Come si è preparata la Ferrari per Montecarlo? - FUNOANALISITECNICA F1ANALISITECNICA
FUNOAnalisitecnica fa parte del network di

Come si è preparata la Ferrari per Montecarlo?

La Ferrari, in preparazione della gara di Montecarlo, non è stata a guardare ed ha portato anche sul tracciato cittadino alcune novità sulla monoposto per dattarla nel migliore dei modi al tracciato.

Durante le libere sono stati provati due versioni diverse di cofano motore. Una tradizionale e duna con il grande sfogo d'aria in stile Red Bull. Sono state fatte in questa particolare area della monoposto alcune prove aerodinamiche (vernice verde) per confrontare i dati della pista con quelli della galleria del vento. Sono state fatte delle prove comparative tra le due versioni e solo dopo aver analizzato i dati, i tecnici e i piloti, sceglieranno quale usare per le qualifiche e  la gara.

Cofano motore standard



Cofano motore in stile Red Bull

Si nota, come sulla vettura di Newey una grossa presa d'aria che serve per raffreddare nel migliore dei modi i componenti del retrotreno della vettura. Oltre al raffreddamento, tale soluzione, avrà sicuramente un beneficio aerodinamico garantendo più carico al posteriore.





Ala anteriore

Segnalazione di Emanuele http://www.passionef1.it/forum/ che gentilmente mi ha concesso i link per le foto.

Sono state provate due differenti tipi di ala anteriore e solo dopo aver analizzato i dati i tecnici decideranno quella usare.

Quella nuova introdotta per Monaco


Quella usata a Barcellona



Ala posteriore

Per quanto riguarda l'alettone posteriore non è stato usato quello di Barcellona e Turchia ma è stato montata una versione particolare studiata per le piste lente. Era stato provato durante le prove libere del Gp di Spagna. Oltre ai profili ad alto carico presenta una sagomatura a V nel profilo principale.



Confronto Ferrari Vs Red Bull - foto dal posteriore





Piccole modifiche anche al diffusore

Cristiano Sponton

About Cristiano Sponton

Subscribe to this Blog via Email :

Powered by Blogger.