FUNOANALISITECNICA F1ANALISITECNICA
FUNOAnalisitecnica fa parte del network di

RUSSIAN GP: what to expect from the Ferrari SF70H


Written by @spontonc e @SmilexTech - Translated by Federico Marchi

Sochi. Russia. After a Grand Prix on a circuit that was considered as more favorable to the Ferrari SF70H, we are now going to a track that could be deemed as more adapt to the characteristics of the Mercedes W08 EQPower. A Mercedes that in these three races provided solid performances in Quali, but that always struggled a bit during the race (click here to read more about the problems of the Mercedes W08) mostly on Low Working Range tyres and with a lot of fuel.


RUSSIAN GP: a track that cannot “breach” the hearts of the fans
The track, 5.853 meters long, is the third of the 2017 Formula 1 championship for what concerns length, preceded by the Spa-Francorchamps circuit in Belgium and that of Silverstone in Great Britain. It was designed by Hermann Tilke as well as many other tracks introduced in Formula 1 since 1999. It has 12 right-hand corners and only 6 left. If the first sector can be considered as the fastest of the track, the second and especially the third are far more technical both for drivers and cars. The 90° third-gear corners predominate, with high and steep curbs that solicit tyres and aerodynamic appendixes.

Introduced in Formula 1 calendar only in 2014, the construction of the Sochi Olympic Park Circuit is the conclusion of the program that wanted the return of the Russian Grand Prix in F1, after the rejected project of a “Soviet Union Grand Prix” in 1983. For now, we appreciated only Mercedes’ wins, thanks also to the supremacy imposed by the German team in the last three years.

The track begins on the northern edge of the Olympic Park near the railway station, goes down towards "Medals Plaza", where the consignment of the medals in 2014 has been made. It goes on towards the east side at the Bolshoy Ice Dome where a series of narrow curves twist and turn before turning to north where it runs along the Olympic Park, upon the olympic village and the Adler Arena Skating Center. It passes through the Sochi Olympic Skating Centre and the Ice Cube Curling center to finish with a 180 degrees corner.

What happened last year? Rosberg is on pole, and starts well. Raikkonen gets immediately the 2nd position. Kvyat crashes again into Vettel and forces him to retire. Hamilton starts 10th due to some issues occurred to the ERS, but by making the most of other drivers’ errors and misfortunes manages to reach the 5th position. Rosberg creates a gap lap after lap without many troubles; Hamilton, thanks to the superiority of his car, gets in the end the 2nd position. Raikkonen ends on the podium, 3rd.

Here the ITALIAN times:

Free Practice 1: 10:00-11:30 
Free Practice 2: 14:00 - 15:30
Free Practice 3: 11:00 - 12:00
Qualifying: 14:00 - 15:00
Race: 14:00

RUSSIAN GP: Pirelli bring the UltraSoft in Sochi
The compounds chosen by Pirelli for the next Grand Prix are softer than those used for the same GP last year. The UltraSoft will be the Quali compound while the SuperSoft and the Soft those used during the race. As already happened in Australia the choice of the number of sets has been entirely made by Pirelli: every Team will have 2 sets of Softs, 4 sets of SuperSofts and 7 sets of UltraSofts available.


We said it many times: in this first part of the season Mercedes are suffering particularly the new Low Working Range compounds. In Sochi two of the three types of tyres available have this characteristic: the UltraSofts and SuperSofts. However, the Russian track will not be as demanding as the circuit of Sakhir in this sense. This could help Mercedes in avoiding an excessive overheating of the rear tyres.


RUSSIAN GP: sunny and hot weather with temperatures over 20 degrees
For what concerns weather it will not be a tricky weekend, since drivers and teams will enjoy three sunny days. The environmental temperatures will be around 22°C. On Sunday, the race day, the maximum temperature will reach 25°C. The track, having a quite new asphalt, tends to warm up pretty  rapidly (last year, for instance, track temperatures were 20°C higher than the environmental ones) leading so to asphalt temperatures over 30°C.
These temperatures are going to be more or less aligned to those already encountered in Australia and Bahrain.

RUSSIAN GP: what to expect from the Ferrari SF70H
Ferrari land in Russia after having gained the leadership of both constructors and drivers standings. This track will, undoubtedly, confirm the excellent performance shown by the SF70H in this first part of the championship. Win here will not be for sure easy, but the Italian team will certainly be in the first positions. Unlike latest seasons, the car is competitive on every track (mainly during race). The Russian circuit, has always been a tough one for Ferrari, and has always highlighted the gap between them and Mercedes: problems to the hybrid part of the engine, poor traction, lack of downforce in the 2nd-3rd sector and troubles in the management of tyres. These things has now became the main strengths of the car. 

The main strength of the SF70H is the management of tyres.
We said it many times, the real surprise and the real advantage over competitors of the Ferrari SF70H is the way in which the car exploits the maximum potential of these new tyres. Very surprising is the fact that, even when Vettel and Raikkonen are behind other cars, they are able to get close without relevant problems thanks to the ability of tyres to remain in the correct window of functioning. As Ferrari also HaasF1, Toro Rosso and partially Williams has been able to develop this important characteristic on their cars. Mercedes and Renault, for example, proved to have potential in the single lap, while struggling on the rear during the race. Their tyres slip too much, causing an excessive overheating and consequently a lose of grip.

In Sochi, we are going probably to see a 1 pit stop race with top teams using the UltraSofts in the first stint and the Softs in the second. On the softest compound, from what we saw in these first three races, Ferrari, with race setup, could be the favorite, while the same thing cannot be said on the yellow compound. This type of tyres do not create many problems to the Mercedes W08 and in Bahrain, mainly on the car of Hamilton, they demonstrated great performance and constancy.

Very important are the MGU-K and the MGU-H: on the SF70H we did not see any clipping
The hybrid system, as already said above, will be very much stressed. Seb and Kimi, can however count, on a completely new MGU-H and MGU-K given that they have been substituted during the weekend in Bahrain. In Sochi, having new components with few kilometers accumulated can be an advantage. This advantage can however, over time, turn into a problem because of the new rules introduced from this season (only 4 substitutions are allowed). Mercedes, unlike Ferrari, is yet using the same components of the first race in Australia.

The SF70H, from what we saw in China and Bahrain, seems to have also improved in the recovery and use of electricity, with respect to the SF16H (last year one of the main problems of the car was indeed the one of clipping). This implies the correct dimensioning of the turbocharger and a very good recover of energy through the MGU-H that, this season, has become even more important than the last season.

STAGIONE 2017: tutto sul Gran Premio del Bahrain by FUnoAT


FUNOAT - L'ANTEPRIMA: cosa aspettarsi dalla FERRARI SF70H - LINK

PIRELLI - L'ANTEPRIMA: il GP di Cina visto dal costruttore di pneumatici italo cinese - LINK

FUNOAT - VENERDI: l'analisi dei passi..e non solo - LINK

PIRELLI - VENERDI: Prove Libere - LINK

FUNOAT - SABATO: l'analisi delle qualifiche - LINK

PIRELLI - SABATO: Qualifiche - LINK

FUNOAT - DOMENICA: la cronaca del Gran Premio - LINK

PIRELLI - DOMENICA: Gara - LINK

FUNOAT - DOMENICA: l'analisi della gara - LINK (in spagnoloLINK, in ingleseLINK)

FUNOAT: il Pagellone semiserio del Froldi - LINK (in inglese: LINK)

FERRARI SF70H


1) La Ferrari porta in pista una nuova ala anterioreLINK

2) Un nuovo cofano per massimizzare lo smaltimento del calore - LINK

3) La Ferrari porta in pista una soluzione innovativa: il doppio monkey seat - LINK

4) Muso forato e cofano XXXL sula SF70H del Bahrain - LINK

REDBULL RB13


1) In Cina il Team anglo austriaco ha portato un nuovo diffusore: analizziamolo insieme - LINK

HAAS VF17


1) La VF17 ha una soffiatura sul fondo - LINK

FORCE INDIA VJM10


1) La Force India con un nuovo pacchetto aerodinamico molto importante - LINK

2) Sulla VJM10 compare un cofano motore più aperto nello sfogo - LINK

3) La Force India porta in pista un diffusore innovativo - LINK

RENAULT RS17


1) La Renault porta in Bahrain solamente degli adattamenti sulla RS17 - LINK

GP SOCHI: MERCEDES con piccole novità sulla W08

In attesa del pacchetto aerodinamico previsto per il Gp di Barcellona, la Mercedes, ha portato per questo appuntamento, delle piccole modifiche sulle proprie vetture. Su quella di Bottas, durante le prove libere di domani, verrà utilizzato un muso dotato, alla sua estremità, di due piccole forellini per portare aria fresca all'interno del cockpit



foto @AlbertFabrega

Una soluzione che ricorda quella utilizzata da Raikkonen durante il Gp del Bahrain e che si è vista anche oggi ai box Ferrari.



Al posteriore, nella parte terminale del cofano motore, sono stati collocati due piccoli nolder. Una soluzione analoga la si era notata sulla Ferrari SF70H durante i recenti test disputati sul circuito del Bahrain. 

Foto AMuS

GP SOCHI: la Williams con la T Wing a due profili

Prima novità anche in casa Williams per il quarto appuntamento stagionale: la T Wing principale ha ora due piani e una soffiatura centrale. 


Come vi abbiamo raccontato qualche giorni fa con un post specifico (clicca qui per leggere) questa piccola ala è utile a generare carico aerodinamico (attorno all'1-2% in base alla soluzione del carico aerodinamico totale della vettura) con un effetto negativo di resistenza all'avanzamento quasi trascurabile. Solo secondario l'effetto di pulizia del flusso diretto verso l'ala posteriore, con conseguente miglioramento dell'efficienza di generazione del carico dell'ala posteriore che permette di aumentare leggermente l'angolo di attacco pur non incrementando il valore di resistenza all'avanzamento. 

Profili che dalla prossima stagione non vedremo più poiché lo Strategy Group, riunitosi a Parigi poche ore fa, ha deciso di eliminarle insieme anche alle grosse pinne presenti sulle attuali vetture di Formula 1.

GP SOCHI: le previsioni meteo di Andrea Pini

Prove libere 1° sessione, venerdì ore 10:00/11:30 (ora italiana): prima sessione delle prove libere con cieli sereni e temperature inizialmente fresche, tendenti ad aumentare nel corso della sessione. Venti deboli dai quadranti occidentali.



Prove libere 2° sessione, venerdì ore 14:00/15:30 (ora italiana): seconda sessione con cieli altrettanto sereni, con valori termici intorno ai 20°C. Vento in aumento dai quadranti nord-occidentali tra il debole e il moderato.

Prove libere 3° sessione, sabato ore 11:00/12:00 (ora italiana): mattina di sabato con cieli perlopiù sereni, con valori termici leggermente più alti rispetto alla prima sessione del venerdì, non solo a causa dell’orario. Venti deboli sud-occidentali.

Qualifiche, sabato ore 14:00 (ora italiana): qualifiche caratterizzate da cieli tra il poco e il parzialmente nuvoloso. L’arrivo di una perturbazione che porterà piogge a nord della cittadina dovrebbe portare ad un leggero aumento della copertura nuvolosa senza apportare precipitazioni. Temperature intorno ai 20°C e venti tra il debole e il moderato dai quadranti nord-occidentali.


Gara, domenica ore 14:00 (ora italiana): gara caratterizzata da cieli sereni. Le temperature subiranno un leggero aumento portandosi su valori intorno ai 22°C. Venti deboli dai quadranti occidentali.   

GP SOCHI: la Toro Rosso con le prese dei freni anteriori maggiorate

Le prese d'aria "maggiorate" dei freni anteriori montate sulla Toro Rosso STR12 sono la prima novità tecnica mostrata nei box dell'Autodromo di Sochi.


Prese d'aria che assomigliano molto a quelle utilizzate del Team italo austriaco nel Gran Premio del Messico 2016. Se in quell'occasione la motivazione tecnica era legata all'aria rarefatta presente ad oltre 2000 m di quota di Città del Messico, in questo caso si potrebbe pensare che Toro Rosso voglia effettuare dei test provando ad utilizzare maggiormente l'effetto dei mozzi soffianti.



Mozzi soffianti: per chi non li conoscesse, il tutto è abbastanza semplice. L’aria che scorre nella parte interna delle ruote viene catturata e espulsa, attraverso un condotto che attraversa il mozzo, all'esterno dello pneumatico anteriore. L'obiettivo è quello di ridurre la scia, o meglio, le turbolenze generate dal rotolamento dello pneumatico, migliorando cosi i flussi diretti verso il retrotreno della vettura.

GP SOCHI: la FERRARI SF70H con il doppio monkey seat

Da inizio stagione la Ferrari SF70H, sta utilizzando un setup aerodinamico più carico rispetto alla Mercedes W08. Sul circuito di Sochi dove il carico aerodinamico è fondamentale soprattutto nel 2° e 3° settore, la Ferrari, sembra orientata a testare durante le prove libere del venerdì il doppio monkey seat già utilizzato durante le FP1 del Bahrain da Raikkonen e nei test post GP da Giovinazzi. 

foto @AlbertFabrega
Come potete osservare dall'immagine in alto, oltre alla più classica appendice a tre elementi montata sulla struttura deformabile posteriore è stato aggiunto, agganciandolo ai piloni di sostegno, un secondo monkey seat a due elementi per cercare di incrementare ulteriormente il carico al posteriore. Carico che sarà fondamentale anche per la trazione visto che, il 2° e 3° settore del tracciato russo sono formati principalmente da curve a 90° da seconda e terza marcia.

GP SOCHI: RENAULT con l'ala anteriore provata ai test del Bahrain

Il Team Renault, in questo inizio di mondiale, ha dimostrato di avere una vettura piuttosto veloce in condizioni da qualifica ma di avere, qualche difficoltà in più, in gara a causa di un non corretto sfruttamento degli pneumatici posteriori. Problemi causati, principalmente, dalla mancanza di carico aerodinamico che dovrebbero essere, in parte, risolti con il nuovo pacchetto aerodinamico che debutterà questo fine settimana a Sochi. Queste modifiche sono state provate, con successo, nei test che si sono disputati la scorsa settimana in Bahrain. Bob Bell, D.T del team francese, si aspetta molto da questi nuovi sviluppi che, secondo i loro dati, dovrebbero aumentare il carico aerodinamico della R.S.17 e rendere la vettura più stabile e continua per quanto riguarda il passo in gara

Come potete osservare dall'immagine in basso, ai box della Renault, sono state portate entrambe le versioni di ala anteriore. La nuova ala anteriore ha novità nella zona dei flap superiori, ora tre in numero rispetto ai due della vecchia specifica e con una conformazione piuttosto diversa soprattutto nella parte interna. Zona da cui si stacca il vortice Y250, vortice piuttosto importante che Renault ha voluto spostare nella posizione (leggermente più alto) e depotenziare come intensità. Cambiato, inoltre, il bordo di ingresso che nella zona più esterna  del tunnel, ora, ha un profilo più curvo con le soffiature posizionate diversamente rispetto alla precedente versione. 






GP SOCHI: qué esperarse de Ferrari SF70H


Articolo di @spontonc e di @smilextech - Traduzione di Alessandra Migale (@Aycienta_44)

Sochi. Rusia. Después un Gran Premio sobre una pista que pude adaptarse mejor a la excelente Ferrari SF70H , ¿estamos yendo en una pista más favorable a la Mercedes W08 EQPower? Una Mercedes que pareció muy solida en configuración de calificaciones pero siempre en “ligera crisi” sobre las Pirelli 2017 en configuración carrera ( para saber más sobre los problemas de la W08) sobretodo con neumaticos Low Working Range y tanque lleno. 


GP SOCHI: un circuito que no puede “tomar” el corazón de los aficionados 
El circuito, largo 5.853 metros, es el tercero del calendario de Formula 1 en fin de longitud, luego el circuito de Spa-Francochamps en Belgio, Baku en Azeirbajan y lo de Silverstone en Gran Bretaña. Fue diseñado por Hermann Tilke como muchimos otros circuitos introducidos desde 1999 en Formula 1. El circuito ruso tiene 12 vueltas a la derecha y solo 6 a la izquierda. Si el primero sector lo se puede considerar la parte más veloz del circuito, la segunda y la tercera son más tecnicas para los pilotos y sus respectivos coches. Predominan las vueltas a 90° de tercera marcha con bordillos externos altos y a “escalonada” que solicitan muchos los neumaticos y las apendices aerodinamicas. 

Insertada en el calendario de Formula 1 solo desde 2014, la costrución del Sochi Olympic Park Circuit es la conclusión del programa que quise el regreso del Gran Premio de Rusia en Formula 1 , despuésel proyecto, no ido bien, de un “Gran Premio de la Unión Sovietica” programado por la temporada de Formula 1 del 1983. Hace ahora se han podido admirar solo victorias Mercedes (Hamilton,Hamilton,Rosberg) Complice el hecho que en los ultimos tres años el team anglo alemán dominó sin rivales. 

El circuito comienza el en borde septentrional del parque olimpico cerca de la estación ferroviaria,pues baja hacia “Medals Plaza” donde fue efectuada la entrega de las medallas olimpicas 2014. Sigue con la vuelta de la plaza para irse hacia est al Bolshoy Ice Dome donde se articula en una serie de vueltas estrechas antes de girar al norte donde costea el borde del Parque Olimpico, sobre la aldea olimpica y la Adler Arena Skating Center. Transita pues el Sochie Olympic Skating Centre y el Ice Cube Curling center y completar el recurrido con una vuelta a 180° .

¿Qué pasó el año pasado? Rosberg está en pole, parte bien. Raikkonen sube subito en segunda posición. Detrás Vettel es nuovamente victima del impetuoso Kvyat, y está obligado a retirarse. Hamilton empieza 10° a causa de problemas al ERS, pero aprovechando de las situaciones de los otros, sube pronto hasta la 5° posición. Rosberg alarga el paso cada vuelta más sin problemas; Hamilton explota la superioridad de su coche para subir hasta la segunda posición. Raikkonen termina aún a podio, 3°.

GP RUSSIA: exclusiva Sky pero con horarios europeos
En la primera parte de temporada 2017 de Formula 1, semejamente a lo que pasó en 2016, la mayoría de los gran premios son transmitidos en exclusiva Sky Sport F1 HD, canal 207 , del bouquet de Sky Italia y también el Gran Premio de Rusia será uno de estos.
Aquí hay los horarios italianos:
  • Prove Libere 1: 10:00 - 11.30 (dalle 14.30 su Rai Sport)
  • Prove Libere 2: 14:00 - 15:30 (dalle 18.00 su Rai Sport)
  • Prove Libere 3: 11:00 - 12:00 (dalle 15.00 su Rai Sport)
  • Qualifiche: 14:00 - 15:00 (dalle 18.30 su Rai 2)
  • Gara: 14:00 (dalle 21.00 su Rai 1)
GP RUSIA: por fin Pirelli lleva la UltraSoft también en Sochi
Las mezclas elegidas por Pirelli para el proximo Gran Premio de Rusia son de un grado más tiernos respecto a las que utilizaron los varios team en 2016 o sea las Ultrasoft será el compound para las calificaciones y la Supersoft y la Soft los otros dos compound utilizables en carrera.También en Rusia así como en Australia la elección del numero de los set de los varios compound ha sido hecha enteramente por Pirelli: todos los team tendrán a disposición 2 set de Soft, 4set de SuperSoft y bien 7 de Ultrasoft.


Lo hemos ya dicho muchas veces: en esta primera parte de temporada 2017 Mercedes está sufrindo en maniera particular las nuevas mezclas Low Working Range de Pirelli. Y en Sochi dos de los tres compound llevados por el constructor italo-chino de neumaticos tendrán ests caracteristica: estamos hablando d UltraSoft y SuperSoft. Pero en las gomas, el trazado ruso no será tan exigente como el circuito de Sakhir, factor que podría ayudar la Mercedes a no sobrecargar termicamente sobretodo los neumaticos traseros.


GP RUSIA: parte metereologico caliente y soleado con temperaturas sobre los 20C
Hablando de parte meteorologico no será un fin de semana dificil, ya que son esperados 3 dias de sol resplandeciente. Las temperaturas ambientales serán superiores a los 22°C. Domingo, dia de competición, será el dia más caliente con un maximo de 25°C. No tenemos que esperarnos un fin de semana “bastante frio” en cuanto, el trazado, teniendo un asfalte bastante nuevo tendrá a recalentarse muy rapidamente y podremos tener temperaturas de la pista superiores a las 30°C. Temperaturas de la pista que serán alineadas a las de la Australia y del Bahrain. Solo para hacer un ejemplo, en la pasada temporada, la temperatura de la pista era 20°C superior respecto a aquella ambiental.

GP RUSIA: Que esperarse de FERRARI SF70H
La roja se presenta en tierra rusa en cabecera del mundial pilotos y constructores. El circuito de Sochi confirmerá, sin dudas, las excelentes performances demostradas por Ferrari SF70H en este comienzo de mundial. Ganar no será todavia fácil pero la roja estará allí en las primisimas posiciones. A diferencia de las pasadas tempiradas, el coche de Maranello, pudrá ser competitivo y jugarse, sobretodo en carrera, sus chances de victoria. El trazado de Sochi, para el team italiano, siempre fue una etapa bastante dificil y que sobretodo siempre puse en evidencia las faltas del coche: problemas al híbrido, escasa tracción , falta de cargo aerodinamico en el 2° y 3° sector y dificultad de varias naturaleza en el explotamento de los neumaticos. Faltas que se han convertido en puntos de fuerza.

El principal punto de fuerza de la roja es la gestión de los neumaticos.
Más que una veces lo escribrimos en nuestros post pero la verdadera sorpresa y la verdadera fuerza de la Ferrari SF70H es el modo en la cual consigue a gestir y explotar el maximo potencial de estos nuevos neumaticos. Muy sorprendente el hecho que, aún cuando están detrás de otros coches, siguen pegando y los neumaticos siguen siendo al interior de la correcta ventana. Así como Ferrari también HaasF1, ToroRosso y en parte Williams que han entendido mejor la gestión de los neumaticos y logran llevarlos y conservarlos al interior de la correcta ventana de funcionamento. Mercedes y Renault, por ejemplo, han demostrado tener potencial en la manga individualpero en condiciones de carrera fatigan mucho con el posterior. Gomas posteriores que deslizan demasiado, calentandose más, causando un aumento de temperatura en la superficie de las gomas. Fenomeno llamado overheating que lleva los neumaticos más allá de la correcta ventana de funcionamento causando pérdida de grip y deterioro.

En Sochi, sin imprevistos, veremos una carrera a 1 parada con top team que utiluzarán en la primera parte de carrera las UltraSoft pues para utilizar hasta el termino de la carrera, las Soft. Con la mezcla más blanda, de lo que hemos visto en este empiezo de mundial, la Ferrari, en condiciones de carrera podría ser favorecida, mientras, la misma cosa no se puede decir cuando será urilizada la Soft. Gomas “amarillas” que no crean a la Mercedes W08 los molestos problemas a las traseras y en Bahrain, sobretodo en el coche de Hamilton, han demostrado excelentes performance y costancia de rendimiento.

Importantes MGU-K e MGU-H: sobre la SF70H no se ha visto ningun “clipping”
El sistema híbrido, como hemos referido en la parte inicial del post, será muy solicitado. Ambos los pilotos de la roja, pueden contar, sobre un MGU-H y K completamente nuevos, en cuanto fueron sustituidos durante el fin de semana del Bahrain. Por Sochi, tener componentes con un bajo kilometraje podría ser una ventaja. Ventaja que , a lo largo, podría ser una desventaja porque las componentes utilizables en temporada, por parte de los team, son solo 4. Mercedes, a diferencia de Ferrari, aún no han intervenido y está utilizando el mismo componente instalados hace el Gp de Melbourne. 

La SF70H, de lo que se ha visto en China y Bahrain, parece haber hecho pasos de gigantes también en la recuperación de la energia electrica, en cuanto no se están viendo el fenomeno del “clipping” que eran muy visibles sobre la SF16H. Esto demuestra el correcto dimensionamento del grupo turbocompresor y una excelente recuperación de energia tras MGU-H que, en este 2017, ha devenido aun más importante respecto a las pasadas temporadas.

BAHRAIN GP: Ferrari tech update (in english)

With the Bahrain GP and testing done and dusted it’s time to take a look at the updates Ferrari brought to the track. The Scuderia tweaked their car in order to achieve two things: more downforce and more cooling.

To generate more downforce the team brought two solutions, one on the front wing and one, to balance it out, on the back with a dual monkey seat.

Starting from the latter, Ferrari brought an innovative concept, by adding a whole separate structure attached to the twin pillars instead of the gearbox case. This is something we haven’t really seen before. 




Perhaps less evident at a glance are the tweaks to the front wing. Looking at the main plane (picture below), the slot which was only partial in the AUS and CHI spec has now been elongated to the full width (green arrows), this new slot is supported by two pieces which also act as vortex generators. Also slightly different is the leading edge of the tunnel which has been moved towards the centre of the wing. Beside all of this, the flap number 4 also had to be changed to work with the new setup.

Looking at the top of the wing the flaps have been modified both in the inner and outer part, they now have a more straight profile. Finally the inner most part of the upper flaps is now more pointy and been they’re lower in the new spec, they seem to be working harder the Y250 vortex which generates in this area. All of this things hint toward a Higher Downforce wing.


Lastly we’ll now take a look at the way Ferrari adapted to the more intense heat found in the Bahrani desert. The Scuderia acted in two main areas. Firstly the opened up little slats aside the cockpit.

Also, as expected, the engine cover received some attention, with a larger opening at the rear to expel more hot air coming from the Power Unit.



The heat of the desert seem to have affected IceMan more than Vettel. In fact, if you look closely at the picture below, you will see that Raikkonen had hist him open two little pinholes at the very tip of the nose cone to draw some air into the cockpit.


GP SOCHI: cosa aspettarsi dalla Ferrari SF70H

Sochi. Russia. Dopo un Gran Premio su un circuito che poteva adattarsi meglio alla ottima Ferrari SF70H si va su una pista più favorevole alla Mercedes W08 EQPower? Una Mercedes apparsa molto solida in configurazione di qualifica ma sempre in "leggera crisi" sulle Pirelli 2017 in configurazione gara (per saperne di più sui problemi della W08) soprattutto con pneumatici Low Working Range e serbatoio pieno.


GP SOCHI: un circuito che non può "prendere" il cuore degli appassionati 
Il circuito, lungo 5.853 metri, è il quarto del calendario di Formula 1 in ordine di lunghezza, dopo il Circuito di Spa-Francorchamps in Belgio, quello di Baku, e quello di Silverstone in Gran Bretagna. E' stato disegnato da Hermann Tilke come moltissimi altri circuiti introdotti dal 1999 in Formula 1. Il circuito russo dispone di 12 curve a destra e solo 6 a sinistra. Se il primo settore lo si può considerare la parte più veloce del circuito, il secondo e soprattutto il terzo sono ben più tecniche per i piloti e le loro rispettive vetture. Predominano le curve a 90° da terza marcia con cordoli esterni alti e a scalino che sollecitano molto gomme e le appendici aerodinamiche.

Inserito nel calendario di Formula 1 solo dal 2014, la costruzione del Sochi Olympic Park Circuit è la conclusione del programma che voleva il ritorno del Gran Premio di Russia in Formula 1, dopo il progetto, non andato a buon fine, di un "Gran Premio dell'Unione Sovietica" programmato per la stagione di Formula 1 del 1983. Per ora si sono potute ammirare solo vittorie Mercedes (Hamilton, Hamilton, Rosberg) complice anche il fatto che negli scorsi tre anni il Team anglo tedesco ha dominato in lungo e in largo.

Il circuito inizia sul bordo settentrionale del Parco Olimpico vicino alla stazione ferroviaria, per scendere poi verso "Medals Plaza", dove è stata effettuata la consegna delle medaglie olimpiche 2014. Prosegue con il giro della piazza per dirigersi verso est al Bolshoy Ice Dome dove si snoda in una serie di curve strette prima di girare a nord dove costeggia il bordo del Parco Olimpico, sopra il villaggio olimpico e la Adler Arena Skating Center. Passa poi il Sochi Olympic Skating Centre e l'Ice Cube Curling center e completare il percorso con una curva a centottanta gradi. 

Cosa successe lo scorso anno? Rosberg è in pole, scatta bene. Raikkonen sale subito in seconda posizione. Dietro Vettel è vittima nuovamente dell’irruento Kvyat ed è costretto al ritiro. Hamilton parte 10° per altri problemi all’ERS, ma sfruttando le si grazie altrui risale subito fino alla 5^. Rosberg allunga giro dopo giro senza grossi problemi; Hamilton sfrutta la superiorità della sua macchina per salire fino alla seconda posizione. Raikkonen chiude ancora a podio, 3°



GP RUSSIA: esclusiva Sky ma con orari europei 
Nella prima parte della stagione 2017 di Formula 1, similarmente a quanto successo nel 2016, molti Gran Premi vengono trasmessi in esclusiva su Sky Sport F1 HD, canale 207 del bouquet di Sky. E anche il Gran Premio di Russia a Sochi sarà uno di questi.
Ecco gli orari ITALIANI:

Prove Libere 1: 10:00 - 11.30 (dalle 14.30 su Rai Sport)
Prove Libere 2: 14:00 - 15:30 (dalle 18.00 su Rai Sport)
Prove Libere 3: 11:00 - 12:00 (dalle 15.00 su Rai Sport)
Qualifiche: 14:00 - 15:00 (dalle 18.30 su Rai 2)
Gara: 14:00 (dalle 21.00 su Rai 1)

GP RUSSIA: finalmente la Pirelli porta la UltraSoft anche a Sochi
Le mescole scelte da Pirelli per il prossimo Gran Premio di Russia sono di un grado più tenere rispetto a quelle utilizzate dai vari Team nel 2016 ossia la UltraSoft sarà il compound per la qualifica e la SuperSoft e la Soft gli altri due compound utilizzabili in gara. Anche in Russia cosi come in Australia la scelta del numero di set dei vari compound è stata fatta interamente da Pirelli: tutti i Team avranno a disposizione 2 set di Soft, 4 set di SuperSoft e ben 7 di UltraSoft.


L'abbiamo ormai detto più volte: in questa prima parte di stagione 2017 Mercedes sta soffrendo in particolar modo le nuove mescole Low Working Range di Pirelli. E a Sochi ben due dei tre compound portati dal costruttore italo cinese di pneumatici avranno questa caratteristica: stiamo parlando di UltraSoft e SuperSoft. Ma sulle gomme, il tracciato russo non sarà cosi esigente come il circuito di Sakhir, fattore che potrebbe aiutare la Mercedes a non sovraccaricare termicamente soprattutto gli pneumatici posteriori. 


GP RUSSIA: meteo caldo e soleggiato con con temperature sopra i 20C
A livello meteo non sarà un fine settimana difficile, in quanto, sono attesi 3 giorni di sole splendente. Le temperature ambientali saranno superiori ai 22°C. Domenica, giorno della gara, sarà la giornata più calda con una massima che toccherà i 25°C. Non dobbiamo aspettarci un fine settimana "fresco", in quanto, il tracciato, avendo un asfalto piuttosto nuovo, tenderà a scaldarsi molto rapidamente e potremo avere temperature della pista superiori ai 30°C.
Temperature della pista che saranno allineate a quelle dell'Australia e del Bahrain. Solo per fare un esempio, nella scorsa stagione, la temperatura della pista era 20°C superiore rispetto a quella ambientale.

GP RUSSIA: cosa aspettarsi dalla FERRARI SF70H
La Rossa si presenta in terra di Russia al comando del mondiale piloti e di quello costruttori. Il circuito di Sochi confermerà, senza dubbio, le ottime performance che dimostrate dalla SF70H in questo inizio di mondiale. Vincere non sarà senza'altro facile ma la Rossa sarà li nelle primissime posizioni. A differenza delle passate stagioni, la vettura di Maranello, potrà essere competitiva e giocarsi, soprattutto in gara, le sue chance di vittoria. Il tracciato di Sochi, per il team italiano, è sempre stata una tappa piuttosto difficile e che soprattutto ha sempre messo in luce le lacune della vettura: problemi all'ibrido, scarsa trazione, mancanza carico aerodinamico nel 2°- 3° settore e difficoltà di varia natura nello sfruttamento degli pneumatici. Lacune che, quest'anno, si sono trasformate in punti di forza. 

Il principale punto di forza della Rossa è la gestione degli pneumatici
Più volte lo abbiamo scritto nei nostri post ma la vera sorpresa e la vera forza della Ferrari SF70H è il modo con cui riesce a gestire e sfruttare il massimo potenziale di questi nuovi pneumatici. Molto sorprendente il fatto che, anche quando sono dietro ad altre vetture continuano ad attaccare e gli pneumatici continuano a rimanere all'interno della giusta finestra. Così come Ferrari anche HaasF1, Toro Rosso e in parte Williams che hanno capito al meglio la gestione degli pneumatici e riescono a portarli e mantenerli all'interno della giusta finestra di funzionamento. Mercedes e Renault, per esempio, hanno dimostrato di avere potenziale nel singolo giro ma in condizione di gara faticano molto con il posteriore. Gomme posteriori che scivolano troppo, scaldandosi ulteriormente, causando un incremento di temperatura sulla superficie delle gomme. Fenomeno chiamato overheating che porta gli pneumatici oltre la giusta finestra di funzionamento causando perdita di grip e usura.

A Sochi, salvo imprevisti, vedremo una gara ad 1 sosta con i top team che utilizzeranno nella prima parte di gara le UltraSoft per poi utilizzare, fino al termine della gara, le Soft. Con la mescola più morbida, da quello che abbiamo visto in questo inizio di mondiale, la Ferrari, in condizioni di gara, potrebbe essere favorita, mentre, la stessa cosa non si può dire quando verrà utilizzata la Soft. Gomme "gialle" che non creano alla Mercedes W08 i fastidiosi problemi alle posteriori e in Bahrain, soprattutto sulla vettura di Hamilton, hanno dimostrato ottime performance e costanza di rendimento.

Importanti MGU-K e MGU-H: sulla SF70H non si è visto nessun "clipping"
Il sistema ibrido, come abbiamo riportato all'inizio del post, sarà molto stressato. Entrambi i piloti della Rosso, possono contare, su un MGU-H e K completamente nuovi, in quanto, sono stati sostituiti durante il fine settimana del Bahrain. Per Sochi, avere componenti con un basso chilometraggio potrebbe essere un vantaggio. Vantaggio che, alla lunga, potrebbe essere uno svantaggio perchè le componenti utilizzabili in stagione, da parte dei team, sono solo 4. Mercedes, a differenza della Ferrari, non è ancora intervenuta e sta utilizzando gli stesso componenti installati a partire dal Gp di Melbourne.

La SF70H, da quello che si è visto in Cina e Bahrain, sembra aver fatto passi da gigante anche nel recupero e utilizzo dell'energia elettrica, in quanto, non si stanno notando i fenomeno di "clipping" che erano chiaramente visibili sulla SF16H. Questo dimostra  il corretto dimensionamento del gruppo turbocompressore e un ottimo recupero di energia mediante MGU-H che, in questo 2017, è diventato ancora più importante rispetto alle scorse stagioni.

di @spontonc e @SmilexTech 

GRAN PREMIO DI RUSSIA ANTEPRIMA

GRAN PREMIO DI RUSSIA ANTEPRIMA 

Gara 4 di 20

Sochi, 28-30 aprile 2017 




Milano, 24 aprile 2017 – La Formula 1 sbarca in Europa per il Gran Premio di Russia, in programma a Sochi. La superficie del circuito è liscia e si attende un clima primaverile.

Per la seconda volta in questa stagione, Pirelli ha nominato le tre mescole più morbide tra quelle disponibili, con la mescola Ultrasoft che debutta a Sochi. In passato la gara è sempre stata vinta con una strategia a una sola sosta.


 IL CIRCUITO DAL PUNTO DI VISTA DEI PNEUMATICI




  • I livelli di degrado sono tra i più bassi di tutta la stagione e lo stress dei pneumatici è limitato.
  • Le temperature non troppo alte portano a un degrado termico contenuto delle gomme. 
  • Le curve 2 e 13 richiedono frenate violente con il rischio di bloccaggio. 
  • L’ultimo settore è di tipo stop&go, come Abu Dhabi: premia massime doti di trazione e frenata. 
  • La pista non viene utilizzata spesso durante l’anno, quindi sarà molto “sporca” a inizio weekend. 
  • La curva più impegnativa è la 3: un curvone a sinistra con diversi punti di corda, simile alla Curva 8 di Istanbul. 
  • La gomma anteriore destra è la più affaticata.

MARIO ISOLA - RESPONSABILE CAR RACING


“Questa gara arriva dopo i due giorni di test in Bahrain; sarà interessante verificare i dati raccolti durante i test e come si traducono nella performance in pista e nella gestione dei pneumatici. Quello di Sochi è un circuito a bassa severità: si andrà quindi verso una gara ad un solo pit stop, fatto favorito anche dalla maggiore durata dei nuovi pneumatici. Qui per la prima volta verrà utilizzata la mescola Ultrasoft: sarà da valutare il suo comportamento su questa pista alla luce delle nuove monoposto. Il gap tra le mescole nominate è relativamente basso, quindi tutte e tre potrebbero risultare ideali in gara”.
QUALI NOVITÀ?
  • Per il Gran Premio di Russia è stata nominata per la prima volta la mescola Ultrasoft, indicata per i tracciati a bassa severità.
  • Dall’Australia alla Spagna i team hanno identiche allocazioni di pneumatici: 7 set della mescola più morbida tra quelle nominate, 4 di quella media e 2 di quella più dura. Da Monaco si applicano le normali regole: le squadre selezioneranno 10 set tra i 13 disponibili. Pirelli comunicherà le selezioni 10 giorni prima della gara.
 

Powered by Blogger.