Bull versione 1; gli scarichi sono stati spostati nella zona centrale e il flusso d'aria calda è inviato, sfruttando i bracci delle sospensioni posteriori, nella parte inferiore dell'alettone posteriore. Sembra che tale soluzione, abbia incrementato notevolmente il carico aerodinamico al posteriore e la macchina è molto migliorata rispetto ai test di Jerez. In ogni caso, con questa soluzione di scarico sarà impossibile recuperare il 25% del carico perduto quindi è fondamentale per la Ferarri capire come far funzionare la soluzione di scarico dei primi test.

Fortunatamente, l'ultimo test di Barcellona ha permesso al team di accumulare un gran numero di dati che potranno essere usati per sistemare ulteriormente la macchina prima della gara inaugurale di Melbourne. Da una prima analisi della telemetria, sembra che la Ferrari in questi ultimi test, grazie a nuovi pezzi aerodinamici (diffusore termico di Byrne non ha dato i risultati sperati in galleria del vento ma verrà comunque usato) e ad un nuovo setup della vettura, abbiano recuperato 7 punti aerodinamici. L'obiettivo prima di Melbourne è quello di recuperare 5/6 punti aerodinamici anche se i tecnici stimano che per competere ad alti livelli servano dai 12 ai 15 punti aerodinamici.

Cristiano Sponton

About Cristiano Sponton

Subscribe to this Blog via Email :

18 commenti

Write commenti
Anonimo
AUTHOR
6 marzo 2012 19:39 delete

a questo punto non mi fiderei tanto della galleria del vento...e lo porterei comunque in pista per testarlo!!

Reply
avatar
kroky78
AUTHOR
6 marzo 2012 20:32 delete

A parte che mi piacerebbe capire una volta per sempre se i problemi di taratura della galleria Ferrari sono stati risolti, secondo alcuni anche quest’ anno i rilievi della pista non corrispondono ai dati della galleria. Poi d’accordo la simulazione computerizzata CFD, ma come fanno a misurare in galleria del vento l’ incremento di carico dovuto al soffiaggio dei gas??? Per regolamento in galleria si usano modelli in scala al 60% che di certo non hanno il motore! Come simulano il soffiaggio dei gas?

Reply
avatar
Francesco
AUTHOR
6 marzo 2012 21:20 delete

Non sara' la solita tattica per nascondersi ?

Reply
avatar
Angelo
AUTHOR
7 marzo 2012 05:15 delete

Veramente di solito alla Ferrari c'e' di non azzecare el macchine al primo colpo.

Poi penso che se anche quest'anno la galleria del vento non e' stata usata correttamente producendo dati fasulli e allora sara' venuto il momento di buttar via sia la sta galleria sia quello po qulli che l'hanno voluta e quelli che continuano ad usarla.

Montezemolo l'ha detto oggi: "io m'aspetto miglioramenti in secondi, non minuti".

Ed ad orecchie d'intenditore poche parole..

Reply
avatar
Anonimo
AUTHOR
7 marzo 2012 09:26 delete

Ma in cosa consiste questo "diffusore termico" di Rory Byrne?

Reply
avatar
axe
AUTHOR
7 marzo 2012 09:40 delete

ma come fà una scuderia top come la ferrari ad avere tutti questi problemi con la galleria del vento, le altre scuderie non li hanno.

Reply
avatar
Samtrepid
AUTHOR
7 marzo 2012 12:41 delete

Il problema sembra che sia stato trovato e si porterà una versione b della F2012, in barhein si spera. Ma vorrei attendere maggiori dettagli da sponton appena potrà informarsi. Cmq sfatiamo questa cosa, la galleria del vento funziona, il problema è che i flussi non agiscono allo stesso modo sulla vettura 1:1 e sulla vettura al 60%. Il problema della Ferrari è di affidarsi più di tutti gli altri teams alla galleria del vento. Speriamo in questa versione B va..

Reply
avatar
angelo84
AUTHOR
7 marzo 2012 12:49 delete

rifare il telaio ma che vergogna io avevo fiducia in loro ma se è cosi la stagione è già andata

Reply
avatar
kroky78
AUTHOR
7 marzo 2012 13:55 delete

Ma non è il primo anno che il regolamento impone modelli al 60%, lo scostamento rispetto alla scala reale dovrebbe essere stato capito e metabolizzato, come per Red Bull e Mclaren, ma mi pare non sia così...

Reply
avatar
Samtrepid
AUTHOR
7 marzo 2012 17:14 delete

Su questo ho lo stesso sospetto: la Ferrari non ci sa lavorare in galleria del vento. Prima potevano verificare tutto a Fiorano.

Reply
avatar
Anonimo
AUTHOR
7 marzo 2012 21:46 delete

La storia della versione B della 2012,con tanto di crash test della scocca modificata,mi sa di boiata pazzesca.Non che non sia vero,ma che sia assurdo farlo.Innanzi tutto:si dice il che problema stia nel fatto che gli scarichi laterali,che soffiano fra ruota e paratia dell'ala posteriore non hanno funzionato.Ma é il posizionamento degli scarichi a non funzionare come ci si aspettava,oppure cio' che sta davanti (scocca,strutture deformabili,forma dei radiatori)??Perche' se sono solo gli scarichi,si riposizionano al centro (come gia' stato fatto a Barcellona) e si modifica la carrozzeria,eliminando quelle due orrende protuberanze laterali (si puo' fare,non c'entrano nulla con la scocca,a meno che chiudendoli non nascano problemi di raffreddamento).Se invece é cio' che sta davanti ad essere stato progettato male,allora non sono gli scarichi esterni a deludere,quanto,semmai,ancora una volta,i progettisti.Gli scarichi che soffiano lateralmente a quanto pare a Mclaren e Red Bull funzionano,quindi non é l'idea ad essere sbagliata,ne tantomeno inclinazione e distanza degli scarichi dalla ruota.....
Ora,vorrei capire una cosa:si mette una pezza esordendo con gli scarichi che soffiano prossimi alla mezzeria della vettura,salvo poi proseguire con il telaio B,che eliminerebbe errori progettuali.Ma il telaio B verra' fatto per far funzionare meglio gli scarichi in posizione tradizionale o quelli che sparano gas tra ruota e paratia?Non é che si cadra' nel ridicolo ideando il telaio B per la versione tradizionale,per poi riprendere il telaio A nel momento in cui si risolvera' il problema del rendimento degli scarichi esterni?Se invece la versione B é fatta proprio per far funzionare gli scarichi esterni,non é appunto il principio a non funzionare ma il resto della macchina che é stato disegnato attorno a due tubi di metallo.Questo sarebbe sufficiente (dopo anni di magre) per far decidere di mandare a casa i responsabili del progetto,o meglio,il capo progetto.ancor prima dell'inizio della stagione.Sono tornati agli anni 86-90.Semplicemente imprensentabili.F2012,l'auto che doveva vincere da subito,innovativa,estrema,che doveva distanziare gli avversari gia' dalla prima gara.Eh come no,se queste indiscrezioni sono vere!!!

Reply
avatar
axe
AUTHOR
8 marzo 2012 08:53 delete

Anche la red bull ha problemi con gli scarichi e sta cambiando tattica, purtroppo tutte le altre parti sono plafonate e non ci sono + margini di sviluppo quindi ci si concentra su queste sottigliezze.

Reply
avatar
Samtrepid
AUTHOR
8 marzo 2012 09:39 delete

Quel concetto di scarichi va affinato, non è stato accantonato per sempre. Deve solo essere sviluppato. La storia del telaio B invece è più che giustificata, dato che si sono accorti che non passa l'aria necessaria per dare carico al posteriore a causa del disegno delle fiancate. Le fiancate devono essere completamente ridisegnate, e di fatti la Ferrari ha chiesto di ripetere solo il crash test laterale.

Reply
avatar
Anonimo
AUTHOR
8 marzo 2012 09:51 delete

A me non sembra che Red Bull abbia problemi con il nuovo posizionamento degli scarichi,a meno che non si intenda che i problemi siano di affidabilita'.Comunque sia,a prescindere dall'efficienza,c'é un abisso fra la realizzazione raffinata di Neway e quella simil-artigianale,con gli scarichi contenuti in una carrozzeria piuttosto voluminosa,di Tombazis.Come gia' detto,non credo che l'idea di soffiare i gas fra ruota e paratia sia errata.Semmai é errato tutto il disegno aerodinamico della F2012 che porta a non riuscire a sfruttare tale soluzione degli scarichi.
Inoltre:ma siamo veramente sicuri che un ottimo progetto che non riesce appieno a sfruttare gli scarichi,non possa essere almeno pari ad un progetto molto buono che li sfrutta?Si dice che la scorsa stagione gli scarichi soffiati contribuissero al 15% del carico totale.Fry ha detto che quest'anno una soluzione ottimale riuscirebbe a recuperare il 25% di quel carico,ovvero circa il 3.75 del totale.Supponendo che la Ferrari attualmente riesca a recuperare solo il 10% del carico della passata stagione (ovvero il 2.5 sul totale),saremmo di fronte ad un carico minore solo del 1.25% rispetto agli avversari migliori.E allora delle due l'una:o la Ferrari non é messa cosi' male come la si dipinge,oppure oltre agli scarichi,gran parte della vettura é sbagliato.
Infine,credo che puntare gran parte dello sviluppo all'ottimizzazione degli scarichi sia fuorviante.Tra una soluzione mediocre ed una ottima,corre circa il 2-3% del carico.Siamo sicuri che non si riesca ad ottenere un incremento superiore lavorando alla perfezione e ottimizzando le parti aerodinamiche che sviluppano il restante 96%??Un miglioramento del 2% del carico totale corrisponde ad un miglioramento del 50% dell'efficienza degli scarichi.Ma,appunto,anche solo poco piu' del 2% del carico generato dal resto della monoposto.Secondo me la fissazione sugli scarichi ha fatto perdere ai team un recupero del carico ben maggiore se il progetto si fosse focalizzato unicamente sull'efficienza totale del corpo vettura e del fondo-diffusore.

Reply
avatar
Giovanni
AUTHOR
8 marzo 2012 11:02 delete

Si ma la forma di quelli scarichi potrebbe rovinare anche il carico generale della vettura, quindi occorre trovare un equilibrio tra le 2 cose.

Reply
avatar
Samtrepid
AUTHOR
8 marzo 2012 11:05 delete

Il discorso non fa una piega, ma stai sottovalutando che quella poca mancanza di carico al posteriore si produce in un consumo esagerato della gomme, che le altre scuderie top non hanno. La vettura non è bilanciata al momento. Poi anche un inezia è importante in F1. Non so se fai kart, ma se lo fai, sai già che anche un millimetro o un grano messo o no fanno una grossissima differenza sul comportamento del telaio. Io penso che le F1 siano ancora più sensibili. Ad ogni modo non ho sentito nessuno parlare di distacchi superiori ai 3/4 decimi e quindi grosso modo è come dici. Invece ho letto che questa soluzione di scarichi (che la Ferrari sta continuando a sviluppare a parte) da fino a 5 decimi in più al giro. Vedremo chi ci arriverà prima e nel modo migliore. Per ora la red bull ha problemi di affidabilità (non cosa rara per le monoposto di Newey, forse sta volta ha estremizzato troppo)

Reply
avatar
Francesco
AUTHOR
8 marzo 2012 16:55 delete

Il fatto è che molte "parti" delle attuali formula 1 sono bloccate, quindi i team devono per forza lavorare sugli scarichi, credo che se anche contribuisce poco circa il 3% è sempre importante, in quale altro modo potresti recuperarli ???
Desingn fiancate+diffusore, l'ala anteriore o posteriore ???
Ho sentito voci che cercano di reintrodurre un f-duct al posteriore in qualche modo in oltre..

Reply
avatar
Anonimo
AUTHOR
8 marzo 2012 18:22 delete

La Lotus ha lo stesso posizionamento degli scarichi modificati della F2012.E non solo Lotus.Se a Melburne dopo 12 giorni di test privati la Lotus si rivelasse superiore,come appare,sia in condizioni di qualifica,sia in condizioni di gara,soprattutto nell'uso delle mescole morbide e relativo degrado,vorra' dire una sola cosa:scarichi a parte tutto il resto della Lotus sara' almeno leggermente migliore rispetto al resto della F2012.E' vero che questa monoposto é nata per utilizzare i gas fra ruota posteriore e paratia dell'ala,ma non credo non si possano considerare sufficienti 12 giorni di prove per cercare soluzioni e settaggi atti a far rendere al meglio la soluzione piu' tradizionale.E siccome i piloti hanno fatto sapere che dopo la modifica la macchina va decisamente meglio...
Se Lotus nei primi 2-3 gp andra' meglio di Ferrari,questo,alla faccia della pianificazione della vettura gia' da giugno-luglio 2011,alla faccia del numero di tecnici a disposizione,alla faccia del budget in possesso,alla faccia del numero di gallerie del vento da poter utilizzare,non si potra' considerare altro se non un mezzo fallimento almeno.

Reply
avatar

FUnoAnalisiTecnica. Powered by Blogger.