FUNOANALISITECNICA F1ANALISITECNICA
FUNOAnalisitecnica fa parte del network di

FERRARI SF70H: arrivano dal "fondo" i segreti della vettura italiana

Dopo avervi parlato dei problemi incontrati dal Team Mercedes nei secondi test pre stagione, che stanno tuttora influenzando le non ottimali prestazioni della W08, quest'oggi vogliamo mettere in evidenza una caratteristica molto interessante della Ferrari SF70H: il suo fondo.

Immagine 1 - Il diffusore della Ferrari SF70H

SCUDERIA FERRARI: nel Gran Premio di Austin 2016 si lavorava già per il 2017 
Bisogna partire da "molto" lontano ossia dal Gran Premio delle Americhe 2016 quando la Ferrari, per la prima volta, è andata ad adoperare un assetto rake molto più spinto di quello fin li utilizzato dal Team italiano, caratteristica tecnica notata fin dal filming day di Fiorano sulla ottima SF70H 2017. A Kimi Raikkonen era stato dato il compito in quel weekend di portare in pista una SF16-H molto diversa dalla vettura che era scesa in pista nei precedenti 17 Gran Premi: meccanica più morbida al posteriore e soprattutto una vettura con un posteriore più alto da terra, quindi maggior angolo di rake, che ha portato la SF16-H del pilota finlandese ad avere dei carichi (e in parte anche le resistenze all'avanzamento) molto simili a quelli del compagno di squadra pur montando un posteriore che sembrava più "scarico". 

BAHRAIN GP: race analysis



Written by @spontonc e @smilextech - Translated by Federico Marchi

The Ferrari SF70H "reborns" on Easter after a disappointing qualifying on Saturday. Disappointing not for the position on the grid, the minimum result that Vettel is expected to achieve, but mainly for the gap from the pole man Valtteri Bottas. Gap that increased due to an improper use of the electric engine MGU-K (resulting in a lose of important time mainly in the earlier meters of the straights), back then on Sunday at its standard levels. 


The setup chosen by the whole team together with his main driver, the four times world champion Sebastian Vettel, turned out to be perfectly spot on during the race with another (the third) optimal management of the 2017 tyres (mainly on Supersofts but also on Softs). It is using the first compound, Low Working Range and thus requiring lower temperatures than the yellow one, that the SF70H partially made the difference with respect to the good, but not excellent, Mercedes W08. 

Since the start, the race went immediately on the right track for Sebastian Vettel. It was fundamental for the German driver to pass at least one of the two Silver Arrows. And so it was thanks to a great move (and to an asleep Hamilton). Since the earliest laps it was clear that Bottas did not have the pace to create a gap on the rivals, primarily Vettel and his SF70H that managed to keep a gap lower than 1 second and were able to put pressure on the W08. But there is a technical explanation to this: because of a failure in the power generator next to the grid slot of Valtteri Bottas, the Finnish driver started the race with significantly higher pressures than those imposed by Pirelli. What was the consequence? An even greater increase in the pressure while the tyres were reaching the correct temperature, resulting in a lose of grip in the rear of the W08. Valtteri Bottas therefore closed off the drivers behind him, favoring in this way also the RedBull’s couple (who showed in the first part of the race a good pace on SuperSofts). The explanation is easily given: the RB13 is a car that struggles to bring tyres quickly to the right temperature (in the proper window of functioning). This allows a better use of the Low Working Range compounds with respect to the High Working Range ones (for instance the Soft tyres). Recalling the Chinese Grand Prix, we see that both RedBulls used only SuperSoft tyres, because of the difficulty, giving the bad weather in Shanghai, in reaching the right temperature with the other types of tyres. This is so, the exact contrary of what happens to the Mercedes W08, that instead tends to overheat the Low Working Range compounds and to use quite well the High ones. Coming back to the start, if we can say that Vettel took advantage from the above explained situation, the same is not true for Kimi Raikkonen that, in the attempt to get ahead of Ricciardo, was overtook by Massa. The initial move of Felipe will cost precious seconds to the SF70H of the Finnish driver in the development of the race, unable to get for the third consecutive time a place on the podium. 


Lap 10 has been decisive: Ferrari’s box decides to try an undercut on Bottas (an aggressive strategy that can lead to some problems as happened in China, or that can help in passing the driver ahead as happened in this case). Mercedes did not react, while RedBull matched Ferrari’s strategy the lap after (upon request of Verstappen). Choice that turned out to be correct, given that Vettel on SuperSofts was substantially quicker than his competitors and that the Bahrain’s circuit is a track that allows to overtake quite easily, mainly if tyres ensure better performance in traction with respect to the driver ahead

But as already happened in China, also in Bahrain the right and aggressive strategy of the Men in Red has been almost “ruined” by the Safety Car deployed during lap 14 because of the crash between Stroll and Sainz. As you can observe in the graph below, the possibility that Bottas came back to the track after his Pit Stop ahead of Vettel has never been questioned but the Safety Car could have definitely messed up Ferrari’s plans because Vettel was forced to drive for more meters than Bottas at a much lower speed. Mercedes took advantage from the deployment of the Safety Car to pit both cars but in that phase of the race two facts partially conditioned the rest of the race: first, Bottas in fact had the possibility to substitute his tyres and come back ahead of Vettel but because of an electric issue occurred to the tyre guns and then due to the time he had to wait to allow the passage of Ricciardo near his pit slot, the Finnish driver lost 4 seconds. Crucial seconds that forced him to enter the track behind Vettel with a gap slightly higher than 2 seconds. Second, Hamilton won the award for the idiocy of the day (the third of the weekend after having missed the pole position for an oversteer near turn 10 and for a DRS problem that costed him almost 2 tenths) receiving from the race direction, a 5 seconds penalty to have slowed down Ricciardo at the Pit Lane entry. At the restart, Vettel made another miracle given that with an amazing move managed to keep Bottas behind him.

The most disadvantaged driver from the deployment of the Safety Car has been for sure Kimi Raikkonen that did his Pit Stop during Lap 13 and did not manage to unleash the potential of his SuperSoft tyres. 


Average of the race stints


1st STINT 
In the first race stint the pace of the four top drivers has been influenced by Bottas, who, because of tyres’ problems, had a slow pace. The increase in the pressure of the tyres caused an excessive slip of the W08 with consequent overheating of the rear tyres. The tendency line of Bottas shows that the times of the Finnish driver suddenly increased unlike those of Vettel and Hamilton. 


Vettel’s pace, instead, although impeded by Bottas, has been quite good. Even if he constantly raced in the wake of Valtteri, his tyres did not struggle. The management of tyres, mostly the Low Working Range ones, seems to be the greater advantage of the Italian team on the German one in this 2017.

2nd STINT 
In this part of the race the leading drivers used different compounds:
  • Vettel and Bottas – new SuperSofts
  • Hamilton and Ricciardo – new Softs
  • Raikkonen – used SuperSofts
The already encountered problems on Bottas’ W08 with the red compound, occurred, even if in a less evident way, also during this 2nd stint proving once again that the Mercedes W08 has not yet fully understood this type of tyres. The driver number 77 has been able to put pressure on Vettel only in the first corners after the restart. Later, Vettel increased quite easily the gap, while Bottas gradually lost performance over time. These issues forced the box to ask Bottas to let his teammate through given that on Soft tyres he was having a very good pace. 

Vettel, in this 2nd stint, was the fastest driver on track. The SF70H on red tyres has been quick and constant with respect to the other drivers who were on the same compound. Looking at the tendency line it is possible to infer that the Softs were definitely the better choice on the distance. We simply see this by looking at the times and tendency line of Hamilton that, on Soft tyres, has been able to have a better pace of Vettel of two tenths (even if the stint of the English driver has been substantially longer). A Mercedes W08 that seemed to have completely understood the problems occurred in Australia, at least for what concerns the High Working Range compounds. 

Soft tyres that, instead, caused problems to Ricciardo and his RB13. It was quite clear since the earliest laps that the Australian driver did not have the correct temperature on his tyres, thing that made him feel like driving on “ice”. 

Not good the pace of Raikkonen that, due to the fact that he was on used tyres and because of a bit of traffic, was on average 1 second slower than his teammate. 


3rd STINT 
In the last part of the race, with the same compound, the fastest driver was Hamilton. He, in fact, has been able to have a better pace than his main competitor (Vettel) of almost 8 tenths. The English driver, by trying to reduce the gap from Ferrari, pushed very hard, while Vettel was simply managing the race. For this reason, as happened in China, it is very difficult to make a comparison between the two performances. The German driver for sure, also by looking at the pace of Raikkonen, could have done better but to be honest he did not need it. 

If we analyze the tendency line of Hamilton and we compare it with that of the 2nd stint we see that the times increased more rapidly. Not so good the pace of Bottas on this compound. Unlike his teammate, he proved to be not so competitive with nearly every type of tyres, demonstrating that he has not yet fully understood the management of these new tyres. 


In the end we can say that Ferrari leaves Bahrain in a very good shape, conscious to have a car that, during the race, is competitive on every track and in every condition. The easiness with which the SF70H and Sebastian Vettel manage the 2017 tyres is clear even if over time, being always behind in Quali can make the difference. If Ferrari can make that little (in Bahrain seemed to be big) step forward on Saturday then also the management of races would turn out to be easier. This because, as already said, always adopting aggressive strategies can over time lead to a series of potential failures (as for instance in China, with the deployment of the Safety Car). For what concerns Mercedes we have to say that the German team, even if they did not bring new updates on track with respect to the first race (only a strengthened bottom), on the race pace got closer to Ferrari that ruled on every aspect in Melbourne. The German team is progressively understanding the 2017 car but it is not yet sufficient, mainly if his first driver, in this case Lewis Hamilton, makes so many errors as in Bahrain. Mercedes know this: they must always have perfect weekends to beat this Ferrari and Sebastian Vettel. 

MERCEDES W08: è la sospensione posteriore che pesa troppo

Lewis Hamilton martedì, Valtteri Bottas ieri: Mercedes davanti a tutti nei test post Bahrain GP ma i 25 punti del Gran Premio se li è presi meritatamente Sebastian Vettel e questo è quello che conta, ridimensionando in parte anche il tre volte campione del mondo Lewis Hamilton, in un weekend sicuramente negativo per il pilota inglese.


Entrambi i piloti Mercedes durante la due giorni di test in Bahrain si sono concentrati sul lavoro di comprensione delle gomme (soprattutto posteriori) utilizzando sia il compound SuperSoft (nel pomeriggio) che quello Soft (nelle mattinate) in mini long run da 8-10 giri.

Riporto le dichiarazioni di Hamilton per mettere in evidenza il più grosso problema della W08, ossia la non totale comprensione delle Pirelli 2017:
"Oggi è stata una giornata difficile per via delle elevate temperature presenti in pista ma fortunatamente siamo riusciti a terminare il lavoro programmato. Avevamo l'obiettivo di migliorare la comprensione delle gomme, soprattutto quelle sul retrotreno della monoposto, questo per migliorare il nostro passo nei long run. In particolare con il compound più morbido portato in Bahrain dalla Pirelli ossia le SuperSoft".
MERCEDES W08: il fondo portato nei test di Barcellona era troppo "fragile" 
Facendo un passo indietro rispetto ai test che si sono svolti tra la giornata di ieri e quella di martedì, c'è da sottolineare come Mercedes abbia perso gli ultimi quattro giorni di test pre stagione per l'errata progettazione di un componente fondamentale della vettura, ossia il fondo piatto. Un componente aggiornato proprio a cavallo tra i due test pre stagione di Barcellona che non ha dato i risultati sperati soprattutto per quanto riguarda l'integrità, inficiando i dati in uscita dai long run.




Un problema che non ha fatto perdere del tempo al Team Mercedes in termini di ore passate in pista ma i danni al fondo piatto nella quinta giornata di test (subito in mattinata con Lewis Hamilton al volante) hanno comportato dei dati in uscita non coerenti. Come più volte sottolineato, i test pre stagione 2017 erano cruciali per tutti i Team, Mercedes inclusa, poiché da un punto tecnico le modifiche al regolamento erano veramente importanti (soprattutto per quanto riguarda gli pneumatici, sempre più fondamentali nella F1 moderna). Era quindi cruciale per tutti i Team riuscire a portare in fabbrica la maggior quantità di dati, da analizzare per poter pianificare un positivo avvio della stagione. I problemi incontrati da Mercedes a Barcellona hanno sicuramente inficiato le prestazioni della W08 in questo inizio di mondiale senza contare che anche in Australia il Team tedesco è arrivato in pista con la stessa versione di fondo introdotta a Barcellona, la quale ha creato nuovamente problemi che hanno comportato la sostituzione dei due fondi dopo le Prove Libere 2. Per riuscire a terminare il Gran Premio gli ingegneri del Team tedesco hanno dovuto optare per degli assetti di compromesso che hanno mandato in crisi notevolmente entrambe le W08 nella gestione degli pneumatici rispetto ad una Ferrari che con Sebastian Vettel è risultata praticamente perfetta. Nel Gran Premio della Cina, come riportato su queste pagine pochi giorni prima del secondo weekend stagionale, è stato introdotto un fondo modificato, sia nel disegno che nella rigidità, per mettere fine ai problemi incontrati tra Barcellona e l'Australia. Un fondo che ha dato buoni risultati ma che non ha risolto totalmente i problemi di gestione soprattutto degli pneumatici più morbidi e Low Working Range quando la pista risulta avere una temperatura superiore ai 30-35°C. Difficile pensare che solamente un fondo potesse aver effetti miracolosi visto che comunque circa quattro giorni di test pre stagione Mercedes li aveva comunque buttati. Una conoscenza delle Pirelli 2017 da "recuperare" quindi nei weekend di gara, un po la situazione 2016 della Ferrari (in quel caso i problemi erano maggiori), mentre gli altri Team comunque cercano anch'essi di progredire.

MERCEDES W08: sovrappeso ma non per colpa del passo lungo 
Nelle ultime settimane si è parlato molto di una vettura tedesca nata sovrappeso di circa 5 kg (un peso che si fisserebbe quindi attorno ai 733 kg) per via del tanto chiacchierato (per colpa nostra) passo lungo scelto dal Team Mercedes.


Quanto è importante riuscire a progettare una vettura che abbia un peso inferiore ai 728 kg imposti dal Regolamento Tecnico? Molto, per poter disporre di una certa quantità di zavorra (al massimo 7 kg) necessaria a bilanciare la vettura nel migliore dei modi. Cosa che attualmente Mercedes non può ancora fare ma non per colpa, come si è detto, del passo lungo ma principalmente per una sospensione posteriore sovradimensionata dagli ingegneri del Team tedesco. Force India , pur avendo un passo molto lungo e non troppo lontano da quello Mercedes, può zavorrare la propria VJM10 di circa 3 kg per farvi un esempio. Tecnici Mercedes che si sono fin troppo cautelati per quanto riguarda le forze G che le varie vetture dovevano e devono attualmente sopportare in questa nuova stagione di F1. Un errore grave? Guardando i risultati dei primi tre Gran Premi a quanto pare si poiché i kg totali di sovrappeso sono costati fino a 3 decimi al giro (dipende dal tracciato). Ma la Mercedes proseguirà con la sua idea di passo lungo apportando dal Gran Premio di Barcellona in poi dei correttivi non solo all'aerodinamica ma anche alla meccanica, in primis proprio per togliere peso e recuperare quegli importanti 2-3 decimi che attualmente la W08 non è riuscita ancora ad esprimere e che, vista la lotta serrata con una SF70H sorprendente, potevano fare la differenza in queste prime tre gare stagionali.

MERCEDES W08: per simulare una sospensione posteriore "snellita" via gli scarichi in uscita dalla wastegate nei test in Bahrain
In Mercedes possono considerarsi "fortunati" visto che in questa stagione 2017 i primi test sono stati fissati già per il post Gran Premio del Bahrain, terzo appuntamento stagionale, e non solo dopo il quinto (Gran Premio di Spagna). Nei test in season, cosi come in quelli pre stagione, ricordo che si possono testare nuove componenti e soprattutto si possono testare anche soluzioni irregolari.


Dico ciò perché Mercedes, per simulare un posteriore meno "pesante" in termini di chilogrammi, ha deciso di togliere i due scarichi  provenienti dalla valvola wastegate, componente che ha la funzione di controllare le condizioni di esercizio della turbina. Aspettando infatti una nuova specifica di sospensione posteriore (snellita ma anche modificata) che debutterà nei prossimi Gran Premi, il Team Mercedes se l'è cavata in altro modo, riuscendo cosi a raccogliere dati piuttosto importanti che serviranno al Team per riuscire a portare in pista una W08 più competitiva di quella vista finora nei prossimi Gran Premi. 

TEST BAHRAIN: positivo il primo test Pirelli di sviluppo delle gomme 2018


Sakhir, 19 aprile 2017 - Si è conclusa oggi la prima sessione di test in-season 2017, sul circuito del Bahrain che pochi giorni fa ha ospitato il Gran Premio.

Nei due giorni di prove sono stati percorsi 1761 giri, per un totale di 9536 km.

I test sono stati anche l’occasione per Pirelli di iniziare il programma di sviluppo per le coperture 2018, come definito dal Regolamento Sportivo.

La P lunga ha avuto a disposizione per un giorno, martedì, la Ferrari guidata da Sebastian Vettel per poter collaudare nuove soluzioni per la prossima stagione.

Il prossimo test gomme si terrà il 16 e il 17 maggio a Barcellona, quando a testare le specifiche Pirelli per il 2018 saranno Renault e Toro Rosso.

Mario Isola, Responsabile Car Racing:
“Siamo soddisfatti dei risultati di questo test. Ieri abbiamo completato con Ferrari il programma che avevamo stabilito, nonostante lo stop di qualche ora causato da problemi meccanici alla vettura. I team e i responsabili del circuito hanno mostrato la massima disponibilità, accogliendo la nostra richiesta di estendere di 3 ore il programma di lavoro. Siamo così riusciti a portare a termine il nostro piano di test. Sebastian Vettel ha completato 130 giri, testando diverse soluzioni per la prossima stagione. Questa pista è particolarmente adatta a svolgere questo tipo di test, soprattutto per le condizioni meteo molto stabili e per la tipologia di layout che esalta i fenomeni di surriscaldamento. Abbiamo effettuato screening su diversi livelli di mescola, raccogliendo molti dati utili che analizzeremo a Milano e che forniranno la base di sviluppo dei test di Barcellona del 16 e 17 maggio”.

GP BAHRAIN: la Haas ha testato una nuova ala anteriore

Il Team Haas si è presentato in Bahrain con una versione di ala anteriore rivista rispetto a quella utilizzata nelle prime due gare stagionali

Come potete osservare dall'immagine in basso, i flap supplementari, sono diventati 3, con due lunghe soffiature mentre, in precedenza, erano 2. Questa versione di ala è stata provata durante le prove libere e non è stata utilizzata per le qualifiche e la gara. Con molta probabilità, se i riscontri sono stati positivi, la vedremo in pista già nel prossimo appuntamento che si disputerà sul tracciato di Sochi. 


Perchè i team cercano di ridurre la corda dei profili dell'ala anteriore e inseriscono sempre più frequentemente le "soffiature"?

Un flusso d'aria quando lambisce una superficie tende, di solito, a “seguire” la superficie che incontra e quando quest'ultima è curva, il flusso d'aria viene incurvato anche lui. 
Se la curvatura del profilo in questione è eccessiva, il flusso d'aria, disattende questo fenomeno. In questo caso parliamo di separazione dello strato limite e, tale fenomeno, impedisce l'uso di profili con una curvatura eccessiva in quanto, lo strato limite,  si stacca dalla superficie che si cerca di fargli seguire.Proprio per evitare questo fenomeno, vengono inserire, sui profili alari, le “soffiature” che non sono altro che delle fessure che hanno lo scopo di mettere in contatto le zone di sovra-pressione del ventre con il dorso. L'effetto di “spinta”, generato dal passaggio di una certa quantità di fluido da una zona di alta pressione del ventre dei profili ad una zona di bassa pressione sul dorso del profilo, consente di aumentare la velocità dello strato di fluido attaccato alla superficie nella parte ventrale e allontana quindi il pericolo della separazione dello strato limite dal corpo.

Queste soffiature vanno poste in una posizione opportuna, cioè dove il flusso d'aria risulta più “stanco” e prossimo alla separazione. La "spinta" che riceve , grazie alla soffiatura ha un duplice beneficio: consente al flusso  di essere riaccelerato e di rimanere "attaccato" correttamente alla superficie.

GP BAHRAIN: analisis de la carrera


Articolo di @spontonc e di @smilextech - Traduzione di Alessandra Migale (@Aycienta_44)

La Ferrari SF70H “resucita” en el dia de Pascua después un sabato de calificaciones bastante deceptionante. Deceptionante no solo para la posición de parrilla, de todas maneras el minimo sindacal para el binomio Vettel - SF70H, sino para la despegadura acusado con respecto al poleman Valtteri Bottas. Despegadura dado por un utilizo no tan empujado del motor electrico MGU-K (haciendo perder tiempo a la SF70H sobretodo en las primeras fases de los rectilineos), vuelto pues a funcionar a nivelos “standard” durante la competición dominical.


Una alineación que fue elegida por los hombres en rojo juntos a su piloto de punta, cuatro veces campeón del mundo, Sebastian Vettel, que se ha revelado acertado para la carrera con una otra, ya la tercera, excelente gestión de las Pirelli 2017 sea Soft que sobretodo SuperSoft. Es proprio en ese compound, Low Working Range y por eso funcionante con temperaturas más bajas respecto a la mezcla Soft, que la SF70H ha hecho en parte la diferencia respecto a la buena, pero no perfecta, Mercedes W08.

Empezando de la salida, la carrera se ha puesto pronto en la via correcta para Vettel. Era fundamental para el piloto aleman lograr a pasar al menos una Mercedes en fase de salida y así fue gracias a una grande maniobra (y a un Hamilton muy durmiente). Desde las primisimas vueltas se entendií que Bottas no tuve el ritmo para apartar los rivales, Vettel por primero y su SF70H que quedandose siempre bajo al segundo de ventaja conseguieron poner mucha presión a la W08. Pero hay una exolicación tecnica; por causa de una rotura del generador de corriente presente en la plancha al lado de la W08 de Valtteri Bottas, el piloto finlandes salió con presiones por encima de las minimas impuesto por Pirelli. ¿ Cual es la consecuencia? Una ulterior elevación de la presion mientras los neumaticos iban a temperatura, haciendo perder ulterior grip al posterior de lla W08. Un Valtteri Bottas que pues hice de “tapón” , por decirlas en terminos italianos, favoreciendo aun la pareja Redbull que, en la primera parte de carrera sobre compound SuperSoft, ha todavia dado dimostracion de tener un buen paso. La explicación es la siguiente; la RB13 es un coche que hace fatiga a llevar rapidamente los neumaticos en temperatura ( a la correcta ventana de funcionamento) logrando así a explotar mejor los compound Low Working Range respecto a los High Working Rangr (la Soft) . Si os acuerdais el gran premio de China, en ambos las RedBull hubieran sido utilizados por la carrera solo compound SuperSoft en cuanto con las bajas temperaturas de la pista de Shanghai la Soft no haría nunca ido en temperatura para Verstappen y Ricciardo. En suma, el problema contrario que se ha manifestado a la Mercedes W08, que tiende a recalentar los compound Low Working Range y a utilizar bastante bien los High. Volviendo a la salida, si para Vettel la carrera empezó bien, lo mismo no se puefe decir para Raikkonen, que en el intento de superar una de las dos RedBull, se hice sobrepasar por Massa. Un Felipe Massa que hará perder segundos importantes a la SF70H del findandes que resulterán determinantes en hacer perder aún en ese tercera ronda estacional el podio al piloto finlandes.


La vuelta 10 fue crucial: la pared Ferrari decide de intentar correctamente el undercut a Bottas (una estrategia agresiva que puede llevar a problemas como en China, pero es una estrategia correcta porque Bottas aunque con problemas Vettel no consigue adelantarlo) volviendo a llamar a los box para el pit stop Sebastian Vettel. Mercedes no contesta, RedBull copia sobre consejo de Max Verstappen la vuelta siguiente. Eleccion correcta la de la pared de Maranello ya que Vettel con las SuperSoft nuevas era más rapido que los respectivos competitors y el Bahrain es una pusta que permite de sobrepasar sobretodo si se han neumaticos que en tracción garantizan prestaciones muy superiores a las de los pilotos por delante.

Pero así como en China, también en Bahrain la correcta y agresiva estrategia de los rojos estaba a punto de ser “arruinada” por la Safety Car, salida a la vuelta 14 por el contacto entre Stroll y Sainz. Como podeis observar del grafico a bajo la posibilidad que Bottas despues su pitstop pudiera regresar delante de Vettel nunca había sido cuestionada pero la Safety Car por cierto pude desordenar las cosas puesto que Vettel fue obligado a percorrer mucho más metros que Bottas a velocidad muy inferior. Mercedes ha explotato la entrada dea Safety Car para cumplir el pistop sea de Bottas que de Hamilton pero en esta fase pasaron dos cosas muy importantes que condicionaron en parte lo que se ha visto en el resto de la carrera: Bottas en realidad tuve la posibilidad de sustituir las gomas y salir delante de Vettel pero a causa de un problema electrico a las pistolas y luego tuve esperar que pasara en pitlane Ricciardo, el piloto finlandes perdió 4 segundos. Segundos fatales en cuanto regresó a la pista con una despegadura poco más superiore a 2 segundos en comparición al lider de la carrera Vettel. Segunda cosa muy importante, Hamilton comitiendo la segunda tonteria del dia (la tercera del fin de semana después no haber hecho registrar la pole por un sobreviraje de potencia en vuelta 10 y a causa de un problema al DRS que le han cuestado 2 decimos) le han dado, por haber relantizado Ricciardo a la entrada de la pit lane, 5 segundos de penalización. A la siguiente vuelta de partencia, otro milagro de Vettel que con una maniobra espectacular logró tenerse detrás las espaldas un Valtteri Bottas que logró calentar los neumaticos en manera mejor que el piloto alemán.

El más penalizado de la entra en pista de la Safety Car fue, sin duda, Raikkonen que había efectuado su proprio pit a la vuelta 13 y no logró a explotar el potencial de su propias gomas SuperSoft. 



1° STINT de carrera
En el primero trazo de carrera de los primeros cuatros pilotos fue influenciado por Bottas, el cual a causa de problemas a los neumaticos, ha rodado con un ritmo bastante lento. El aumento de la presión de la presión de los neumaticos provocó un excesivo deslizamento de la W08 con consiguiente overheating de los neumaticos traseros. La linea de tendencia de Bottas, demostra que los tiempos del pilota finlandés han subido a diferencia de Vettel y Hamilton. 


El paso de Vettel, en cambio, aunque obstaculuzado por Bottas, fue bastante bueno. Rodando sostenidamente en estela al piloto finlandés no ha forzado excesivamente las gomas. La gestión de los neumaticos, sobretodo Low Working Range, respecto a Mercedes, parece de veras el arma secreta de la Scuderia de Maranello en este 2017. 

2° STINT de carrera

En esta fase de carrera los pilotos de cabeza han utilizado compound diferentes:
  • Vettel y Bottas - SuperSoft nuevas
  • Hamilton y Ricciardo - Soft nuevas
  • Raikkonen - SuperSoft utilizados
Los problemas sobre el coche de Bottas con gomas “rojas” se han contejado, aunque en manera menos importante, tambien en este stint nos mostrando como la Mercedes W08 aún no haya entendido claramente esa tipologia de neumaticos. El piloto finlandés consiguió poner presión a Vettel solo en las primeras vueltas después el restart. Luego, Vettel alargó bastante facilmente, mientras Bottas perdió, vuelta después vuelta, prestación. Problemas que han obligado la pared Mercedes pedir a Bottas de quitar pasar su proprio compañero de equipo que con gomas Soft tuve un ritmo mucho mejor que el suyo. 

Vettel, een ese segundo stint, fue el piloto más veloz en la pista. La SF70H con gomas rojas fue veloz y costante respecto a los otros pilotos que estuvieron utilizando lla misma mezcla De la linea de tendencia se puede notar facilmente el hecho que el compound Soft tuve seguramente un comportamiento mejor sobre la distancia. Para entender esto basta observar los tiempos y la linea de tendencia de Hamilton que, con neumaticos Sof, consiguió rodar con un ritmo superior a Vettel de solo 2 decimos realizado uno stint muy largo. Una mercedes W08 que parece haber entendido bien los problemas tenidos en Australia por lo menos lo que concierne los compound High Working Range como la soft.

Goma soft que, en cambio, puse en crisi la RedBull de Ricciardo. Fue bastante evidente como el piloto australiano en las primeras vueltas no tuve la temperatura sobre los neumaticos haciendolo pilotar “sobre el hielo”

No tan bien el paso de Raikkonen que a causa de gomas utilizadas y trafico no consiguió tener un buen ritmo, rodando mediamente 1 segundo más lento que su compañero de equipo. 


3° STINT de carrera
En esta ultima parte de carrera, a paridad de mezcla, el piloto más rapido fue Hamilton que consiguió rodar con un paso mejor que Vettel de 8 decimos. El piloto ingles, ocupado a restablecer el gap con respecto de Ferrari, empujó al maximo mientras, Vettel, estuve solo administrando su carrera. Pues, así como en China, es muy dificil hacer comparaciones entre los dos pasos. Por cierto el piloto alemán, analizando también el ritmo tenido por Raikkonen, pude hacer mejor pero no tenía la necesidad de hacerlo.

Hamilton empujó muchisimo en este stint. Si analizais la lineas de tendencia y la confrontaís con la del segundo stint podeís notar como lis tiempos hayan subido mucho más rapidamente . No tan bueno el paso de Bottas también con ese compound. A diferencia del compañero de equipo demostró no ser competitivo con ninguna mezcla demostrando no haber aún aprendido totalmente la gestión de los nuevos neumaticos Pirelli 2017. 


Terminando la analisis de ese tercera cita estacional, la Ferrari sale de estas primeras tres carreras con el moral bastante alto supiendo tener un coche que sobre el paso carrera se la pueden jugar en todas las condiciones/pistas. La facilidad con la que la SF70H y Sebastian Vettel logran gestir las Pirelli 2017 està clara aunque a lo largo el tener que perseguir siempre en las calificaciones podría hacer la diferencia. Si la Ferrari aprendería a hacer aquel pequeño (en Bahrain parecía grande) salto de calidad en calificaciones pues aún la gestión de las varias carreras sería más facil. Centrar siempre en estrategias agresivas es sí correcto pero a lo largo podría llevar también a algunas porcentuales elevadas de fracaso (ves en China y Bahrain con las dos SafetyCar entradas en pista en el momento peor para Ferrari). Por lo que concierne Mercedes hay por cierto que decir que el team alemán aunque no llevando a la pista novedad respecto a la carrera inicial de la Australia ( solo un fondo reforzado) sobre el paso carrera se ha acercato a una SF70H que dominó totalmente a Melbourne. El team alemán està entendiendo poco a poco más todo sus paquete 2017 pero no es aun suficiente, sobretodo si su proprio piloto de punta, en eae caso Lewis Hamilton, comite muchos errores como fue en Bahrain. Mercedes lo sabe: no puede permitirse algunos fin de semanas no perfectos para derrotar esta Ferrari y este Sebastian Vettel.



GP BAHRAIN: la cronaca della gara di Alessandro Rana

16 aprile 2017. Manama, Bahrain. Terzo appuntamento con il mondiale di Formula 1.

La Ferrari conferma a tutti che la vittoria in Australia non è stata solo un caso dominando la gara con Vettel che precede le Mercedes di Hamilton e Bottas. Quindi Raikkonen e Ricciardo. Ma cerchiamo di analizzare, squadra per squadra, quanto successo oggi:


Al via lo stacco è buono per tutti, ma Hamilton si fa sorprendere in curva 1 da un ottimo Vettel che si infila così a sandwich tra le due frecce d’argento. Parte male invece Raikkonen, che scivola fino alla settima posizione, superato da Verstappen e Massa. 

E’ abbastanza evidente fin da subito che il ritmo di Vettel è migliore di quello di Bottas che lo precede, così il tedesco tenta una strategia più aggressiva. Si ferma ai box e monta nuovamente gomma rossa. Rientra nel traffico, ma ecco che succede l’imprevisto. Sainz, uscendo dalla pit lane, colpisce Stroll causando il ritiro di entrambi e l’ingresso della Safety Car. Questo stravolge la gara, portando al comando della corsa Vettel e scatenando l’episodio che porterà ai 5 secondi di penalità per Hamilton. I due Mercedes rientrano insieme, Hamilton va molto lento, troppo. Ostacola Ricciardo e i commissari lo sanzionano. 


Nello stesso tempo anche Verstappen è costretto al ritiro. Un problema tecnico ai freni lo manda a sbattere contro le barriere. 

Raikkonen discreto oggi: parte male, ma prima supera Massa in pista; poi lo fermano, ma un piccolo problema ai box lo rimette in pista alle spalle del brasiliano. Lo supera di nuovo e supera pure Ricciardo, in difficoltà con la gomma gialla, ma poi aspettano troppo per la seconda sosta. Alla fine è quarto, ma pochi secondi dietro Bottas, nonostante tutto…

Quindi, la Ferrari dimostra (ai pochi che ancora non l’avevano capito) che quest’anno la macchina è nata bene e va forte, ma tanto tanto soprattutto con Vettel. Azzardano le strategie, ma proprio perché la macchina è buona ci azzeccano. E anche Raikkonen, come abbiamo detto, quello della Cina non era nemmeno la brutta copia di quello di oggi. 


Per quanto riguarda Mercedes, anche loro vanno forte, non c’è dubbio. Bottas però dimostra che il suo contratto di un solo anno equivale al 100% al contratto da gregario e basta. Hamilton probabilmente sarebbe stato secondo comunque anche senza penalità, però molto probabilmente avremmo visto il “ruota a ruota”. I tedeschi sembrano aver già recuperato qualcosina rispetto all'Australia, ma i loro problemi di degrado gomma, specie quelle morbide, si sono sentiti ancora parecchio. 

E anche in casa Red Bull i problemi non mancano: discreti fino a che montavano gomma rossa e poi? Verstappen fuori con problemi tecnici e Ricciardo che al primo giro di gomma soft si fa infilare da Massa e Raikkonen, girando su un tempo di 1:39… Vero, dicono di puntare molto dal Canada loro, ma ci sono ancora parecchie gare di mezzo…


Passiamo agli altri team: Williams, rispetto alla Cina, è tornata al suo posto, con Massa che chiude in 6^ posizione una gara più che discreta e con Stroll che, stava facendo una buona gara, ma chiude ancora con uno zero, non per colpa sua. 

Haas sembra esattamente la copia dell’Australia con Grosjean in zona punti e che stavolta riesce a chiudere 8° (a differenza della prima gara dove si era ritirato) e Magnussen perso in fondo allo schieramento, costretto al ritiro per problemi tecnici. 

Decisamente bene anche Force India, che rispetto alla qualifica, si comporta decisamente bene in gara portando Perez fino alla settima posizione e con Ocon che chiude in 10^ per la terza volta consecutiva su tre gare disputate.

Renault decisamente meglio della settimana scorsa con Hulkneberg che chiude nei punti; Palmer, invece, conduce una delle sue classiche gare nelle posizioni di fondo classifica. 

In casa Sauber molto buono il rientro di Wehrlein che tranquillo tranquillo chiude la gara 11°. Ericsson ritirato per problemi tecnici.

E infine Toro Rosso che conduce una gara del tutto opaca con Kvyat 12° e con Sainz che tiene il cervello completamente scollegato causando un incidente che poteva essere ben più serio. Forse il tutto dovuto anche a tutti i problemi tecnici che ha avuto sia al venerdì che al sabato.


McLaren: beh, non so proprio che dire riguardo a questo team. Vandoorne montava la PU numero 3 e non è nemmeno partito; Alonso costretto al ritiro nel finale di gara con una macchina scandalosa. 

Tra due settimane si torna in pista con il debutto della F1 in Europa, a Sochi.  La pista con curve più strette dovrebbe dare un leggero vantaggio a Ferrari, che con il suo passo corto dovrebbe adattarsi meglio…. Wait&see…

di Alessandro Rana (@AleRana95)

TEST BAHRAIN: ecco le novità sull'anteriore della Renault RS17

Non molte ora avevamo analizzato le novità introdotte dal Team Renault sul posteriore della sua buona RS17 (LINK) nel weekend del Bahrain, consci del fatto che nel prossimo appuntamento, in Russia a Sochi, sarebbero arrivate delle novità sull'anteriore. 


Novità che giustamente il team francese ha voluto testare già nella due giorni di prove concesse dalla FIA alle varie scuderie, sempre sul circuito di Sakhir.


La nuova ala anteriore portata in pista nella giornata odierna da Nico Hulkenberg ha novità nella zona dei flap superiori, ora tre in numero rispetto ai due della vecchia specifica e con una conformazione piuttosto diversa soprattutto nella parte interna. Zona da cui si stacca il vortice Y250, vortice piuttosto importante che Renault ha voluto spostare nella posizione (leggermente più alto) e depotenziare come intensità. Novità poi nella bordo di ingresso più esterno del tunnel che ora ha un profilo più curvo (freccia verde) e anche in quello del grosso deviatore di flusso mantenuto dal Team francese. Si può infatti notare come il profilo di ingresso sia molto più rettilineo e non più a S come nella vecchia specifica. 


Oltre alla nuova ala anteriore il Team Renault ha portato nuovamente in pista i mozzi soffiati sull'anteriore della propria RS17, una soluzione utilizzata già da alcune squadre tra cui Ferrari e che, se settata correttamente, può comportare alcuni vantaggi ripulendo la scia turbolenta generata dal rotolamento degli pneumatici anteriori

GP BAHRAIN: l'analisi della gara

La Ferrari SF70H "risorge"nel giorno di Pasqua dopo un sabato di qualifiche piuttosto deludente. Deludente non per la posizione in griglia, comunque il minimo sindacale per il binomio Vettel - SF70H, ma per il gap accusato nei confronti del poleman Valtteri Bottas. Gap dilatato da un utilizzo non cosi spinto del motore elettrico MGU-K (facendo perdere tempo alla SF70H soprattutto nelle prime fasi dei rettilinei), tornato poi a funzionare sui livelli "standard" durante la gara domenicale.


Un assetto quello scelto dagli uomini in rosso insieme al loro pilota di punta, quattro volte campione del mondo, Sebastian Vettel, rivelatosi poi azzeccato per la gara con un'altra, ormai la terza, ottima gestione delle Pirelli 2017 sia Soft che soprattutto SuperSoft. E' proprio su questo compound, Low Working Range e quindi funzionante con temperature più basse rispetto alla mescola Soft, che la SF70H ha in parte fatto la differenza rispetto alla comunque buona, ma non perfetta, Mercedes W08.



Partendo dalla partenza, la gara si è messa subito sul binario giusto per Vettel. Era fondamentale per il pilota tedesco riuscire a passare almeno una Mercedes in fase di partenza e cosi è stato grazie ad una grande manovra (e ad un Hamilton veramente addormentato). Fin dai primissimi giri si è capito che Bottas non aveva il ritmo per staccare gli avversari, in primis Vettel e la sua SF70H che restando sempre sotto al secondo di distacco riuscivano a mettere parecchia pressione alla W08. Ma c'è una spiegazione tecnica: per via della rottura del generatore di corrente presente sulla griglia al fianco della W08 di Valtteri Bottas, il pilota finlandese è partito con pressioni ben al di sopra di quelle minime imposte dalla Pirelli. Quale la conseguenza? Un ulteriore innalzamento della pressione mentre gli pneumatici andavano in temperatura, facendo perdere ulteriore grip al posteriore della W08. Un Valtteri Bottas che quindi faceva da "tappo" per dirla all'italiana favorendo anche il duo RedBull che, nella prima parte di gara su compound SuperSoft, ha comunque dimostrato di aver un ottimo passo. La spiegazione è presto data: la RB13 è una vettura che fa fatica a portare velocemente gli pneumatici in temperatura (nella corretta finestra di funzionamento) riuscendo cosi a sfruttare molto meglio i compound Low Working Range rispetto agli High Working Range (la Soft per intenderci). Se ricordate il Gran Premio di Cina, su entrambe le RedBull erano stati utilizzati in gara solo compound SuperSoft poiché con le basse temperature della pista di Shanghai la Soft non sarebbe mai andata in temperatura per Verstappen e Ricciardo. Insomma, il problema opposto manifestatosi sulla Mercedes W08, che tende invece a surriscaldare i compound Low Working Range ed a utilizzare piuttosto bene invece quelli High. Tornando alla partenza, se per Vettel la gara è iniziata bene, stessa cosa non si può dire per Raikkonen che, nel tentativo di scavalcare una delle due Red Bull, si è fatto infilare da Massa. Un Felipe Massa che farà perdere secondi preziosi alla SF70H del finlandese che risulteranno determinanti nel far perdere anche in questo terzo appuntamento stagionale il podio al pilota finlandese.


Il giro 10 è stato quello decisivo: il muretto Ferrari decide di tentare giustamente l'undercut a Bottas (una strategia aggressiva che può portare a problemi come in Cina, ma è una strategia corretta perché un Bottas pur con problemi Vettel non riusciva a passarlo) richiamando ai box per il pit stop Sebastian Vettel. Mercedes non risponde, RedBull copia su consiglio di Max Verstappen il giro dopo. Scelta corretta quella del muretto di Maranello visto che Vettel con le SuperSoft nuove era molto più veloce dei rispettivi competitors e il Bahrain è una pista che permette di sorpassare soprattutto se si hanno pneumatici che in trazione garantiscono prestazioni nettamente superiori a quelle del pilota davanti. 

Ma cosi come in Cina, anche in Bahrain la giusta e aggressiva strategia dei rossi stava per essere "rovinata" dalla Safety Car uscita al giro 14 per il contatto tra Stroll e Sainz. Come potete osservare dal grafico in basso la possibilità che Bottas dopo il suo Pit Stop potesse rientrare davanti a Vettel non era mai stata messa in discussione ma la Safety Car poteva sicuramente scombussolare le cose poiché Vettel era obbligato a percorrere molti più metri di Bottas ad una velocità molto inferiore. Mercedes ha sfruttato giustamente l'ingresso della Safety Car per effettuare il pit stop sia di Bottas che di Hamilton ma in questa fase sono successe due cose molto importanti che hanno condizionato in parte ciò che si è visto nel resto della gara: Bottas infatti aveva la possibilità di sostituire le proprie gomme ed uscire davanti a Vettel ma a causa in primis di un problema elettrico alle pistole e poi al dover aspettare che fosse passato in pit lane Daniel Ricciardo, il pilota finlandese ha perso ben 4 secondi. Secondi fatali in quanto è rientrato in pista con un distacco di poco superiore ai 2 secondi nei confronti del leader della gara Vettel. Seconda cosa molto importante, Hamilton commettendo la seconda sciocchezza della giornata (la terza del weekend dopo non aver fatto siglare la pole per un sovrasterzo di potenza in curva 10 e per via di un problema al DRS che gli sono costati 2 decimi) si è beccato, per aver rallentato Ricciardo all'ingresso della pit lane, ben 5 secondi di penalità. Alla successiva ripartenza altro miracolo di Vettel che con una manovra spettacolare è riuscito a tenersi alle spalle un Valtteri Bottas che era riuscito a scaldare gli pneumatici in modo migliore rispetto al pilota tedesco.

Il più penalizzato dell'entrata in pista della Safety Car è stato, senza dubbio, Raikkonen che aveva effettuato il proprio Pit al giro 13 e non è riuscito a sfruttare il potenziale delle proprie gomme SuperSoft


Medie singoli stint



1° STINT di gara
Nel primo tratto di gara il passo dei primi quattro piloti è stato influenzato da Bottas, il quale, a causa di problemi agli pneumatici, ha girato con un ritmo piuttosto lento. L'aumento della pressione degli pneumatici ha causato un eccessivo scivolamento della W08 con conseguente overheating degli pneumatici posteriori. La linea di tendenza di Bottas dimostra che i tempi del pilota finlandese sono saliti repentinamente a differenza di Vettel ed Hamilton. 


Il passo di Vettel, invece, pur ostacolato da Bottas, è stato piuttosto buono. Pur girando costantemente in scia al pilota finlandese non ha sforzato eccessivamente le proprie gomme. La gestione degli pneumatici, soprattutto Low Working Range rispetto a Mercedes, sembra veramente l’arma in più della scuderia di Maranello in questo 2017.


2° STINT di gara
In questa fase di gara i piloti di testa hanno utilizzato compound diversi:
  • Vettel e Bottas - SuperSoft nuove
  • Hamilton e Ricciardo - Soft nuove
  • Raikkonen - SuperSoft usate
I problemi sulla vettura di Bottas con le gomme "rosse"  si sono riscontrati, pur in modo meno importante, anche in questo stint mostrandoci come la Mercedes W08 ancora non abbia capito appieno questa tipologia di pneumatici. Il pilota finlandese è riuscito a mettere pressione su Vettel solo nelle prime curve dopo il restart. Successivamente, Vettel ha allungato piuttosto facilmente, mentre Bottas ha perso, giro dopo giro, prestazione. Problemi che hanno costretto il muretto Mercedes a chiedere a Bottas di lasciar passare il proprio compagno di squadra che con gomme Soft stava avendo un ritmo molto migliore del suo. 

Vettel, in questo secondo stint, è stato il pilota più veloce in pista. La SF70H con gomme rosse è stata veloce e costante rispetto agli altri piloti che stavano utilizzando la stessa mescola. Dalla linea di tendenza si evince facilmente il fatto che il compound Soft aveva sicuramente un comportamento migliore sulla distanza. Per capire questo basta osservare i tempi e la linea di tendenza di Hamilton che, con pneumatici Soft, è riuscito a girare con un ritmo superiore a Vettel di soli 2 decimi effettuato uno stint molto lungo. Una Mercedes W08 che sembra aver capito appieno i problemi accusati in Australia almeno per quanto riguarda i compound High Working Range come la Soft.

Gomma soft che, invece, ha messo in crisi la Red Bull di Ricciardo. Era abbastanza evidente come il pilota australiano nei primissimi giri non avesse temperatura sugli pneumatici facendolo guidare "sul ghiaccio". 

Non bene il passo di Raikkonen che a causa delle gomme usate e traffico non è riuscito ad avere un buon ritmo, girando mediamente 1 secondo più lento del compagno di squadra. 


3° STINT di gara
In questa ultima parte di gara, a parità di mescola, il pilota più veloce è stato Hamilton che è riuscito a girare con un passo migliore rispetto a Vettel di ben 8 decimi. Il pilota inglese, impegnato a ricucire il gap nei confronti della Ferrari, ha spinto al massimo mentre, Vettel, stava semplicemente amministrando la gara. Quindi, cosi come in Cina, è molto difficile fare paragoni tra i due passi. Sicuramente, il pilota tedesco, analizzando anche il ritmo tenuto da Raikkonen, poteva fare meglio ma non ne aveva sicuramente la necessità. 

Hamilton ha spinto veramente tanto in questo stint. Se analizzate la linea di tendenza e la confrontate con quella del secondo stint potete notare come i tempi siano saliti molto più rapidamente. Non cosi buono il passo di Bottas anche con questo compound. A differenza del compagno di squadra ha dimostrato di non essere competitivo con nessuna mescola dimostrando di non aver ancora compreso totalmente la gestione dei nuovi pneumatici Pirelli 2017. 


Concludendo l'analisi di questo terzo appuntamento stagionale, la Ferrari esce da queste prime tre gare con il morale piuttosto alto sapendo di avere una vettura che sul passo gara può giocarsela in tutte le condizioni / piste. La facilità con cui la SF70H e Sebastian Vettel riescono a gestire le Pirelli 2017 è chiara anche se alla lunga il dover sempre rincorrere in qualifica potrebbe far la differenza. Se la Ferrari riuscisse a fare quel piccolo (in Bahrain sembrava grande) salto di qualità in qualifica allora anche la gestione delle varie gare risulterebbe molto più semplice. Puntare sempre su strategie aggressiva è si corretto ma alla lunga potrebbe portare anche a delle percentuali elevate di fallimenti (vedi Cina e Bahrain con le due Safety Car entrate in pista nel momento peggiore per Ferrari). Per quanto riguarda Mercedes c'è sicuramente da dire che il Team tedesco, pur non portando in pista novità rispetto alla gara inaugurale dell'Australia (solo un fondo rinforzato), sul passo gara si è avvicinato ad una SF70H che aveva dominato in lungo e in largo a Melbourne. Il team tedesco sta pian piano capendo sempre di più l'intero pacchetto 2017 ma ancora non basta, soprattutto se il proprio pilota di punta, in questo caso Lewis Hamilton, commette molti errori come è stato in Bahrain. Mercedes lo sa: non può permettersi dei weekend non perfetti per battere questa Ferrari e questo Sebastian Vettel.

di @spontonc e @smilextech

GP BAHRAIN: a report card with a hint of wittiness by Froldi



Vettel. Score: Perf/Vettel. Alright, the name he gave his single-seater is a bit ugly or, at least, its nickname (Gina stands for Regina), but after today’s performance we can easily forgive Vettel and Ferrari for that huge slip. Vettel is insanely hungry and he bit one out of two Mercedes as soon as he started and he didn’t do a single mistake during the race. We can give him summa cum laude, also because he’s starting to speak Italian pretty well.



Vettel’s defensive manoeuvre against Bottas. Score: Masterpiece. Bottas came careering along after the safety car, taking advantage of the fact that, when restarting the race, Mercedes’ tires get quickly heated. Bottas tried everything. Vettel drove in such a way so he could neutralise him, his clean and sharp manoeuvres are worth as much as a beautifully done overtake. Chapeau.
Well-deserved victory. Score: Unquestionable. Ok, Hamilton got his five-second penalty (his fault, obviously). If there wasn’t the S-Car, the Ferrari would shove off after Hamilton’s first pit stop and it wouldn’t find the two Mercedes paired up. What are we talking about, then?

Ferrari SF70H. Score: 11. Vettel said “I didn’t make the most of my single-seater”. Two facts: with the supersoft tires, the Ferrari was faster than Mercedes. With the soft tires and after many laps, Vettel was able to better manage the race. Hamilton admitted: “I thought I was able to catch Vettel”. Exactly, he thought he was. I cover myself in sackcloth and ashes. Great job, Ferrari.

Team Ferrari. Score: 10. New winning hazard, even though the Scar risked, again, to frustrate the calculated risk. That’s how we like the Ferrari team: tough and badass. It is better to try and fail than being on the back foot. Fortune favours the bold. Always. Side note: the team is the same as last year. So? If you have a high-performing single-seater, you aren’t blocked by strategies and you can dare more.

Mercedes. Score: 6. It’s still a battleship and still a super power. They know for sure how to respond (but I hope they don’t, since I’m for team Ferrari). However, it’s clear that they’re not used to be under the pressure of a rival team that owns a single-seater as powerful (or slightly more powerful) as theirs.

Raikkonen. Score: 6 ½. Alright, he delighted us with some overtakes. However, just like the fortune favours the bold, bad luck knows exactly who you are and often you deserve it. If Iceman were be able to make a good start, or if he were able to qualify 4th (at least), his race would have been different for sure. The rest is just a consequence to his lazy starting and to his non-thrilling qualification. He often had some mysterious issues during three Grand Prix.

Hamilton. Score: 6. He was outdone like a dummy by Vettel. Then, he was sly because he slowed down and by doing that he slowed down Ricciardo too, taking for himself the time for the tire change. Obviously, he faced a sanction.

Hamilton in love with Vettel. Score: 3. I would like to humbly point out that the three-time winner started to look at Vettel with different eyes, less soft. I guessed it right…

Bottas. Score: Good psychologist. It’s a real blow, when you have to make way for your teammate twice (especially if you’re doing good). It is like a humiliation in worldwide broadcast, since it is a way to tell him "you're the #2”, and they did it twice. Not a good move from Mercedes.

Mad Max. Score: What a pity. I would have enjoyed to see what the young talent would be able to do.

Ricciardo. Score: 6. I believe that today he couldn’t do more than that.

Red Bull. Score: 5. They’re rising the rank, but the single-seater is still far away from the two leading teams. Evil thought: they’re still paying for doing a single-seater with a front suspension part that they used for aerodynamics reasons. They were caught trying to cheat when Ferrari asked for an explanation to the Fia, and they quickly backtracked.

Race direction. Score: 7. I prayed to the gods so that at the end of the race the S-Car wouldn’t appear. I’ve been pleased, once in a while. Last year it would have appeared for sure. It’s clear that now the pilots aren’t blocked by tortuous rules. Good job!

McLaren. Score: Endless tragedy. It seems that before the race Alonso went into a frenzy and told off Honda’s technicians. You can’t blame him.

Marchionne. Score: I was right (on the bad luck). He wasn’t in the box and Ferrari won again. Should I say more? Mr. president, keep watching the Grand Prix from home!


P.S. Would it be insane to see Alonso coming back to Ferrari and replacing Raikkonen in 2018?


Mariano Froldi

Translated by Isabella Lai

GP BAHRAIN GARA - Il pensiero dei lettori (di Mauro Petturiti)

Domenica 16 Aprile 2017, va in scena il terzo atto del mondiale di F1, e che attori che abbiamo visto oggi, con una sceneggiatura che solo 1 mese fa sarebbe stata da film di fantascienza, e invece no: Stiamo assistendo ad un mondiale bellissimo e tiratissimo, con una Ferrari che addirittura in gara riesce ad essere padrona del proprio destino, mandando in confusione gli avversari, neanche fossero dei Pokémon in lotta.



Se tre indizi fanno una prova, allora siamo di fronte ad un recupero nell'ultimo inverno della scuderia di Maranello, insperato, difficile, ma fortemente voluto e cercato da tutto il team, con il nuovo organigramma, la nuova struttura e una nuova macchina da progettare con molte incognite portate dietro.

Oggi abbiamo assistito ad un capolavoro di Sebastian Vettel e della sua Gina, in forma come non mai, partito in terza posizione e autore di una gara da fuoriclasse, con tanto di primato provvisorio in classifica sia piloti che costruttori.

Ma veniamo alla cronaca, per capire come é nata questa vittoria, non per niente scontata, dopo le "deludenti" qualifiche di ieri (Ferrari con assetto pensato più alla gara sacrificando la qualifica?). Partenza che vede scattare subito Bottas in prima posizione, con Hamilton autore di un buono scatto, mantenendo il secondo posto fino alla staccata del primo rettilineo, ma con sua sorpresa, vede arrivare Sulla sua sinistra come un fulmine Vettel, che compie una staccata imperiosa, scavalcando il pilota britannico. Raikkonen invece perde due posizioni al via, sopravanzato da Verstappen e Massa con il gruppo che sfila dietro.

Primi giri e si forma un trenino nelle prime posizioni, con Vettel che sembra quasi voler spingere Bottas, e chiaramente con un passo che sembra sia superiore, fino a che in Ferrari, spiazzando tutti(ma non loro, dato che era una mossa studiata a tavolino), decidono all'11º giro di far rientrare il pilota tedesco per la sosta ai box abbastanza anticipata secondo le previsioni. Mossa azzardata? Forse; con il rischio di trovarsi nel traffico non potendo sfruttare la gomma fresca. Ancor di più se si pensa che nel secondo stint, in Ferrari hanno montato la gomma rossa, obbligando ad un ulteriore sosta più tardi per via di usare il regolamento due mescole diverse.

Ma il tedesco guadagna più di 1,5 secondi al giro ora, e tiene sotto scacco gli strateghi della Mercedes, quando per loro fortuna, entra la Safety Car per l'incidente occorso tra Stroll e Sainz, E qui i due piloti delle frecce d'argento ne approfittano per effettuare i loro pit stop, con un problema però: Hamilton dietro a Bottas, per non perdere troppo tempo, rallenta palesemente all'ingresso della corsia box ostacolando anche Ricciardo, rimediando poi una giusta penalità di cinque secondi da scontare in gara. Soste non eccellenti da parte di Mercedes, e Vettel che mantiene la testa della corsa per pochissimo, vanificando però gli otto secondi guadagnati in precedenza. Safety Car che rimane in pista per far togliere i detriti e le macchine coinvolte nell'incidente, E appena rientra, il pilota tedesco della Ferrari viene subito attaccato in curva 4 da Bottas, con evidente mappatura estrema di motore per tentare di sopravanzarlo, capendo che era il momento chiave della gara: ma SEB compie un capolavoro difendendosi alla grande dagli attacchi del finlandese, e successivamente guadagnando un buon margine.


Nel frattempo Verstappen, appena dopo la sosta, va lungo per un problema ai freni e termina la sua gara a muro. Altro valzer di pit stop, meno che per Hamilton, del quale si pensa che possa andare fino in fondo con una sola fermata, ma così non é: entra ai box e cambia le gomme (soft, contro le rosse che avrebbe voluto montare lui) e rientra dietro il suo compagno con 8 secondi. Comincia una rimonta con gomme fresche che lo porta ad "attaccare" Bottas (in realtà é la squadra poi che avvisa di far passare Hamilton per favorirlo, cosa che la Ferrari non ha fatto in Cina con i suoi piloti) e sembra voler andare a prendere il tedesco della Ferrari, mangiandogli diversi secondi, ma in realtà in completa gestione gara, arrivando al traguardo con circa 6" di vantaggio sul numero 44.

Termina così un Gran Premio bellissimo con Vettel che via radio nel giro di rientro, recita così al suo ingegnere Riccardo Adami:"Buona Pasqua, sono felice, guidare questa macchina é un piacere!", ed é un piacere anche per noi spettatori godere di questo spettacolo, messo in atto da una Ferrari velocissima in gara, soprattutto con gomme supersoft, un muretto box super reattivo, la quale comincia a far veramente paura alle frecce d'argento, non abituate a competere al pari con altri team, e in evidente confusione nella gestione gara, pur essendo sempre temibile, ma non più imbattibile.

Gli altri: Bottas, partito dalla pole, ci si aspettava ovviamente di più, terminando terzo e distaccato da Hamilton, con problemi di pressione gomme che ne hanno azzoppato il passo. Raikkonen, autore questa volta di una buona gara, purtroppo però, con un partenza ad handicap e costretto a recuperare perdendo del tempo, ma autore di due sorpassi degni di un campione del mondo, e sfortunato al momento della safety car non potendo sfruttare il pit appena fatto. Ricciardo, quinto, ma distaccato di 40" da Vettel, sesto Massa, davanti a un ottimo Perez partito dal fondo, poi la Haas di Grosjean, Hulkenberg con la Renault(primi punti per la squadra francese) e Ocon decimo a completare i piloti a punti. 11^ Kvyat, Palmer e ottimo il rientrante Pascal Wehrlein autore di una buona gara con una Sauber solamente al traguardo.

Alonso era in lotta, ma fuori dai punti, con un'altro garone dei suoi, ma con il mezzo che si ritrova, ormai é più "divertente" ascoltare i suoi epici team radio, che vedere dove si trova in gara: una McLaren talmente imbarazzante, che Vandoorne neanche é partito per problemi tecnici, e Fernando a 2 giri dalla fine si é ritirato, stranamente, per problemi alla power unit Honda. Casa giapponese che oltre ad essere lentissima, é già arrivata a montare la terza unità delle 4 disponibili prima delle penalità, con un calvario che sembra non abbia più fine.

Tra due settimane si va in Russia con una convinzione in più: in questo campionato, sviluppi, qualifica, affidabilità, e passo gara, sono dettagli che faranno la differenza tra la vittoria e le posizioni di rincalzo, con la lotta per ora a due tra Mercedes e Ferrari, o meglio, tra Vettel e Hamilton, già non più contentissimo della battaglia in pista da lui invocata, se poi il risultato dovesse essere ancora quello visto oggi.

Mauro Petturiti

GP BAHRAIN: il pagellone semiserio del Froldi



Vettel. Voto: Perf/Vettel. Ok, il nome che ha dato alla sua monoposto è bruttino, perlomeno il diminutivo (Gina sarebbe Regina), però a questo Vettel ed a questa Ferrari perdoniamo volentieri la madornale svista. Vettel ha una fame mostruosa, ha azzannato una delle due Mercedes in partenza e non ha fatto un solo errore durante la gara. La lode gliela diamo anche perché sta cominciando a parlare davvero bene l’italiano.

Manovra difensiva di Vettel su Bottas. Voto: capolavoro. Bottas è arrivato di gran carriera dopo la safety car sfruttando il fatto che a freddo la Mercedes scalda più rapidamente le gomme. Bottas ha tentato il tutto per tutto. Vettel ha guidato in modo tale da neutralizzarlo. Manovre pulite che valgono quanto un sorpasso magistrale. Tanto di cappello.

Vittoria meritata. Voto: non si discute. Ok, Hamilton ha avuto 5 secondi di penalità (colpa sua, indiscutibilmente). Senza la S-Car la Ferrari avrebbe preso il largo dopo il primo pit stop di Hamilton e non si sarebbe trovata appaiati i due alfieri Mercedes. Di grazia, di cosa stiamo parlando?

Ferrari SF70H. Voto: 11. Vettel ha detto “non ho tirato al massimo”. Due dati: con le supersoft la rossa era più veloce e degradava meno della Mercedes. Con le soft, e avendo molti più giri alle spalle, Vettel gestiva tranquillamente la gara. Hamilton lo ha ammesso candidamente: “pensavo di riuscire a prendere Vettel”. Pensava. Appunto. Mi cospargo il capo di cenere di nuovo. Gran lavoro in Ferrari.

Muretto Ferrari: Voto: 10. Nuovo azzardo, vincente, nonostante la Scar abbia rischiato, di nuovo, di vanificare il rischio calcolato. Ci piacciono così i ferraristi: cazzuti e tosti. Meglio tentare e sbagliare che stare sulla difensiva. La fortuna aiuta gli audaci. Sempre. Nota a margine: il muretto è lo stesso dello scorso anno. Dunque? Semplicemente se hai una monoposto così performante sei meno impiccato con le strategie e puoi osare con maggiore sicurezza.

Mercedes. Voto: 6. Si tratta pur sempre di una corazzata e di una potenza. Sapranno certamente reagire (spero di no essendo di stretta osservanza ferrarista). Tuttavia è evidente che non sono abituati alla pressione di una squadra avversaria con una monoposto equivalente o leggermente superiore.

Raikkonen. Voto: 6 1/2. Va bene, ci ha deliziato con alcuni pregevoli sorpassi. Tuttavia, come la fortuna aiuta gli audaci, la sfiga ci vede benissimo e spesso te la cerchi. Se Iceman fosse riuscito a partire bene, o in griglia si fosse qualificato almeno quarto, la sua gara sarebbe stata certamente differente. Il resto è una conseguenza delle sue dormite alla partenza e delle sue non esaltanti qualificazioni. In tre gran premi ha sempre avuto problemi, spesso misteriosi.

Hamilton: voto: 6. Si è fatto infilare come un principiante da Vettel. Poi ha fatto il furbetto rallentando oltre modo su Ricciardo per prendersi il tempo di non perdere troppo tempo nel cambio gomme. Giustamente sanzionato. 

Hamilton in love with Vettel. Voto: 3. Vorrei farvi sommessamente notare che il tricampione ha cominciato a guardare con occhi meno dolci Vettel. Poi non ditemi che non ci avevo preso eh...

Bottas. Voto: buon psicologo. No, più che altro perché è una botta non indifferente al tuo morale (e tra l’altro non hai affatto sfigurato), se in una gara per ben due volte devi far passare il tuo compagno di scuderia. E’ come sbatterti in faccia in mondovisione, per ben due volte nello stesso gran premio che tu sei il numero due. Non eleganti, come minimo, in casa Mercedes.

Mad Max. Voto: peccato. Mi sarebbe piaciuto vedere cosa avrebbe potuto combinare in gara il giovane virgulto. 

Ricciardo. Voto: 6. Credo che oggi di più non potesse fare.

Red Bull. Voto: 5. Si sono avvicinati in qualifica, ma la monoposto è ancora lontana dai primi due team. Pensiero cattivo: stanno ancora pagando l’aver fatto una monoposto con una sospensione anteriore che serviva per fini aerodinamici. Beccati con la furbata dalla famosa lettera Ferrari, hanno dovuto fare marcia indietro in fretta e furia.

Direzione di gara. Voto: 7. Ho pregato qualsiasi divinità affinché, alla fine della gara non entrasse la S-Car. Sono stato accontentato una volta tanto. L’anno scorso sarebbe uscita eccome. Che i piloti siano più liberi e meno imbrigliati in regole cervellotiche è ormai certificato. Bene così.

Mc-Laren. Voto: tragedia infinita. Pare che prima della gara l’Alonso furioso ne abbia dette 4 ai tecnici Honda. Potete dargli torto?

Marchionne. Voto: avevo ragione (sulla sfiga andante). Non Presente ai box, la Ferrari rivince. Devo aggiungere altro? Presidente, continui a seguire i gran premi alla tv!

P.S.: Alonso che torna in Ferrari sostituendo Raikkonen nel 2018 sarebbe follia?

Il Direttore: Mariano Froldi
Powered by Blogger.