TMBAZIS: LA NUOVA FERRARI SARA' MOLTO AGGRESSIVA - FUNOANALISITECNICA F1ANALISITECNICA
Questo sito contribuisce alla audience di

TMBAZIS: LA NUOVA FERRARI SARA' MOLTO AGGRESSIVA

Nikolas Tombazis esce allo scoperto e parla del futuro. Il capo progettista della Scuderia Ferrari prima del Gp del Giappone, che diventerà occasione per effettuare degli esperimenti in vista della prossima stagione, analizza qual è l'approccio della squadra di Maranello alla monoposto nuova: "In questo momento siamo nella fase di finalizzazione delle principali componenti, considerando che la produzione dei pezzi con dimensioni più grandi necessita di maggiori tempi di produzione. Questo vale soprattutto per il telaio, il layout generale della vettura, le sospensioni e il cambio. Alcuni di queste componenti sono ora nella fase di produzione, mentre altre sono giunte alla fase finale del processo di progettazione. Siamo nel bel mezzo dello sviluppo dell’aerodinamica ed è giusto dire che ora siamo completamente concentrati sulla nuova vettura". Il regolamento tecnico del prossimo anno non è molto diverso dall’attuale, e cinque gare rappresentano cinque ulteriori opportunità per testare nuove idee per il 2012: "Le regole non sono cambiate poi tanto, sposando una generale stabilità, a parte le aree che coinvolgono il sistema di scarico. Alcune componenti della 150º Italia saranno quindi utili per il prossimo anno. Ciò significa che, nelle rimanenti gare, sperimenteremo nuove soluzioni, avendo questo obiettivo in mente. Per esempio, potremmo provare una nuova ala anteriore che ha un approccio diverso in termini di funzionamento. Dobbiamo cercare di imparare il più possibile, subito. Chiaramente speriamo che queste soluzioni siano positive anche per le restanti gare di questa stagione. Dal punto di vista dello scarico ci sono lezioni da trarre da ciò che abbiamo fatto finora, perché ogni approfondimento porta anche a dei benefici. I nostri avversari in questo ambito erano più avanti di noi nello sviluppo e questo ha dato loro un grande vantaggio. Le lezioni che abbiamo tratto da questa e da altre situazioni simili del passato, alla fine ci hanno sempre portato dei vantaggi". C'è stato un gran parlare di un nuovo approccio più aggressivo adottato dalla Scuderia nella progettazione e nello sviluppo e Tombazis spiega cosa questo significhi: "Spero che i risultati parlino da soli, quando presenteremo la vettura e, soprattutto, quando affronteremo le prime gare in calendario. Un approccio più aggressivo è stato il risultato delle analisi che abbiamo effettuato dopo le sconfitte subite nel corso degli ultimi anni. Ci siamo resi conto che abbiamo avuto un modo di procedere un po' troppo conservatore che ci aveva chiuso ad alcuni filoni di sviluppo. Quindi, per la vettura del prossimo anno, abbiamo sancito un metodo molto più aggressivo sul fronte aerodinamico, che ha richiesto un rapporto più stretto di lavoro con coloro che sviluppano la struttura della vettura stessa". In che modo pensate di cambiare l'approccio alla vettura del 2012? "Dando più spazio allo sviluppo aerodinamico. Un altro elemento del nuovo approccio sta nel modo di utilizzare la galleria del vento. Non solo sviluppiamo e mettiamo a punto quello che abbiamo, ma ad ogni sessione, introduciamo anche, alcuni nuovi concetti, che a volte non funzionano, ma che spesso possono produrre risultati interessanti". Tombazis è piuttosto evasivo quando gli viene chiesto di descrivere come sarà la vettura del 2012, anche se fornisce questa anticipazione: "Penso che visivamente, la nuova vettura sarà abbastanza diversa dalla precedente e sicuramente stupirà, come detto dal nostro Team Principal Stefano Domenicali quando ha visto il modello, sperando che le novità emergano soprattutto nei risultati. Ci siamo posti obiettivi ambiziosi che intendiamo mantenere e così, su questo fronte, sono abbastanza ottimista". La prima di queste cinque opportunità arriva in uno dei circuiti più interessanti del calendario e, se il test della Scuderia Ferrari è in programma questo fine settimana, allora Suzuka rappresenta il tracciato più appropriato, perché è stato originariamente concepito come un circuito di prova per le Honda ed è molto impegnativo per piloti, tecnici e vetture.

Cristiano Sponton

About Cristiano Sponton

Subscribe to this Blog via Email :

1 commenti :

Write commenti
Johnny
AUTHOR
5 ottobre 2011 14:36 delete

io non ho capito se il sistema degli scarichi attualmente utilizzato verrà messo al bando. In caso affermativo bisognerà cercare di recuperare il carico areodinamico con metodi più tradizionali.

Reply
avatar

FUnoAnalisiTecnica. Powered by Blogger.